(it) Abbiamo tardato: Reazione Selvaggia in risposta a “Distruggi le prigioni”

Traducción al italiano de uno de los textos de Reacción Salvaje (RS) respondiendo a unos humanistas anti-carcelarios en el año 2015.

Texto original en español disponible en el proyecto cuncluido El Tlatol.

Traducción a cargo de Algol.


Coahuila, 26 Febbraio del 2015.

Leggendo un’intervista fatta dall’anarchico venezuelano Rodolfo Montes de Oca alla rivista di diffusione anarchica- anti-carceraria insurrezionalista “Distruggi le Prigioni” (DP), il gruppo Reazione Selvaggia darà alcune risposte, commenti e osservazioni, con questo non volendo cominciare un dibattito lungo e noioso sulle forme nelle quali ognuno sviluppa i propri progetti violenti contro il sistema. È solo una veloce risposta a quello che ci è sembrato importante, e (ritornando) a ricordarlo, poiché è evidente che dopo tanti comunicati e tanti contributi rispetto alla nostra tendenza terroristica contro il sistema tecno-industriale e la civilizzazione, ancora ci sono persone che non la comprendono del tutto o fraintendono le nostre posizioni individuali.

Detto questo, “diamo volo al filo”:

A. Nuova tappa

Dal primo comunicato di Reazione Selvaggia (RS) abbiamo espresso che la configurazione dei vari gruppi in uno solo era una nuova fase. Velocemente, nuovo in che cosa?

D.P. dà per fatto provato che il nuovo modo di agire- cosa che noi non menzioniamo mai- è la nuova tappa nella nostra lotta contro il sistema tecno-industriale, la civilizzazione ed il progresso, accentrandoci ora nell’agire: nella riappropriazione del sabotaggio come forma di attacco, mantenendo il modus operandi terroristico delle Individualità tendenti al selvaggio (Its).

Questa tappa vissuta in RS, è anche accompagnata (come esattamente ha detto DP) dal modo del discorso, volendo lasciare dietro il passato “kaczinskyano”, e sforzandoci fino ad ora di concretizzare una tendenza distinta, che siamo riusciti a potenziare,è che unica nel suo tipo tanto in Messico come nel mondo.

Vale la pena menzionare che questa tappa si divide in sub-fasi: elencando la prima sarebbe quella della propaganda-minaccia, la quale ha funzionato bene dopo aver emesso il primo comunicato (SI, con tutti gli offensivi mitra!), accaparrando l’attenzione della stampa e il governo federale.

La seconda è stata quando siamo tornati a utilizzare il butano, i tubi esplosivi, l’allarme bomba, il fuoco e le masse per generare destabilizzazione. Siamo tornati alle nostre vecchie, caceras e armi veloci per dimostrare pubblicamente la multi – operatività dei gruppuscoli di RS, cosa che ha funzionato.
La terza è questa, dove entriamo in pieno per dimostrare nella teoria le marcate differenziazioni tra “i kaczynskistas” e gli anarchici insurrezionalisti.

Ci sono altre sotto- facce progettate, che non menzioneremo logicamente per non rovinare la sorpresa.
Cosicché lasciatecelo dire signori di DP, le nuove fasi di un gruppo come RS non è stato come speravate, o non è tanto evidente quanto alcune organizzazioni armate nella storia, alla quale ci hanno abituati.

B. Del Selvaggio

Essendo un pò più chiari, RS divide quello che è Selvaggio in tre parti:

