(en-it) Third interview with Individualists Tending Towards the Wild (Mexico)

Traducción al inglés y al italiano de la tercera entrevista a ITS-México.

Traducciones tomadas del Animus Delendi y de Algol.

_______________________

1.- Since when does your group exist, in which other countries do you operate?

In 2011, “Individualities tending to the wild” (Its) began operating, carrying attacks in scientific research centers, universities, among others, in municipalities of the State of Mexico, in delegations of Mexico City, in Hidalgo, Morelos, Guanajuato , Veracruz, and Coahuila.
It should be noted here that from that year 2011 until now, we have gone through several stages, for example in 2014 we formed a group called “Reacción Salvaje” (RS) along with a dozen groups that joined us, operating in State of  México, Mexico City and Tlaxcala, leaving aside the name of “Its”. Already by 2015, RS was dissolved so that each group continued its journey without being necessarily united.
In 2016 we reborn as “Individualistas Tendiendo a lo Salvaje” (ITS), until now we have presence in Mexico City, State of Mexico, Coahuila, Chihuahua and Jalisco. One of the goals of the new ITS is the expansion of this tendency at the international level, so by February of that year, ITS groups emerged in Chile and Argentina. In Santiago, Chile, a group of ITS set fire to a bus in broad daylight and with the passengers still inside, although nobody was injured, but the attack was the terroristic signal of the arrival of the Eco-extremism to the south of the continent. In that same month, but in Buenos Aires, capital city of Argentina, an ITS group detonated an explosive device near the Argentinean Nanotechnology Foundation, made several threats to scientists and abandoned a parcel bomb at a bus station. In August 2016, eco-extremism arrived in Brazil, an ITS group detonated an pressure cooker filled with black powder in the parking lot of the Conjunto Nacional commercial center in Brasilia.
We must recognize that in these years of activity, Eco-extremism has had accomplices, blood affinities adhered to the tendency of Nihilist Terrorism, defended and represented by the Egoarch Sects in Italy. Several groups have also emerged in Germany, France, Finland, etc., although they do not call themselves Eco-extremists, they share the visceral discourse against civilization and human progress, enhancing the “flag” of individualism.
As you can see, we are not a new group that comes out of nowhere, we have an history and the federal authorities know about this, but they have never recognized us directly because it does not suit them and of course, the vast majority of the media spreads the official truth , Although this always stinks.

2.- What is your reason to form a group of this type and really what are you looking for?

ITS are a group of anonymous people with international connections united for a criminal purpose, that is, we are a Mafia.
ITS is a group wich aims to cause destruction and chaos within the civilization, we detest and reject every aspect of civilized, artificial and industrialized life that prevails before the Wild Nature.
ITS is the forgotten revenge that our ancestors inherited us, centuries ago the ancients reacted violently to the arrival of the westerners, but also reacted in the same way to the arrival of the Mesoamerican civilizations, the native nomad hunter-gatherers of these lands never surrendered and many preferred to die rather than submit to ways of life alien to their cultures. As ITS we rescued that savage resistance, now we react violently to any hint of civilization as did our older ancestors.
ITS is just an expression of something bigger, ITS is also the rain that floods cities, it is the avalanche that bury entire villages, it is the thunder that hits infrastructure alien to the environment, it is the earthquake that unexpectedly made everything fall apart, it is the attack of the Jaguar on its prey, is the beautiful song of the pheasant, the flight of the condor, the swimming of sea turtles, is the grass that comes out of the cracked pavement of the pestilent cities.
We all have a primitive killer deep inside our being, we let it out and this has arisen and we are not going to stop, because Eco-extremism is just an expression of the Wild, ITS is just a group of individuals with a common end , But in itself, the Wild will always prevail.
We do not want to return back to the caves, we do not want to be primitive homo sapiens anymore, whoever says that is an idiot and has not read anything we have written.
That is ITS, and we do not really expect many people to understand this, actually very few do it.

3.- Why use crime as a mean to solve conflicts, why arrive to the extreme of attacking against people? Is there no other way out?

