Tag Archives: México

(México) Cuadragésimo primer comunicado de ITS

41 comunicado de ITS reivindicando un nuevo atentado contra la iglesia católica en la Ciudad de México.

¡Fuerza para los guerreros y guerreras de ITS!


El credo católico es amenazado constantemente en México, tanto por la delincuencia común, por manos anónimas que vengan abusos sexuales personales, como por el crimen organizado y por algunos grupos que les dejan bombas esperando que el resultado sea el derramamiento de sangre sin importar que se dañe a terceros, rompiendo así con el aburrido discurso humanista que de los radicales progresistas aun emana desde sus podridas mentes civilizadas.

Al comienzo de este año, las agresiones contra la iglesia católica y sus representantes han ido en aumento, desde Coahuila, hasta Nayarit, se han reportado acuchillamientos y asesinatos de padres, robos de imágenes religiosas, estafas, hasta agresiones con incendios y explosivos. Es un orgullo que los grupos de ITS estén contribuyendo a esas cifras, pues hacen visible la debilidad de esta religión, desmoralizan a la autoridad cada vez que se burlan con la realización de un nuevo atentado, y revelan de esta manera, los pasos criminales de los individualistas que se arrojan al abismo del atentar contante contra uno de los objetivos más odiados por los inhumanistas.

Para hacer memoria, el pasado 14 de julio abandonamos un paquete-bomba en la Parroquia del Señor de la Misericordia en Lindavista, delegación Gustavo A. Madero, Ciudad de México, la prensa mencionó que el paquete había sido abierto por un jardinero a quien le detonó y a quien la explosión “casi le arranca la mano”, diez días después y tras otro explosivo detonado por parte de un grupo que nada tiene que ver con ITS, los representantes de la iglesia católica confluidos en la Conferencia del Episcopado Mexicano dieron a conocer nuestro atentado (obviamente sin mencionar nuestras siglas) (Nota), ACEPTANDO que el hombre gravemente herido era un sacristán de mencionada parroquia, para quien no conoce lo que es un sacristán, es la persona que se encarga del aseo de la iglesia y quien en ocasiones ayuda al padre en misas, es decir, con nuestra bomba abandonada en dicho lugar, logramos finalmente herir a uno de los integrantes de la iglesia católica, así como habíamos querido.

Para celebrar esto, esperamos pacientemente para golpear de nuevo, fue así que el 20 de octubre abandonamos otro paquete-bomba muy cerca la parroquia atacada en julio pasado, en la misma colonia y en la misma delegación, pero ahora en frente del Santuario Nacional de San Juan Diego, el resultado del atentado es desconocido por nosotros, pero quizás los representantes de la iglesia estén al tanto de esta nueva agresión contra “la casa del señor”.

¡Que quede claro que no vamos a detenernos frente a sus curas, sacristanes, monaguillos, monjas, peregrinos y fieles, todos y todas serán violentados por la detonación infernal de nuestros explosivos!

¡Sus templos, parroquias, santuarios, catedrales y capillas serán incendiadas por las llamas que usó la inquisición para quemar códices paganos, apostatas nativos y chamanes herejes!

¡Axcan kema, Tehuatl, Nehuatl!

Individualistas Tendiendo a lo Salvaje-Ciudad de México

-Clan del Popocatzin

Nota:

http://yucatan.com.mx/mexico/breves-de-la-republica/diez-dias-hubo-otra-detonacion-cerca-iglesia

Del norte al sur

Extraído de la Revista Ajajema n.º 2, escrito por Xale.


Fue como la lluvia que llegó sin avisar en un día soleado en Hidalgo, como el estremecedor trueno del cual no vi ni el relámpago que lo anticipó en Michoacán, como el fugaz correr de una liebre cuando anduve en bici por el desierto de Chihuahua, fue rápido y repentino, las noticias mexicanas lo anunciaron unas horas después de que los medios chilenos replicaran como locos la noticia de que un paquete-bomba había herido a uno de los representantes de la cuprífera Codelco, la empresa más grande en lo que respecta a la extracción de cobre del mundo. Lo primero que pensé fue, “La Mafia”, bastaron unas pocas horas para que confirmara lo que había pensado en silencio.

En un país tan tranquilo como es Chile (a comparación de México que diario son asesinadas más de 10 personas en diferentes partes del territorio nacional), un grupo de orgullosos eco-extremistas habían hecho de las suyas, ejecutaron el atentado con determinación, con completa cautela, sin dejar huellas aparentes para los servicios de inteligencia que los siguen buscando como idiotas hasta hoy, ni los más calificados policías de investigación, ni los más altos cargos de la administración gubernamental en turno, ni nadie ha podido atrapar a los misteriosos eco-extremistas responsables.