  1. Reale: In termini semplici, il Selvaggio è quello che è lontano, resiste e si mantiene inerte rispetto a tutto quello che è artificiale. Non solo sono la flora e la fauna silvestri, lo sono anche gli ambienti naturali, i deserti, boschi, selve, coste, pianure, etc., gli avamposti di questi, come le grotte, le gole, i mari, i fiumi, le cascate, i pendii, etc. Le manifestazioni e processi di auto-bio-organizzazione nella natura. Anche tutto quello che si trova fuori dalla Terra, rappresenta il Selvaggio, pianeti, buchi neri, galassie, stelle, super nove, satelliti, meteoriti, etc. Gli istinti radicati profondamente negli umani, che resistono all’adozione di certe abitudini iper-civilizzate, sono anch’esso il Selvaggio.
  2. Concetto: In termini più teorici, il Selvaggio come concetto è quello che usiamo nei comunicati, dipinti, messaggi intimidatori verso il nemico, etc., sono il comprendere quello che è stato perso, è quello che si rivendica per non cadere nello stesso gioco di lotte di sempre. E benché il Selvaggio come concetto è già utilizzato da molte persone provenienti da marcate ideologie estranee alla nostra tendenza, per i membri di RS è di vitale importanza mantenere questo termine in maniera fondamentalmente in alto.
  3. Animismo pagano: Anche il Selvaggio è nelle credenze dei membri di RS. Consideriamo l’umano credente di natura, perché dagli inizi di questo lungo viaggio dell’uomo e la donna sulla terra, gli antichi avevano l’essenziale bisogno di crearsi divinità provenienti della natura stessa, cosi come i gruppuscoli di RS mantengono una credenza molto marcata e personale respingendo ad ogni costo il cristianesimo, come lo fecero i nostri antenati.

Cosicché quando i gruppuscoli di RS si pongono dalla parte del Selvaggio, ci stiamo riferendo a tutto quello che è implicato nei tre punti, difendendo la Natura Selvaggia come tale, rivendicando il termine e allargando le nostre credenze pagane attorno alla spiritualità guerriera della natura. Logicamente non siamo selvaggi nello stretto attaccamento alla parola. Quando noi auto affermiamo il nostro essere “selvaggio” o “incivilizzato” facciamo riferimento al Selvaggio solo come concetto. Chiunque abbia raziocinio, sa che i selvaggi non si metterebbero a scrivere lunghi comunicati difendendo le loro posizioni rispetto alla guerra contro questo sistema.

DP dice che i nostri attacchi si sono incentrati nelle città, ma abbiamo reso possibili anche gli attacchi all’urbanizzazione nei boschi, facciamo un computo rapido di alcuni dei nostri atti:

  1. Una cellula del “Fronte di Liberazione della Terra”( la quale è già parte di RS) nell’anno 2010, attaccò con successo la costruzione che deviava l’acqua del fiume Bosque de los Dinamos verso l’urbe, nella Delegación Magdalena Contreras del Distretto Federale. Fino a quel momento gli eco anarchici, fecero scritte minacciose sui macchinari e nel materiale utilizzato, distrussero i pozzi in costruzione e ridussero a cenere tre macchine; i danni furono grossi, e in una delle macchine scrissero “Fuori la civilizzazione dagli ambienti selvaggi.”
  2. Nel 2009, il gruppo “Luddisti Contro l’Addomesticamento della Natura Selvaggia”, (oggi parte di RS) incendiò completamente quattro macchine all’interno delle pianure del municipio di Nextlalpan nello Stato del Messico. I macchinari erano utilizzati allora, per la costruzione della super strada che collega vari stati col DF, chiamato Circuito Esterno Mexiquense, un mega progetto che questo gruppo affrontò in varie occasioni: dal 2009 al 2010 si registrarono più di dieci attacchi, in maggioranza incendiari contro il macchinario, proprietà dell’impresa Carso, leader di detto progetto.
  3. In quello stesso anno, un gruppo d’individui che utilizzarono la stessa sigla riportata sopra (che fanno parte di RS) incendiò e lasciò inservibile una torre di telefonia mobile (proprietà di Telmex) nell’oscurità, nelle colline confinanti il municipio di Atizapán nello Stato del Messico.
  4. Nelle calde montagne alla periferia di Aguascalientes, il gruppo “Circolo Informale di Antagonisti Individualisti” (membri di RS) liberò vari cavalli selvaggi da una fattoria industriale, incominciando così una campagna di attacchi contro i siti turistici e insediamenti urbanistici che minacciavano il Cerro del Muerto. Atti che per varie ragioni non furono mai rivendicati, è che brevemente esponiamo qua.
  5. Nel 2010 un’altra cellula del Fronte di Liberazione della Terra (ora anche RS), appiccò il fuoco a vari macchinari e realizzò una serie di attacchi contro vari obiettivi nel municipio di Coacalco nello Stato del Messico, questo per risposta alla costruzione di abitazioni che invasero il Cerro de Guadalupe, l’ultimo dei posti semi selvaggi di quella zona.

