Get a site

(es-en-it) OCTAVO COMUNICADO DE INDIVIDUALISTAS TENDIENDO A LO SALVAJE-ARGENTINA

Comunicado publicado el 19 de junio 2016.

Imagenes acá: https://mega.nz/#!pk8UlTpB!tVANbcThPxekw_ElOsBRVMv0HNKILwINsYOzjiQK2Ig

Comunicado de ITS-Argentina reivindicando diferentes amenazas de bomba en varias escuelas y universidades, y un explosivo contra el presidente de subtes.

¡Con la Naturaleza Salvaje del lado de los eco-extremistas!

¡Adelante con la conspiración internacional contra la civilización y el progreso humano!


“Es mejor tener la boca cerrada y parecer estúpido que abrirla y disipar la duda”

M.

A los indudablemente estúpidos…

Mediante este breve mensaje ITS se hace responsable de:

– Las reiteradas amenazas de bombas realizadas a escuelas porteñas que generó denuncias, un “abrazo a la escuela” (?) y hasta una página en la red social Facebook. “Esta página la hemos creado para que se pare con las reiteradas amenazas de bombas que sufre nuestro querido establecimiento” (1)

– La amenaza de bomba realizada a la Universidad Nacional de Quilmes. (2)

– La amenaza de bomba en la estación Diagonal Norte de la línea C del Subte realizada el pasado 15/6. (3)

A la prensa le decimos: La amenaza de bomba en Diagonal Norte fue estratégicamente pensada y realizada, sabíamos del paro en la línea B y de los conflictos gremiales con las otras líneas, además de ser una estación donde se realizan combinaciones y por ende provocaría como efecto dominó retrasos en las otras líneas. Pero que quede claro que solo fue una mera estrategia, no nos interesan los conflictos sindicales, las luchas obreras, ni el despido de tal o cual trabajador. ITS puede ser un animal carroñero, ténganlo en cuenta…

La amenaza de bomba en Diagonal Norte fue un aviso y lo saben bien, luego que habilitaran nuevamente el servicio les enviamos un mensaje bien claro que al parecer no tuvieron en cuenta por eso el sábado por la tarde fuimos hasta allí, nos hicimos presentes y abandonamos un artefacto explosivo dirigido al presidente de subtes Juan Pablo Piccardo que lamentablemente no explotó, será la próxima.

Nuestras amenazas son el rayo que anuncia la tormenta, amenazamos al subte y luego fuimos por su presidente, mañana quién sabe…

Individualistas tendiendo a lo salvaje – Argentina

Constelaciones salvajes

 

Notas:

(1) http://larazon.com.ar/ciudad/Reiteradas-amenazas-bomba-escuelas-porteno_0_786000072.html 

http://telefenoticias.com.ar/actualidad/la-comunidad-educativa-se-une-en-un-abrazo-al-normal-1/

https://www.facebook.com/No-a-las-amenazas-de-bombas-del-Normal-n1-126057641134301/

(2) http://www.radiofmq.com/detalle.php?tipo=1&documento=71046&sistema=fmq

http://www.quilmespresente.com/quilmes/amenaza-de-bomba-en-la-unq-143526

(3) www.minutouno.com/notas/1492680-subte-falsa-amenaza-bomba-paralizo-el-servicio-la-linea-c

https://www.youtube.com/watch?v=a_VFVzCFn3g


(Argentina) Eighth Communiqué of the Individualists Tending Toward the Wild

“It’s better to keep your mouth shut and appear stupid than open it and remove all doubt.”

M.

To the undoubtedly stupid:

By this brief message ITS claims responsibility for:

-The repeated bomb threats on schools in Buenos Aires which have generated denunciations, “a hug for the school” (?), and even a page on Facebook. “We’ve made this page in order to stop the repeated bomb threats that our beloved establishment has suffered”. (1)

– The bomb threat against National Quilmes University. (2)

– The bomb threat against the Northern Diagonal C line of the Buenos Aires subway made this past June 15th. (3)

To the press we say: The bomb threat on the Northern Diagonal was strategically planned and carried out. We knew of the strike on the B line and of the union conflicts on other lines. Also we know that it is a station where transfers are made and thus a threat would cause delays on other lines. But let it be clear that this was a mere strategic move. We aren’t interested in union conflicts, working class struggle, nor the firing of any given worker. ITS can also be a scavenger animal, take that into account…

The bomb threat against the Northern Diagonal was a warning and they know it well. When they got everything running normally again we decided to follow up as they didn’t seem to get the message the first time. Thus, on Saturday evening we went over there and left an explosive device directed to the President of the Buenos Aires Subway, Juan Pablo Piccardo, which unfortunately didn’t explode. That will be for next time.

Our threats are the lightening strike that announces the storm. We threatened the subway and then we went for its president. Tomorrow, who knows…

Individualists Tending Toward the Wild – Argentina

Wild Constellations


OTTAVO COMUNICATO DEGLI INDIVIDUALISTI TENDENTI AL SELVAGGIO-CONSTELLAZIONI SELVAGGIE

“È meglio avere la bocca chiusa e sembrare stupido che aprirla e dissipare il dubbio”.

M.

Agli innegabili stupidi…

Mediante questo breve messaggio le ITS rivendicano:

-Allarmi bomba reiterati e realizzati nelle scuole elementari che hanno generato delle denunce, un “abbraccio” alla scuola (?) e per fino una pagina nella rete sociale di Facebook. “Questa pagina l’abbiamo creata affinché si fermino gli allarmi bomba reiterati che la nostra amata scuola sta sopportando “. (1)

-L’allarme bomba compiuto all’università nazionale di Quilmes. (2)

-L’allarme bomba nella stazione Diagonale Nord della linea C della metropolitana realizzato il 15/6. (3)

Alla stampa diciamo: L’allarme bomba nella stazione Diagonale Nord fu pensato e realizzato strategicamente, sapevamo della mancanza di lavoro nella linea B e dei conflitti corporativi con le altre linee, oltre ad essere una stazione dove si realizzano scambi e che avrebbe potuto provocare un effetto dominò e ritardi nelle altre linee. Che rimanga chiaro che fu solo per mera strategia, non c’interessano i conflitti sindacali, le lotte operaie, né il licenziamento di tale o quale lavoratore. ITS può essere un animale necrofago, tenetelo in conto.

L’allarme bomba nella stazione Diagonale Nord era un avviso e loro lo sanno bene, dato che dopo hanno abilitato nuovamente il servizio. Il messaggio inviato indubbiamente non è stato tenuto in conto poiché il sabato sera eravamo la, eravamo presenti e abbiamo abbandonato un artefatto esplosivo diretto al presidente della metropolitana Juan Pablo Piccardo, che avversità, non è esploso. Sarà per la prossima volta.

Le nostre minacce sono il lampo che annuncia la tempesta, minacciamo la metropolitana, dopo sarà per il presidente, e domani chi sa..

Individualisti tendendo al selvaggio- Argentina

Costellazioni selvagge

Nihilistic Funeral: The Annihilation of Life

In Regresión Magazine n° 5:

https://mega.nz/#!E0NADBbZ!WuZopvePbUHLvnFLH3qne9bAGu4GohrOUTKa6yXI8Io


“The only God I believe in is a loaded pistol with a hair trigger.”

—Richard Kuklinski

Desire, the exaltation and orgy of death and murder, the target to hit, annihilating the border that restricts the identifying model of the flow of life.

To strike and annihilate – to become oneself one’s own god, killing the continuous circle of life that hopes to live and prosper. To try the odor of blood that gushes out of a wound.

The experience that elevates an individual, action that resides in fear of the periphery of consciousness, where remains that static plan becoming an obstacle and imprisoning the touch of egoistic joy.

One’s own joy, in order to be possessed by the shaking of limbs, the unknown existential bottom, the body and mind, diluting the fragment of radical immoral destruction.

Transcending the imperfect and total completion, the execution of the desire to kill, to annihilate the the death of thought, collapsing the libido and the personal hell, tasting and enjoying a life that turns, dying for the exaltation of a God without God.

I possess, I move myself, I feel, I transmit, and I inject the image that transforms itself in front of me, showing the final departure and verifying by the lived life.

Domination and control of my emotions in a dark abyss, lucid I enter down the road of “not listening.”

I push forward, with a broken rhythm, the explanation of action, the spastic tremor, deriving the injected bloodline of the next one close to death. The one who wishes and desires it, overcoming the obstacle of a drawn and desperate face.

To feel the sense of death, having it before you, wanting it, without hope, the choice of an imprisoned body.

Pleasure, passion that divides and separates at an instant. The pure blow to life that flows at the margin of “living”. I am the criminal nihilist who denies obsolete humanity, transcending the moral-mortal human, existence in an identifying and categorical representation in equal evaluations.

I am the bad passion that inhabits the nihilistic abyss, for the destruction that annihilates the multiple protean forms of equality.

My jaws spew forth venomous saliva from the abyss, they look for a warm body. In the cold that breaks the exhaling of breath.

I breath and breath to break the breath, and the blowing of hope, thinking of the illusion of the future, the weak and unchangeable smile, in a stable perpetuation of the logical path that was taken.

The ghost of Kirilov (1), the demon who dwells in me.

I love in the world that dies, in the instant in which I live and breath the fragment of the dying thought, the posthumous exhalation of the penetrating breath, with my insides, the essence of my unicity.

Experimenting, acting like it changes the lived moment, is life, existence is between a logic that categorizes and places on it the seal of truth.

We experience nihilistically – we enter abysmally – savoring the fear of the search for death (and the dead in a succession of real objectives and the normal context of creating perspective.

The miserable fable of the real world exists in the context of life in the society of equals poisoned by my egocentric ambition, annihilating the margin of respect for life.

The fragment that pretends and wishes to break the rule of equalizing compromise with humanist gratitude, of life in the context of the living.

*

We go on to realize – advancing, in order not to back in the absolute – the absolute that accumulates and imprints the mark of generalization of the dynamic of action, the product of the act, that established the rule to strike at the target, my only objective.

The choice, the dynamic, the intended target, searching through the daily wear, imprinting and tracing, marking the exterior sign of the dualistic representation of society. The margin of the limit that is found and possible, make concrete as an event and an axiom. An report categorizing, the typology of the date of publication deducing the adhesion of the method that the moment follows as well as the planned act.

The logical representation of the sign that turns off the circuit of events, living the way at the margin and hanging on, deducing the conclusion of the reordered affect, the communicative success of the arrangement of the elaboration of the effect-conclusion.

The effect given to the determined disposition, establishing the conclusion that requires and reclaims, making effective the arrangement of the definition of the limit. The one I circumscribe, the specific conclusion of a blocking of hegemonic equality.

Hegemonic equality of the harsh struggle of the egoistic act of the unique objective. It stimulates the side, the opposite of trying to merge with the consequent opposition.

The limit that circumscribes and encloses in itself the border of consciousness [*]

The radical struggle of the unique that looks for its target. It completes the presumption of the absolute planting of hegemonic equality. Predisposing itself in the so-called “society” (so much that – in effect- it is criticized by them). Thus they try to obligate and submit definitively the unique love of an egoistic power.

The fable that invokes predisposing the logic of the event, it converts itself into the effective rule in the concrete and tangible named consciousness; the presumption that pretends to predict the effect from a given act, in a feedback clarifying the truth of the good with the falsehood of evil.

Filth is washed in lucid consciousness of those humanist persons. It is the representation of the limit of the tangible, that breaks and annihilates not only the transfer of the truth, in respect to my only truth. I annihilate the base and the margin of the moral-mortal life.

To strike and the attack are synonyms where I break the “passage of equality” that tries to coagulate and contain the egocentric enjoyment of destruction.

Why the egocentric target?

The egocentric target as negation of order of the structure of the hypothesis and verified truth, the connection between the movement of action and the finalized ethical behavior, among a series of coordinated nouns of the direction (with two sides) in which my destruction should explode. My destruction does not run in any deciphering or deciphered system and is incomprehensible by the protean multitude of versatile behavior. By an imposed clause with the others, the human, that stepped on the other foot to try to be aware and disposed to the anemic avid smile of equality.

The destruction, the annihilation of my target, is the egoist rupture. The hegemonic proposition of the suppositions and the inventories in the profundities of consciousness. To seek enjoyment that becomes the purulent laws of legal ethics in persons – ethical behavior – political ethics (anarchist or not). The reverberant refraction, in the nexus of order and genus in order to an egalitarian division. The grade is typology, in the catalogue of the reparation of the action that is the product of destruction.

The production of destruction, makes that an act- the sleepiness that makes of an authentic movement within a demarcating rule – the only accessible logic to the esoteric multitud for the human race.

I elevate Egoist Unicity against the barrier of of compensation, it is sunk in the Abyss of Nihilism, to strike like terrorist against expired humanity. The reason why it says “no”. Consciousness that reclaims its submission and fault of one’s neighbor, to attack and annihilate in a selective manner.

Annihilating the margin and seduction of fear in the judgment of the moral morta human – and striking and nailing the Nihilist dagger in the weak belly of the conforming reformist.

The retrospective begins, killed and germinating resentment, striking without a system of identification and evaluation of behavior.

Should I value the target – through the valuing of the possible? [**]

I experience the annulment of the advance of the Nihilist Destruction against the world declared to death.

I don’t want “only” the death of the world, as a social system, but also want the death of my target, annihilating logical alteration – a systemization – owing to the apparition of fear in the mouth of consciousness.

The target that I select as a preeminent action of my Joy, longing for the instant when my phallus is raised in the predominance of the next target.

I enjoy the death of my target, selecting it in an Egoistic moment, in which thought is sunk in the light of darkness, the “mortal” life with the dead death.

I am the Nihilist Terrorist and Criminal, who wants the Destruction of the impulsive – derivative system, to unclot the blood, in an infected and purulent wound . The disintegration of the seductive reprobation of ethics, in an optic of organic representation and of behavior, in a straight line that established the automatic automaton.

Annihilating, annihilating, eliminating my egoistic target, in a decomposition of the stream of good conscience, with the end of respect for life and the living, in the precise method of a variable organ of the absolute and the concept.

I negate and break the “neighbor” who comes and turns into my target, in the experiment I cross inverted parabola that indicates the route of the way of hope.

Hope, the horrible concept in the lived moment, in the apparition of bile in the mouth of conscience. [***]

I want the destruction of the utopian illusion of the future, in the ascendent destiny, like the elimination of a judge in the power of the individual.

I explore and advance, I am aspiring, I am in favor of the strategy of assertion, in the passage that annihilates the step taken, that has turned into putrefaction. I emerge and submerge, I impose the libido, and my phallus begins to ejaculate, which I enjoy the image of the death of my egocentric target.

I am the owner of my gun, the elevated narcissist in the breath of death, in the explosion that locates and takes out the bolt of existence, for the “Unique” instant, like the masturbation of my phallus, that has joy in exploding sperm for the end of life!

Stripping, with my Nihilistic-Terrorist gun, the cornerstone of equality, the foundation of truth, the principle of respect of the human essence.

The sensible human-essence, fingerprint of truth, bolt of reality in the vital arc of the end and death.

Nothing in nothingness, it is the design and inspiration that understands and includes the consequent consequence in order, that orders and disposes of the literal movement, the existential clue.

The reality in the present of no-variability, the immovable continuity – repetitive in a circle that given persistence and form, defines the use of the result, recomposes a series of plugs and articulations, where life can continue in death, a life that is already dead, that blocks its own slope, disposing regularly of the life of the utopian illusion.

I penetrate the groove between me and the death of my Egoist target and I savor the moment when the present is stepped underfoot and the destruction of the past is made into simply the past, to express within my Unicity the existence of the breath of a life, that exists and disappears, loses consistency and contracts, expanding the blood, leaving consciousness in pieces, transforming Arbitrary Power, the veins that become the spectre without vital flow.

I raise my Egoist Gun, a song of death, that bursts nothingness into flames toward nothingness, radical and extreme, exalting Terror, without asking of possible infections in the absolute in a dying world. I arm my Power penetrated by the negation of my target, through the exhalation of his breath, steps backward in the illness called, “humanity.”

Spasmodic investigation, eyes turned back into the margin of life, stench of the egalitarian society, the vision projected outward, in the implicit alteration of the same project and the formation of the clot of representations that determine the ordinary occurrence of common emotions.

The will of Death, the Unique that blocks the ethical juridical ground of the rotten community of humans, choosing Free Will, the attack against the delicate “heart” of the human subject, losses in a tenuous life like a fragile branch of a fallen tree.

I want to break one of those branches, reducing it to nothing, to identify the worth of the true world, killing the common emotion that the mortal moral consciousness erects.

For the Nihilistic Annihilating Funeral of a Life

I NECHAEVSHCHINA!

[*] The consciousness – postulate of the ethical comportmental truth – the dwelling of the submissive – not as the Egoistic Individual – but rather as a subject “subject” who redeems his passions, that flow step by step in a metaphoric periphery, far from the Egoist and Destructive joy of “certainties”.

[**] The “Possible”, geometric and schematic action, reduces Egocentric Power to the flow that reflux determines, the sequential movement of hegemonic egalitarian egoism, evading the annihilation of the true values imposing – the doctrine of respect of the parts, acting in order to secure Nihilistic joy and the schematic action, in a series of rules that make possible an action within the limits that cannot and should not be transcended.

[***] The common metaphor of the “mouth of conscience” is the link between the act of the individual to impose dualistic morals that are part of the conscience. This expresses by the mouth, imposing deduction, resolution, within the limit that cannot be transcended, since the truth is not an ethical way of acting, within the agent of representation of the good in respect to Terroristic evil.

  1. [NB: a character from Fydor Dostoyevsky’s novel, The Demons.]

OUR RESPONSE IS LIKE AN EARTHQUAKE: IT COMES SOONER OR LATER

*Trabajo PDF con este texto en inglés, español e italiano:

https://mega.nz/#!F11XzLiI!PJ00zI-u9kkMp0TInQm9kXhTcF_S_SL6BfrQU5F1_Bc


Preliminary note: This text is written with a good dose of sarcasm and satire, reader discretion is advised.

Preliminary note 2: This text is not to be interpreted as the standard “invitation to dialogue” nor is it an “intervention to work out ideas,” as some have characterized our destructive criticisms. This is just straight trolling from those who administer this blog and meant to be offensive to those who talk shit.

Preliminary note 3: See Preliminary note 1

Since the inception of eco-extremist actions and interventions, there has been a steady and unending flow of criticisms from various schools of thought. It should be pointed out that few of these have the intention of being constructive. The majority are just plain shit-talking, criticizing for criticism’s sake, or straight defamation. Here we are going to try to answer and refute them. We say “try” because it would seem for our haters that eco-extremist texts are written in a special hieroglyphics, as it seems impossible for them to understand. Or maybe they’re just retarded, hard to say, but either way, let’s get started…

“Those who take aim at us the most are the ones who admire us the most.’“

T.

A) From the blog

As we’ve mentioned before, “Maldición Eco-extremista” is not a cute inoffensive blog. We are not a news site that avoids discussion and we don’t really want to keep putting up preliminary notes on any text that tries to describe our disagreements with a particular position. If the content of a particular text does not convince us usually we just ignore it.

We don’t publish criticisms, analysis, and claims of responsibility for actions that smell of radicalism with explanatory notes for good measure. That’s what most “counter-information” sites out there do, and it’s clear we aren’t one of them.

It should also be taken into consideration that eco-extremism means illegality. It’s pissing on legal and juridical statutes imposed by civilization. Since we follow this attitude we state it openly. Thus, in our preliminary notes we publicly root for individualists to satisfy their darkest instincts while leaping over barriers of what is “legal” or “permitted.”

Sure, these have logical consequences before the legal representatives. These are well-known and it would bore us to have to describe them again here. As we say, those are the consequences, reactions to our actions or the actions of others. Being the “public face” of eco-extremism carries with it certain responsibilities and one of these is to reply to all of the shit-talking against us. We would love to not have to deal with all of this stupidity and gossip, but as the title states: “Our response always comes, like an earthquake.”