For us there is no peaceful way out of this, there are no deals with anyone, there are no agreements or negotiations, what we are living is a War between the civilized and the Wild Nature. Is there another way out for the thousands of trees that are cut down by the human hand daily? Was there any other way out for wild marine animals trapped in the nets of legal and illegal fishermen? Was there any other way out for our ancestors who were expelled from their territories and slaughtered centuries ago by the Westerners who came to “conquer” us? Was there another way out for the devastated Earth because of extraction of minerals from large industries? Is there any other way out of all this civilized madness? OF COURSE NOT. The modern human continues to believe in himself as the center of the universe, he continues to feel god and master of everything that surrounds him, even if his existence means for the universe a total insignificance. We, ITS, accept that we are part of the modern human being, but we have realized that we are still part of the Wild Nature, because when we see a polluted river we feel rage, when we see machines piercing the Earth, we are sad. When we see thousands of cars coming and going from the stinking cities we feel hatred, when we see the advance of the urban sprawl burying entire environments we feel repudiation, when we remember that the ancients died fighting against the civilized all we feel is to claim their revenge and continue with their War, and crime is the fist with which we hit. Someone said that in a country full of thieves, being a criminal is a pride, and we take his words.
It is necessary to emphasize that our cause is not noble, it is not about justice in case you believed it at any moment, ITS is a politically incorrect group of criminals, amoral vindicators of the Wild, assassins of the western values and we do not weigh it to say it as we learn of that, Of the Wild, we are indiscriminate like earthquakes and floods, we are bestial like jaguars attacking and discrete like foxes stalking.

4.- Is there any person or group that sponsors them or any group that is with you?

Within what we call Eco-extremist Mafia, there are several groups that, even being true that they are not part of ITS and are not related to us, lead different theoretical propaganda projects, but there is no sponsorship from anyone, several groups publish magazines, write texts with philosophical and anthropological bases (mainly), create blogs, translate articles, are aware, and keep this in a constant flow of activity. For example, our texts are translated into English, Italian, Portuguese, Czech, Polish, German, Turkish, French, Romanian, Greek, Welsh, and even Hebrew, proof that our words and actions have also been extended thanks to all those who sympathize with our tendency, but again, these groups have nothing to do with ITS activities.

5.- Did you considered yourselves as anarchists or what is your philosophy?

We are not anarchists, anarchism comes from recently compared to what we defend. I tell you, in that age of the Enlightenment, many of the liberal ideas began to flourish in Europe, there was one in particular that had a lot of attachment in those old proletarian masses (apart from Marxism), especially for their idealistic demands, Anarchism had its heyday in the nineteenth century. At that time, people dreamed of a better tomorrow, by working today for the coming “revolution”, which never came to fruition, because of the “obstacles” that the states put against the anarchists. And if that “revolution” came, it was transformed into something completely different from the original ideas, in a funny way since almost always the anarchists were so foolish nobles that they left the way free to the communists, who seized their achievements and attributed their efforts, so happened in Ukraine, Russia, Cuba, Spain, even here, in Veracruz during the tenancy movement, but those are other stories.
Returning to the subject, anarchism is one of those ideas born of the progressive demands of “freedom, equality and fraternity”, demands that we completely despise, since “freedom” no longer exists in this age, it is a dead word and practice, Some fools have wanted to cling to their corpse but sooner or later end up stinking the rotten remains of history. “Equality” is a myth, it does not exist, nothing is egalitarian, and if it ever were, the world would be a faithful copy of Orwell’s novel or worse, of Huxley’s. “Fraternity” is a relative matter, but when progressives invoke it they almost always refer to a fraternity or solidarity with one’s neighbor, which is disgusting, how can one be fraternal with someone you do not know? The promiscuous solidarity is what the system agrees to practice in order to move forward, because the less social problems exist, everything goes according to plan. The system needs less crime, less corruption, less discrimination, less disputes between different social groups in order for the civilization to remain, that is why the media spreads both that myth of equality, non-violence, and in opposition this is why we repudiate equality and we are violent, because we are of those humans that we refuse to be a sheep of the rebound, we are the counterpart of this system, our murderous instincts have returned from the most hostile places inhabited by savages.
At the same time, with our attacks we are honoring the War memory of the ancients, we are bringing chaos and destruction to a civilization that has declared us the war not only to us, but to Wild Nature in general. The modern human virus spreads, destroys forests, pollutes rivers, poisons the Earth, stole minerals, nonsensical swarming, invades environments, modifies seeds, has seen the devastation they have caused on Earth and seeks for new planets to inhabit them in the future, the technoindustrial system has become extremist, why not react in the same way to all this garbage? ITS does it, we react in the form of attacks because this is a war, because although we accept that we are modern humans, we have the flame of wild confrontation inside.
ITS is not defined ideologically, we represent a tendency called Eco-extremism, this is anti-political, amoral, suicidal, indiscriminate and selective terrorist, pessimistic, “anti-revolutionary”, enhances ancient anti-Christian pagan beliefs, raises the name of the Wild Nature, makes fun of the non-sense of humanistic values, firmly rejects human progress, and has no problem falling into supposed “contradictions” in speech, for example in the use of the internet to carry out propaganda, Everything is justified, in this War everything is permitted.