Questi sono soli alcuni esempi rapidi del nostro agire nei boschi, le pianure, montagne e colline. È vero che i nostri attacchi sono stati fatti con più frequenza nelle città, questo evidenzia la misura delle nostre possibilità. La lotta contro il sistema tecno industriale e in difesa della natura è tanto nelle città come negli ambienti naturali, non si incentra solo nella seconda come dice DP.

Riconosciamo la resistenza che hanno i Purépechas nel difendere e morire per i boschi di Michoacán, ammiriamo i ribelli Huicholes che si oppongono con tutti i mezzi, allo sviluppo delle miniere in San Luis Potosí, appoggiamo i Chichimecas che negano la cristianizzazione delle loro native credenze in Guanajuato, appoggiamo ai Mixtecos che respingono ad ogni costo le medicine delle città e preferiscono continuarsi a curare con le piante che raccolgono nella catena montuosa di Oaxaca davanti al rischio di essere segnalati come stregoni, rispettiamo la decisione dei Kiliwa di preferire l’estinzione prima che la loro cultura sia assorbita dalla vita occidentale, esaltiamo la resistenza che distingue alcuni Raramuris nell’essere lontani dalla civilizzazione e mantenere una vita semi nomade nei deserti di Chihuahua. Alla fine, di tutto questo, la lotta contro il progresso e in difesa della terra comprende tanto le etnie originarie che resistono a tutto questo, nei loro ambienti, come a quelli civilizzati che abitano nelle città, è che intraprendono azioni di sabotaggio e terrorismo contro lo stesso progresso. Perché la lotta per la natura non è una sola, variano le strategie, i contesti, le situazioni, i rischi.

Ripetiamo, gli attacchi al sistema e la resistenza davanti a tutto questo sono tanto negli ambienti naturali come nelle città, è un complemento, la resistenza è in entrambi i contesti.

Perché RS non attacca allora la diga alla quale si oppone la comunità di Temacapulín in Jalisco (per esempio)? Attaccare una miniera o qualche progetto urbanistico che ha già storicamente una resistenza comunale, sarebbe grave, perché intervenire in un processo di lotta per la terra e spingere la polizia all’assalto contro queste persone, è di per sé già molto “povero”, rispetto alle bastonate delle autorità. E questo non lo diciamo in un tono morale, bensì piuttosto in maniera strategica e prudente. Per questo motivo i gruppuscoli di RS scelgono bene i loro obiettivi, nella misura delle nostre possibilità attacchiamo il progresso tecno industriale negli ambienti naturali e nelle città.

Faremmo alleanze con paesi e comunità se avessimo l’opportunità di difendere la terra? Certo, essendo cauti e non rivendicandoli naturalmente. Lavorare con la gente delle montagne, non ci crea nessun problema, non lo vediamo come una cosa di sinistra, come già detto erroneamente, un’altra volta, da DP. Difendiamo la nostra individualità ma sappiamo vivere in comunità. Con gli anni, della gente che vive sulle colline, abbiamo imparato l’umiltà e la semplicità, è per questo motivo che RS è ora un po’ più rispettoso di quello che erano prima le Its, sempre se qualcuno l’ha notato.

C. Romanticismo alla RS

DP, attraverso il suo parere, considera romantica la nostra posizione rispetto al Selvaggio, non ci stupisce, poiché questo arriva da persone anarchiche che sanno che le loro utopie sono perfino più romantiche di quello che criticano; un atteggiamento preso dai sentimenti civilizzati di questa società con valori occidentali, togliendo, come sempre, rilevanza ed importanza, quando si rivendicano a favore del Selvaggio e la natura, tacciando “l’antico”, di romantico.