B) Critics of México, Argentina, Chile y Gringolandia, UNITE!

For some time, a handful of criticisms have been published on different blogs, in magazines, etc. mostly of the anarchist persuasion. Most of these are incorrect interpretations or mere unfounded judgments of the words and deeds of the eco-extremists. These are texts that it would be worth the time to respond to rapidly, but to be honest when we first read them we had to laugh:

-(México) “Contra el eco-extremismo a la mecsicana” was written by Heliogeorgos Caro (HC), a self-styled intellectual in the Department of Political and Social Sciences at the UNAM who thinks that his intellectual formation makes him “slightly above average”. The eunuch HC, to refresh your memory, was owned several times by the criticism of Reacción Salvaje in the piece, “Ya nos habíamos tardado: Breves contemplaciones sobre los comentarios catedráticos de Heliogerogos Caro,” from March 18th, 2015.

It seems that “Hípster Cagón” [Shitty Hipster] wanted payback with his little essay, the rematch (LOL!) for all of the butthurt that RS inflicted on him and now he is searching desperately for a reply. Poor thing…

Of this criticism, we’ll not say much. Only that it’s totally off base. His premises are useless since they don’t have much to do with the essence of eco-extremism. It’s a criticism from a pseudo-mathematician who defends scientism at all costs. So there’s not much to see there, really.

-(Argentina)  Another staunch critic wrote an expose in the Argentine magazine, “Puñal Negro,”  [Black Dagger] that in its first issue had an article entitled, “Objetivos ¿amorales? del ataque”. These anarchists look up to us so much they even gave us their first essay in their magazine. Wow!

Those “black dagger” folks are an example, but don’t get excited, they’re an example of bad interpretation of eco-extremist writings. For one thing, they confuse “indiscriminate attack” with “random attack,’ which to be fair is a common mistake for the nuns of anarchism and brain dead folks like them.

It’s pretty obvious that the objectives that eco-extremists choose to hit are OBJECTIVE TARGETS and not random as those dagger folk would have it. Eco-extremists have at least had the guts to say that they do NOT regret the wounding of bystanders who find themselves in the middle of an attack. This is what is meant when we bring up “indiscriminate attack,” and, in fact, this is the ancient and venerable manner of waging war. To be sure the most primitive ancestors of the black dagger folks brutally killed and maimed members of other tribes indiscriminately during any given conflict. Only it seems like this brand of anarchist only accepts “modern” methods of attack: ones that are done with much care, going out of the way not to harm the random bystander. What garbage!

We know that our conditions aren’t the same as those of our ancestors, but the war practically is. It is the War against the Artificial within the eco-extremist perspective. So that’s why we exhort anarchists of this type to see more than what they want to see and look beyond their own noses. If they don’t want to, it’s better if they just shut up.

It’s an all-too-common hypocrisy in some radical circles, those which are always going on about the defense of “life,” “against domestication,” “against exploitation,” and other boring endless dreck. But when a passerby is wounded in one of their attacks, they either keep quiet about it or apologize. The first is cowardice, the second is a sign that, if you keep on carrying out actions like that, others might be similarly injured or even killed. So if you don’t want to die from all of those pangs of conscience, you might as well devote yourself to helping old ladies cross the street, or something similar.

When eco-extremists speak of “Indiscriminate Attacks,” they’re saying that they DON’T care if bystanders get hurt or killed during their attacks, as long as the target is hit. That is to say, they are out to hit a SPECIFIC target. That’s it.

This was also the case with Severino Di Giovani and his gang. Do you remember that from your Anarchist History class, Dagger dudes? No. Alright, let’s refresh your memory, boludooos:

May 7th, 1928: A powerful explosion destroyed a significant portion of the Italian Consulate in Buenos Aires, Argentina. The target was the General Consul of Italy, one Mr. Capani, one of the right hand men of Benito Mussolini. The two anarchists, Severino and Ramé, not being able to make it to Capani’s office, abandoned the suitcase with the bomb in it on the stairs of the diplomatic headquarters. The bomb exploded powerfully, leaving nine dead and 34 wounded. Seven of the dead were fascists, the other two dead and the majority of the wounded were BYSTANDERS. Because of this attack, Severino’s group would be labeled as a “gang of violent crazy men.” Today we don’t live in Severino’s time when he used terrorism to fight the fascism of his age. Today we fight the new face of fascism which is civilization and the domestication of those who celebrate it. The eco-extremists don’t hesitate to attack it.

We mention that this attack of Di Giovani is what we mean by “Indiscriminate Attack,” so that you idiot daggers can understand better where we are coming from. The Great Terrorist Di Giovani’s act was a good example of this. Compare this REAL anarchist with the fascist gangs, take into consideration the fierce and indiscriminate practices of the past. Do it and they will come back from the past to take your lives like they did that of the anarchist López Arango, who talked a lot of shit about Severino.

Then the “daggers” continue saying:  “what we carry out is what we do because we feel like it. It is not a call from any type of morality or a call of the sacred forest or any other mystical bullshit.”

We have thrown the bible of anarchism and its church in the trash a long time ago. Specifically, we have cast aside that slogan, “no gods, no master,” or “against any God.” For sure, we piss and shit on the Christian god and his religion. No doubt about that! Our belief is in Pagan animism.

Our paganism believes in the cycles of the Earth. Thus, we venerate and extol the Wild and Ineffable: the Mountain, the Rain, the Thunder, the Sun, the Wind, the Moon, the Rivers, the Condor, the Deer, etc. With the greatest pride we extol that which WE ARE and what we believe. We walk with our DEITIES at all times, as once our ancestors did. Just as the last wild tribes on Earth do, bound to their Gods and their mysteries.

The truth is that in every attack against civilization, eco-extremists act possessed by that spirit of what you call the Wild Forest. This call incites us to commit violent and radical acts against progress and civilization.

Eco-extremist Paganism is Accursed, its attacks will also be Accursed…

We hope with this that we have cleared up any doubts concerning the term, “Indiscriminate Attack.” And if we haven’t, that’s not our problem. It’s the result of your inferior intellectual abilities. Lastly, if our pride bothers you, or our paganism, or what we are or do, just stop reading eco-extremist communiqués and stop coming by our blog. Stop being our judge, jury, and executioner. Stop saying that you don’t want to argue even when you’re making an indirect argument. Either way, eco-extremists aren’t ones to lie down and keep quiet.

-(Argentina) The anarchist publication “De la propaganda a los hechos” (May 2016).

It would seem that the anarchist who wrote the essay, “On ITS” has understood the concept of “Indiscriminate Attack” better than many others. This only goes to show that it’s only out of stubbornness and stupidity that some have refused to understand this term and not because eco-extremists have explained themselves badly.

But hold on a second, this anonymous anarchist also doesn’t seem to have understood all of the questions that disturb them. Let’s take a look.

To start, it’s necessary to state to the anonymous author that eco-extremist attacks are NOT POLITICAL. Eco-extremism does not seek or claim any determined political positions, and thus our acts ARE NOT POLITICAL, Thus, by pure logic, its ends are not political either. Therefore, the majority of the criticisms that have to do with “virtual symbolisms,” “unleashing material actions that really affect progress,” etc. are self-refuting.

He states, “if they only attack for the sake of attacking, and they don’t seek to move past the line between virtual symbolism and unleashing in material actions that truly affect progress”.

Really eco-extremists are not looking to end civilization with their attacks, or anything of the sort. To think otherwise would be delusional, since doing that is impossible. Even if you killed all of the scientists in the world, destroying their lab and blowing up all of the bridges of the city. Not even the most destructive action can halt the advance of techno-industrial progress. In this we are extreme realists and we ask ourselves if any of our actions will stop progress and we believe that they won’t. That’s the sad reality and we have come to accept it.

On this point, we are confused as the author of the text, at coming to the same conclusion by saying, “but the structures that allow civilization to function cannot be allowed to halt one minute for fear of the citizenry. We see that after these attacks the places of exploitation will keep functioning, the machines will keep working, and if the employee dies, he will be replaced with someone else the next day,” still he criticizes the idea of disinterested attack or attack for attack’s sake. Yes, eco-extremists are pessimists and sadly we have concluded that the destruction of civilization is impossible. The only one capable of inflicting SERIOUS harm on civilization, or better to destroy it, is Wild Nature herself. So then, what is to be done? Twiddle your thumbs and wait? Watch civilization spread far and wide destroying all Wild places, without doing anything? NEVER!

Yes, eco-extremists choose disinterested attack that expects NOTHING in return: an attack in the name of Wild Nature against civilization. An attack in defense of ourselves and all that we are losing. And let it be known that they do it for the EGO trip too, for the sheer pleasure of attack, and they have no qualms admitting it. That’s why they claim responsibility for their attacks and they adopt acronyms and names for their groups.

Let it be clear: eco-extremism doesn’t pretend to try to “destroy civilization.” It does not want to “end progress.” It aims to HARM civilization, to STRIKE OUT at progress in the PRESENT and DESTABILIZE what can be destabilized. For that, eco-extremism employs indiscriminate and selective attacks, terrorism, sabotage, assassination, threats, various criminal activities, etc.

The anonymous author also writes about ISIS. He writes that the attacks of those terrorists carried out in the metro and airport in Belgium didn’t halt progress, stating, “we see that after these attacks, people don’t stop heading out to their places of exploitation, the machines don’t stop working, if an employee dies, he’s replaced by another the next day.” He’s right, of course. Progress doesn’t stop for anything. And sure, groups like ISIS want to destroy Western civilization by force to impose an Islamic civilization instead. But what does this have to do with eco-extremists?

The author continues: “While capital advances with the great strides in technological developments, and world overpopulation gets worse by the day, why should we think that attacking an innocent bystander who is bound in servitude has any effect on the advance of civilization?”

When was that ever mentioned in the communiqués of eco-extremists?

No one has ever said that attacking an innocent bystander halts the advance of civilization! Because saying that would be really dumb.

And, to be honest, we can turn that question the other way around and ask the anarchists: Why do you plant bombs in banks when the next day the insurance will cover the damage and the bank will keep functioning as if it never happened? Why plant bombs in police stations if people don’t stop becoming police afterwards? Why support anarchist prisoners if solidarity actions won’t shorten their sentences let alone free them? Why write hit pieces available in PDF format if most of the criticisms contained therein collapse under the weight of the ignorance of their anonymous authors? Why “struggle” and “heighten the contradictions”? Why anarchy then?

The anonymous author continues with his dumb questions saying: “Why have recourse to symbolic terror against the docile masses during their commute when we could be thinking about biotechnologists instead and the significant infrastructure that provides the city with energy?”

It seems that this idiot thinks that civilization is only about the electrical grid and scientists, which is obviously NOT THE CASE. Civilization also includes the neighborhood corner store. But of course that’s not eco-extremism’s target (for the time being).

Dear Mr. Anonymous, please think before you write things down, because your supposed criticisms are poorly thought-out. It’s appropriate to say that your words seem to be only “criticisms” vested with “good intentions” for the sake of  “moving discourse forward” while employing the technical language of anarchy. But really they are counterproductive defamation. And even if we don’t particularly care for confronting these sterile criticisms, we mention them without censoring them.

The anonymous author also criticizes the word “antisocial”. We eco-extremists affirm that yes, EVERYONE IS OUR ENEMY: all hyper-civilized people, the masses, the accomplice citizenry, civilization as a whole. Why, Mr. Anonymous Author, are we EXTREMISTS then? Because we advocate half-measures? It should be mentioned that if we had the power to kill off 40 million people in your region and others, annihilating the infrastructure that maintains civilization, we would do so without thinking twice about it.

The anonymous author asks as well, “Being antisocial would be any action that attacks a passerby or a worker? Or only the actions that are classified under the title of being ‘wild’?”

We respond that this is not necessarily the case. An attack that is truly antisocial is one that is carried out with an attitude of hatred, revenge, reaction, etc. against the values of society; against its symbols and its members, and it wouldn’t necessarily fall under a misanthropic attack.

And even if it appears that the author has a computer he doesn’t seem to have a dictionary. For he doesn’t quite know which definition of the world “anti-social” to employ. Since I have a dictionary right here I can help him so that he stops spewing such epic idiocies:

“Antisocial: 1 –  That which is contrary to society or harmful to it. 2- One who has difficulties with life in society or who feels repulsion to it.”

Dude, it’s that simple!

And when the anonymous author pretends to have the bull by the horns and celebrates his “victory” by deceiving himself that he has our number with his shitty criticisms, he then labels our tendency as “moralist” since he recalls the slogan that ITS used back in 2011: “Nature is the good, Civilization is evil.” Let’s remind this anarchist again that ITS has not used this slogan since beginning its new phase in 2016. If he wants to criticize stuff from five years ago, maybe it’s best that he doesn’t, because these arguments no longer apply.

ITS has not used this slogan recently, nor the term, “individual freedom”, nor used an “x” to designate the gender of words, nor returned to any of the other bad habits that were present in the first communiqués. We recommend that the author read the ITS communiqués again, and take notice this time the evolution of eco-extremism in ITS and other groups. Then he can avoid spitting out dumbass arguments that only confuse and deceive his readers.

And the dummy keeps asking, “or are we to affirm that misanthropy, hate, rebellion, or war exist in wild nature?”

We respond that NO, in wild nature there is no misanthropy, or hate, or rebellion, but there is WAR and REVENGE. We recommend that the author also spend less time in the city and more time outside of it in contact with nature. If he doesn’t, he’s probably not going to understand what we’ve written.

And in addition, without wanting to repeat ourselves, we recommend that he also learn to distinguish between “warning calls” and “threats” before saying that ITS has contradicted itself in that regard.

This concludes the first part of the response from the administrators of this blog. The second part will address reactions from Chile and Gringolandia.

Until next time.

We continue:

-(Chile) There’s no doubt that eco-extremism has been a pain in the side of many since its arrival in South America. So much so that “some” anarchist cells have staged a drama “demanding” (directly or indirectly) that all of the other anarchists excommunicate us from their “churches” for being blasphemers. These arson-committing “nuns” have taken on many names, but it’s evident that it’s the same group of assholes. They deceptively hide behind the initials of the Informal Anarchist Federation (FAI), and they issue communiqués published on various important blogs in anarchist circles. You guys know which ones we’re talking about it, don’t think we’re not going to notice! So keep on reading.

February 1st:  Note that this was only weeks after the fierce arson attack on a Transantiago bus that had all of its passengers on board in broad daylight, an attack for which ITS in its third communiqué took responsibility. This also announced the internationalization and expansion of the group. After this attack, the Paulino Scarfo Revolutionary Cell (FAI/FRI) devoted itself to anarchist business as usual in setting fire to a bank, and then issuing a boilerplate communique recording the facts of the attack, the “revolutionary reasoning” behind it which is now as sacrosanct as Christ’s cloak, and some other things for good measure. However, they deviated from the standard anarchist fare by mentioning two things that surprised us.

One of them was this:

“(herp derp) Also on the basis of this revolutionary perspective of conceiving of the confrontation with Power and Authority, we distance ourselves from all discourse that seeks to propagate indiscriminate attack and the defining of any person as a target to physically harm and kill. The unlimited source of our actions seeks to avoid collateral damage against persons who by chance are found near our targets during our operations. This understands that all planning today is according to the narrowing down of the material objective. Attack has a morality to it and is not indiscriminate. We embrace the arson but we do not share the discourse that it sought to propagate.”

For those who don’t speak “revolutionary anarchist,” here’s a translation:

 “We didn’t understand jack shit of what the eco-extremists wrote about concerning ‘Indiscriminate Attack, but it sounds ugly so we don’t agree with it because it doesn’t sound like revolution, or social war, or solidarity with prisoners, or insurrectionalism, or the FAI, or ‘againstpowerandauthority’.

Our attack on the Santander bank was an exemplary attack, that’s how it’s done folks. We teach by example.

We are morally superior since we have morals unlike those eco-extremists, but we don’t just come right out and say it because we’re cowards.

We wouldn’t know what to do if in one of our attacks, innocent people were hurt. We don’t want to judge anyone, but we’ll make an exception for that text that ITS-Chile put out taking responsibility for the incendiary attack against the Transantiago bus with people on board.”

Pretty pathetic…

The second thing that surprised us was that these anarchists are shameless (though to be honest we find that kind of admirable) in christening their “cell” with the name of Paulino Scarfó!

We laughed heartily at that, as it seems like these shit-flinging anarcho-nuns, with their insinuations and great sense of humor, have no idea what the anarchist Paulino Scarfó did in his day; that is, being a member of Di Giovani’s fierce indiscriminate gang of anarcho-bandits. These anarchists need to read more and immerse themselves in the history of the TRUE anarchists of yesteryear. We’re sure that Scarfó is turning in his grave knowing that his name has been taken up by a bunch of anarcho-Boy Scouts, who are always looking out for the citizenry and launch insinuations against the bad terrorists who don’t care about hurting people when hitting their target.

Scarfó executed many attacks, and here we will mention only one:

January 20th, 1931: Three powerful explosives were detonated at three different train stations in the subways of Buenos Aires, Argentina. Paulino Scarfó abandoned one of the bombs at the Plaza Once station. Mario Cortucci placed another bomb at the Maldonado Station of the Central Argentine Railway. And Márquez left the last explosive at Constitution station. The casualties were serious, with four dead and twenty wounded. All civilians. (Severino Di Giovani: Ideologue of Violence. Osvaldo Bayer. “Sombraysén Editores”/ PDF page 272).

Certainly more than one anarchist crosses himself when faced with this information and wholly denies that Scarfó was one of those responsible for this act that is “despicable,” “ruinous,” “similar to the acts of the Islamic State,” (as modern anarchists bloviate when faced with similar acts). Funny how this bears a resemblance to the Indiscriminate Faction’s aborted attack against the Mexico City subway in October 2015 that spooked so many anarchists. But go ahead, read Osvaldo Bayer’s book on the subject and see for yourselves that Scarfó was an indiscriminate terrorist and a TRUE anarchist. We hope that in the process you will realize that your words and hypocritical precautions for the populace are nothing but humanist garbage.

-In March, days after ITS groups published their Fifth Communique where they make public their expansion from Mexico into Chile and Argentina, the “Cell of Individualists and Anarchist Nihilists for Anti-Authoritarian Insurrection (FAI / FRI)”, after detonating an acid bomb at an auto dealership, issued a shitty communiqué which was way funnier than the other one.

They wrote:

“History, past and present, has shown us that the foundation and exercise of authority has also developed in communities that existed before the emergence of civilized life, and also it has been manifested in groups that have remained outside of civilization. That is why our struggle is essentially ANTIAUTHORITARIAN. This obligates us to distance ourselves from the self-proclaimed ‘eco-extremist tendency’ that has defended indiscriminate attack. It goes against the idea of being ‘against all authority’ and denies international solidarity in word and deed with comrades who have been imprisoned for the cause of insurrectionary anarchy.”

So to begin, we have to state, “LOLWUT?” Who wrote this? This doesn’t even seem to be

from anarchists, more like a group of priests who want to dress up the Virgin Mary in the black mantle of anarchy!

We’re going to further break down their argument. They state:

“This obligates us to distance ourselves from the self-proclaimed “eco-extremist tendency” that has defended indiscriminate attack. It goes against the idea of being “against all authority” and denies international solidarity in word and deed with comrades who have been imprisoned for the cause of insurrectionary anarchy.”

Translation:

“This obligates us as purists to not mix with the sinful eco-extremists, those who have defended blasphemy. It goes against the idea of eternal salvation, and they deny philanthropic solidarity of supporting one’s neighbor.”

It’s clear that these anarchists are so puritanical that they are beyond absurdity.

After saying that shit they continue stating:

“We’re not interested in online polemics with them. We prefer to dialogue with our comrades through action.”