6.- In what way do you operate? Do you do some kind of activity to make people aware about caring for the environment, or your actions only thought to spread terror, hurt or kill as the press say?

To be honest, we are not interested in create “conscience” among people, we are not revolutionaries, nor do we care that people “wake up” from their slumbering dream, the mass likes to live among their own crap and well, may you ask, and for what then to get communications, propaganda and answer interviews if you do not seek to raise awareness in others? And the answer is easy, we know that there are individualists like us somewhere in this beautiful Earth, and we know that they are very few, these acts are an echo that comes to them, which perhaps inspires them to carry out attacks like us. We communicate what we do not to gain adherents, or to call attention to pollution (for example), but to egoistically claim that these acts are ours, ITS will not allow others to adjudicate what we have done, or that the authorities award it to the common crime, NO, the acts we do are only ours and we chose an acronym in the Union of Egoists to generate a wound in our victims, we want to terrorize because this does not respond to any political demand, is to follow the impulse Animal-primitive and impose it on the civilized.

7.- In what way do you choose your victims, do you have contact with them previously or is it just random?

It depends, with the biotechnology expert, Ernesto Méndez Salinas of Cuernavaca, we followed him for weeks, until we put a bullet in his head on November 8, 2011, while driving his truck by one of the most famous roads in the city. With the vice-rector of Tec de Monterrey was the same, someone told us that he would travel from Monterrey to Chihuahua for a family affair, and when he was leaving a church, we hunted him and killed him in February of this year, although we must say that because of a fail in the gun used we could not shoot his wife so we decided to just take her handbag so she would not call the police, but otherwise if the gun would have worked, his wife would have had the same fate as her husband. That’s why the Chihuahua authorities said it was a robbery, but they know it’s not.
Concerning the couple we killed on Mount Tlaloc, we only killed them because they crossed our way, originally we went for the lumbermen, which never appeared, just those two “nature lovers” walkers, we do not want to see humans in the enviroments threatened by them, so lumbermen, campers, scouts and others are also on the list. The same happened with the murdered woman in University City, as we said in the interview with Radio Fórmula why we kill it, it is not necessary to repeat it here.
What if we want to be clear is that we do not have a specific way to attack, we can put a bomb in a shopping center in order to wound anyone who is near the device, as we can kill a specialized scientist, we can attack everywhere, finding a great pleasure in the attack, enjoying the moment and generating nervousness, chaos and destabilization.

8.- Why act within the UNAM there is some connection with some other group, for example the one that has taken the auditorium Che Guevara?

The UNAM is the cradle of progress, from there the minds of the future are born, always thinking of improving this garbage, UNAM, Tec de Monterrey, any university public or private, any educational center tends to artificiality, that’s why they deserve parcel-bombs, arson, knives, bullets, terror and death.
About the Che Guevara auditorium, we want to make it very clear that we despise this place as much as we despise progressivism, inside that squat hide a lot of stinking revolutionary hippies, who fill their syphilitic mouths with alcohol, inhale and smoke drugs while saying that they are “free”, while they are pretending that they are not also puppets, these people are the worst garbage. They are those people who are in favor of human progress but in a different way, they do not realize that they are still more deluded but they feel the most radical.
Years ago the university community has “invited” them to get away from UC, those fags students are marching and among all their reasons to expel them from there they say that it is because they give “bad image to the UNAM”, that “when you walk over there smells like marijuana “,  Do you know what we see there? At first we see the eternal struggle between “moderates” against “radicals” since the strike of ’99 (with a lot of differences of course), and in the second we see hypocrisy come true, on the one hand the “squatters” making themselves look like the innocent ones, on the other hand students judging their very reflection as if they were abstemious. In short … We do not have relations with them or with any squat, organization, or anarchist group, Marxist, “porril”*, nationalist, or any kind, since what we defend is against what they believe.