Ricordando: Chi furono quelli che categorizzarono di romantiche le credenze e gli stili di vita nella natura dei nostri antenati selvaggi e nomadi? Sì, i maledetti conquistatori, gli idioti francescani! Non fu uno degli ingredienti per umiliare i nativi? Catalogando di pagano quello che suonava di “romantico” con la natura?
Magari è stato un nostro errore dire che siamo “selvaggi” o “incivilizzati” senza prima menzionare che facciamo riferimento ai nostri indomiti istinti e l’eredità guerriera che portiamo nel sangue; qualcosa che non sottrae credibilità ai nostri atti, ma che senza dubbio suppone una critica verso questi termini venendo da persone come noi, civilizzate.

È stato per questo motivo che da un po’ di tempo (nei nostri comunicati) abbiamo detto e ripetuto che siamo esseri umani civilizzati attaccati al passato primitivo. Persone che con un processo civilizzato di apprendistato, hanno intravisto il problema alla radice e che ora per quella coscienza ottenuta dallo studio, la comprensione, le esperienze e le pratiche, dichiarano la guerra al sistema come lo fecero i nostri antenati selvaggi: continuare la loro guerra è fare che la fiamma del conflitto contro la civilizzazione non si estingua. Quando ci vediamo, attorno al fuoco in mezzo ai boschi, armati, è come tornare a vedere i visi degli spiriti guerrieri, da cui abbiamo ereditato certi aspetti fisiologici e intellettuali che ci vincolano fortemente al loro lascito.

D. Antropologia “dominatrice”

DP ha ragione, nel nostro processo di apprendistato abbiamo studiato alcuni teorici antropologi, più altre scienze, questo per dare peso alle nostre posizioni, ma da un po’ di tempo non si legge nessun riferimento bibliografico di qualcuno di questi libri nei nostri comunicati, perché? Perché ci siamo resi conto che possiamo imparare più dagli anziani di certe etnie o vivendo nella natura, che dai libri di studiosi e/o professori universitari che espongono teorizzazioni ripetitive e per niente pratiche.

E se DP considera l’antropologia come una malefica scienza sociale “dominatrice”, perché allora evidenziare che ha preso dei riferimenti storici da alcuni libri di antropologia, per dare una risposta alla domanda di Oca sul panorama del sistema carcerario in Messico? “Gruppi di Maya e Aztechi benché non avessero l’idea della conformazione della prigione, come sistema penitenziario, utilizzavano gabbie come mezzo di detenzione per l’applicazione di una punizione immediata, che nella maggioranza dei casi si trattava di pene corporali come la flagellazione o la mutilazione, oppure come offerta per le cerimonie religiose.”

Per caso l’hanno inventata?

Come no.

E. Un movimento senza volere?

Da quando abbiamo cominciato a diffondere le nostre idee e gli atti, la verità è che non avevamo in mente che un giorno tutto questo, potesse avanzare, arrivando a trasformarsi in riferimento per altri gruppi e individui. È stato una gradita sorpresa sapere che persone dell’altro lato del continente leggono e approfondiscono i nostri testi, sono inspirati dalle nostre azioni, tanto che si è creato tutto un lavoro irregolare di diffusione e traduzione di questo (grazie ai gruppi anarchici o no che simpatizzano con noi), senza che fosse nostra intenzione creare subito una tendenza fortemente più critica, nella resistenza a forma estremista al progresso del sistema tecno industriale e la nocività della civilizzazione. Non sappiamo se questo si trasformerà un giorno in un movimento come tale, ma non ci scommettiamo. Siamo vittime della causalità. Se un giorno si arriverà a consolidare questo, se saremo vivi, vorremmo che questo movimento fosse tanto distruttivo e minacciante che solo menzionandolo, i progressisti tremino di paura.

Fin dal principio abbiamo scelto di rivendicare i nostri atti per la possessione individualista e per il mero fatto che sono atti nostri. Non volevamo che altri se li aggiudicassero, o fossimo visti come uno “scherzo”, o essere relazionati con le gang o il narco; per cui abbiamo fatto pubbliche le nostre critiche e fino ad ora quello che abbiamo visto, è un grosso progredire, ed è qualcosa che ci riempie di orgoglio.

Ritornando al tema, DP scrive che se crediamo in un movimento, stiamo seguendo il gioco del sistema con idee che “portano lo stesso germe di questo”, ma noi non vogliamo creare nessun movimento, né ci preoccupiamo né c’interessa, allora, lasciamo questi problemi a quelli che vogliono crearlo, come i kaczynskistas o gli anarchici, per esempio.