That’s hysterical. They throw a rock and hide their hand behind their back instead of launching it and staying for the rest of the fight. It’s clear that these modern anarchists have nothing to do with the fierce anarchists of two centuries ago. What a pity…

Before that they wrote:

“History, past and present, has shown us that the foundation and exercise of authority has also developed in communities that existed before the emergence of civilized life, and also it has been manifested in groups that have remained outside of civilization. That is why our struggle is essentially ANTIAUTHORITARIAN.”

On this we’re not going to attempt to make them understand that not all forms of authority are harmful, since they obviously WON’T GET IT. They should think more profoundly and not remain in the old expired discourse of social criticism that they defend. It’s true that “authority” has existed in ancient ethnic groups before civilization, but it’s worth asking: Is the authority exercised by a leader of a Bushman tribe (for example), one that helps to feed them, something that is harmful?  Is the authority of the Taromenane shaman, one which cures and alleviates illnesses in his band of wild humans, something harmful? Was the authority of the great Teochichimeca warriors, who were able to take revenge against the Spanish in their day, something harmful? If you say “yes”, you’re hopeless…

You guys are so pure that surely you notice in every social circle the stain of sin… oh sorry, I meant to say, “authority.” You reject it, just like your Neonazi rivals are also so pure that they notice every stain of sin… oh, sorry again, my bad, I meant to say, “multiculturalism.” They reject it in the same manner. The only difference between you and them is the banner you defend, and nothing deeper than that.

-The last defamatory “cell” to publish its poison was the so-called, “Heriberto Salazar Pack of Saboteurs (FAI-FRI)” in May. Once we suspected that the other two “cells” were the same as this one, we stopped to analyze the communiqué, as well as profoundly think out and compare these situations. In this way, we reached two conclusions:

1.THE SUPPOSED ANARCHISTS ARE REALLY COPS:

On this communique before anything (besides making our sides hurt from so much laughing, like when they asked that people boycott our blog LOL!) , we find the origins and intentions of this document rather dubious. At least the other two communiqués took responsibility for an attack, this one didn’t. That led us to believe straight away that these people were either COPS or REPORTERS. We’re 98.99% sure of this.

We’re not just saying it to say it. Any reader with half a brain would notice something strange going on here. Reading the way they phrase things, how they mix up terms right and left, this would at least set off alarm bells for a careful reader.

*On blogs that have performed the task of spreading the poison of the police

The poisonous communique can still be found on the “Contrainformante blog”, “Voz como arma,” “Instinto Salvaje,” “Autistici-Cruz Negra” (Italian translation), and “325” (English translation) (for whoever wants to read it). You could have found it as well on the super-blog, “CONTRAINFO” until they realized that they made a mistake and then deleted it. The other blog, like the sheep they deny being, took it as being authentic on the basis of having been published on the “reliable source” Contrainfo (ha!), just as the “preliminary note” says on the Spanish blog, “Voz como arma”:

“I republish from Contra Info this communiqué signed by the Heriberto Salazar Pack of Saboteurs – FAI / FRI, which criticizes from some place in Chile the so-called, ‘eco-extremist tendency’. In particular, the issues center on indiscriminate attack, and the distinct insults and threats from these factions against the wider anarchist scene.”

It seems that these dumb sheep dressed in wolves’ clothing have fell hook, line, and sinker for the words of this “Pack” of police. All the latter had to do was start saying bad things about eco-extremism, as some time ago the same people decided to publish the communiqués of Reacción Salvaje (for example) and say in their boring “preliminary notes” that they didn’t agree with the texts but they did agree with the attacks. Thus we ask, why did you publish the RS communiqués if you didn’t agree with them? That’s a sign of your negligent “positivity”, your solicitous and promiscuous attitude, a lack of analysis and your suffocating inclusive modus operandi. Then we noticed again that you call yourselves, “Voz con arma (Voice with Weapon), with good reason because your words are toxic and they can be used as a biological weapon.

The fact that Contrainfo deleted the suspicious communqiue confirms for us the doubts as to the origin of the text, and that we aren’t just being paranoid.

What a shame that these “important” blogs within militant virtual circles, which make “important” interventions for “libertarian theory and praxis,” don’t have any filters and publish any shit that pretends to be or is signed by FAI-FRI even when it’s actually COPS or REPRORTERS who wrote it. What a shame that they can’t distinguish “critical comments” from poison like that.

The police are so obliging that you mistake them for comrades? But you aren’t so obliging with the eco-extremists, since those at “Contrainfo” didn’t publish the Seventh Communique of ITS nor the Indiscriminate Faction’s communiqué taking responsibility for the assassination of the IPN computer science student, or the presentation of the now-defunct “Tierra Maldita” blog (which should be mentioned was sent multiple times). And for obvious reasons you probably won’t publish this either. Nevertheless it’ll be in the inbox of Contrainfo as well as the other blogs (wink).  We get why they haven’t published the latest eco-extremist texts, since we looked over again their “Conditions for publication”, and one of the points reads, “only that which conforms to limits of decency and respect for human dignity, personal information, equality of the sexes and of all human beings will be published.”

Eco-extremists definitely are neither decent nor do they respect the humanist values that are implied in that condition, and they spit on the equality of the sexes. That is to say that eco-extremists have been “EXCOMMUNICATED” by Contrainfo!

We’re not saying that they have to publicize the controversial words and acts of eco-extremists just because they are emailed to them or they have to do it by force. No, but for fuck’s sake, everything signed “FAI/FRI” is published without even reading it? That’s a damn shame, because it would seem that any idiot who wants to stir up shit in a communiqué will have a place to do it in the blogs of “counterinformation” if they just stick as “FAI/FRI” at the end of it. What a bunch of dumbass motherfuckers!

It’s sad that they are so bewitched by those acronyms, which are important to many anarchos, that they are manipulated by people coming out of the woodwork who want to poison the well of many radical circles.

Sure, anyone can make the mistake of publishing such idiocies as those of this “Pack”, but the thing is that they won’t even fess up to doing it, at the very least. It’s to be expected that, if they fuck up publicly, they can at least admit that they made a mistake, right?

*Does this type of anarchist remember anything?

A similar story occurred some months ago, the same thing but with a few changed details.

This was the supposed criticism that was signed by the “Colectivo Libre Observador (CLO). Some will remember this, if not, we will refresh your memories.

The campaign of the “Black December” having ended, CLO published a defamatory communiqué entitled, “Criticism of the Gray December”. In this communiqué the CLO came out of the militant campaign sowing doubts and distrust in anarchist circles. At the end of it they expressed their doubts and also invited various “comrades” to question the actions of other groups, among them the “Kapibara Group”, a group of fierce eco-anarchists who we sympathize with. In other words, they wanted to point the finger at these groups accusing them of being “cops”.

On the scene then arrived the again the anarcho-pleasers who administer the “Instinto Salvaje” and Contrainformante” blogs. With the same incompetence and unwillingness to read or analyze what comes to them or what they publish, they uploaded the CLO text on their sites. This created a series of discussions, criticisms, and polemics within anarchist circles, the same as what is happening now with the stuff from the “Pack”.

A group called “Uncivilized Southerners” published its own sharp polemic against the CLO entitled, “Against the Calumnies of Civil Anarchism”, which concludes as follows:

“We believe that this defamation against this group also attacks those individuals who embrace eco-extremist practices against civilization and progress. These are having increasing relevance in the lands of the south with the emergence of various individuals opposing technology. These idiotic words (halfway down) by the “free thought collective” show nothing more than their fear at the heightening of the conflict. They assume the role of defaming all that is not in accord with their anarchist principles, while labeling as ‘terrorist’ all those who diverge from their ideal (though ‘terrorist’ is a compliment in our eyes.)”

They should know that the war against civilization and its supporters will not cease, on the contrary, we will make sure that our acts horrify those who continue to defend the ideals of justice and social equality, as well as those who defend anarchism. Here we make a distinction between that and anarchy itself.

We are putting the pressure on so that the conflict takes a continually extremist direction in the name of all that is wild. We will ensure that the ideas and acts of ecological radicals spread and continue in the southern lands.”

It was a surprise to many when this same group (Uncivilized Southerners) took responsibility for the attack on the Transantiago bus, adopting the acronym “ITS”, in an internationalization of the eco-extremist project into South America.

Other anarchists who took positions against the CLO were “Sin Banderas Ni Fronteras”, who issued their own communiqué entitled, “On Black December and police tactics to poison us with doubts and distrust,” in which they wrote:

“No one in these months has issued ‘reflections’ which have come from those addresses. However, the blog, ‘Instinto Salvaje’ and the Facebook page, ‘Contrainformante,’ published the text, ‘Against the Gray December” and opened the door for validating those who have been sending the calumnies and detractions previously mentioned. Instinto Salvaje retracted the text from their blog, probably since people pointed these things out and criticized various counterinformation projects, including the one to which we are presently writing.”

Thus when we write, “the ones (Instinto Salvaje and the Contrainformante blog) with the same idiocy and lack of reading comprehension of what they read or of what comes to them,” we aren’t mistaken, since these two already have a history of not checking the texts that come to them, allowing this poison to spread in radical circles.

And in this case, the same thing happened with the “Pack”. They got wind of the dispute between the anarchos and the eco-extremists, and used it to spread their defamatory message by taking advantage of the lack of reading comprehension and ignorance of eco-extremist texts (a common trait shared by many anarchos). This meant that more than one of them would fall for these lies and even sympathize with the shit that the “Pack” was spewing, as one can read in the “Voz como arma” page.

Those of the “Sin Banderas Ni Fronteras” affirmed the following in their previously mentioned text:

“Already in 2012 the ex – Chief of the National Intelligence Agency of Chile, Gonzalo Youseff, announced that they had begun a campaign of ‘poisoning’ due to their difficulties in infiltrating anarchist cells. He stated:

‘Among the departmental techniques to inhibit political violence are collaboration with police, increased hostility from the judiciary… and internal poisoning by spreading distorted information given to anarchist cells so that, for example, distrust is spread among their members’. (Gonzalo Youssef in an interview with the newspaper, “La Segunda,” December 2012)”

Let’s remember that the police paint all “radicals” with the same brush: anarchists, feminists, occupiers, eco-extremists, etc. For them, we’re all the same. They use this strategy to counter those who seek to undermine societal order, no matter what ideological orientation they claim. It’s a pity that those who are in charge of publicizing actions on anarchist blogs don’t get that this is what is going on. Through their negligence they end up assisting the police in spreading their poison in radical circles as the author of the above cited text indicates. We also feel pity for the cell that issued its polemic against the eco-extremists (the ones who attacked the La Cisterna bank), which was cited by the poisonous communiqué of the Pack.

To conclude this point, we will mention the last paragraph of that same text:

“To conclude, the problem isn’t that the police or dumb people send fake messages to try to deceive us. Today it could be ‘Libre Observador’ and ‘Rodrigo Opazo,’ but tomorrow it could be another message with the same intentions.”

2.THE “PACK” ARE ANARCHISTS OF THE MOST “RADICAL” TYPE:

Or maybe they really are anarchists (who act like police or reporters) who wrote that communiqué and we are just being paranoid. And knowing that there are anarchists who are very close to these positions, as well as the fact that various anarchist blogs have published their communiqué without reservation, and it’s still up on their sites today, we should take them at their word. We will examine this position below.

*Analysis

We thus proceed to review the communiqué that this “Pack” issued. They wrote:

“(Herp derp) These are so-called eco-extremists who shout coolly ‘death to anarchy’ thus disowning their own origins and formation, the idea following which they used to take nourishment from the warriors of the urban guerrilla of the past and the present, and then they went on to emphasize certain aspects that have always been within anarchy and its struggle for the liberation of humans, our brothers the animals and the earth.”

First of all, eco-extremists have NEVER stated or indicated that we support the defamatory slogan, “death to anarchy” (death to civil anarchism, SURE). Maybe the members of the “Pack” were stoned or drunk when they read something about eco-extremism and that’s what they understood. That seems far more likely of an explanation.

They say that we deny our anarchist roots, something that is false since eco-extremists have always at every opportunity pointed out anarchists who we identify with in the past and the present. We’ve never denied our start as eco-anarchists, and on the contrary, we are proud that we came out of that scene. The thing is that we have made our own path out of it.

This “Pack” of stoners wants to damage our relationship with the few anarchist to which we maintain some affinity. That’s not going to happen, since TRUE anarchists can read the bad intentions of the “Pack” which only have the potential of getting either our people or theirs thrown in prison.

They continue:

 “Being extraneous to the constant tension we want to keep and to our struggle to make anarchy alive, a certain self-proclaimed eco-extremist sector is throwing away the libertarian ideal that manifests itself in the insurrectional struggle.”

If the ideas of the “Pack” defends are to poison our relations, talk shit, and then hide behind the “FAI/FRI” designation, and these symbolize the “libertarian ideal”, for certain we’ll toss these in a trash heap so that we can spit, piss, and shit on them as appropriate.

Continuing:

 “A certain small group linked to the imaginary category of ‘symbolic populations’ and musical/countercultural university areas (they disown university but they attend it… and they study the subjects they hate so much), despise the human animal and therefore see the enemy everywhere.”

What the hell is this? Is this an accusation? This paragraph is irrefutable evidence that the “Pack” is a police front that is trying to get some benefit out of the “dispute” between some isolated anarchists and eco-extremists, in order to strike out at the terrorists or whoever.

If these anarcho-police want to look for the eco-extremists in the universities, let them look. For certain we’re studying nanotechnology or communications in order to work on NatGeo Wild, that’s for sure.

In order to point out more groups, the “Pack” states:

“7 years after Mauricio Morales went away we greet warmly the Manada de Choque Anarquico Nihilista for their cool and intelligent insurrectional actions during the demos of May 1 and April 21, when they gave yet another proof of the importance of the coordination between people in affinity.”

What does MCAN have to do with any of that?

In conclusion they state:

 “We also greet the warriors of the Célula Revolucionaria Paulino Scarfó (FAI-FRI), who in their claim of an attack on the Banco Santander in La Cisterna wrote: ‘Attack has its ethics and is not indiscriminate; we embrace incendiary actions and we don’t agree with what is being said around.’

It should be remembered (again) that the CRPS (FAI-FRI) was the first “cell” in this block of three “cells” that directly and indirectly positioned themselves against the eco-extremist attacks. They should be thanked for drawing the attention of the security forces of the State (which they hate so much) on this “dispute. No doubt the police will greatly benefit from all of this.

The responsibility of all of this has been on both sides: our responsibility as we have responded to them, and the responsibility of those who have published the calumnies of the “Pack”. But the people who got the ball rolling were there anarcho-cops. It should be remembered that when you play with fire you will get burned.

This is the first and the last time that as Maldición Eco-extremista we comment so extensively on this shit. We don’t want to give more fodder for more confrontations nor acknowledge the acts of the most puritan anarchists of the southern part of the continent. Or keep responding to the trolling of police playing anarchists. This latter action was necessary to make themselves visible in virtual anarchist circles where there are few who are truly analytical. It could even be said that intelligent anarchists with a publication project are an endangered species, such as those few who did not publish the “Pack’s” communiqué knowing what we have described above. Many pages of “counterinformation” fell for the trap, even those of similar ideological trajectory in foreign countries (325, CAN-Italy, etc.). The latter sites don’t know anything about this shit and were tripped up by their own ignorance. But here we say that they were just as culpable as the Spanish language “counterinformation” sites.

We also recall here the whole past drama back in 2011 when ITS began to publish its communiqués publicizing its terrorist actions in Mexico. At that time, many anarchists in the region were beside themselves once they found out about the situation. They couldn’t believe that a group like that could exist. Many blogs just ignored ITS (in particular, saboteamos.info), and a bunch of anarcho-Zapatistas even made a video where they drew the conclusion doubting the existence of the eco-extremist group. They stated in particular that ITS was a “front group” created by the Mexican army, that they were fascists, that they were agent-provocateurs of the PRI (the governing party) and the CIA to unleash repression on the poor “social movements.” They also stated that ITS was an “anti-anarchist group of the left” and a bunch of other laughable things. In their exasperated reasoning and desperation for someone to believe them, they were almost to the point of saying that ITS was a puppet group of alien reptiles trying to take over the world (?) They said many things at that time, but ITS always responded with attacks and by continuing the project up to this day. That is the situation as it plays itself out in Chile, Argentina, the United States, business as usual…

Thus, having thoroughly gone over and exposed the supposed “critique” of the “Pack”, we conclude by asking these anarcho-cops: What did you think you would gain by this communiqué? It doesn’t scare us. Do you think it will make the Eco-extremists stop their attacks? Do you hope to demoralize us and that we retreat? That’s not going to happen. It’s true that the poisoning of the anarchist milieu took place just as the ex-chief of the National Intelligence Agency of Chile predicted, thanks in large part to the same anarchists who have fallen for it because certain “counterinformation” sites have dropped the ball. Before this situation all that there is left to do is be intelligent, sniff things out and be aware of the enemy dressed up as a critic. Some anarchists have shown themselves to be imprudent and have jumped to erroneous conclusions. They are unable to recognize their mistakes which is why they are bogged down in the mire in which they find themselves.

We are certain that some of the publishers of these “blogs” will read what we wrote above and reflect on this situation and their role in it. Others will double down and continue to swallow the poison that comes down to them from the “spheres of power” (putting it in terms that they can understand).

-(Gringolandia) Speaking concretely, we can divide the criticisms of the “yanquis” into various groupings. The most significant for our purposes is the response from U.S. anarcho-primitivism, which has a broader influence on eco-radical circles. Specifically, John Zerzan has accused eco-extremism of being “nihilist” and “postmodernist”. “Nihilist” presents us with no problems whatsoever since we have nihilist buddies, specifically in Italy, and we’re proud of our affiliation with them. But leaving aside that particular calumny, Zerzan excommunicates eco-extremism for its use of indiscriminate attack and its lack of respect for leftist values. These values have a special place in the heart of the old hippy even though he proclaims himself to be “post-left”. His leftism is anything but “post-”. According to Zerzan, we have to have “hope” that 7 billion people will unite in one accord to dismantle the economic, political, and social system that sustains their existence, and that they will do this more or less peacefully. (“The future primitive”) But in pointing out that this is an impossible fairy tale, we are condemned as “nihilists” (as if that word was offensive to us, LOL!) and cast out of the flock of U.S. green anarchism, with all of its resources and professional websites (we mention here Anarchist News among others).

In the end, Zerzan wants to destroy civilization in the physical realm without destroying the values on which it is based. This really means that no one will do anything save for supporting the same mischief of anarchist kids with Daddy issues, and any act of resistance amounts to the same “creative destruction” that is characteristic of any given civilization.

Civilization destroys Wild Nature, sure, but you still have to respect the concepts of innocence and guilt, morality and solidarity because… well to tell the truth we don’t know why. Of course, you can question language and “symbolic thought” (as Zerzan and his acolytes do) but civilized morality is sacrosanct for them.

Then we have the phlegmatic U.S. nihilists. The ones who are cooler than anyone else, the popular kids of the class, who reject all action a priori since they don’t want to make a mistake and by that be considered “moralists” or anything like that. We applaud their egoism, but we are a bit confused as to why their nihilism always ends up doing nothing, supporting nothing, but criticizing everything. It should be mentioned that some even support eco-extremism (with reservations, of course). Maybe one day they’ll even pass over to our side, little by little. All we can say now is that, for being such nihilists, they sure have the certainty to be super-critical of everything that crosses their path. If they really believe in nothing, maybe they can leave us alone, right?  Or is it the case that they wear their nihilism like designer clothing which makes them special snowflakes but means nothing more than producing books that change nothing, but hey, it sure feels good publishing them…

In general, we don’t know if we are translating things into Mandarin instead of English, because it seems that people up there are only reading what they think we are saying, and not what we are really saying. It’s almost as if the “hard sayings” traumatize people since they don’t square with the modern liberal mind (we mean “liberal” here in the classical sense). Just to be clear: we eco-extremists aren’t searching for reasons to attack, because we don’t need them. If you need them, you’re part of the problem and not the solution. Your needing a “reason” is domestication if it’s anything at all. And eco-extremists already know that trying to find ways to include the masses in what we do is a waste of time. That the anarchists rack their brains trying to include them in a “winning strategy” perplexes us to no end. If history teaches us anything, it’s that the masses will never change the world. If that’s the case, does that mean you’re going to stay home and twiddle your thumbs because nothing can be done? Are you going to wait for the masses’ or democracy’s permission to attack?