Recuerdo aquel día que ITS llegó a Chile públicamente, fue en febrero de 2016 cuando algunos de ellos incendiaron por completo y a plena luz del día, un bus del Transantiago, el hecho dejó sorprendidos tanto a los medios, como a los pacos que estaban acostumbrados a las llamadas de advertencia que hacen los grupos anarquistas para que inofensivamente los pasajeros sean auxiliados por las autoridades y así no hubiera heridos, ¿no que “guerra a la sociedad”?, puras mentiras con esos. Pero esta vez no fue así, ITS actuó indiscriminadamente sin importarle herir a civiles “inocentes”, resultando con la quema total de la maldita máquina, fierros humeantes, impacto por el osado atentado a plena luz del día, y por una declaración realmente alarmante, terrorista para muchos. Ya lo dije, hubo reacciones típicas de la sociedad y de las autoridades, pero también de los anarquistas modernos, con su muy acostumbrada y asquerosa actitud incluyente condenaron las filosas palabras de “Sureños Incivilizados” (SI), pero “saludaban la acción incendiaria”, ¿acaso era broma? De hecho, hubo una campaña difamatoria por medio de varios blogs liderada por los hijos chilenos de “Contrainfo” (a los cuales les resultamos bastante incómodos), para que los grupos anarquistas de aquel país “aislaran” a ITS y rechazaran el discurso del ataque indiscriminado, pensando que así detendrían el crecimiento de la semilla del eco-extremismo ya germinada en el sur del continente. Pero se equivocaron profundamente…

Las lunas pasaron, y de un grupo de ITS, surgió otro en abril de 2016, la “Horda Mística del Bosque” (HMB) se infiltró sigilosamente dentro de la Facultad de Ciencias Físicas y Matemáticas (dependiente de la Universidad de Chile, una de las cunas del progreso humano), y sin ningún problema instalaron un artefacto incendiario dentro de un salón, todo iba según lo planeado hasta que un trabajador de limpia encontró el artefacto y alarmado llamó a carabineros, los cuales desalojaron la facultad y neutralizaron la amenaza. Los miembros de la HMB estaban ansiosos por desatar el Caos, y meticulosamente se prepararon para dar un golpe contundente…

Es así como llegamos de nuevo a ese momento, viernes 13 de enero de 2017.

Un empleado de una empresa de mensajería llegó a una lujosa casa en el barrio acomodado de la comuna de La Reina, y entregó un paquete dirigido al señor Óscar Landerretche (jefe del directorio de Codelco). El regalo fue abierto y tras la detonación que precedió al abrir el paquete, no solo hubo heridas, daños, llanto y terror, es decir, no solo hubo una reacción física-jurídica sino una espiritual.

Tras la explosión, un abismal portal fue abierto, ánimas malditas de los guerreros ancestrales de los nativos sureños se liberaron. Andan sueltos por el sur del continente en busca de aquel o aquella individualista que se atreva a invocarlos para que tomen su mente, para que guíen sus manos y para que continúen con la Guerra a muerte en la que fueron masacrados por el invasor hace siglos.

Desde esta parte del mundo llamado “México” lo he sentido, desde aquel momento que me enteré de este fabuloso atentado lo he sabido, las fuerzas de los guerreros más terribles que combatieron junto con Lautaro o Caupolicán, están sueltos.

Los individualistas de “Sureños Incivilizados” y de la “Horda Mística del Bosque” han cumplido con su tarea de abrir esos portales, porque ellos fueron los primeros en ser atraídos por el llamado de lo Salvaje proveniente de los Selknam, Alacalufes, Yámanas, etc.

Lo Desconocido los protege, el manto de piel de guanaco de los nómadas fortalecidos por una vida pulida por las amenazas del puma, por la inclemencia del clima gélido, y por las asechanzas de los occidentales, los cubre por completo. Como el caminar en la cordillera blanquecina, la nieve in-visibiliza sus pasos.

Muchas han sido las líneas de investigación que ha llevado la fiscalía para tratar de detener a los “bombarderos de Codelco”, se dice que el paquete-bomba había salido desde una sucursal de una empresa de mensajería, y que esa sucursal tenía una cámara de seguridad, cuando se supo eso rápidamente policías de investigación, expertos criminalistas, peritos, etc., arribaron a dicho lugar y aislaron la oficina en cuestión, esto para tomar muestras de ADN, para entrevistar a los empleados, y sobre todo, para ver la grabación de la cámara de seguridad del día del atentado y antes de este, la cual se hubiera convertido en una de las pruebas claves para la investigación. Pero al parecer todo eso fue en vano, pues hasta la fecha no hay ni una sola imagen del o los terroristas que pagaron por el envío del paquete-bomba. Con toda seguridad puedo decir que Lo Desconocido guarda a los responsables, y que la cámara de vigilancia estaba inservible, por lo cual no arrojó ninguna imagen del o los responsables, de haber pasado lo contrario, la silueta o incluso la cara del o los responsables hubiera salido hasta el asco en los medios de comunicación chilenos, tal como ha pasado en otros casos, por ejemplo, en el caso del atentado anarquista contra el metro de Santiago.