DP scade nel patetico quando scrive (rispetto a patteggiare con il sistema) e domanda, Oh da dove escono i fogli dove s’imprimono le loro parole, i computer dove diffondono le loro azioni, le armi con le quali attaccano gli scienziati o il cibo col quale si nutrono?

Questo è equivalente a quello che noi potremmo chiedere agli anarchici (ad alcuni, no a tutti), con la stessa assurdità cui parla DP; Da dove tirano fuori le birre per ubriacarsi, se si suppone che sono anti-capitalisti? Utilizzano computer di marche statunitensi per guardare i loro blog di “controinformazione”, se si suppone che sono anti-imperialisti? Se sono contro tutte le prigioni, DP consuma prodotti di origine animale? Se si affermano ecologisti, DP separa la sua spazzatura? Sono ecologisti profondi, radicali, progressisti, etc.? Un anarchico di DP può portare la sua tessera di elettore? Per favore! Altre “ragioni” più banali non le potete dare? È evidente che gli editori di DP non hanno compreso la minima parte della nostra tendenza, oppure, non siamo stati abbastanza chiari: la prima è urgente mancanza di analisi, la seconda, è il loro capriccio.

F. Verità Assoluta

È vero, RS ha una verità assoluta ed è la Natura Selvaggia, per lei siamo qui, combattiamo e per lei moriremo.

Non vogliamo rinunciare a essa, anche essendo civilizzati, manteniamo una simbiosi con lei e con tutto il Selvaggio. A molti anarchici (non a tutti) del tipo DP, fa paura essere tanto taglienti e difendere le loro posizioni perché possono essere tacciati d’intolleranza e dogmatismo. Noi abbiamo perso la paura per questo, e abbiamo scelto di difendere con le unghie e i denti, le nostre convinzioni e i comportamenti lontani dai “normaloidi.” È per questo motivo che rivendichiamo la nostra verità assoluta, per questo motivo ci siamo guadagnati abbastanza nemici, perché siamo diretti totalmente e molto sinceri. È tipico, nella società (e nei gruppi di “ribelli”, come alcuni anarchici) abituarsi al buonismo, ad ascoltare solo quello che conviene loro, alla “sana convivenza”, alla bugia e l’ipocrisia. Noi non sopportiamo questi atteggiamenti, preferiamo essere tali e quali come siamo invece di nascondere le nostre vere opinioni e posizioni. Succeda quello che succeda.

G. Il personale

Sembra che DP voglia che parliamo delle nostre vite personali, poiché sempre, (o nella totalità dei nostri comunicati), ci riferiamo solo all’attacco, e lasciamo da parte il modus vivendi. Quello che DP non capisce è che tutte le persone che si oppongono al progresso e la civilizzazione, sanno cosa vogliono, creano stili di vita, abitudini e progetti entro le loro possibilità per rifiutare totalmente l’estraneo, chiaro, sempre rimanendo in contraddizione con alcune delle nostre posizioni ma assumendole con fermezza. Queste persone non restano speranzose che altri gli dicano come bisogna vivere la loro vita, a differenza di alcuni anarchici (non tutti) che sono abituati a basarsi su zine, libri, e blog, affinché prendano come riferimento quegli stili di vita presenti e storici, e comincino a crearsi i propri.

Sarebbe stato meglio che DP ci domandasse direttamente un po’ di più sulle nostre vite personali, ma buono, faremo riferimento su una serie di domande che rilasciamo al volo, per esporre un po’ di quello cui vogliamo parlare: alcune risposte non saranno complete per mera discrezionalità pratica.

“Per un anticivilizzatore”. Per incominciare DP fa le domande ai “anticivilizzatori”, ma ricordiamo che ci sono varie correnti che si oppongono alla civilizzazione, dagli eco fascisti, passando per gli eco anarchici, i primitivisti, gli auto-nativi, etc., RS è considerato da molti un gruppo “anticivilizzazione”, e benché questo termine non ci aggrada, anche così risponderemo alle seguenti domande.