The strategy of attack in the here and now comes from the premise that society does not exist nor can it, at least how anarchists conceive it. In truth, society is merely a grouping of confused human animals dominated by interlocking webs of power with the aim of augmenting human power as an end unto itself. In that sense, these human animals are only “talking tools” in this process. Collective agency, as Chahta-Ima points out in one of his essays, is an illusion. What’s more, to try to spread ideas like “liberation” or whatever other stupidity in the masses is trying to destroy the machine with its own logic. In these attempts, the machine always wins. The machine has ways of transforming any given project for “liberation” into a method of strengthening domestication against Nature.

Thus, eco-extremists don’t care about society, and only take it into consideration to the extent that it is destroyed under its own weight or by entropy. We are on entropy’s side. Civilization with its ideas about equality and self-determination don’t impress us. If you don’t want to use the term “Nature” here you can use “entropy” or “chaos” instead, they’re all the same thing. All civilized order is a threat to Nature: that’s the way it is, it’s always been this way, and it always will be. From the cradle, we are trained to love that which isn’t good for us, to do things we don’t want to do, and think things that are foreign to our interests. We applaud any behavior that attacks that slavery; domestication in which the animal, the plant, the forest, and the river don’t exist for themselves but rather are manipulated to serve the Idea of Civilization: of control, security, innovation, progress, and, (why not?) liberty, equality, and fraternity. For us, the love of specific wild places with which some of us have an extensive personal relationship, but also the wildness within ourselves, the complete rejection of domestication and society, all of these are the only things that we hold dear. What’s more, they are the reason behind our rage which leads to the indiscriminate war against society.

The reality is that eco-extremism is expanding. From a tendency that only existed in North America, it has spread into South America, and allied Nihilist Terrorist groups are multiplying in Europe.

Because Nihilist Eco-Extremism is not only the explosives of ITS in Mexico, Chile, and Argentina; not only the bullets of the Indiscriminate Faction piercing the brain of the techno-geek; not only the nonchalant terrorist attitude of the “Guamera Eco-Extremist War”; not only the polemical words of Revista Regresión and Chahta-Ima; not only the Indiscriminate Attacks of the Memento Mori Nihilist Sect in Italy; not only the translations of “Místico y Maldito”, “Nechayevshchina,” “Palmer Amaranth,” and others… no. Eco-extremism is the armed resistance of Amazon tribes in their war against the logging, oil, and mining industries; it is the arrows of isolated tribesman fired at helicopters in Africa; it is the continuation of pagan belief which resists total Christianization; it is the resistance of the individual against domestication manifested in criminal activities;  it is the tornado, the earthquake, the fierceness of the last coyotes, the hostility of elephants, the bee who stings and lets loose her stinger before dying. Eco-extremism is the violent defense of the same Wild Nature: her reaction, her answer, her power.

You can jail, finger, defame, or even kill all of us eco-extremists as well as all of the Nihilist Terrorists who have declared themselves our allies, but the War will continue, even if under another name, or even as something nameless…

We end with these words of a known and controversial imprisoned anarchist whose name needs no mentioning. We recall here his powerful words to demonstrate that the era of “good feelings” has ended, and that killing and terrorist indiscriminate violence against civilization is now underway:

 “To those critics, judges without gavels who judge and criticize those who entered that church, I send my infinite hatred. From here and not from anonymity I say that I consider them my enemies. They are the same as those who sat in judgment (if not exactly the same) against those who put planted an explosive device in a house in the La Reina neighborhood in 2011 (which unfortunately didn’t explode), and that threatened to blow up a school. The same as those who sat in judgment of an action in Macul con Grecia in 2013, where they threw Molotov cocktails at a Transantiago bus that ran their barricade and where people from the bus were “affected” by the vengeful and beautiful fire. They are as idiotic as those who claimed to be the “Macul Blockade” arguing that those who attacked the bus weren’t the real blockade, ha! For sure some miserable university folks criticized. They are the same as those who criticize / criticized (even from other parts of the world) the bomb in the Metro Military School in 2014, where many bystanders were wounded and a woman “suffered” the amputation of her fingers; and some months later she would parade her mutilated hand on television. They are the same as the judges who cried for the death of those who lit a bank on fire during a demonstration in Greece, which resulted in the bank being reduced to ashes with three workers inside. We could go on giving a thousand more examples. I shit and piss on all of those judges without gavels. I expect for the common citizenry that an infinite number of bombs explode among them, since “filthy citizen life is not only found in the barracks.” I am against civilization and in the citizenry / humanity I find the most civilized target (myself included).  These are the ones clinging to progress and who devote themselves to destroying the untamed, all for the filthy and disgusting plastic called money.

Long live individuality! Strength to those who conspire!”

 

In the spirit of attack:

Maldición Eco-extremista

Öme Archival Group

Místico y Maldito

Chahta-Ima

Yoloxochitl

LA NOSTRA RISPOSTA È COME IL TERREMOTO… PRIMA O POI ARRIVA

Traducción al italiano de nuestra respuesta a las difamaciones de algunos anarquistas e intelectualoides de México y Argentina.

Traducción a cargo de “Via Negationis”.

http://abissonichilista.altervista.org/la-nostra-risposta-terremoto-arrivaprima-parte/

¡Muerte al anarquismo humanista y civil!

¡Vida a los grupos eco-extremistas y nihilistas terroristas!

*Trabajo PDF con este texto en inglés, español e italiano:

https://mega.nz/#!F11XzLiI!PJ00zI-u9kkMp0TInQm9kXhTcF_S_SL6BfrQU5F1_Bc


Nota preliminare: Questo testo è scritto con una forte dose di sarcasmo e ironia, la discrezione è consigliata.
Nota preliminare 2: Questo testo non è destinato a essere il tipico “invito a un dibattito”, né un “contributo con idee allo stesso”, di cui ultimamente sono state ammantante le critiche distruttive, questa è un risposta scorretta e un offesa nociva degli Eco-Estremisti che gestiscono questo blog, per quelli che gli gettano tanta merda.
Nota preliminare 3: Torna a leggere la “Nota preliminare 1”

Per gli atti e le parole degli Eco-Estremisti -fin dall’inizio-ci sono state critiche inconcludenti da differenti correnti di pensiero,e c’è da segnalare che molto poche di esse hanno come vero fine, proporre e migliorare, dal momento che la stragrande maggioranza sono “critiche giudizio”, le quali si dedicano ad attaccare o diffamare; in questo testo, andiamo a esporle e cercheremo di dare una risposta precisa, e dire che ci accingiamo nel “tentare” qualcosa di pretenzioso,dato che sembra che i testi degli Eco-Estremisti siano scritti in uno strano tipo di geroglifico, poiché è evidente che essi sono incapaci di capirlo, o che, forse sono affetti da qualche grave ritardo mentale, qualunque cosa sia,iniziamo…

“Quelli che ci prendono di mira, sono quelli che ci ammirano di più”
T.

A) Sul blog

Come abbiamo già detto in precedenza “Maldición Eco-extremista” non è un blog inoffensivo, non abbiamo la pretesa di essere un sito di informazioni che elude alla discussione e non ci interessa ripetere il seducente vizio di porre delle note preliminari in differenti testi esponendo il nostro “disaccordo” con tale o quale questione, se il contenuto di un testo non ci convince semplicemente non lo prendiamo in considerazione.

Non pubblichiamo critiche, analisi e rivendicazioni che odorano di “radicalismo” con la rispettiva “nota chiarificatrice”, solo per seguire l’idea-standard della maggioranza dei siti web di “controinformazione”, perché semplicemente non siamo un blog di “controinformazione.”

Affermiamo apertamente che l’attitudine dell’Eco-Estremismo ha un significato di illegalismo,e pisciamo con piacere sulle regole legali e giuridiche imposte dalla civilizzazione. Per questo che nelle nostre note acclaratorie incoraggiamo sempre pubblicamente gli Individualisti a saziare i loro istinti più oscuri scavallando la barriera della “legalità” e di quello che è “permesso.”

Chiaro, questo ha delle logiche conseguenze con i rappresentanti della legge, che già conosciamo ed è inutile ricordale, e come affermiamo, sono conseguenze, reazioni causate dalle nostre Azioni o di altri. Essere la”faccia pubblica” dell’Eco-Estremismo implica responsabilità e una di queste è rispondere a tanta merda che è buttata contro di quello che difendiamo. Non avremmo mai voluto combattere con la stupidità e i gossip, indirette e diffamazioni, ma come dice il titolo del testo “la Nostra risposta arriva sempre, come i terremoti.”

B) Critiche del Messico, Argentina, Cile e Gringolandia, UNITI!

Un buon numero di critiche,da parecchio tempo e nella gran maggioranza anarchiche,vengono pubblicate in differenti blog, riviste, etc.;molte di queste critiche non sono che interpretazioni incorrette e sentenze morali delle parole e gli atti degli Eco-Estremisti, testi cui vale la pena rispondere rapidamente, e per essere sinceri inizialmente quando li abbiamo letti, ci hanno fatto ridere molto:

-(Messico) “Contro l’Eco-Estremismo alla “messicana” scritta da Heliogeorgos Caro (HC), un presuntuoso erudito intellettualoide della Facoltà di Scienze Politiche e Sociali dell’UNAM, che pensa che le sue “conoscenze” universitarie oltrepassano quelle della media degli umanoidi. L’eunuco HC, per quelli che lo ricordano, fu preso a calci in culo varie volte con il testo-critica di Reazione Selvaggia(RS) intitolata, “Abbiamo ritardato: Breve contemplazioni sui commenti accademici di Heliogerogos Caro”, del 18 Marzo 2015.

L’”Hípster Cagón”, esige per il suo testo inutile,una “rivincita”(pffff!), nonostante le ferite inferte dalla risposta spaccaculi che gli diede RS. Povero..

Di questa critica non diremo granché, solo che è mal interpretata, i suoi supposti fondamenti sono inutili poiché non hanno a che vedere per nulla con l’essenza dell’Eco-Estremismo, è una critica fatta da un intellettuale pseudo – matematico che difende a ogni costo lo scientismo, e non c’è nulla di valido in esso.

-(Argentina) Un’altra critica-giudizio è quella esposta nella rivista argentina “Puñal Negro” nel numero 1 di questo anno, col testo “Obiettivi amorali(?)dell’attacco”. Questi anarchici c’ammirano tanto che ci hanno regalato il primo testo nella loro rivista! Wow!
Questi di “puñalnegro” sono un esempio, ma non si inorgogliscano, sono un esempio della brutta interpretazione dei testi degli Eco-Estremisti,nel confondere “Attacco Indiscriminato” con “attacco a caso”, errore molto comune tra le suore dell’anarchismo ed i decerebrati come loro.
Chiaramente gli obiettivi che scelgono gli Eco-Estremisti da colpire, sono OBIETTIVI CONCRETI, non sono a “caso”, come pensano i “pugnalatori”; esplichiamo che: questi gruppi non lasciano dispositivi incendiari nelle case di cartone dei vagabondi o lasciano mine anti uomo nei campi( anche se non è una idea malvagia!!) i gruppi Eco-Estremisti hanno Attentato e Attaccato obiettivi CONCRETI, dando il VALORE affermativo nel NON curarsi delle ferite dei civili che si trovano in mezzo all’Attentato, dell’Attacco. A questo si riferiscono con “Attacco Indiscriminato” e in realtà, è una tattica di attacco millenario, sicuramente i primitivi antenati di “puñalnegro” assassinarono e ferirono brutalmente indiscriminatamente membri di altre tribù durante alcuni conflitti, ma questo tipo di anarchici avvalora solo gli attacchi più “moderni”,quelli che fanno attenzione a non ferire nessun passante indifeso. Spazzatura!

Sappiamo che non sono le stesse condizioni che stiamo vivendo ora, le condizioni nelle quali si districavano i nostri antenati, ma la guerra continua a essere praticamente la stessa, è una Guerra contro l’artificiale, dentro la prospettiva Eco-Estremista. Cosicché incoraggiamo questi anarchici-tipologia a smettere di guardare solo quello che gli conviene, e che vedano oltre le loro narici e se non gli interessa, meglio che stiano zitti.

È comune l’ipocrisia in alcuni gruppi radicali(anarchici), nel riempirsi la bocca con parole in difesa della “vita”, “contro l’addomesticamento”, “contro lo sfruttamento”, in un lungo e noioso blablablá, ma quando un civile viene ferito in uno dei loro attacchi, quello che fanno è, stare in silenzio o scusarsi. La prima è vigliaccheria, la seconda è la prova che se continui ad attaccare in quel modo corri il rischio che un giorno, o in un altro attacco, che qualcuno esca allo stesso modo o ferito e o in fine morto. Cosicché se non vuoi che i rimorsi di coscienza ti uccidano, meglio che ti dedichi a far attraversare la strada a una anziana, o qualcosa di simile.

Gli Eco-Estremisti quando parlano di “Attacco Indiscriminato” affermano che, NON gli importa delle ferite o le morti che possano causare nei loro attacchi, a patto che l’obiettivo sia colpito. Cioè, perseguono un obiettivo CONCRETO. È Semplicemente questo.
Qualcosa di simile a quello che faceva Severino Di Giovanni e il suo gruppo, lo ricordano i “pugnali?” No? Gli rinfreschiamo la loro memoria idiota:

-7 Maggio 1928: Una potente esplosione distrugge parte importante del Consolato Italiano, a Buenos Aires, Argentina. L’obiettivo era il console generale dell’Italia (Puah!), il signor Capani, uno dei tanti uomini di Benito Mussolini. I due anarchici, Severino e Ramé, non potendo entrare fino all’ufficio di Capani, abbandonarono la valigetta con la bomba nelle scale della sede diplomatica. La bomba detonò violentemente, il saldo fu di 9 morti e 34 feriti, 7 dei morti furono fascisti, gli altri due e la maggioranza dei feriti furono CIVILI. Per quest’Attentato il gruppo di Severino fu segnalato e isolato dagli anarchici dell’epoca e etichettati come “banda di violenti squilibrati”. Non viviamo nell’epoca di Severino che lottò Terroristicamente contro il fascismo dell’epoca ma oggi la nuova forma del fascismo è la civiltà e l’addomesticamento, e gli Eco-Estremisti non hanno paura di attaccarla.

L’Attacco del gran Terrorista Di Giovanni è un esempio di “Attacco Indiscriminato”, affinché lo capiscano meglio gli idioti”pugnalatori”. Paragonino questo VERO anarchico con le bande fasciste, lo facciano per il suo agire Feroce e Indiscriminato nel passato, lo facciano e “regrediranno oltre” fino a quando tolse la vita all’anarchico López Arango che tanto gli tirava merda.
Poi i “pugnalatori” continuano affermando: “quello che realizziamo lo facciamo perché lo sentiamo così, non per un richiamo morale o del bosco sacro o nessuna stronzata mistica”
Gettiamo nella spazzatura la bibbia dell’anarchismo e la sua chiesa. Specificamente l’ordine di “senza Dio, né amo”, o “contro ogni Dio.” Senza dubbio sputiamo e pisciamo sul Dio cristiano e la sua religione, che non ci sia dubbio su questo! Noi apparteniamo all’animismo Pagano.
Il nostro Paganesimo crede nei cicli della terra, pertanto veneriamo ed esaltiamo tutto il Selvaggio e l’Ignoto; la Montagna, la Pioggia, il Tuono, il Sole, il Vento, la Luna, i Fiumi, il Condor, il Cervo, etc. Con il massimo orgoglio esaltiamo quello che SIAMO e in quello che crediamo, camminiamo con le nostre DIVINITÀ in ogni momento, come lo fecero i nostri antenati e lo fanno oggi giorno le ultime tribù selvagge che abitano la Terra, aggrappati ai loro Dei e alla loro misticità.
La verità è che in ogni attacco contro la civiltà, gli Eco-Estremisti agiscono posseduti dal richiamo del Bosco Selvaggio, richiamo che li incita all’azione violenta e radicale contro il progresso e la civiltà.

Il Paganesimo Eco-Estremista è Maledetto, Maledetti saranno i suoi attacchi…

Speriamo che con tutto questo, sia chiara ai “critici” la terminologia specifica di Attacco Indiscriminato, poiché se non è così, non è un nostro problema, è colpa del loro basso coefficiente intellettuale. Infine, se la nostra superbia li disturba, o il nostro paganesimo, o quello che siamo e facciamo, semplicemente smettano di leggere i comunicati degli Eco-Estremisti e smettano di visitare questo blog, smettano di essere “giudici senza martello”, smettano di dire che non cercano polemica alimentandola indirettamente, perché noi Eco-Estremisti non rimaniamo mai silenziosi.
-(Argentina, Pubblicazione anarchica “De la propaganda a los hechos” Maggio2016).
Sembra che l’anarchico che ha scritto il testo intitolato “Sulle ITS”, ha inteso in maniera migliore quello che vogliamo dire con la terminologia “Attacchi Indiscriminati”, senza dubbio questa è una prova che, è solo per stupidità e idiozia che alcuni non Hanno VOLUTO comprendere la terminologia e Non perché gli Eco-Estremisti non facciano capire bene quello che esprimono.
Anche se apparentemente quest’anarchico anonimo non ha compreso del tutto alcune cose che lo inquietano,leggiamo:
Per cominciare, è necessario specificare all’autore anonimo che gli attacchi degli Eco-Estremisti NON SONO POLITICI, poiché l’Eco-Estremismo non ricerca né reclama come sue delle posizioni politiche determinate, pertanto gli atti NON SONO POLITICI, allora, per pura logica,neanche i suoi fini lo sono. La maggioranza delle critiche che l’autore anonimo esprime nel suo testo e che hanno a che vedere con “simbolismi virtuali”, “scatenare azioni materiali che colpiscano realmente il progresso”, etc., cadono per il loro proprio peso.
Afferma: “Se si attacca solo per l’attacco in se stesso, non si riesce a sorpassare la linea tra il simbolismo virtuale e quello che scatena nelle azioni materiali il colpire realmente il progresso.”
Gli Eco-Estremisti, nella realtà, con i loro attacchi non protendono per la fine della civiltà, e questo, neanche uccidendo tutti gli scienziati del mondo, distruggendo tutti i posti di lavoro o abbattendo tutti i ponti dell’urbe, pensare l’incontrario è essere illusi. Nessuna azione, anche la più distruttiva ostacolerà l’avanzamento del tecno-sistema e il progresso. Su questo punto siamo estremamente realistici e non dibattiamo se realmente le nostre azioni colpiscono il progresso,è cosi, è la triste realtà e l’accettiamo.

Su questo punto, ci incuriosisce che l’autore del testo è giunto alla stessa conclusione, e afferma: “…le strutture operative della civilizzazione non si possono fermare un secondo per paura dei cittadini, vediamo che dopo questi attacchi i luoghi di sfruttamento rimangono in funzione, e se muore un dipendente, sarà sostituito da un altro il giorno dopo”, e lui ancora critica l’idea dell’attacco disinteressato o “l’attaccare per attaccare”.Sì, noi Eco-Estremisti siamo pessimisti e deplorevolmente ci siamo resi conto che la distruzione della civiltà è impossibile. L’unica capace di generare un danno SERIO alla civiltà e forse annientarla, è proprio la Natura Selvaggia, allora che cosa fare? Incrociare le braccia e sperare? Guardare la civiltà che si espande a destra e sinistra, annientando gli ambienti Selvaggi, senza fare niente? MAI!
Sì, gli Eco-Estremisti scelgono l’attacco disinteressato che non spera in NULLA, e diviene: l’attacco a nome della Natura Selvaggia e contro la civiltà, l’attacco in difesa di noi stessi e tutto quello che abbiamo perso. Ah, e che sia chiaro,è agito anche per il loro EGO, per il piacere inebriante dell’attacco, e non hanno problemi ad ammetterlo. Allo stesso modo firmano i loro attacchi e adottano sigle e nomi propri.