9 .- Inevitably we are in an election year, and almost a year after there is a change in the presidential command, is there any connection of your actions with this?

I repeat, we do not have political ideologies, what we defend goes beyond politics, so to think that what we do has a political background is to repeat the same conspiratorial story from 50 years ago.

10.- Anything else you think is important to highlight in the interview?

Nothing else, just add that we are going to continue with our activities, nothing of this is over, the authorities and certain press can become crazy saying that what we do is false, or that we have not done it, we do not care, we just want to emphasize one thing, the lies always have short legs…

Individualists Tending Towards the Wild (ITS)

* “Porril” is the denomination for some sort of gangs who operate within the Mexican universities.

_________________________

(Messico) Terza intervista alle ITS: le bugie hanno le gambe corte

1.- Da quando esiste il vostro raggruppamento, e in che altri paesi agite?

Nel 2011 le “Individualità tendenti al selvaggio” (Its) cominciarono ad agire, perpetrando attacchi nei centri d’indagine scientifica, le università, e altro, nei municipi dello Stato del Messico, nelle delegazioni della Città del Messico, in Hidalgo, Morelos, Guanajuato, Veracruz, y Coahuila. Qui si deve evidenziare che, dall’anno 2011 fino a ora, abbiamo vissuto varie sfaccettature. Per esempio nel 2014 abbiamo formato un gruppo chiamato “Reazione Selvaggia” (RS) insieme a una decina di gruppi aderenti, agendo nello Stato del Messico, Città del Messico, e Tlaxcala, lasciando da parte il nome delle “Its”. Nel 2015, RS si è dissolto per far sì che ogni gruppo potesse proseguire il proprio cammino senza restare necessariamente uniti. Nel 2016 rinascono gli “Individualisti Tendenti al Selvaggio” (ITS), che per ora hanno presenza nella Città del Messico, Stato del Messico, Coahuila, Chihuahua y Jalisco. Queste nuove ITS hanno come loro obiettivi, l’espansione di questa tendenza a livello internazionale, cosicché nel febbraio di quest’anno, gruppi delle ITS sono sorti in Cile e in Argentina. A Santiago, capitale cilena, un gruppo delle ITS ha incendiato un macchinario del tipo “metrobus” in piena luce del giorno e con passeggeri dentro. Per quest’atto non ci sono state persone ferite, pero l’attacco è stato il segnale terroristico della comparsa dell’eco-estremismo nel sud del continente. Nello stesso mese ma a Buenos Aires, capitale argentina, un gruppo delle ITS ha fatto esplodere un ordigno esplosivo nelle vicinanze della Fondazione Argentina di Nanotecnologia, hanno realizzato allarmi bomba a scienziati e lasciato un pacco bomba in una stazione di autobus. Nell’agosto del 2016, l’eco-estremismo sorge in Brasile, un gruppo delle ITS fa esplodere una pentola a pressione piena di polvere nera nel parcheggio del centro commerciale Conjunto Nacional a Brasilia. Dobbiamo riconoscere che in quest’anno di attività , l’Eco-estremismo ha avuto complici, affini di sangue aderenti alla tendenza del Terrorismo Nichilista, definita e rappresentata dalle Sette Egoarca in Italia. Allo stesso modo sono sorti vari gruppi in Germania, Francia, Finlandia, etc., che sebbene, non siano eco-estremisti, condividono il discorso viscerale contro la civilizzazione e il progresso umano, rialzando la “bandiera” dell’individualismo. Come vedi, non siamo un gruppo nuovo, che nasce dal nulla, abbiamo la nostra storia, e le autorità federali lo sanno, solo che non ci riconoscono in maniera diretta, dato che non gli conviene, e naturalmente la grande maggioranza dei media diffonde la verità ufficiale, sebbene questo ci faccia sempre schifo.