In che misura e in che momenti è bene fare uso della conoscenza e del materiale che hanno lasciato secoli di civilizzazione?

Nella misura e nel momento in cui abbiamo rinforzato e sperimentato le conoscenze nella pratica; da quel preciso momento possiamo prescindere dal materiale preso dai libri e gli studi per cominciare ad auto-inculcarci la nostra identità come individui appartenenti a un certo gruppo sociale determinato. Per esempio, ci raccontano la storia, che molte volte è basata in maniera, amplia e su dati non veridici ma questi dati possono essere smentiti o verificati dai nativi. Durante la Guerra Chichimeca intorno al 1550, nell’unica strada che collegava le miniere di Zacatecas (prima parte della Nuova Galizia) col DF (prima chiamato Nuova Spagna) gli aborigeni in guerra intercettavano i carri che erano difesi da vari fantini ben armati, e i chichimecas tendevano imboscate e ammazzavano tutti gli spagnoli, i loro schiavi, e rubavano la merce, questo dato storico è stato raccolto da un membro di RS in una parte di un libro. Tempo dopo conversando con un abitante nelle strade di Zacatecas, lui disse di avere ascoltato che il trisnonno di suo nonno raccontava che in quella strada indios nudi rubavano le merci dei ricchi spagnoli e li seppellivano sulle colline affinché non potessero trovarli. In questo caso, il dato che prima si era letto su un libro, fu corroborato dal membro analfabeta di una comunità dentro i territori di quello che sono stati conosciuti come la Gran Chichimeca: in queste strade, le persone continuano a trovare argento, punte di freccia di ossidiana come altri oggetti utilizzati in quel conflitto bellico- degno da ricordare, e rivendicare come una delle più grandi e serie guerre contro la civilizzazione occidentale in questi territori.

L’anticivilizzatore si lascerà morire la prima volta che contrae una malattia che l’organismo non può combattere? Potrà fare uso di antibiotici farmaceutici e della medicina occidentale?

I membri di RS non si lascerebbero morire da quella “malattia” cui il loro corpo non resiste, e a dire il vero, crediamo che nessuno lo farebbe nella sua capacità di giudizio. E senza dubbio potremmo mettere da una parte gli antibiotici farmaceutici, perché tutti i membri di RS si curano con i rimedi della terra e respingono totalmente la medicina allopatica. È impossibile vivere senza aspirine, ranitidina, paracetamolo, etc, per quelli che hanno adottato la cultura nociva della medicina moderna,ma nella realtà non sono necessari gli antibiotici con gli additivi chimici, esistono antibiotici naturali molto efficaci come il propoli. Per chi ha conoscenza di erbe curative, non c’è nessun problema nell’alleviare o curare delle malattie delle città con infusioni, cataplasma, vaporizzazioni, estratti, etc.

Se un’anticivilizzatrice prende un tè alla cannella per alleviare una colica mestruale o diminuire un raffreddore, entrerà in contraddizione che sia una pianta nativa dell’India?

Per una domanda tonta si risponde con un’altra domanda tonta: entrerà in contraddizione l’anarchico di DP, utilizzando vestiti confezionati da bambini schiavizzati e sfruttati a Taiwan?

RS non ha nessun problema nell’utilizzare piante che non sono originarie di questi territori, e anche se c’è lo proponessero, potremo vivere solo di piante native, poiché in molti territori naturali c’è una gran varietà di piante medicinali ed alimenti ancestrali autoctoni.

Un anticivilizzatore messicano vedrà coerente prendere latte o mangiare carne di vacca benché questi siano originariamente animali euroasiatici?

RS non ha e vede con questo nessun problema, benché alcuni di noi cerchino di evitare nel bere latte o mangiare frequentemente carne, non perché vogliamo essere “coerenti”, bensì per le malattie che implica mangiare questo tipo di alimenti industrializzati nelle città infette.

Quanto è compatibile l’orto con la selvatichezza anticivilizzatrice?

Per molti di noi è di vitale importanza avere un orto organico da dove potere prendere il cibo in tempi di scarsità o la medicina in tempi di malattia. Non cadiamo in contraddizione, la cosa importante è sviluppare stili di vita che si allontanino più che si può dalla dipendenza artificiale del sistema.