Che sia chiaro, l’Eco-Estremismo non pretende “distruggere la civiltà”, non vuole farla”finita” con il progresso, l’Eco-Estremismo vuole ALTERARE la civilizzazione, COLPIRE al PRESENTE il progresso e DESTABILIZZARE quello che si può destabilizzare, per questo l’Eco-Estremismo si avvale dell’Attacco Indiscriminato e Selettivo, del Terrorismo, del Sabotaggio, dell’Assassinio, delle Minacce, delle pratiche Criminali, etc.

L’autore anonimo scrive sull’ISIS, dice che gli attacchi di questi terroristi nella metro e nell’aeroporto, in Belgio non fermano il progresso: “Vediamo che davanti a questi attacchi, le persone non smettono di dirigersi verso il loro luogo di sfruttamento, né i macchinari smettono di lavorare, se muore un impiegato, sarà rimpiazzato da un altro il giorno dopo.” E ha ragione, il progresso non si ferma davanti a niente, e indubbiamente gruppi come l’ISIS vogliono distruggere la civiltà occidentale per imporre con la forza una civiltà islamica,ma questo che a che vedere con gli Eco-Estremisti?

L’autore continua: “Mentre il capitale avanza a passi enormi per mano degli sviluppi del progresso tecnologico, e la sovrappopolazione mondiale incrementa giorno per giorno, perché dovremmo pensare che attaccare un cittadino e servo ha un’incidenza nell’avanzamento civilizzatore?”
E questo quando è stato scritto nei comunicati degli Eco-Estremisti?
Non si è mai detto che attaccando un cittadino in più , l’avanzamento civilizzato si ferma, perché dire questo, è dire un’idiozia!

In realtà, questa domanda potremmo farla anche noi contro gli anarchici: per quale motivo detonare bombe nelle banche se il giorno dopo l’assicurazione paga i danni e la banca va avanti ? Per quale motivo allora detonare bombe nei commissariati, se gli arruolamenti non si fermano? Per quale motivo allora appoggiare gli anarchici prigionieri se la solidarietà non diminuisce la condanna per ottenere la loro “liberazione?” Per quale motivo allora pubblicare critiche in formato PDF con nomi pomposi, se la maggioranza del discorso cade per l’ignoranza dei suoi autori anonimi? Per quale motivo allora “lottare”, e “tensionar?” Per quale motivo allora l’anarchia?

L’autore anonimo continua con le sue domande idiote affermando: “Perché ricorrere al simbolismo del terrore contro di quelli che pensano solo di vegetare e deambulare, quando potremmo pensare ai biotecnologi, e alle grandi strutture che danno energia alla città?”

L’idiota in questione pensa che la civilizzazione e il progresso, siano solo le centrali elettriche e gli scienziati, OVVIAMENTE No, la civiltà è perfino il magazzino del quartiere. Certo non è il bersaglio degli Eco-Estremisti (per il momento).

Caro Signore anonimo,approfondisca prima di scrivere, perché le sue presunte critiche sono essenzialmente povere di argomentazione; e osiamo affermare che le sue parole non sono che “critiche” vestite da “buone intenzioni” per radicalizzare il discorso da portare avanti,con l’uso di un linguaggio tecnico “specializzato in anarchia”, ma che sono solo realisticamente critiche distruttive e diffamatorie. E benché non c’importi affrontare queste sterili critiche, lo diciamo senza sotterfugi.
L’autore anonimo fa una critica al significato della parola “asociale”, noi gli Eco-Estremisti affermiamo che SI, TUTTI SONO I NOSTRI NEMICI, tutti gli ipercivilizzati, TUTTA la massa, la cittadinanza complice, la civiltà nel suo insieme. Perché credi autore anonimo, che siamo ESTREMISTI? Perché non avanziamo con mezze misure, e se avessimo il potere distruttivo di assassinare 40 milioni di persone nel tuo territorio o in altri,distruggendo l’infrastruttura che mantiene la civilizzazione, lo faremmo senza pensarci due volte.
L’autore anonimo domanda anche “Allora asociale sarà qualunque azione che attenti contro un passante o un lavoratore? O solo le azioni che sono classificate sotto il titolo dell’essere “selvaggio”?
Rispondiamo, non necessariamente, un attacco meramente e realmente asociale risponde puntualmente a un atteggiamento di odio, vendetta, reazione, etc., contro i valori della società, contro i suoi simboli, e contro i suoi membri, e non necessariamente cadrebbe in un attacco misantropo.
Anche così sembra che l’autore ha un computer ma non un dizionario, poiché non sa qual è la definizione della parola “asociale”. Avendo un dizionario in mano l’aiuto affinché smetta di dire le sue tremende cazzate:

“Asociale: 1 – Che è contrario alla società o dannoso per essa. 2 – Che ha difficoltà con la vita in società o sente rifiuto verso essa.”

Ma se è tanto semplice da capire,oh!

Celebrando la sua “vittoria”- auto ingannandosi-come quello che ha i “numeri” con le sue critiche di merda, l’autore sembra che tenga “Il toro per le corna”,e etichetta la nostra tendenza come moralista, perché a lui sovviene che le ITS usavano il lemma “ La Natura è il bene,la Civiltà è il male”.Ricordiamo di nuovo a quest’anarchico che il lemma in questione non è stato più usato dalle ITS nella loro nuova fase (2016).Quest’argomento non è più applicabile, e la smetta se vuole criticare il materiale di 5 anni fa.
Le ITS non hanno mai più usato né quel lemma, né il termine “libertà individuale”, né le “x” per designare generi,né nessuna di quelle brutte abitudini al principio dei loro primi comunicati.Raccomandiamo all’autore anonimo di leggere di nuovo i comunicati delle ITS, stando dietro all’evoluzione tanto dell’Eco-Estremismo, come delle ITS e degli altri gruppi, per non tornare a sputare cazzate che ingannano e confondono i suoi lettori.
Questo ignorante continua a domandare, “o affermiamo che nella natura selvaggia esiste la misantropia, lo odio, la ribellione o la guerra?”
Rispondiamo NO nella natura selvaggia non esiste né la misantropia, né l’odio, né la ribellione ma LA GUERRA E LA VENDETTA SI, e raccomandiamo di nuovo all’autore anonimo che passi più tempo lontano della città, e più tempo in contatto con la natura, senno non capirà quello che abbiamo scritto.
In più, non volendo naturalmente essere ripetitivi, gli raccomandiamo che impari a distinguere tra “chiamate di avviso” e “minacce”, prima di dire che le ITS si sono contraddette anche in questo.

Con questo terminiamo la prima parte di risposte come redattori di questo blog, nella seconda parte attaccheremo le reazioni in Cile e in Gringolandia
Alla prossima…

Continuiamo!:

-(Cile) Non c’è alcun dubbio che l’Eco-Estremismo, dopo l’avvento nel sud dell’America,è diventato un fastidio, tanto che “alcune” cellule anarchiche hanno eretto un dramma “esigendo”(in maniera indiretta e diretta) dagli altri anarchici che fossimo scomunicati dalle loro chiese per blasfemia. Queste suore incendiarie hanno vari nomi, ma è quasi evidente che sono sempre gli stessi paraculi. Nel loro paracularsi, abilmente all’interno delle sigle della Federazione Anarchica Informale (FAI), emettono comunicati pubblicati da vari blog di una certa importanza dentro i circoli anarchici. Voi sapete di che blog parliamo, pezzenti, non vi salvate dalle nostre critiche! Continuate a leggere allora.
Il Primo di Febbraio (qualche settimana dopo il feroce Attacco Incendiario che colpì un “Transantiago” con tutti i passeggeri dentro, in piena luce del giorno e che fu rivendicato dalle ITS nel loro Terzo Comunicato, esponendo ed espandendo il proprio progetto internazionale) la “Célula Revolucionaria Paulino Scarfo (FAI/FRI)”,che aveva realizzato un attacco incendiario contro una banca(tipico bersaglio anarchico), emise un comunicato composto dal solito “copia e incolla” con i seguenti requisiti: i dati del loro attacco, le “ragioni rivoluzionarie” che sono intoccabili come il manto di Cristo, e in specifico due cose che ci hanno lasciato sorpresi;

Uno fu quello scritto nel seguente modo:

“(Blablablá…) “Nella prospettiva rivoluzionaria di concepire il confronto con il Potere e l’Autorità, ci allontaniamo da qualsiasi discorso che cerchi di promuovere l’Attacco Indiscriminato e la visualizzazione di una persona qualunque come un obiettivo da attaccare e uccidere. Come base illimitata delle nostre azioni, cerchiamo di evitare danni a terze persone che circolano per caso vicino al bersaglio del nostro attacco, fermo restando che tutta la pianificazione- oggi -è coerente con la destinazione di un obiettivo materiale. L’attacco ha la sua morale e non è indiscriminato, abbracciamo l’azione incendiaria, ma non condividiamo il discorso nella sua propaganda”.
Per quelli che non parlano l’idioma “rivoluzionario anarchico”, la traduzione è questa:

“Non capiamo un cazzo di quello che gli Eco-Estremisti affermano sul “Attacco Indiscriminato”, ma dato che è una cosa”cattiva”, cosicché non lo condividiamo, perché non rientra nell’assioma del rivoluzionario, né da guerra sociale, né per la solidarietà ai carcerati, né per l’ insurrezionalismo, né per la FAI, né “contro tutte le autorità.” Il nostro attacco incendiario contro la banca Santander fu un attacco esemplare, così come si deve fare un attacco! Noi predichiamo con l’esempio! Noi siamo moralmente superiori, perché abbiamo una morale non come gli Eco-Estremisti, ma non li menzioniamo direttamente perché siamo codardi. Se nei nostri attacchi, venissero ferite persone innocenti,ci dispereremo,non è che vogliamo essere giudici ma giudichiamo il discorso emesso dalle ITS-Cile che si sono responsabilizzate per l’incendio contro il Transantiago con delle persone dentro.”
Che patetici…

La seconda cosa per la quale, siamo rimasti sorpresi è che, questi anarchici non hanno vergogna, (benché ammirano chi ha un atteggiamento “sfacciato”), nel battezzare la loro “cellula” col nome di Paulino Scarfó!!
Ci siamo fatti una grande risata quando abbiamo letto questo, apparentemente queste suore “anarco- tira merda”, con le loro allusioni e il loro gran senso dell’umorismo, non sanno quello che fece l’anarchico Paulino Scarfó-membro della feroce banda Indiscriminata e degli anarco-banditi di Di Giovanni-a suo tempo. A questi anarchici necessita leggere e “bagnarsi” nella storia degli atti Terroristici dei VERI anarchici del tempo. È certo che Scarfó si sta rivoltando nella tomba nell’apprendere che il suo nome è stato usato da alcuni anarco- ben pensanti che hanno cura per i cittadini-modello e che lanciano allusioni contro i Terroristi a cui non importa ferire gente pur di centrare il loro obiettivo.

Molti furono gli attentati che eseguì Scarfó, ma in specifico ne menzioniamo solo uno:

-20 gennaio 1931: Tre potenti esplosioni detonano in tre stazioni differenti dei sotterranei a Buenos Aires, Argentina. Paulino Scarfó abbandonò una delle bombe nella stazione dei sotterranei di Plaza Once.Mario Cortucci mise un altra carica esplosiva nella stazione Maldonado della Ferrovia Centrale Argentina. E Márquez, abbandonò l’ultimo esplosivo nella stazione “Constitución” I danni furono gravi, e ci furono quattro morti e venti feriti, TUTTI CIVILI. (Severino Di Giovani el ideólogo de la violencia. Osvaldo Bayer. “Sombraysén Editores” / PDF. Página 272.)

È certo che più di un anarchico si stia facendo il segno della croce davanti a questa informazione,negando chiaramente che Scarfó fu uno dei responsabili di quell’Atto Terroristico tanto “spregevole”, “vile”, ” somigliante agli atti dello “Stato Islamico”(come blaterano gli anarchici moderni)etc (molto simile,in realtà, all’attentato fallito del “Grupúsculo Indiscriminato” nella metro di Città del Messico nell’Ottobre del 2015, e che per il quale molti anarchici si spaventarono). Nel mentre che camminano, leggano il libro di Osvaldo Bayer ed investighino,e vedano con i loro occhi che Scarfó fu un Terrorista, un Indiscriminato, un vero ANARCHICO. Speriamo che con questo, si accorgano delle loro parole e ipocrite precauzioni con la popolazione, dato che i loro atti come “anarchici” sono pura spazzatura umanista.

-In Marzo (qualche giorno dopo che i gruppi delle ITS pubblicarono il loro “Quinto Comunicato” dove appariva pubblicamente la loro espansione dal Messico al Cile e Argentina) la “Célula de Individualistas y Nihilistas Anarquicos por la Insurrección Antitutoritaria (FAI/FRI)”, fecero detonare una bomba di acido in una concessionaria delle autostrade, e apparve il loro testo di merda, questo ancora più divertente dell’altro.
Scrissero:

“La storia, il passato e il presente ci mostrano che il germe e l’esercizio dell’autorità si sono sviluppate anche nelle comunità che sono esistite prima della vita civilizzata ed anche si è manifestato e manifesta in gruppi che si sono mantenuti fuori o contro la civiltà. La nostra lotta è per questo motivo essenzialmente ANTIAUTORITARIA. Questo ci obbliga a segnare un’importante distanza con l’auto- denominata “Tendenza Eco-Estremista” che ha difeso l’Attacco Indiscriminato, smarcandosi dall’idea nell’essere “contro ogni autorità” e rinnega la solidarietà internazionale con compagni prigionieri affini nella parola e l’ azione con l’anarchia insurrezionale.”

Per cominciare domandiamo CHE? Chi scrive questo? Questi anarchici -non-anarchici, assomigliano piuttosto a un gruppo di curati che cercano di mascherare la vergine María col manto nero dall’anarchia!
Andiamo a smembrare queste parole in cui essi affermano:
“Questo ci obbliga a segnare un’importante distanza con l’auto- denominata “Tendenza Eco-Estremista” che ha difeso l’Attacco Indiscriminato, smarcandosi dall’idea nell’essere “contro ogni autorità” e rinnega la solidarietà internazionale con compagni prigionieri affini nella parola e l’ azione con l’anarchia insurrezionale.”
La traduzione per questa frase è:

“Questo ci obbliga a noi puristi a non mescolarci con i peccaminosi Eco-Estremisti, quelli che difendono la bestemmia, che si smarcano dall’idea della salvazione eterna, e rinnegano la solidarietà filantropica dell’appoggio al prossimo.”

Non c’è dubbio che questi anarchici sono tanto puritani che sorpassano il limite dell’assurdo.
Dopo avere vuotato la loro merda, dicono:
“Non c’interessa sollevare polemiche virtuali con loro, preferiamo dialogare con i nostri compagni attraverso l’azione.”
Che ridere, tirano la pietra e nascondono la mano, invece di buttare la pietra e confrontarsi. È evidente, questi anarchici moderni non somigliano per niente ai feroci anarchici di due secoli fa. E questo fa male..

Nella frase iniziale scrivono:
“La storia, il passato ed il presente ci mostrano che il germe ed esercizio dell’autorità si è sviluppato anche in comunità che sono esistite prima della vita civilizzata ed anche (sic) si è manifestato e manifesta in gruppi che si sono mantenuti fuori o contro la civiltà. La nostra lotta è per quel motivo essenzialmente ANTIAUTORITARIA.”
Non possiamo provare a fargli comprendere, su questo, che non tutte le forme di autorità sono dannose, perché ovviamente NON LO CAPISCONO. Dovrebbero pensare più a fondo e non fermarsi al vecchio discorso caduco della critica sociale che difendono. Indubbiamente “l’autorità” è esistita in gruppi etnici molto antichi prima di qualunque civiltà, ma sarebbe da chiedersi, per caso è dannosa l’autorità che esercita un leader in una tribù di bosquimanos (per esempio) che insegna e porta cibo ai suoi? Per caso è dannosa l’autorità di uno shaman taromenane (per esempio), che con il suo sapere spirituale e le erboristerie, cura ed allevia qualunque dolore al suo branco di umano selvaggi? Per caso era dannosa l’autorità dei grandi guerrieri teochichimecas, (per esempio), che riuscirono a vendicarsi degli spagnoli sul momento? Se dicono di Si, non c’è rimedio..
Voi siete tanto puri che sicuramente se notate in qualsiasi circolo sociale una sola macchia di peccato, perdono, chiamata “autorità”, la respingete, come i vostri rivali neonazisti, che sono tanto puri (alcuni) che se notano una qualsiasi macchia di peccato, o ancora perdono, chiamato”multiculturalismo”, lo respingono con lo stesso accanimento. L’unica differenza tra voi e gli altri è il “bando” che difendono, e non qualcosa di più profondo.

-L’ultima “cellula” diffamatoria che emise il suo veleno fu la tal dei tali “Jauría Saboteadora Heriberto Salazar (FAI-FRI)” in Maggio. E quando abbiamo pensato che questa e le altre due “cellule” fossero le stesse, ci siamo fermati per analizzare questo comunicato, per paragonare e pensare profondamente su quello che stava succedendo.Cosicché siamo giunti a due conclusioni:

1. I PRESUNTI ANARCHICI SONO REALMENTE POLIZIOTTI:

Su questo comunicato non diremo niente(a parte farci dolere lo stomaco a furia di risate, soprattutto nella parte dove c’è il richiamo a boicottarci come blog, ahahah!), dato che ha generato molti dubbi per la sua origine e le sue pretese. Per lo meno le altre due “cellule” rivendicavano un’azione, questa no. Pensiamo direttamente che possano essere SBIRRI O GIORNALISTI, di questo siamo al 98.99 percento sicuri.
Non lo diciamo per un nostro capriccio, qualunque lettore con un po’ di cervello noterebbe che si è davanti a qualcosa di raro. Leggendo solo le parole che usano, come mescolano termini a destra e sinistra, questo basta per preoccuparci.

*Sui blog che hanno compiuto il lavoro di propagare il veleno poliziesco.

Il comunicato-veleno può leggersi ancora in “Contrainformate blog”, “Voz como arma”, “Instinto Salvaje”, “Croce Nera Anarchica Italiana” (tradotto in italiano), “325” (tradotto in inglese), (per quelli che lo vogliono leggere), e allo stesso modo si può leggere nel super-blog “CONTRAINFO”,che dopo essersi resi conto di aver commesso un errore lo hanno cancellato,errore che ha dato riflesso pubblico al comunicato-veleno, perché altri blog, come agnellini che negano di essere, lo hanno pubblicato (dato che le cose che riporta il blog “Contrainfo” sono “fidate”, pffff!), tale e quale come dice la “nota preliminare” del blog spagnolo “Voz como arma”:

“Raccolgo da Contro Info questo comunicato firmato “Jauría Saboteadora Heriberto Salazar – FAI/FRI” e che espone da qualche posto del Cile una critica alla denominata “Tendenza Eco-Estremista”, in concreto per le questioni che girano intorno all’attacco indiscriminato, ed ai distinti insulti, minacce e spropositi lanciati da questi grupúsculos contro l’ampio ambiente anarchico.”

Sembra che questi agnellini snob travestiti da lupo feroce, si sono divorati interamente le parole del “Branco” dei poliziotti, e necessitavano solamente un pretesto per porsi contro l’Eco-Estremismo, perché tempo addietro questi osarono pubblicare le rivendicazioni di Reazione Selvaggia (RS), e dicevano, mediante le loro noiose “note preliminari”, che non erano d’accordo col discorso ma con gli attacchi si. Allora ci domandiamo, per quale motivo erano pubblicate le rivendicazioni di RS se non eravate d’accordo? Questo riflette solamente il “buonismo” negligente, la loro attitudine arrendevole e promiscua, la mancanza di analisi e l’attitudine provocatoria e inconcludente. Ci siamo accorti di questo, da quelli che si fanno chiamare “Voz como arma”, poiché il loro discorso è pestilente e può essere brandito come un’arma, in maniera fetida chiaramente.