2.- Qual è l’obiettivo che avete per formare un gruppo di questo tipo e realmente, cosa state cercando?

Gli Individualisti Tendenti al Selvaggio, sono un gruppo di persone”anonime” con connessioni internazionali, che si sono unite per un fine delinquenziale, oltreché, siamo un Mafia. ITS è un gruppo che mira alla distruzione e il caos nella civilizzazione, detestiamo e rifiutiamo ogni aspetto della vita civilizzata, artificiale e industrializzata, che si imponga sulla Natura Selvaggia. ITS è la vendetta dimenticata dei nostri antenati che abbiamo ereditato. Secoli fa gli antichi reagirono violentemente all’arrivo degli occidentali, reagendo allo stesso modo dell’arrivo delle civilizzazioni mesoamericane. I nativi cacciatori- raccoglitori nomadi, di questa terra, non si arresero, e molti preferirono morire piuttosto che sottomettersi ai modi di vita, aliena alle loro culture. Nelle ITS riscattiamo la resistenza selvaggia, e ora noi, reagiamo violentemente a qualunque segno della civilizzazione come lo fecero i nostri antenati più antichi. ITS è solo un’espressione di qualcosa di più grande. ITS è la stessa pioggia che inonda città, è la valanga che seppellisce villaggi interi, è il raggio che colpisce l’infrastruttura aliena all’ambiente, è il terremoto che inaspettatamente abbatte tutto, è l’attacco del giaguaro sulla sua preda, è il bel canto del fagiano, il volo del condor, la nuotata delle tartarughe marine, è l’erba che esce dal selciato scarnificato delle pestilenti città. Abbiamo tutti un assassino primitivo molto addentro al nostro essere, noi lo lasciamo emergere, e una volta sorto, non lo fermiamo, perché l’eco-estremismo è solo un’espressione del Selvaggio. ITS è solo un gruppo d’individui con un fine comune, pero in se, il Selvaggio sempre prevarrà. Non vogliamo ritornare alle caverne, o essere primitivi homo sapiens, uno che dice questo è un idiota e non ha letto nulla di quello che abbiamo scritto. Questo sono le ITS, in verità non speriamo che molti capiranno questo, e molto pochi lo faranno.

3.- Perché utilizzare il crimine come mezzo per risolvere i conflitti, perché arrivare all’estremo di attentare contro la vita delle persone? Non ci sono altre uscite?

Per noi non c’è nessuna “uscita” pacifica a questo, non trattiamo con nessuno, non facciamo accordi né negoziazioni, quello che stiamo vivendo è una Guerra tra il civilizzato e la Natura Selvaggia. Per caso c’è una via d’uscita per migliaia di alberi che sono tagliati dalla mano umana quotidianamente? Per caso c’è stata un’altra possibilità per gli animali selvaggi marini intrappolati nelle reti dei pescatori legali e illegali? Ci fu per caso un’altra possibilità per i nostri antichi che furono espulsi dai loro territori e massacrati secoli fa dagli occidentali che ci vennero a “conquistare?” Ci fu per caso un’altra possibilità per la Terra devastata dall’estrazione di minerali da parte di grandi industrie? C’è per caso un’altra possibilità per tutta questa pazzia civilizzata? CHIARO CHE NO. L’umano moderno continua a credersi l’ombelico dell’universo, continua a sentirsi dio e padrone di tutto quello che lo circonda benché la sua esistenza significhi per l’universo una totale insignificanza. Noi, ITS, accettiamo di fare parte dell’essere umano moderno, solo che noi abbiamo capito che siamo ancora parte della Natura Selvaggia, perché quando vediamo un fiume inquinato, sentiamo rabbia, quando vediamo macchine che perforano la Terra ci genera tristezza, quando vediamo migliaia di macchine andare e venire dalle pestilenziali città sentiamo odio, quando vediamo l’avanzamento della macchia urbana che seppellisce interi ambienti sentiamo ripudio, quando ricordiamo che gli antichi morirono combattendo contro i civilizzati l’unica cosa che sentiamo è di reclamare la loro vendetta e continuare con la guerra, ed il crimine è il pugno col quale colpiamo. Come qua qualcuno ha detto, in un paese pieno di ladri, essere un criminale è un orgoglio, e lo prendiamo alla parola. Rimarchiamo che la nostra causa non è nobile, non è di giustizieri se l’avete creduto qualche volta. ITS è un gruppo politicamente scorretto di criminali, vendicatori amorali del Selvaggio, assassini dell’occidentale e non ci pesa dirlo perché apprendiamo da esso, dal Selvaggio, siamo indiscriminati come i terremoti e le inondazioni, siamo bestiali come i giaguari che attaccano e discreti come le volpi che tramano.