Benché alcuni membri di RS siano più attratti dalla vita di raccoglitori e cacciatori, non disistimano la scelta degli orti.

Si attaccherà la tecnologia e fino a che punto si userà la tecnologia per combattere il sistema tecnologico?
Si usa la tecnologia solo per diffondere l’attacco al sistema, sappiamo che siamo legati alle condizioni imposte e l’unica cosa che possiamo fare davanti a questo è affrontare le nostre contraddizioni. Gli aspetti non necessari della tecnologia sono gettati in mare. L’uso minimo della tecnologia è quello stabilito dai membri di RS.

Come si educa un figlio in maniera anticivilizzatrice?

Non c’è un modello da seguire nell’educazione dei figli tipo- “anticivilizzatori”, perché ognuno degli oppositori al sistema saprà creare i metodi d’insegnamento, pertinenti perché i suoi piccoli possano crescere felici e consapevoli.

Come abbiamo detto sopra, non c’è in anticipo, un modello di vita imposta, ogni critico della civilizzazione, (che sia di RS o no) saprà portare alla pratica e nella sua vita giornaliera le proprie parole, molte volte cadendo in contraddizioni ma molte altre volte sentendosi soddisfatti per le piccole vittorie che ci dà la semplicità e la natura. Con questo non si tenta di mantenere la “purezza” come dice DP, bensì di sviluppare unicità.

H. Ritornando ai termini

Nel comunicato intitolato “Reazione Selvaggia e gli anarchici”, abbiamo messo nelle note un comunicato delle Its sulla differenza tra noi e gli anarchici. Quello che leggerete sotto, risponde ad alcune critiche fatte da DP nella sua intervista, le quali non saranno trattate in maniera profonda perché si tratta di argomenti esposti in precedenza e dei quali, raccomandiamo a DP di dare una ripassata.

Il termine di autorità e quello di potere, ha un significato di sfida per gli anarchici, e benché siano intrinsecamente attaccati a noi come specie, questi tentano sempre di trovare il problema. Un lemma molto ricorrente e conosciuto tra gli anarchici dagli inizi, e come posizione è stata “contro ogni autorità”, frase che lascia molto a desiderare rispetto al suo potere analitico, derivato da questo errore di sintesi tra le distinte correnti che l’hanno interpretato di varie forme, dagli anarco-punk fino agli anarchici insurrezionalisti (i quali sono stati un po’ più analitici dei primi), ma è anche diventato un grosso problema perché ognuno si è fermato a spiegarlo “alla bell’e meglio”. La spiegazione che dà DP alla sua posizione rispetto all’autorità e il potere, è un po’ più dettagliata e ci sembra interessante, ma abbiamo un problema quando scrivono: “(…) l’osservazione dello sviluppo del mondo e la nostra storia di dominazione, ci dà modelli per riconsiderare le forme in cui portiamo le nostre vite e scegliere la negazione delle relazioni di potere, tanto delle forme di potere più brutali che si generano dentro il mondo civilizzato come di quelle che si generano in maniera “primitiva”, questo lo diciamo perché RS ha espresso il suo punto a favore quando le relazioni di potere sorgono in comunità primitiva.”

Rispetto a questo commento RS afferma: se DP si sente conoscitore delle comunità, speriamo che sappia che la gente delle colline in Messico è abituata da centinaia di anni a forme di vita che sono viste male dai cittadini malati di cultura occidentale; certe forme di vita che sono catalogate come “brutali”, e come esempio, scambiare una donna con una vacca o alcuni maiali, per i nativi è comune, è parte delle loro abitudini, del modus vivendi ed è qualcosa di normale, mentre per i moralisti occidentali (compresi alcuni anarchici) è qualcosa d’indegno. Si spaventano e attaccano e gridano al cielo quando sentono parlare di questo: generalmente le anarchiche femministe sono quelle che, più si scandalizzano davanti a questo. RS non lo vede come qualcosa di brutto, RS rispetta lo sviluppo e le abitudini della gente delle campagne, per questo motivo c’esprimiamo a beneficio delle relazioni di potere in quel tipo di comunità, perché non ci riguarda il tentare di cambiarli. Specifichiamo, che non siamo “maschilisti” ma sinceramente non ci mettiamo contro questo tipo di atteggiamenti dei nativi. Anche se agli anarchici alla fine irrita quello che diciamo, questo è quello che pensiamo.