Il fatto che Contrainfo abbia cancellato il suddetto comunicato, ci conferma che i dubbi in quanto all’origine del testo non sono solo le nostre invenzioni.
Ferisce che questi blog tanto”importanti” dentro i circoli anarchici virtuali, che fanno apporti “importanti” per la “teoria e prassi libertaria”, non abbiano filtri e si prestino a pubblicare qualunque merda che sia simulata e firmata come FAI/FRI benché sia di SBIRRI O GIORNALISTI, e ferisce che non sappiano differenziare tra “apporti per la critica “ e veleno come questo.

Sono tanto compiacenti con i poliziotti che si fanno passare per i loro compagni?

Ma NON sono ugualmente compiacenti con gli Eco-Estremisti, perché quelli di “Contrainfo” non hanno pubblicato né il “Settimo comunicato delle ITS”, né la rivendicazione dell’assassinio di uno studente di informatica dell’IPN perpetrato dal “Grupúsculo Indiscriminato”, né la presentazione dell’estinto blog “Tierra Maldita”, (che fu inviata più di una volta, dobbiamo dirlo), e per ovvie ragioni sappiamo che neanche questo testo lo pubblicheranno,assomandosi ad altri testi nella loro casella mail,non solo di “Contrainfo”, bensì dei menzionati blog(occhio). Abbiamo compreso tutto, (e questo è il perché non sono stati pubblicati gli ultimi testi Eco-Estremisti), leggendo le “Condizioni di pubblicazione”, una di queste clausole dice che: “- [non sarà pubblicato quello che] oltrepassa i limiti della decenza e del rispetto della dignita’ umana, dei dati sensibili personali, dell’uguaglianza del sesso e dell’uguaglianza per tutti.”
No, definitivamente gli Eco-Estremisti non sono decenti né rispettano i valori umanistI nel riflesso di tale condizione, e sputano sull’uguaglianza dei sessi, cioè gli Eco-Estremisti per “Contrainfo” sono “SCOMUNICATI!”Con questo non stiamo dicendo che devono pubblicare le parole e gli atti scomodi degli Eco-Estremisti solo perché arrivano alla mail o che debbano farlo a forza, No,porca puttana! Ma perché tutto quello che ha la sigla FAI/FRI è pubblicato senza che venga letto? Che pena tutto questo, allora quello vuole dire che, qualunque imbecille che voglia buttare merda a destra e sinistra in un comunicato, avrà un “spazio” nel blog di “controinformazione” solo perché si firma come FAI/FRI?

Tremendi coglioni con la figa!

Che pena promuovere tali sigle, tanto importanti per molti anarchici, e che sono manovrate a destra e sinistra da gente che cerca solo di avvelenare certi circoli.
Chiaro, chiunque può sbagliarsi quando pubblica idiozie come quelle del “Branco”, ma la domanda è che se accettano questa merda come se niente fosse, come minimo,si deve sperare, che allo stesso modo devono accettare l’errore. No?

*Questo tipo di anarchici non ha memoria?

Una storia simile si era presentata già alcuni mesi fa, qualcosa di molto simile, solo con minime caratteristiche.
Il tal testo di supposta “critica”-alcuni lo ricorderanno, alcuni no, gli rinfreschiamo la memoria- era firmato dall’intero “Collettivo Libero Osservatore” (CLO). Appena finita la campagna del “Dicembre Nero”, il CLO emise un comunicato diffamatorio intitolato “Critica al Dicembre Grigio”, in tale comunicato il CLO si attaccò alla campagna anarchica per seminare dubbi e sfiducia dentro gli ambienti anarchici, riassumendo,metteva in “dubbio” ed inoltre osava invitare i “compagni” ad esaminare l’agire dei vari gruppi di azione, tra essi il “Gruppo Kapibara”– un feroce gruppo eco-anarchico per i quali proviamo simpatia per i loro atti e le loro parole- segnalandoli come un gruppo di”poliziotti.”
Nella “scena”, entrano di nuovo gli anarco-concilianti che amministrano il blog “Instinto Salvaje” e “Contrainformate blog”, i quali con la stessa idiozia che li caratterizza e la mancanza di analisi in quello che leggono o arriva loro, pubblicano il testo del CLO, atto che apre tutta una serie di critiche, richiami, e polemiche dentro ambienti anarchici, in qualcosa di simile con quello che è successo con il “Branco”.
Per criticare le stronzate scritte dal CLO, un gruppo chiamato “Incivilizzati del Sud” emisero una tagliente risposta con un testo intitolato:”Contro le Calunnie dell’Anarchismo Civile”, che terminava con queste frasi:

“Consideriamo che la diffamazione contro questo gruppo tocchi anche gli individui che abbracciano, le pratiche Eco-Estremiste, contrarie alla civiltà ed il progresso. Che nelle terre del sud stanno avendo un’importante rilevanza. Con la fioritura di diverse individualità contrarie alla tecnologia. Le idiote parole del “collettivo libero pensatore” non fanno che riaffermare la paura che si ha dell’acutizzazione del conflitto, incaricandosi di diffamare tutto quello che non è nel recinto e in accordo con i principi anarchici. Tacciando di terrorista tutti quelli alieni al loro ideale (Terrorista che in tutte le sue forme per noi è un adulazione)Che sappiano che la guerra contro la civiltà e suoi lacchè non claudicherà, tutto il contrario, c’incaricheremo che le nostre azioni inorridiscano chiunque segua imperterrito nel difendere gli ideali di giustizia ed uguaglianza sociale, così come quelli che difendono l’anarchismo- e qui facciamo la distinzione con anarchia.
Sobillando il conflitto nell’acuirsi ancora di più e in maniera più estremista a nome di tutto il selvaggio. C’incaricheremo che le idee e gli atti degli ecologisti radicali nelle terre del sud, si mantengano e fioriscano.
Che sorpresa fu per molti, quando questo stesso gruppo (Incivilizzati del Sud), si responsabilizzò dell’attentato contro il Transantiago, adottando la sigla ITS, nel progetto di internazionalizzazione dell’Eco-Estremismo nel Sud dell’America.

Altri anarchici che si sono posti contro il CLO, furono quelli di “Sin Banderas Ni Fronteras”, che emisero un testo intitolato “Sul Dicembre Nero e le tattiche poliziesche per avvelenarci con dubbi e sfiduce”, e che scrissero:

“Nessuno, in tutti questi mesi, ha diffuso le “riflessioni” che sono arrivate dalle caselle mail del CLO, tuttavia, “Instinto Salvaje” e la pagina di Facebook di“Contrainformate” hanno pubblicato il testo “Critica al dicembre Grigio” e spalancato la porta per avallare le infamie e le calunnie menzionate che vengono inviate. Instinto Salvaje ha tolto il testo dal suo blog, probabilmente per i richiami, le osservazioni e le critiche che alcuni progetti di controinformazione, gli hanno fatto avere, tra cui noi che scriviamo.”

Cosicché quando scriviamo, che “essi” (“Instinto Salvaje” y “Contrainformate blog”), con la stessa idiozia che li caratterizza e la loro mancanza di analisi in quello che leggono o arriva loro,hanno pubblicato il testo”, non ci sbagliamo, perché nella loro storia non c’è mai stata la volontà di analizzare i testi che gli arrivano, permettendo che il veleno si diffondesse dentro i loro circoli o no.

In questo caso,è successo con lo stesso modo-metodo con il “Branco” che si è “attaccato” alla “causa” tra anarchici e Eco-Estremisti e ha cercato di propagare il suo messaggio diffamatorio, approfittando della brutta interpretazione ed ignoranza(della quale molti anarchici sono orgogliosi)dei testi Eco-Estremisti, e facendo si che più di uno si ingoiasse le infamie,sentendosi perfino “affine” alla merda che emise tale “Branco”, come si può leggere in “Voz como arma”.

I “Sin Banderas Ni Fronteras”, affermarono nel loro comunicato quanto segue:

“Già nel 2012 l’ex capo dell’Agenzia Nazionale di Intelligenza (ANI in Cile) Gonzalo Youseff, annunciava l’avvio della strategia di “intoxicaciòn” davanti alle difficoltà di infiltrazione delle cellule anarchiche affermando:
“Le tecniche del dipartimento per inibire la violenza politica in collaborazione con la polizia; la repressione giudiziaria (…) e l’avvelenamento interno attraverso l’informazione distorta fornita alle cellule anarchiche, per esempio, fanno perdere la fiducia tra i loro membri. “(Gonzalo Youssef in un’intervista al quotidiano” La Segunda “, dicembre 2012)”
Bisogna ricordare che gli sbirri mettono i gruppi “radicali” tutti dentro lo stesso calderone, anarchici, femministi, occupanti, Eco-EstremistI, etc. Per essi siamo TUTTI la stessa cosa, e si avvalgono di questo tipo di strategie per beccare i responsabili che destabilizzano l’ordine, qualunque sia l’orientazione ideologica. Peccato che questo non possano analizzarlo i negligenti “addetti” e diffusori degli atti nei blog anarchici, che si prestano a pubblicare e a diffondere il forte avvelenamento del quale parla l’autore del testo citato. Peccato che la “cellula” che lanciò il suo discorso contro gli Eco-Estremisti (quelli dell’attacco alla banca di La Cisterna) -offre quest’avvelenamento- nel comunicato velenoso dei poliziotti del “Branco.”
Per concludere con questo punto, leggiamo l’ultimo paragrafo del testo sopra menzionato:

“Per terminare, bisogna avere chiaro,che non è che la polizia, o la gente stupida che inventa indirizzi mail per tentare di confonderci. Oggi possono essere “Libero Osservatore” e “Rodrigo Opazo” ma domani potrà essere qualunque altro indirizzo mail con le stesse intenzioni.

2. IL “BRANCO” SONO ANARCHICI DEI PIÙ “RADICALI”:

Bene, se sono anarchici (anche se sembrano sbirri e o giornalisti), quelli che hanno scritto il comunicato, allora siamo noi i paranoici diffidenti. I Vari blog anarchici hanno mantenuto fino a oggi il comunicato pubblico, e senza dubbio sappiamo che non sono molto lontani dall’approccio soprastante, per cui ne convalidano le parole.

*Analisi:
Passiamo a rileggere il comunicato dei tal dei tali “Branco”, che scrivono:

“(Blablablá) Sono i cosiddetti Eco-Estremisti che gridano in maniera fredda “morte all’anarchia”, e rinnegano le proprie origini e formazione, l’idea dalla quale si sono nutriti dal contatto affine con i combattenti della guerriglia urbana di oggi e del passato, per poi passare ad accentuare certi aspetti che non sono mai stati al di fuori dell’ambito dell’anarchia e della sua lotta per la liberazione umana, dei nostri fratelli animali e della terra.”

Per incominciare gli Eco-Estremisti non hanno MAI detto o hanno dato a intendere che ci identifichiamo con l’infamante affermazione di “morte all’anarchia”(morte all’anarchismo civile SI) probabile che i membri dei tal dei tali “Branco” erano drogati o ubriachi quando hanno letto qualcosa sull’Eco-Estremismo, e si sono convinti che la loro teoria fosse la più convincente.

Loro dicono che rinneghiamo le nostre origini anarchiche. Una cosa falsa dato che citiamo e abbiamo citato anarchici con i quali ci identifichiamo ,anche se gli Eco-Estremisti hanno avuto quest’opportunità.. Abbiamo creato la nostra Tendenza, ma non abbiamo rinnegato mai i nostri principi come eco-anarchici, e in realtà ci riempie di orgoglio dire che proveniamo da esso.
Quello che fa questo “Branco” di drogati è volere avvelenare e farci scazzare con i pochi anarchici con i quali condividiamo ancora varie cose. Ma non ci riescono, poiché i VERI anarchici sanno quali sono le intenzioni del”Branco”. Intenzioni non positive e che sono solo un complotto in più per creare le condizioni per far arrestare noi o loro.

Continuano:

“Lontani dalla tensione costante che vogliamo mantenere noi che lottiamo perché viva l’anarchia, questo settore che si dichiara Eco-Estremista getta nella spazzatura l’ideale libertario che si manifesta attraverso la lotta insurrezionale.”

Se le idee generali che difendono il “Branco”, sono quelle di avvelenare, buttare merda e “nascondersi” sotto le sigle FAI/FRI, simbolizzando “l’ideologia libertaria”, che sia chiaro, gli tireremo merda, sputandogli e pisciandogli addosso.

Ancora:

“Un piccolo gruppo, legato a un certo immaginario di popolazioni “simboliche” e ad aree musicali- contro culturali e universitarie (rinnegano l’università, però la frequentano.. e studiano ciò che tanto odiano), disprezza l’animale umano e perciò vedono il nemico diffuso da per tutto.”

Che cazzo è questo? Per caso è un’accusa?

Questo paragrafo è l’irrefutabile prova che il “Branco” è opera della polizia, che tenta di trarre vantaggio da questa “causa” tra alcuni anarchici isolati e gli Eco-Estremisti, per arrestare i Terroristi o altri. Se questi anarco-poliziotti vogliono cercare gli Eco-Estremisti nelle università, cerchino, sicuro che stiamo studiando nanotecnología o scienze della comunicazione per lavorare in NatGeo Wild, non c’è dubbio.

Per segnalarlo a più gruppi, il “Branco”, scrive:

“A 7 anni dalla morte di Mauricio Morales, salutiamo affettuosamente la “Manada de Choque Anarquico Nihilista”, per la sua controllata ed intelligente azione insurrezionale durante le manifestazioni dello scorso 1 Maggio e 21 Aprile, dove hanno dato una ulteriore prova della bontà della coordinazione tra affini. Per essere chiari e smentire la pagina “Maldicion Ecoextremista” che ha cercato di far rientrare quei fatti in una guerriglia urbana irresponsabile, con lo scopo di appropriarsi della prassi libertaria!”

Che a che vedere il MCAN con tutto questo?

Per concludere dicono:

“Salutiamo i combattenti della Célula Revolucionaria Paulino Scarfó (FAI-FRI), che nella rivendicazione del loro attacco al Banco Santander di La Cisterna scrissero: “L’attacco ha una morale e non è indiscriminato; abbracciamo l’azione incendiaria, non condividiamo il discorso che si cerca di diffondere.”

Bisogna ricordare (di nuovo), che la CRPS-FAI-FRI, fu la prima “cellula” di questo blocco di tre “cellule” che direttamente ed indirettamente si posizionarono contro gli attacchi Eco-Estremisti. Li ringraziamo per aver messo gli occhi della sicurezza dello stato (che tanto odiano) su questa “causa”, nel quale, è evidente che la polizia ne trarrà beneficio.
La responsabilità di tutto questo, sono di entrambe le parti, responsabilità nostra che rispondiamo a queste cose e responsabilità di chi ha pubblicato le infamie del “Branco”. Ma quelli che hanno cominciato a “pungere la cresta al gallo” sono stati questi anarco- sbirri,e che sappiano ,che se fanno irritare il cane, con sicurezza questo li morderà.

Questa è la prima e ultima volta che come “Maldición Eco-extremista”, ci pronunciamo in maniera tanto prolungata su questa merda, non vogliamo continuare ad alimentare confronti né osservazioni con gli anarchici più puritani del sud del continente, o continuare a rispondere alle stronzate di poliziotti vestiti da anarchici. Per il quale è stato necessario rendere visibile che all’interno degli anarchici virtuali, sono molto pochi quelli REALMENTE analitici. E osiamo affermare che gli anarchici intelligenti-con il loro progetto di diffusione-che NON hanno pubblicato il comunicato del “Branco”, sapendo cosa rappresenteva, sono una “specie in pericolo di estinzione”.
Molti mezzi di “controinformazione” sono caduti nella trappola, compresi quelli “stranieri” (” 325″, “CNA-Italia”, etc.). Non sapendo che merda fosse questa situazione ancorché per ignoranza del tema, sono stati direttamente coinvolti, ma sono ugualmente irresponsabili come i siti di “controinformazione” ispanofona.

*

Come dato particolare vogliamo ricordare che tutto questo dramma aveva già un precedente, nel 2011 quando ITS cominciò a pubblicare i suoi comunicati ed incominciò a realizzare atti Terroristici in Messico. Molti anarchici della regione si preoccuparono per questi attentati, non potevano credere che esistesse un gruppo così, molti blog diedero la schiena alle ITS e uno in particolare chiamato “saboteamos.info”, anarco-zapatisti che pubblicarono un video dove esponevano le loro supposte conclusioni per dubitare del gruppo Eco-Estremista, e dissero che ITS era un “gruppo di facciata” creato dall’esercito messicano, che erano fascisti, che erano una strategia del PRI(partito governante), e della CIA per scatenare la repressione sui poveri “movimenti sociali”, dissero anche che ITS era un gruppo “anti-anarchico di sinistra”, ed un’infinità di assurdità da ridere.Nella loro esagerata verbosità e disperazione purché qualcuno gli credesse e facesse loro caso, quasi arrivarono a dire che ITS era un gruppo burattino di una cospirazione di rettili che governano la terra (?). Molte cose furono dette ma ITS rispose sempre con gli Attentati, a cui ha dato continuità -fino a ora- al suo progetto. Cosicché questa situazione,si ripete in tutte le sue varianti in Cile, Argentina e Stati Uniti,normale..
Cosicché, scompaginata ed esposta la supposta “critica” del “Branco” terminiamo questo punto domandando a questi anarco- sbirri, che cosa suppongono che generi il loro comunicato? Paura non c’è né fanno- una risata forse. Sperano che gli Eco-Estremisti si fermino nei loro attacchi? Sperano che ci “demoralizziamo” e “ripieghiamo?” Niente di tutto questo, sebbene, l’avvelenamento del quale parlava sopra l’ex capo dell’Agenzia Nazionale di Intelligenza del Cile è in corso, è una realtà, in parte perché gli stessi anarchici sono caduti in questo gioco e perché certi mezzi di “controinformazione” sono stati irresponsabili. Davanti a questa situazione si deve solo rimanere intelligenti, annusare molto bene e scoprire il nemico vestito da critico. Alcuni anarchici hanno dimostrato di essere imprudenti, emettendo giudizi prematuri, incapaci di accettare i loro errori e sicuramente questo li porta a rovistare nell’immondizia.
Siamo sicuri che alcuni degli “addetti” dei blog prima menzionati si metteranno a pensare profondamente su questa situazione, o semplicemente alcuni la lasceranno scivolare via e o continueranno ad alimentare stupidamente l’avvelenamento delle “sfere” del potere (parlando con il loro lessico affinché si capiscano).