4.- Esiste qualche persona o gruppo, che vi difende o alcuni gruppi che stanno con voi?

Nella cosiddetta Mafia Eco-estremista esistono vari gruppi che sebbene è certo, non sono parte delle ITS e non hanno relazione con noi, ma che portano avanti differenti progetti di propaganda teorica, ma non c’è la difesa di nessuno. Vari gruppi sono quelli che pubblicano riviste, scrivono testi con basi filosofiche e antropologiche (principalmente), creano blog, traducono articoli, sono consapevoli, e mantengono tutto questo in un costante flusso di attività. Come dimostrazione, diremo che i nostri comunicati sono tradotti in inglese, italiano, portoghese, ceco, polacco, tedesco, turco, francese, rumeno, greco, gallese, e per fino ebraico. È la prova che le nostre parole e gli atti si sono estesi anche grazie a tutti quelli e quelle che simpatizzano con la nostra tendenza, ma di nuovo, questi gruppi NON hanno niente a che vedere con le attività delle ITS.

5.- Voi come vi considerate, siete anarchici o qual’è la vostra filosofia?

Noi non siamo anarchici, l’anarchismo ha poco a che fare in confronto con quello che noi difendiamo. Voglio dire, che nell’era dell’Illustrazione, molte delle idee liberali cominciarono a fiorire in Europa, ci fu in particolare chi ebbe molto attaccamento alle vecchie masse proletarie, a parte il marxismo, soprattutto per le sue domande idealistiche, fu cosi che l’anarchismo ebbe la sua crescita nel secolo XIX. A quell’epoca, la gente sognava un domani migliore, per lavorare all’oggi la “rivoluzione” ventura, la quale non arrivò mai a realizzarsi completamente, dati gli “intoppi” che erano posti sulla strada anarchica. E se quella “rivoluzione” arrivò, si trasformò in qualcosa di completamente differente alle idee originali. È divertente che di solito gli anarchici siano stati tanto stupidamente nobili da lasciare la strada libera ai comunisti chi si impadronivano dei loro risultati e si attribuivano il loro lavoro, così successe in Ucraina, Russia, Cuba, Spagna, perfino qui, in Veracruz con il movimento inquilinário, ma queste sono altre storie. Ritornando al tema, l’anarchismo è uno di quelle idee nate delle domande progressiste di “libertà, ugualmente e fraternità”, domande che noi disprezziamo completamente, dato che la “libertà” non esiste oramai in questa era, è parola pratica morta, alcuni ignoranti si sono voluti afferrare al suo cadavere ma presto o tardi finiranno nell’odorare i resti marci della storia. “L’uguaglianza” è un mito, non esiste, niente è ugualitario, e se qualche volta, lo è, il mondo sarebbe una copia fedele del romanzo di Orwell o peggio ancora, di quella di Huxley. La “fraternità” è un tema relativo, ma quando i progressisti lo invocano, si riferiscono di solito a una fraternità o solidarietà con il prossimo, il quale è schifoso. Come si può essere fraterni con qualcuno che non conosci? La solidarietà promiscua è quella che conviene al sistema, è che si prosegua praticandola, perché finché esistono meno problemi sociali, tutto va secondo quello pianificato. Il sistema ha bisogno di meno crimine, meno corruzione, meno discriminazione, meno cause tra differenti gruppi sociali affinché la civilizzazione prosegua. Per questo motivo è che attraverso i media si diffonde tanto il mito dell’uguaglianza, della non-violenza, e in contro parte. Per questo motivo che noi ripudiamo l’uguaglianza e siamo violenti, perché siamo quegli umani che si rifiutano di essere pecore dell’incavo, siamo la controparte di questo sistema, i nostri istinti assassini hanno “camminato” nei posti più ostili abitati da selvaggi. Allo stesso modo, con i nostri attacchi stiamo onorando la memoria della Guerra degli antichi, stiamo portando caos e distruzione ad una civilizzazione che non solo ci ha dichiarato la guerra , bensì alla Natura Selvaggia in generale. Il virus dell’umano moderno si estende, distruggono boschi, inquinano fiumi, avvelenano la Terra, rubano minerali; Pullula senza senso, invade ambienti, modifica semi, hanno visto la devastazione che hanno causato alla Terra e cercano nuovi pianeti per abitarli in un futuro. Il sistema tecno-industriale è diventato estremista, perché non reagire alla stesso modo a tutta questa spazzatura? ITS lo fa, reagiamo in forma di attentati perché questa è una Guerra, perché benché accettiamo di esseri umani moderni, abbiamo dentro la fiamma del confronto selvaggio. ITS non si definisce ideologicamente, rappresentiamo una tendenza chiamata eco-estremismo, che è anti-politica, amorale, suicida, indiscriminata e selettivamente terrorista, pessimista, “anti-rivoluzionaria”, innalza le credenze pagane anti-cristiane ancestrali, il nome della Natura Selvaggia, si burla a più non posso dell’insensato dei valori umanisti, respinge fermamente il progresso umano, e non ha problemi nel “cadere” in supposte “contraddizioni” in un discorso, per esempio nell’uso di internet per realizzare propaganda. Tutto è giustificato, in questa Guerra ci avvaliamo di tutto.

