(en-it) AJAJEMA

Traducción en inglés y en italiano de la editorial de la nueva revista “Ajajema: Contra el progreso humano desde el sur”.

Traducción en inglés a cargo de “Atassa”.

Traducción en italiano a cargo de “Rapace”.

¡Por la expansión del eco-extremismo en el Sur!

¡Que la semilla salvaje crezca en los espíritus de los guerreros “dormidos”!

________________________

Ajajema: Against Human Progress from the South

Editorial:

Ajajema was an evil spirit of the savage Kawesqar (Alacalufes), one of the many hunter-gather tribes of Patagonia. He had a dreadful and violent reputation. He had the forces of nature at his disposition, such as the wind which overturned boats and the flames that started fires. He was feared because he was thought to be the cause of illness, accidents, and death.  During the day he resided in the swamps and at night he lurked  on the coasts looking for a victim on whom to inflict tragedy.

That was Ajajema for the savages of Tierra del Fuego. This is the horrible pagan god we rescue from deepest forgetfulness. He is the spirit after which we name this new eco-extremist magazine.

In this manner, in the name of all of the Southern primitive spirits, and in savage remembrance of their lives, this new editorial effort emerges from the shadows and comes out into the light. It bears a special name taken from the unique mysticism of the Fuegians: “Ajejema: Against Human Progress from the South.”

With greatest pride we present it as creators of this new project against civilization in the name of all that is hidden, ineffable, and ancient.

This is an eco-extremist, nihilist, and criminal publication compiled from the untamed lands of the South. This magazine comes at a time of ferocious attacks, new publication projects, and the consolidation of the ITS international project. This new editorial project seeks to violently empower the current war against human progress that brave individualists of action wage. This is a propagandistic effort that emerges from the deep affinity formed by valued accomplices.

In its first issue, Ajajema contains pieces concerning the memory of primitive wars that natives waged to defend their land and way of life. There are also pieces that remember initiation rituals of the savages of Tierra del Fuego, as well as their mysticism and paganism. We also mention contemporary armed groups, learning from them and taking away valuable lessons.

These are essays that remember but also ones that exhort and incite violent conflicts against the technological system and all human progress. We are a complex network of individual apologists for “Evil” and the politically incorrect, promoters of chaos and disaster. We cheer on the fight to the death against the civilized mega-machine, also the sharpening of the war against the modern world of cement and steel.

Each of us has felt a call of the wild beating in our hearts when we touch the earth. We feel it in the wind, on the hills when the sun sets, and when the moonlight takes its place. Interested readers, do you also feel it? Have you felt this call? If so, this magazine and these words are directed at you.

From this venue and in this first editorial we send a warm embrace to all of friends who have contributed interesting texts. They should know that reading their words brightens our spirits.

To our good buddies over at Regresión Magazine for their exquisite attention to detail and for being an inspiration. To  “Místico y Maldito”, to “Espíritu Tanu”, to “Malviviente”, to “Mefisto”, to “Orkelesh”, to “Huehuecoyotl”,and many more…

The publication of Ajajema is the manifestation of the sentiments of different aligned homies who live down in the southern lands.

For the ancient ones, Ajajema was the name of disaster and desolation, and it means the same to us. May the cities and their structures shake before the coming of Ajajema. Let them find out that this evil spirit has come back to life and he is stalking the city with a thirst for vengeance.

May civilization and the hyper-civilized flee terrified before the hidden power of Ajajema. May his curses fall against the innovators and those who sustain human progress. Modern man and his progress have seriously harmed the Earth, and they have awakened the evil spirits vomiting curses of death and chaos.

For Ajajema has awakened from his long sleep. He has awakened furious and with his mouth full of curses against civilization. He has awakened and noticed that the swamps where he lived are now covered with a thick layer of cement. He has awakened to see that the coasts where he stalked no longer divide the mountains, now they are covered by large masses of concrete.

Learning that those masses were the new houses of man, he has decided to burn them as he had once burned the huts of the ancients. There are fires without number. He has decided to knock down the new houses of man. For years he has commanded large waves from the ocean, he has destroyed hundreds of houses. His patience is eternal, he has the entire ocean at his command. He’s only waiting for the right moment.

With “Ajajema”. With all of the evil spirits of the sisters” Tanu “and “Xalpen”. With the Selknam Moon-Woman. With the pagan deities “Kawtcho” y “Mwono” of the Alacalufes. With the warlike spirits of the Mapuches transformed into “Pillanes”, with “Nguenechen”. With all that is ancient and ineffable, encouraging the war against civilization and progress.

Ajajema, Summer 2017

_______________________

Table of Contents:

-Editorial: “Grupo Ajajema”.

-Cold (Translation by “Mefisto” from the Italian text “Glaciale”, written by “Orkelesh”)

-The Mapuche War Against Civilization during the arrival of the Westerners. By Místico y Maldito”, “Espíritu Tanu”, and “Malviviente”.

-Pessimist by “Huehuecoyotl”.

-The Paraguayan People’s Army, Can we learn anything from them? By “Andino”.

-I write you. By “Huehuecoyotl”.

– A little look toward the past: The old Fuegians. Taken from “Los Fueguinos” by Martín Gusinde.

-In memory of Angela.

-In memory of Kiepja.

-A domicilio. By “Talibán Sureño”.