-(Gringolandia) Concretamente parlando, possiamo dividere le critiche degli yankee in vari gruppi. La cosa più interessante di questo dibattere, è la risposta dell’anarco- primitivismo yankee che ha una forte influenza in molti circoli eco-radicali. Specificamente, John Zerzan ha tacciato l’Eco-Estremismo come “nichilista” e “posmodernista.”
Per il termine “nichilista”, non abbiamo nessun problema, poiché abbiamo affini Nichilisti, specificamente in Italia, e siamo orgogliosi della nostra relazione con essi. Ma affinché si consideri calunnia la supposta nomina, Zerzan scomunica l’Eco-Estremismo per la questione dell’Attacco Indiscriminato, e la sua mancanza di rispetto dei valori della sinistra, i quali hanno un posto speciale nel cuore dell’hippy anziano malgrado il suo auto-proclamarsi “post -sinistra.”
Il suo essere di sinistra non ha nulla di “post”. Secondo Zerzan, bisogna avere “speranza” che 700 milioni di persone si uniscano in accordo per smantellare il sistema economico- politico- sociale che li sostiene, agendo in maniera ordinata e pacifica (più o meno). (“Il futuro primitivo.”) È ovvio che attuare questo è impossibile, per cui ci guadagniamo la scomunica nell’essere considerati “nichilisti”(come se la parola “nichilista” fosse un’offesa per noi SI!), e per essere fuori dal gregge dell’anarchismo verde yankee, con tutte le sue risorse e “websites” professionali (ci (riferiamo a “Anarchist News”.)
Infine, Zerzan vuole schiacciare la civilizzazione nel mondo fisico senza distruggere i valori civilizzati per la quale è basata. Che significa che alla fine, non farà nient’altro che appoggiare le stesse marachelle dei bambini anarchici, e di una qualunque manifestazione di “resistenza” che possa essere solo “distruzione creativa”, tipica di ogni civiltà.
La civilizzazione distrugge la Natura Selvaggia, tuttavia si devono rispettare i concetti di innocenza e colpevolezza, di moralità e di solidarietà perché.. la verità non la sappiamo. Possiamo discutere il linguaggio e il “pensiero simbolico”(come blatera Zerzan ed i suoi figli), ma la morale è qualcosa di sacro.
E dopo, ci sono i nichilisti yankee flemmatici. Tipi che sono più di moda che altro, i ragazzi popolari della scuola che respingono a priori ogni azione poiché può fallire e essere moralista o qualcosa di simile.
Applaudiamo il loro egoismo, ma non sappiamo perché tal nichilismo finisce sempre nel fare niente, appoggiare niente, ma criticare tutto. C’è da menzionare che alcuni appoggiano l’Eco-Estremismo, con riserve, ovviamente. Forse alcuni passeranno alla nostra tendenza, poco a poco. Bisogna solo dire che per essere tanto nichilisti, hanno sempre la certezza della critica.

Se in realtà credono nel niente, perché non ci lasciano in pace? Oh in verità indossano il nichilismo come se fossero dei designer,per far si che ne emergano altri, ma questo non significa altro che produrre libri che non cambiano nulla,e si sentono bene nel farlo?

Alla fine, non so se stiamo scrivendo le cose in cinese o che, perché leggono solo quello che pensano che diciamo, e non quello che diciamo in realtà. È come se le “parole dure” colpiscono cosi tanto che non quadrano con la mente moderna e liberale. La verità è che noi Eco-Estremisti non cerchiamo ragioni per attaccare,non ne abbiamo bisogno, e se tu hai bisogno di esse, sei parte del problema e non della soluzione. Si chiama in maniera propria addomesticamento. Noi Eco-Estremisti sappiamo che tentare di convincere le masse è una perdita di tempo. Che gli anarchici si tormentano tanto nel tentare metodologicamente, di includere le masse in una strategia vincente, buono, a noi può causare solamente perplessità. Se la storia c’insegna una cosa, è che le masse non cambiano mai il mondo. Per questo motivo ti arrendi e rimani con le braccia incrociate? Speri fino a che le masse o la democrazia ti concedono il permesso per attaccare?
L’attacco viene dall’idea che, la società non esiste né può esistere, sempre che non sia quella che immaginano gli anarchici. In realtà la società è un insieme di animali confusi dominati da reti di potere che aumentano il potere umano in se stesso: gli animali domestici, umanoidi che sono solo”automi”. La società, come Chahta-Ima disse in uno dei suoi testi, è un’illusione. In più, tentare di “piantare” idee di “liberazione”, o qualunque altra stupidità nelle masse è tentare di abbattere la macchina con la logica della macchina, e in queste cose, la macchina vince sempre. La macchina ha il modo di trasformare qualunque progetto di “liberazione” in un mezzo per fortificare l’addomesticamento contro la Natura.

Alla fine agli Eco-Estremisti non importa niente della società, che venga distrutta da se stessa o dall’entropia.

Stiamo a fianco dell’entropia, la civiltà con le sue idee di uguaglianza e autodeterminazione non c’impressiona. Se uno non vuole usare il termine “Natura”, può usare “entropia” o “caos”, tutto rimane uguale. Qualunque ordine civilizzato attenta contro la Natura: è così, è stato sempre così, e sempre sarà. Dalla culla, siamo allenati per amare quello che non ci conviene, fare le cose che non ci piacciono, e pensare cose che sono aliene ai nostri interessi personali.
Noi applaudiamo qualunque comportamento che attenti contro la schiavitù, l’addomesticamento dell’animale, la pianta, il bosco, il fiume,non esistono per conto proprio e sono manipolati per servire l’Idea dalla Civiltà: per il controllo, la sicurezza, l’innovazione, il progresso, e perché no? La libertà, l’uguaglianza, e la fraternità. L’unica nostra considerazione,è l’amore dei luoghi selvaggi, con i quali alcuni hanno una relazione profonda, ma anche il selvaggio dentro di noi, il rifiuto completo dell’addomesticamento e la società,il resto non c’importa. In più, causa a noi la rabbia che conduce alla Guerra Indiscriminata.

La realtà è che l’Eco-Estremismo sta crescendo, da una Tendenza che aveva esistenza pubblica solo nel Nord dell’America, ora è arrivato all’America del Sud, i gruppi Nichilisti Terroristi Affini si moltiplicano anche in Europa.

Poiché l’Eco-Estremismo Nichilista non sono solo gli esplosivi e gli incendi delle ITS in Messico, Cile e Argentina, non sono solo le pallottole detonate contro il cranio del tecno- nerd come ha fatto il “Grupúsculo Indiscriminato”, non è solo l’atteggiamento strafottente e Terrorista del gruppo “Guerra Eco-Estremista Guamera”,non sono solo sono le ferali parole della Rivista Regresión e di Chahta-Ima, non sono solo gli Attacchi Indiscriminati della Setta del Nichilistico Memento Mori dell’Italia, non sono solo i lavori di traduzioni di “Místico e Maldito”, di “Nechayevshchina”, di “Palmer Amarant” e altri..

No, l’Eco-Estremismo è la resistenza armata delle tribù amazzoniche in guerra contro i commercianti di legname, le industrie petrolifere, i minatori; è la freccia lanciata agli elicotteri dagli aborigeni isolati in Africa, è la continuità delle credenze pagane che resistono alla cristianizzazione totale, è la resistenza individuale per mezzo delle attività Delinquenziali contro l’addomesticamento, è l’uragano, il terremoto, la crudeltà degli ultimi coyote, l’ostilità degli elefanti, è l’ape che inietta il suo pungiglione per poi morire. Eco-Estremismo è la violenta difesa della stessa Natura Selvaggia, le sue reazioni, le sue risposte e manifestazioni.

Potranno imprigionarci, segnalarci, diffamarci, o potranno ammazzare tutti gli Eco-Estremisti e tutti i Nichilisti Terroristi che si sono dichiarati nostri Affini, ma la guerra continuerà sempre con un nome differente o senza nome…

Terminiamo con le parole di un conosciuto e scomodo anarchico carcerato, menzionare il suo nome è un di più, perché quello che possediamo sono le sue ferali parole, dimostrazione irrefutabile che l’era dei “buoni” sentimenti è terminata, l’abbiamo ammazzata e che la Violenza Terroristica e Indiscriminata contro la civiltà è in marcia:

“A quelli che criticano- giudici senza martello- e giudicano, che vadano in chiesa,gli consegno il mio infinito odio, da qua e senza anonimato dico loro che li considero il mio nemico. Sono uguali ai giudici (se non la stessa cosa) quelli che giudicarono chi nell’anno 2011 pose un artefatto esplosivo(che deplorevolmente non detonò), in una casa nel comune di La Reina, minacciando di fare saltare anche una scuola; uguali giudici sono quelli che giudicarono un’azione in Macul con Grecia l’anno 2013, dove vennero lanciate bombe molotov contro un autobus del transantiago che passò sulla barricata, e per cui alcuni cittadini furono “afectados” ” da un vendicativo fuoco, e sono ugualmente idioti quelli che dicevano essere il “Cordón Macul”,argomentando che chi attaccò il bus non lo era,SI! Sicuramente erano dei critici delle misere università popolari; ugualmente sono giudici quelli che criticavano/criticano (da altri posti del mondo), la bomba nella Metro Scuola Militare nel 2014 dove risultarono feriti vari cittadini, per cui una “signora soffrì” l’amputazione delle sue dita, e che nei mesi successivi apparve in televisione sfilando con la sua mano mutilata; sono ugualmente giudici quelli che chiedevano con urla la morte per chi aveva incendiato una banca in una manifestazione in Grecia,dove il risultato fu la banca completamente incenerita,accompagnata dalla morte di tre lavoratori che si trovavano dentro; e si potrebbe continuare facendo mille esempi. Defeco e orino su tutti quelli che sono giudici senza martello.Spero esplodano infinite bombe per la cittadinanza, perché “l’immonda vita cittadina non si trova solo nei quartieri.” Sono contro la civiltà e l’umanesimo che considero l’obiettivo più civilizzato(me incluso) per quelli che sono aggrappati al progresso e si impegnano nel continuare a distruggere tutta l’indomito, tutto il selvaggio, per lo sporco e schifoso falso denaro.

Evviva l’individualità! Forza a chi cospira!”

Atentamente:

Maldición Eco-extremista
Grupo Archivistico Öme
Místico y Maldito
Chahta-Ima
Yoloxochitl

Palabras de un Anarco-bandido

Al leer este escrito del anarquista Gabriel Pompo Da Silva es innegable sentir cercanas sus palabras cargadas de herejía, misticismo, delincuencia, egoísmo, nihilismo, simbiosis con la Naturaleza Salvaje.  

Estas palabras se adjuntan a las dichas por él en diciembre de 2011, en donde envía saludos  ITS.

https://culmine.noblogs.org/2011/12/17/es-it-gabriel-pombo-da-silva-%C2%A1por-una-navidad-negra/

No nos apropiamos de sus palabras, solo las compartimos pues como dijimos arriba son demasiado cercanas.

¡Somos el coyote y en venado, somos el sol y la luna, somos las plantas y los hongos, somos parte de todo, somos Naturaleza Salvaje!


ACTO I (Presentación)

Descubro en cada astro un pedazo de mi yoedad primigenia: Agua, oxígeno, hidrógeno; minerales y aminoácidos…

Ser marino, reptiliano, mamífero; homo sapiens sapiens: polvo de estrellas

Hombre negador del rebaño y su moral esclava. Asesino de dioses. Dios eterno a mi vez; hermano de únicos. Ares dios de la guerra, Giordano Bruno y Nietzche.

Poeta y expropiador de una larga estirpe: Renzo Novatore, Severino di Giovanni, Durruti y Sabaté.

Sentenciado a muerte como Agustín Rueda y Puig Antich. Sangre de herejes y blasfemos.

¡No habléis conmigo niños y niñas! ¡No habléis con quien os recomienda sufrir y acoger amorosamente el dolor como parte del proceso y la experiencia que nos liberta!

Somos polvo de estrellas…partículas de ésta inmensidad maravillosa. Nada nos detiene, morimos y vivimos generando supernovas.

Hermano insecto, líquenes de la tierra, terremotos. Cuerpos que se constituyen para adaptarse a su hábitat…

¡Qué irónico que una mala interpretación en las lecturas de Platón y Aristóteles diesen como resultado que la especie que se proyecta hacia afuera en sus culturas, se sometiese voluntariamente a sus ficciones metafísicas!

¡¡Gusano inmundo el hombre que tolera la piedad y se arroja a los brazos de los magos y teólogos buscando su salvación!!

No hay “salvación”, sino oxidación, muerte, fase vital. Ni siquiera exhorto a nadie: mi nihilismo destructor ha creado un monstruo

Veo con ojos reptilianos, actúo como un felino, soy el búho nocturno y el toro que reclama su territorio.

Mañana…niño…si llegas a viejo por la senda de la guerra y la tensión, tendrás dos soles encerrados en tus pupilas. Tus esporas germinarán otras flores del mal.

Ése es todo el sentido; poesía amor y muerte.

ACTO II (Conclusión)

Desde ésta altura puedo verle a los ojos a todos mis ancestros. Os agradezco el legado, y a ti, madre, mi carne, mi estirpe de bárbaro incivilizado.

¿Y ahora qué? He aprendido a hablar una lengua que nadie conoce. He aprendido a derrotar Titanes de indoctrinación milenaria.

Hablo con los astros más que con los hombres. Hablo con los muertos más que con los vivos. Sólo me falta ser lobo que vaga por la montaña aullando a la luna llena.

Quiero dejar de hablar. Ser nada que estimule entrañas. Miradas salvajes. Cuerpos que se entrelazan. Bocas que sólo sirven para besar. Cuerpos que se deshacen amando ésta nada creadora de eternidades.

Las palabras no sólo abren caminos sino los cierran.

Gabriel

(Chile) ¡Que se Chinguen el Padre y el Hijo!

Desde la prensa:

Jueves 9 de junio, 2016. –En santiguo se desarrolla una nueva marcha estudiantil/ciudadana, que una vez más es sobrepasada por la delincuencia encapuchada. Los “capuchas” otra vez hicieron de las suyas por el centro de la capital.

A los clásicos enfrentamientos con la policía como el arrojo de piedras, pintura, barricadas incendiarias, etc. Los vándalos esta vez deciden ir más allá con un acto QUE LLENO DE ALEGRIA NUESTROS  CUERPOS Y CORAZONES.

Camuflados en  la masa se logran desenvolver a gusto, es así como una horda de caras tapadas ingresa violentamente a la iglesia de la gratitud nacional, ubicada en plena alameda. Sacando un montón de cosas “sagradas”, entre ellas el fetiche de los (ahora buenos, amables, tolerantes) cristianos; el cristo clavado en la cruz, para posteriormente arrojarlo a la calle y destruirlo, ¡sin misericordia!

Este hecho ha causado el repudio a nivel nacional, políticos de todos lados espantados, curas, sacerdotes y cristianos al por mayor horrorizados por el sacrilegio de los capuchas.

¡Padre nuestro, si estas en cielo me cago en tu nombre!

¡Contra el  Cristianismo: Paganistas, satanistas y sacrilegio!

¡Aguante allá en Sur, bien tapaos nomas!

(Argentina) Matan a joven Tecno-Nerd

Desde la prensa

30 de mayo, 2016 –Un asalto es perpetrado contra un adolecente que se disponía a ingresar su automóvil a su domicilio, en Buenos Aires. Los delincuentes en vista que su víctima opuso resistencia al asalto, no dudaron un momento y le incrustaron un disparo en su cuerpo, dándose inmediatamente a la fuga, sin completar su cometido.

La victima identificada como David Varlotta de 24 años quedo tendido en el suelo, siendo trasladado de urgencia al hospital donde días después pereció sin más. Más tarde quedaba en evidencia que se trataba de un reconocido científico local.

El joven científico  y tecno-nerd por excelencia, amante del progreso y perfeccionador activo de la civilización. Graduado de técnico en Informática, premiado por el proyecto Sistema Autónomo de Destilación de Agua (S.A.D.A.) y distinguido mundialmente por la NASA, se le truncaron todos sus deseos humanistas de “salvar la tierra”.

ME se alegra y celebra la muerte de este bastardo,  aunque se horroricen los humanistas. También nos alegra el hecho de que la “delincuencia común” haya dado muerte al mismo,  por eso saludamos a los autores del homicidio. Así como también a las dos personas detenidas acusadas de haber participado supuestamente del hecho.

¡Sin duda estamos en los tiempos de los asesinos!

¡Por la sangre fría de la delincuencia!

¡Adelante delincuentes, terroristas y  saboteadores!

(Chile) Reacciones sobre atentado frustrado de ITS en la Facultad de Ciencias Fisicas y Matematicas (FCFM)

A raíz del atentado incendiario que perpetró ITS-Chile en contra de la FCFM en Abril, y el cual fue frustrado, las autoridades de dicho plantel han emitido un comunicado hace unas semanas (15 de mayo) en donde informan sobre la situación, en tal comunicado (adjuntado abajo) se apresia la paranoia y el terror que invade las mentes de los estudiantes y docentes que estudian y laboran en mencionado plantel universitario, tras las evidencias de que ITS estuvo dentro de su facultad.

El hecho también ha alertado a la comunidad científica del país del sur de América que hasta un grupo de aberrantes transhumanistas y ultra-progresistas llamado “Movimiento Biohacking Chile”, también se ha pronunciado (el 17 de mayo), emitiendo su asquerosa verborrea llena de “humanismo”, en “defensa de la ciencia”, clamando por la “no-violencia” e invitando al “dialogo pasifico que incluya a la sociedad”, etc. Como si los eco-extremistas quisieran “tregua”, ¡JA!

Comunicado de los despresiables transhumanistas:

https://www.facebook.com/BiohackingChile/posts/1617614901894152

Comunicado del asustadizo Consejo de la FCFM:

Comunicado_15mayo_FCFM

Aca una nota desde la prensa:

http://www.eldiariointegral.cl/2016/04/08/evacuan-beauchef-851-por-aviso-de-bomba/

Los eco-extremistas siguen generando reacciones, en todos los humanistas y progresistas que quieren un “mejor” mañana, llámense “anarquistas”, científicos, académicos, etc.

¡Adelante, Mafia Eco-extremista!

¡Fuego a los centros en donde se gesta el desarrollo humano moderno!

¡Muerte a los progresistas hiper-civilizados indignados!

“FRANGERE”-SUL TERRORISMO INDISCRIMINATO

Filoso trabajo de la Casa Editorial Nechayevshchina sobre el Terrorismo Indiscriminado, una mirada nihilisticamente profunda sobre las lógicas fundamentales de las recientes expresiones de los grupos nihilistas y eco-extremistas en diferentes partes del mundo.

¡Por al ataque indiscriminado y selectivo!

¡Muerte a la moral del ataque!

FRANGERE


INTRO

Il Presente testo prende in maniera affermativa l’impulso dagli Attentati Terroristici e specificatamente Selettivi della Setta del Nichilistico Memento Mori. E si appropria delle parole taglienti come rasoi del gruppo Terroristico Nichilista, per continuare il Dibattito Amorale sull’Indiscriminato, che sta facendo sobillare alcuni “muti” anarcoidi, che ora accodandosi a un testo, seguono la catena di un’opinione( amorale contro morale anarchica) che ridiviene la copia della precedente idea espressa. Il testo affonda nell’Abisso dei Nichilismi, e va a specificare le distinzioni del Terrorismo, in un morente passato primariamente visto sempre sotto una luce univoca, e Ora Affermato nell’esaltazione del proprio Specifico e Selettivo modus operandi.

Terrorismo che diviene da parola “vuota”(anche se ridondante di malessere e malumore,paura che dalla pancia sale fino al cervello) a pieno significato particolare e distinto per il gruppo o l’Individuo Singolo- che ne fa uso, attaccando i gangli vitali della società etico comportamentale e tecno morale. Fanculo agli eroi.

ANTIPOLITICO-NO APOLITICO

“Io non ho mai potuto capire come sia possibile amare il prossimo.”

Con questa citazione, in cui è mantenuto segreto l’autore della frase, inizia il Ferale e Nichilistico testo dell’Attentato emanato dalle viscere Abissali, per risalire attraverso il Vuoto, fino al corpo e alla testa della società: l’eguaglianza attraverso i valori etici giuridici della società tecno morale. L’Attentato Terroristico effuso, come una macchia di sangue per terra, nelle strade lucide e sporche delle metropoli, spicca per un’esplicativa Affermazione verso chi legge: “Rivendichiamo Anti politicamente” In questa forma e con un metodo specifico la Setta del Nichilistico Memento Mori, dipana la sua Rivendicazione,andando a precisare, che si tratta di un Attentato con un indicazione Egoica, nel momento in cui è stato messo a segno: L’Anti politicità di un evento, che con l’esplosione, è inghiottito dal Vuoto dell’Abisso, dove perde consistenza e peso specifico nel valore datogli (“l’evento”), è atterra senza una caratteristica valoriale e l’oggettività comprovata nelle trame del filo consequenziale delle universali leggi. Il lettore, anche l’attento lettore di rivendicazioni non intuisce subito la consistenza, che fa perdere peso specifico al valore morale, dalla parola “Antipolitico”.