6.- In che maniera operate? Realizzate qualche tipo di attività per dare coscienza alla gente, circa l’attenzione dell’ecosistema, o i vostri atti sono unicamente pensati come si dice sulla stampa per terrorizzare, ferire o assassinare?

La verità è che non c’interessa portare “coscienza” tra la gente, non siamo rivoluzionari, né c’interessa che la gente si “risvegli” dal sonno assopito. Alla massa piace vivere tra i suoi stessi escrementi e buono, domanderai tu, perché allora tirare fuori comunicati, propaganda e rispondere a interviste se non cercate di portare coscienza negli altri? La risposta è facile, sappiamo che ci sono individualisti come noi in alcune parti di questa bella Terra, e sappiamo che sono molto pochi, questi atti sono un’eco che arriva a loro, è che magari li ispira per realizzare attentati come noi. Comunichiamo quello che facciamo non per guadagnare adepti, o per richiamare l’attenzione sull’inquinamento (per esempio), bensì per rivendicare egoisticamente atti che sono nostri. ITS non permette che altri si aggiudichino quello che abbiamo fatto, o che le autorità lo attribuiscano alla delinquenza comune, NO, gli atti realizzati sono solo nostri e scegliamo un acronimo dentro un Unione degli Egoisti per generare una ferita nelle nostre vittime. Vogliamo terrorizzare perché questo non risponde a nessuna domanda politica, è per seguire l’impulso animale-primitivo e imporlo su quello civilizzato.

7.- In che modo scegliete le vostre vittime, avete precedentemente contatto con esse o semplicemente a caso?