Anche gli spagnoli al loro arrivo in Mesoamérica si sorprendevano oltremodo, vedendo il modo di vita degli aztechi civilizzati e inorridirono molto vedendo i rituali dei chichimecas selvaggi, tentarono di cambiare la loro vita con punizioni e morte perché secondo essi, quello che facevano non era “buono”; così succede con gli anarchici, stile DP, che mette una barriera di negazione in quello che puzza di relazione di potere civilizzato o primitivo. Gli anarchici quando gli dicono che non possono prendere alcool in un posto dove non si può, rispondono o pensano (non tutti): “Se non stiamo in chiesa”, “non ci potete imporre niente”, “Noi possiamo decidere liberamente”.

Una risposta molto contestatrice e ribelle, che senza dubbio genera tensione!

Siamo d’accordo con DP che non esiste una società assoluta, ogni gruppo umano sulla terra ha sviluppato modelli di vita in accordo con la loro condizione, gli ambienti e i caratteri. Quello cui ci riferiamo, è che le società primitive per la loro mancanza di complessità nelle relazioni sociali, erano molto più sane delle società moderne. DP si è sbaglia, un’altra volta, quando afferma che i membri di RS considerano la società primitiva come assoluta. E certo infine che DP ha un serio problema di stato di conflitto con l’assoluto.

Recentemente alcuni gruppuscoli di RS hanno emesso un comunicato diretto ai nascenti gruppi che avanzano e fanno la loro critica contro la civilizzazione e la tecnologia moderna, specificando chiaramente nel suddetto comunicato che non era una questione di solidarietà bensì piuttosto di complicità. Detto chiaramente, RS continua a considerare come un problema grave, la solidarietà indiscriminata, la quale come abbiamo detto in reiterate occasioni, è quell’aiuto filantropico- diffuso in maniera massiccia dai mezzi di comunicazione- con la quale qualunque settore vulnerabile della società, fa si che le disuguaglianze rimangano nascoste e la convivenza civilizzata e in ordine possa rimanere duratura, servendosi dell’auto-perpetuazione dallo stesso sistema. Noi preferiamo la solidarietà tra il circolo sociale affine, e la complicità, con i pochi gruppi che condividono posizioni rispetto a questa guerra contro il sistema.

Anche la solidarietà indiscriminata è usata in certi settori anarchici stile DP, che vuole generare conflitto attraverso l’unione di distinte correnti per lo svolgimento della loro tensione anarchica, ma loro stessi devono essere intelligenti e strategici non mettendo nelle loro file tutti quello che si dicono “ribelli”: per non fare si che così ci sia il pericolo dell’infiltrazione e dell’incarceramento dei loro “compagni.” Troppo tardi! Poiché è ben conosciuto da molti il lavoro d’infiltrazione che la polizia investigativa del DF, il governo federale, come del Cisen stanno sviluppando negli ambienti anarchici da alcuni anni. Questo è il motivo del perché c’è una cattiva organizzazione nella cultura di sicurezza di questi. Noi preferiamo la solidarietà reale e la complicità selettiva per evitare sfortunati inconvenienti, e indubbiamente questo non ci farà più “selvaggi” come dice DP, ma almeno ci manterremo fuori dal raggio degli sbirri il tempo a noi necessario.

Terminiamo questo testo, sebbene, speriamo che le persone di DP non si prendano male o vedano la critica a titolo personale, rispettiamo il loro lavoro e i progetti di vita, ma poiché si sono riferiti a noi nella loro intervista, non abbiamo nessun disistima nel fare propaganda, e abbiamo sentito la necessità di emettere la nostra risposta.

Per il conflitto armato contro la civilizzazione e il progresso.

Reazione Selvaggia

Gruppuscoli:

“Spirito Uaxixil”

“Danza di Guerra”

“Ammazzare o Morire”

“Cacciatore Notturno”

“Pioggia di frecce”

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

*