Con questo, naturalmente, non c’è una sorta di giustificazione verso chicchessia, ma la MIA specifica visione della parola “piena” di significato “Anti-politico” rispetto al comprensibile “apolitico”. Voglio specificatamente mettere in luce (chiaro oscura), che qua non sto scrivendo di cazzate e leggerezze che come ornamenti troppo perfetti, imbandiscono la vita di alcuni gruppi anarcoidi, che vedono l’utopia futura come il nirvana del vivere il presente. Qua si sta parlando di Parole Piene che divengono Atti Distruttivi e Annientanti, e che annullano – anche per l’attimo Esplosivo- l’armonia della base della vita vissuta, che se ne fottono di dire “no” , nel fatto che qualcuno subisca maggiormente, quello che un altro avrebbe dovuto subire. È l’annientamento Nichilistico avviene stritolando il dualistico oggettivo della soggezione soggettiva all’universalità del valore. “Qualcuno e altro “ si annullano a vicenda. È un sibilo deflagrante che frastorna, stordisce, e fa perdere equilibrio. Equilibrio che cade, a ogni detonazione, e che da stabile bilanciato, come la vita comune, diviene l’eccesso di uno scompenso dissonante. Andiamo a specificare l’uso del termine generico “apolitico” rispetto allo specifico “Antipolitico”. Il termine “apolitico” è il generali stico uso di chi basicamente, esterna il proprio rifiuto di seguire, per la propria vita personale, un partito politico istituzionale, un movimento che è tra le legalità e l’illegalità ( per certe pratiche nascoste come agguati ad avversari del fronte opposto), e cosi via. È anche un termine molte volte usato da queste pecore, mangia merda, per non esternare il proprio “povero” pensiero, rispetto a chi potrebbe controbattergli qualche riprovazione, per un’idea espressa.

È un misto tra il dire qualcosa senza saperla affermare, e confermare qualcosa cui non si sa dare una spiegazione. È anche usato in alcuni ambienti anarchici (in maniera maggiore quelli Informali) per distinguersi dalle pratiche para-ideologiche di chi si identifica nell’anarchismo (e non nell’anarchia). Per questo ho portato allo scoperto la disuguaglianza tra il generico “apolitico”,e lo specifico e Affermativo “Anti-politico”. Passiamo alla parte degli Attentati perpetrati, nella diseguaglianza tra l’Atto Ideale – politico e quello specificatamente Terroristico Nichilista. Il caratteristico suono di una deflagrazione verso un muro di cinta, una banca, un ufficio di polizia, una chiesa, porta subito a pensare- facoltà edotta da sapienti menti- che l’Attentato sia prodotto da un Individuo o un gruppo di Individui, che vuole/vogliono colpire il simbolo di un “qualcosa” che rappresenta il male della società (capitalista, patriarcale, repressiva, razzista, classista,ecc..). Perciò, facendo una deduzione, tanto semplice quanto efficace (per la sapienti menti naturalmente), se viene distrutto l’oggetto dell’oppressione, e questo esiste come materia eretta a simbolo del male, tant’è, l’Attentato -ridotto a volte ad Azione perpetrata da Attivisti( mi vengono i brividi a leggere tale termine) – deve essere “politico”. E se fottutamente un Individuo o un gruppo di Individui affini tra loro, non avessero voluto colpire -tali basi materiali- per un’idea politica (anche detto “ideale”), delle loro scelte? Con questo, so che i critici, direbbero che le differenze sono tra il rivendicare ( e quindi dare una connotazione politica) e il non rivendicarlo (e per alcune di queste brillanti menti, un semplice azione “senza coscienza”, o per meri fini “borghesi” monetari). E con questo?
Una rivendicazione – come termine proprio – non conduce automaticamente a un azione idealistica – politica.

Per questo, e per dare una connotazione peculiare, che stravolge il nirvana degli utopisti, la Setta del Nichilistico Memento Mori, orgogliosamente Afferma l’Anti-politicità dell’Attentato! Anti politico -che diviene un modus operandi, senza che la legge della compensazione, possa dire o stabilire, che un limite espresso, è una sorta di identificazione in quello che si può fare e quello che NON si deve fare. Senza che la “coscienza” – come annidamento di valore- azione- valore- possa agire rispetto all’incoscienza del Godimento Egoistico. Anti politico perché va direttamente nell’Annientare il dualistico modo di porsi oggettivamente basico nella composizione di un’azione che produce un risultato finalistico dell’azione. Il finalistico di un Azione è rendere oggetto dell’esplosione, l’universalità morale per quale si è agito. Finalistico poiché l’azione idealistica colpisce qualcosa che in un futuro utopico, non ci sarà più come simbolo di oppressione. L’Attentato Anti politico della Setta del Nichilistico Memento Mori, si incunea dentro il reticolato delle leggi etiche della società, e stritola l’ipotesi “politica-ideale”, dell’Agire, penetrando nel substrato della coscienza, di chi ne viene colpito, stimolando e pungolando, la gravitazione verso l’avversione per quello che sente dentro di se. Il cuore recepisce il muto assenso del cervello, e raccoglie “pezzi” di coscienza, iniettati dal livido insinuarsi di paura,rassegnazione, ansia,timore,agitazione: Impulso a scappare via e lontano dall’Attimo che è ha prodotto Terrore. L’Attentato Anti politico colpisce i sistemi di decifrazione del sentimento umano, dei segnali giuridici nelle metropoli, dell’eguaglianza delle opinioni, del buono e del giusto, attraverso un sistema di valori codificati a norma di rispetto:

E li Annienta!

Per questo se un Attentato colpisce solo la materia (e questo come scritto dal gruppo Terroristico in questione, non era una scelta specifica data “l’avversità”) , non significa che sia un Azione espressa per non colpire i presunti innocenti che deambulano come automi sulla terra,anzi, è attuata in un istante, per annullare il componimento armonico del pensare attraverso l’azione stimolata dai simboli legiferati dalla società tecno-morale. L’Attentato che colpisce specificatamente i segnali della società tecno-morale, e fa cadere in un istante le sicurezze acquisite attraverso l’assoggettamento ai valori universali, è un Atto Terroristico Anti-politico, perché nega l’idea che un’azione debba essere prodotta attraverso il dualistico apporsi di valutazioni su quello che si deve colpire – perché -come esempio – fa parte dello “stato-capitale”. L’Attentato Terroristico e Antipolitico, colpisce il fondamento della verità “vera”(da qualunque soggetto provenga) e la bocca della morale, previene la malattia del rispetto del prossimo, e Annienta quello che gli si oppone, senza distinguere il buono dal malvagio, quello che è giusto da quello che è sbagliato.

SELETTIVO

Gli Attentati -in un passato morto- delle ITS, quelle del Presente e presenti in varie zone di questo mondo morto,denominate Ora- Individualisti Tendenti al Selvaggio, il Grupùsculo Indiscriminato,il gruppo Malavitoso Terrorista- Guerra Eco Estremista Guamera, L’Uroboro Nichilista e Silvestre,il Circolo Eco-Estremista di Terrorismo e Sabotaggio,la Setta Pagana della Montagna,presenti, oltre e naturalmente agli Affini della Setta del Nichilistico Memento Mori e la Setta Nichilista della Libera Morte,questi gruppi sono quelli che hanno dato un specificazione Selettiva al Terrorismo,attraverso Attentati e Comunicati. E qua vado a specificare che cito tal gruppi perché Egoicamente (che riconduce alla Selettività) a me Affini!

Comunicati ricchi di approfondimenti, che hanno sviscerato la parte “sana” di questa società decadent, per ridurla a brandelli, e per Combattere una guerra all’ultimo sangue contro la malattia chiamata eguaglianza, progresso, umanismo, vita sociale, rispetto del prossimo, artificialità imposta, ecc.. L’ho già scritto e Affermato, e lo ripeto, è finita l’era dei buoni sentimenti, il gioco a chi si riduce ad assertore dell’eroismo fine o non fine a se stesso, il valore morale dato all’oggetto-Azione, la specifica dialettica -tramite chiamate alla polizia o ai piscia inchiostro e analisi logiche su a che ora della notte (esclusivamente) si può colpire questa società decadent – impartita con il vituperato “stato”. Per questo, è emersa la Selettività degli Attentati, dei gruppi Terroristici (Eco-Estremisti e Nichilisti), in un “colpo di coda”, che ha Annientato l’omogeneità espressa e -questo ridicolo- imposta come etica di base, da alcuni gruppi anarcoidi, per imporre il predominio su gruppi Estremisti che si distinguono non solo nelle idee sublimi espresse rispetto ai soliti “copia e incolla”, ma anche nella Passione Rivendicativa, che rifulge Egoicamente e oscura i risentimenti e i lamenti del vittimismo strisciante di alcuni. Andiamo, in questo caso a specificare il modus operandi degli Affini della Setta del Nichilistico Memento Mori.

Basta una veloce frase esemplificativa, per Dibattere sulla Selettività:

“Con questo escludiamo ogni sorta di identificazione con gli attacchi dei gruppi idealistici e ideologici e o religiosi.”

Quello che caratterizza il pieno termine “selettivo”, da parte Mia, è l’Egoica scelta portata avanti, attraverso un Progetto Illegalista, un gruppo Terrorista, un Individuo che vuole fare scempio di un umanoide,e cosi via..

Perché come scritto, per il Dibattito Amorale, sull’Attentato Perpetrato dal Grupùsculo Indiscriminato, senno l’Attentato Terrorista, diventerebbe, ogni qual volta avviene un’azione che supera la soglia del rispetto della vita, un indistinto accumularsi di un retrivo pensiero generico, accumulante solo quanti morti, ha prodotto. Perciò “terrorismo”- termine uso generico morale, e in specifico il solito “terrore” dello stato-capitale,bla bla…

NO!

Il gruppo Setta del Nichilistico Memento Mori, afferma, con l’Attentato, uno specifico modus operandi, andando a colpire- la società nella sua integrità morale e etico -giuridico. Attentato Terroristico che Seleziona con cura chi colpire, non per distinguere un presunto male dal bene (senno Ora l’In discriminazione andrebbe a farsi fottere),nell’atto, ma per specificare che non tutto quello che è chiamato “terrorismo”, deve per forza far parte del bagaglio Egoico del gruppo in questione. Questo per togliere la sicurezza a un certo tipo di persone, che andrebbero a puntare il dito, verso l’eguaglianza- addirittura!- dell’uso del terrore. Ora- il gruppo Terroristico in questione- nella citazione sopra presente-specifica un punto fermo e risoluto. Non abbiamo a che fare con gruppi che usano il terrore, per imporre la loro visione ideologica, ideale-politica, e religiosa. È una dichiarazione specifica, che non può portare nessuna confusione, se non in chi vuole generalizzare ogni evento Distruttivo, che superi la soglia regredente del rispetto del prossimo. Per questo la nota va diritta al punto, e questo perché: Il Nichilismo Antipolitico e Terrorista, nega ogni adesione e visuale verso la base umanoide dei valori etici – giuridici.

IDEOLOGICA

Una base espressamente ideologica come fascismo e neo-nazismo, comunismo, anarchismo,nazionalismo indipendentista, in questo caso di gruppi di guerriglia extraparlamentare, è negata a priori, sotto la totalità di ogni punto di vista, in quanto legiferazione populistica, e assertrice di una formale conquista del potere(negato in parte dall’anarchismo tradizionale ),dopo aver ammazzato e attaccato a colpi di atti di terrore, le fondamenta di un altro potere -in questo caso- ufficiale,atti che ritornano e ricalcano l’uso di valori specificatamente etico- giuridici, morali per le linee e le direttive di un direttivo, e riformiste, dopo la conquista (sempre che ci sia). Perché il Terrorismo Nichilista nega l’adesione a un valore come la “classe”, assertore di un valore comune e demagogico, permeato da una serie di regole portatrici il seme malato di un’identità eguale. Poiché il Terrorismo Nichilista nega l’aderenza a un valore come la “razza”, ed è per questo che non fa discriminazioni razziali nel colpire l’obiettivo-soggetto o il luogo eletto a valore da Annientare, giacché per l’Affine Nichilista non esiste la razza e non può esistere il “razzismo”, come vero valore riconducibile a un ideologia, e a un gruppo armato e o clandestino che attacca un obiettivo per motivi,comuni e valoriali come una“razza superiore”. Allo stesso modo chi Attacca i gruppi che si basano sulla predominanza di una razza, come i gruppi anarchici, e ne fa un uso populistico e o valorizzato, è rigettato dal Terrorista Nichilista, poiché riconducibile a una radice, che seppur differenziandosi dai gruppi razzisti e o ideologicamente nemici, ritorna a essere il decadente uso di principi sotto il stretto artigliare di eguaglianza e utopia, nella ricerca di una società anarchica. Oltre a perseguire un dualistico principio generico che scade nella generalizzazione del più debole (per il principio e la verità “fondativa” concettuale) da difendere rispetto al più forte, sotto il concetto di eguaglianza. Eguaglianza- concetto utopico – astratto.
Oltre ciò, il Terrorista e Affine Nichilista nega il concetto di “nazione”, che sia di destra, di sinistra, o regionalista e indipendentista.

Il concetto di territorio nazionale e rivendicativo, ricalca il populismo di base generico, ed è inserito in una situazione di limite a priori basato su valori comuni, etica linguistica e radici sepolte dal manto della differenziazione apportante, non l’Affinità tra singoli Individui che si uniscono per vivere in un legame di “sangue” extramoralmente, ma di adesione a una serie di regole morali-comuni, basate su concetti etici generalisti e populisti, che per la conquista del potere, prima armata e rivoluzionaria, e poi riformista (in caso di conquista), con la costituzione ( se non nella partenza di base) di movimenti dopo divenenti partiti alla guida di un nuovo governo di una qualunque regione conquistata. E non esistendo per l’Affine Nichilista il concetto di territorio, non esiste manco l’idea etica del concetto stesso di identità territoriale.

IDEALISTICA

L’idealismo si differenzia dall’ideologismo- poiché pratica non autoritaria- dai formali gruppi populistici – guerriglieri, espressamente fondata sulla negazione di una presa del potere, costruita sull’idea utopica di una vita libera da ogni potere, e in questo caso possiamo fare l’esempio di una certa prassi Informale dell’Attacco alle strutture della società, da parte di gruppi con specifici acronimi come di attacchi senza nessun a.k.a. , ma di nuovo, regredente sotto ogni punto di vista, verso atti finalistici( cioè l’anarchia come società libera- per esempio) e etici e o di eguaglianza(termine molto usato in questo secolo, quello di “polimorfismo”). Attacchi e Attentati rivendicati con testi basati sulla distruzione del “potere-stato”, e i vari sinonimi come autorità, patriarcato, fascismo, razzismo, religione, militarizzazione, controllo sociale,ecc.. Sinonimi morali e dal valore- a volte-comune.

RELIGIOSA

La negazione delle religioni come uso e strumento fon dativo, e accostabile in analogia a quello politico-ideologico, da parte del Terrorismo Nichilista, è la distruzione della metafisica come concetto assoluto, inserito in una situazione di valori morali e un’ottica populistica, come la costruzione di stati-religiosi, aderenti a un marchio di ordinamento metodologico comune, in un supporto totale e assoluto di una dottrina dell’universale. Per il Terrorista Nichilista non esiste nessun assoluto, vive il relativo, per momento e situazione, esito iniziale e finale di ogni azione, e rigetta in questo modo(anche) l’ateo materialista, e l’agnostico scettico ma attento a costruire una verità assoluta nella determinazione dell’essere oggetto-soggettivo.
I gruppi di guerriglia e o Terroristici che perseguono un fine e un obiettivo religioso, sono basati su una serie di regole morali che divengono effettive solo nella costruzione di una rivoluzione che possa portare alla fondazione di uno stato interamente religioso, ma dopo fondandosi con la razionale presa di potere, avanzano verso un riformismo, dettato dal massiccio potere esterno che circonda quello che sarebbe uno stato-islamico, cristiano,ebraico,ecc..per interessi di parte e economici. E la purezza delle idee-dottrine fa a farsi fottere. Il Terrorismo Nichilista in questo modo non può essere accostabile all’estremismo religioso, poiché negatore di ogni credo-valore, che vada a stabilire una verità assoluta e comune, e se posso definire una vicinanza degli Affini Nichilisti, e quella di un Anti-cristianesimo nietzchiano. Anti cristianesimo nietzschiano che respinge -appunto la metafisica dell’assoluto, i valori fondativi il comune intendere delle azioni umane (che diventano umanoidi), attraverso l’imposizione di un unico e universale modo di guardare il mondo,inserendolo in un limite deciso e stabilito dall’immutabilità dell’esistenza e delle azioni.

CONCLUSIONE- SENZA NESSUN FINALE

Il Terrorismo Nichilista è il pungolo che Attacca e Attenta il valore comune, l’ambiente atrofizzato e artificiale della società tecno-morale, l’etica nelle sue forme eguali, la metafisica, l’umanesimo sociale, la legge e la dottrina giuridica. Il Terrorismo Nichilista nega nella sua completezza l’adesione a regole che fermano l’istinto predatorio del Godimento Egoistico e Narcisistico. L’Attentato sotto varie forme, scelte con cura e selettive, ma mai prono all’assoluto del diritto alla vita, si distingue in maniera Singolare e Unica, per l’Anti-politicità dell’Atto Terroristico: Colpire per far cadere in un Istante il mondo degli idoli, degli eroi, delle valutazioni oggettive e soggettive, ammaestrate e incatenate allo schema sociale umano dell’universale pensiero.

Affinità Complice e Nichilisticamente Terroristica con la Setta del Nichilistico Memento Mori!

Affinità Complice e Terroristica con l’Attentato omicidario perpetrato dal Grupùsculo Indiscriminato!

Affinità Complice e Terroristica con i Gruppi Eco-Estremisti e il loro “non percorso” Indiscriminato!

(Chile) Marcha de Caos, encapuchados y muerte

Desde la prensa:

21 de mayo, 2016. –En Valparaíso tiene lugar la cuenta pública del gobierno. Pero la verdadera tención esta siempre en la marcha que se desarrolla en paralelo al discurso de la presidenta. Marcha ciudadana que siempre se ha caracterizado por su extrema violencia, de manos de los delincuentes inadaptados de siempre: “los encapuchados”.
Este año no fue la excepción, los vandálicos encapuchados una vez más desataron el caos por las calles de Valparaíso. Como siempre los enfrentamientos con la policía, piedras y “mechas” contra pacos empezaron lo que se convertiría en una jornada llena de violencia y muerte.
De manera organizada decenas de encapuchados armados de con combos y martillos tumbaron las entradas de diferentes locales comerciales, saqueando su interior para alimentar las barricadas y lanzarles cocteles molotov. Sin duda el hecho más salvaje fue el incendio que se produjo en una farmacia producto del arrojo de una molotov, acto que terminaría con la vida de un anciano-guardia. Anciano amante del trabajo que pereció producto de la inhalación de humo. Este hecho causo el repudio generalizado en la ciudadanía y el espectro político, generándose de esta manera una frenética busca para dar caza a los antisociales que atentaron contra la farmacia.


Más tarde la policía lograba la captura de decenas de manifestantes, de los que solo uno quedo en prisión preventiva. Sebastián Pichilaf de 21 años de edad se le acusa de haber lanzado supuestamente una bomba molotov contra el carro lanza aguas de carabineros.
Hasta el momento nadie ha sido detenido por el hecho de la quema de la fármacia y la muerte del guardia (esperamos que siga así).
¡Toda nuestra fuerza paro los individualistas sureños, que atacan en marchas, en la oscuridad de la noche, solos o en manada!
A los que atentaron contra la farmacia: ¡Huyan y fondéense wachos!
¡Que se expanda el fuego contra la civilización y sus ciudadanos!
¡Que cacareen los humanistas, porque el fuego no parara!

Estudio, análisis y crítica contra el progreso humano