Dipende, all’esperto in biotecnologia, Ernesto Méndez Salinas di Cuernavaca lo abbiamo seguito per settimane, fino a che gli mettemmo una pallottola nella testa, l’8 di novembre del 2011, mentre guidava con il suo furgone, in una delle vie più conosciute della città.
Con il vicerettore del Tec di Monterrey fu la stessa cosa. Qualcuno ci disse che viaggiava da Monterrey a Chihuahua per una questione familiare, e uscendo da una chiesa gli abbiamo dato la caccia, ammazzandolo nel febbraio di quest’anno. Benché dobbiamo dire che per un difetto nella pistola utilizzata non abbiamo potuto sparare a sua moglie, cosicché abbiamo deciso solo di rubargli la borsetta affinché non chiamasse la polizia, ma se non fosse stato così, sua moglie avrebbe avuto lo stesso destino di suo marito. Per questa ragione le autorità di Chihuahua dissero che si era trattato di un furto. Alla coppia che abbiamo ammazzato sul Monte Tlaloc, li abbiamo ammazzati solo perché si sono trovati durante il nostro tragitto. Originalmente eravamo andati per beccare boscaioli di frodo, i quali non apparvero mai, ma solo i due viandanti “amanti” della natura. Noi non vogliamo vedere umani negli ambienti minacciati da loro stessi, cosicché boscaioli di frodo, campeggiatori, esploratori e altri sono nella stessa lista. La stessa cosa è successa con la donna assassinata nella Città Universitaria, e il motivo per qui l’abbiamo ammazzata, l’abbiamo già detto nell’intervista con Radio Formula. Dirlo qua sarebbe una cosa in più. Quello che vogliamo che rimanga chiaro è che noi non abbiamo una maniera specifica di attaccare. Possiamo ugualmente mettere una bomba in un centro commerciale affinché ferisca tutto quello che è vicino all’ordigno, come possiamo ammazzare uno scienziato specializzato, possiamo attaccare dappertutto, svelandoci nell’attentato a piacere, godendo del momento e generando nervosismo, Caos e destabilizzazione.

8.- Perché agire dentro l’UNAM, c’è qualche connessione con altri gruppi, per esempio quello che ha occupato l’auditorium Che Guevara?

L’UNAM è la culla del progresso, da lì si sviluppano le menti del futuro, nel pensare sempre di migliorare la spazzatura che sta lasciando la specie. L’UNAM, il Tec di Monterrey, qualunque università sia pubblica o privata, qualunque centro educativo tende all’artificialità, è per questo motivo che si meritano pacchi-bomba, incendi, coltelli, pallottole, terrore e morte. Sull’auditorio Che Guevara, vogliamo che rimanga chiaro che disprezziamo questo posto tanto quanto il progressismo. Dentro quest’occupazione si nasconde un mucchio di hippie maleodoranti rivoluzionari. Si riempiono le loro sifilitiche bocche con alcool, sniffano e fumano droghe mentre dicono che sono “liberi”. Mentre si definiscono molto pazzi, evitano di dire che sono anche burattini, questa gente è la peggiore spazzatura. Sono queste persone che sono a favore a del progresso umano ma in maniera differente. Non si rendono ancora conto che sono i più illusi ma si sentono molto radicali. È da anni che la comunità universitaria lì “ha invitati” ad allontanarsi dalla CU. Gli studenti froci fanno marce e tra tutte le ragioni per espellerli dicono che è perché danno una ” brutta immagine all’UNAM” che “quando passano odorano di marijuana”, SI! Sai che vediamo lì? Primariamente vediamo l’eterna lotta tra i “moderati” e “ultra” dallo sciopero del 99 (con abbastanza sfumature chiare), e secondariamente vediamo l’ipocrisia fatta realtà. Da una parte gli “occupanti” che si fanno vedere bianchi come i popcorn, e d’altra parte gli studenti che giudicando loro stessi riflettendosi come se essi fossero astemi. Per concludere…Noi non abbiamo relazione con essi né con nessuna occupazione, organizzazione, né gruppo anarchico, marxista, “porril” , nazionalista, o di qualunque tipo, dato che quello che difendiamo va contro quello che essi credono.

9.- Inevitabilmente siamo in un anno elettorale, ed è quasi un anno che c’è stato un cambiamento nel mandato presidenziale, ci sono alcune connessione dei vostri atti con questo?

Ripeto, non abbiamo ideologie politiche, quello che difendiamo va oltre la politica, è pensare che quello che diciamo ha un contesto politico è ripetere la stessa cantilena cospirazionista di 50 anni fa.

10.- Avete qualcosa d’importante da dire ancora nell’intervista?

Nulla di che, solo dire che continueremo il nostro percorso, nulla di questo è finito, le autorità ed una certa stampa possono fare i matti dicendo che quello che facciamo è falso, o che non l’abbiamo fatto noi, è uguale, bisogna solo ricordare una cosa, le bugie hanno sempre le gambe corte…
Individualisti Tendenti al Selvaggio (ITS)

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Este sitio usa Akismet para reducir el spam. Aprende cómo se procesan los datos de tus comentarios.