__________________________

EDITORIALE DI “AJAJEMA: DAL SUD CONTRO IL PROGRESSO UMANO”

Ajajema, è lo spirito maligno nel quale credevano i selvaggi Kawesqar, Alacalufes, una delle tante tribù di cacciatori-raccoglitori nelle terre della Patagonia. Portatore di una temibile e violenta reputazione, a sua disposizione aveva le forze della natura, come il vento, che rovesciava le imbarcazioni e il fuoco che provocava incendi. Temuto, perché causava malattie, incidenti e la morte. Di giorno abitava nei pantani e le notti, girava fieramente, attorno alle coste per sperimentare e fare cadere la sua disgrazia.

Quello che era Ajajema per i selvaggi della Terra del Fuoco, è per noi, che lo riscattiamo dall’oblio più profondo, la divinità maledetta e pagana, spirito che orgogliosamente citiamo in questa nuova rivista eco-estremista.

In questo modo, in nome di tutti gli spiriti primitivi del sud, nel ricordo selvaggio delle loro vite, questo nuovo “sforzo” editoriale, emerge alla luce e si muove e sviluppa tra le ombre.  Appropriandosi e denominandosi attraverso, la misticità unica dei nativi Fueguinos: “Ajajema: Dal sud contro il progresso umano”.

Con massimo orgoglio, presentiamo e siamo artefici, di questo nuovo progetto contro la civilizzazione, nel nome di tutto l’occulto, l’ignoto e l’antico.

Questa pubblicazione eco-estremista, nichilista e malavitosa, è editata dagli indomabili delle terre del sud. Rivista che arriva in tempi di feroci attacchi, nuovi progetti di diffusione e il consolidarsi del progetto internazionalista delle ITS. Il nuovo progetto editoriale, cui diamo il potere violento nella guerra attuale contro il progresso umano, che valorosi individualisti di azione combattono. Sforzo propagandistico che emerge dalla profonda affinità nata tra valorosi complici.

La rivista Ajajema nel suo primo numero è composta di testi sulle guerre primitive dei nativi che si sono assunti la responsabilità di difendere le loro terre e il proprio modus vivendi. Testi in cui sono ricordati i rituali dei selvaggi della Terra del Fuoco, cosi come la misticità e il paganesimo. Oltre che si parla di gruppi armati attuali, apprendendo da essi, appropriandosi di valorose “lezioni”.

Allo stesso modo di “quelli” che ricordano, ci sono testi che incitano, richiamando al conflitto violento contro il sistema tecnologico e tutto il progresso umano. Siamo una complessa struttura d’individui apologizzatori del “Male” e dell’incorretto, promotori del caos e della disgrazia.  Incoraggiamo il confronto a morte contro la mega- macchina della civilizzazione, e conferendoci la guerra contro il mondo moderno fatto di cemento e acciaio.

Ognuno di noi sente il richiamo del selvaggio, che rimbomba nei nostri cuori quando palpita la terra, lo sentiamo nel vento, nelle colline al “cadere” del sole e nella luce della luna quando occupa il suo posto. Voi lettori interessati sentite questo? Avete sentito questo richiamo? Allora, questa rivista e queste parole sono anche per voi.

Dal nostro scranno e con questa introduzione editoriale mandiamo un caloroso abbraccio a tutti i ragazzi che hanno contribuito con i loro interessanti testi. Sappiano che leggere le loro parole animano lo spirito.

Ai “wachos” affini della Rivista Regresión, per la loro collaborazione con i loro magnifici dettagli, e per essere una fonte d’ispirazione. A “Místico y Maldito”, a “Espíritu Tanu”, a “Malviviente”, a “Mefisto”, a “Orkelesh”, a “Huehuecoyotl”, e altri…

La creazione di Ajajema è la manifestazione dei sentimenti di differenti affini che vivono nelle terre del sud.

Per gli antichi, Ajajema era il nome della disgrazia e della desolazione, che è quello che significa per noi oggi, per i quali facciamo tremare le città e le sue strutture , dopo la visita di Ajajema.  Devono sapere che lo spirito malvagio viene da noi rivissuto ed è in agguato nelle città, con sete di vendetta.

Che la civilizzazione e gli iper-civilizzati fuggano impauriti per il potere occulto di Ajajema, che tutte le sue maledizioni cadano sopra i perfezionatori e i sostenitori del progresso umano. Perché l’uomo moderno e il suo progresso hanno danneggiato pesantemente la Terra, svegliando i spiriti maligni, che vomitano congiure di morte e caos.

Perchè Ajajema si è svegliato dal suo lungo sonno, furiosa e con la bocca piena di maledizioni per la civilizzazione. Svegliandosi notò che i pantani dove abitava, ora erano coperti da una grossa cappa di cemento. Destandosi, vide tra le coste, dove passava, che ora i monti non si vedono, perché sono coperti da una grande mole di “concreto”.

Intuito che quei moli erano le nuove case dell’uomo, si è determinato a bruciarli, come anticamente bruciava le capanne degli antichi. I suoi incendi sono innumerevoli. Nello stesso modo si determina, nell’abbattere le nuove case dell’uomo, dove per anni ha loro mandato gigantesche onde dall’oceano. La sua pazienza è eterna. Ha distrutto migliaia di case, avendo a sua disposizione l’intero oceano, e aspetta solo il momento opportuno.

Con “Ajajema”. Con i malvagi spiriti dei fratelli ” Tanu “ e “Xalpen”. Con la “Donna-Luna” dei Selknam. Con gli dei pagani “Kawtcho” y “Mwono” degli Alacalufes. Con gli spiriti dei guerrieri Mapuche, trasformati in Pillanes”, con “Nguenechen”. Con tutto l’antico e lo sconosciuto che da coraggio per la guerra contro la civilizzazione e il progresso.

Ajajema, verano 2017

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.