Recuerdo que una cosa parecida pasó en México hace unos años atrás, cuando en agosto de 2011, las viejas Its hirieron con un paquete-bomba a dos importantes investigadores del Tecnológico de Monterrey en el Estado de México, después de que se hiciera pública la reivindicación, la policía trató de encontrar imágenes de los responsables (que habían abandonado el paquete-bomba por la madrugada), que quizás habrían sido grabados en una de las tantas cámaras de seguridad de dicha universidad, la sorpresa fue que las cámaras estaban en mantenimiento y por ende no hubo ninguna imagen. Cabe recordar que este atentado fue por el cual, las viejas Its tuvieron fama internacional, y de ahí comenzó todo un camino de destrucción, desestabilización y caos que ha durado hasta ahora.

¿Es acaso esto coincidencia? ¿Es coincidencia que las cámaras estén inservibles o en mantenimiento cuando los eco-extremistas ejecutaron sus atentados en México y Chile en estos casos particulares? Yo en lo personal no creo en las coincidencias, pienso que todo tiene una razón, muchas veces no logramos comprender por qué las cosas pasan de tal o cual manera, y ni hace falta comprenderlo en su totalidad, lo que sí es que esto es muestra irrefutable de que Lo Salvaje está con nosotros.

Así que de nada va a servir la campaña de difamación que, ahora llevan principalmente los anarquistas estadounidenses contra el eco-extremismo comparándonos con el Estado Islámico, de nada va a servir ninguna condena desde un revolucionario anarquista chileno que esté preso, de nada va a servir que sigan borrando los blogs afines a la Tendencia, de nada va a servir que denuncien videos o contenido por internet, así como de nada va a servir que inventen nuevos cargos criminales que condenen ataques tipo ITS, de nada va a servir que nieguen la existencia de grupos de La Mafia, que los achiquen o que los hagan ver en sus medios masivos de comunicación como “falsa bandera”, “ataques falsos”, o cualquiera de esas categorizaciones.

De nada va a servir nada de esto, lo sé porque me lo ha dicho Lo Inhumano, me lo dice la yerba creciendo sobre el pavimento, me lo ha dicho el movimiento de los terremotos, me lo ha susurrado la inmensidad del mar y su fuerza descomunal, me lo ha gritado el volcán, me lo ha escrito el huracán, me lo ha mostrado el humo de copal silvestre cuando estoy en ceremonia pagana, se me ha presentado en sueños, en la oscuridad, en el amanecer, debajo de un arbusto, en los ojos de un venado, en forma de alacrán, de árbol de pino, en el brillo de las estrellas, ¿te lo ha dicho a ti también? Yo sé que sí.

Xale (exjefe editor de la Revista Regresión)

PRIMERA EMISIÓN DE RADIO PRIMATE

 

CON ORGULLO INDIVIDUALISTA PRESENTAMOS ESTE NUEVO PROYECTO CRIMINAL DE DIFUSIÓN ANTI-HUMANISTA.

DESDE ALGÚN LUGAR DE AMÉRICA LOS ESPÍRITUS EGÓICOS LEVANTAN TRABAJOS DE RELEVANCIA, QUE ANIMAN A LA CONTINUIDAD DE LA TENDENSIA TERRORÍSTICA, LANZÁNDOSE FIERAMENTE A LA YUGULAR DE LOS VALORES MORALES CIVILIZADOS.

¡ÁNIMO CON LOS PROYECTOS CRIMINALES DE PROPAGANDA INHUMANISTA!

¡POLÍTICAMENTE INCORRECTOS SIEMPRE!

ESCUCHA LA PRIMERA EMISIÓN AQUÍ Y AQUÍ.

VISITA RADIO PRIMATE.

 

TEMARIO:

0:00 – 4:03 PRESENTACIÓN

4:04 – 7:19 MÚSICA

7:23 – 20:12 SOBRE LAS ÚLTIMAS MANIFESTACIONES SALVAJES

20:13 – 22:37 MÚSICA

22:38 – 51:30 LA CAZA DE BRUJAS CONTRA ATASSA EN ESTADOS UNIDOS

51:31 – 54:19 MÚSICA

54:21 – 1:19:39 LAS PERSISTENTE PRESENCIA DE ITS

1:19:41 – 1:24:05 MÚSICA

*ES RECOMENDABLE ESCUCHAR LA EMISIÓN CON AUDÍFONOS, DADO EL SONIDO GRAVE DE LA VOZ DEL INDIVIDUALISTA.

 

(México) Volcán despierto

Enviado por Nomen Nescio.


Las manifestaciones de lo Salvaje no se detienen en México, después de 9 días del terremoto que azoló aquella parte del mundo, el volcán Popocatepetl (que en la lengua nativa nahuatl, significa “montaña humeante”) despertó con furia, lanzando enormes fumarolas de varios kilómetros, haciendo retumbar la Tierra y lanzando con violencia lava incandescente de sus adentros, mientras relámpagos anunciaban la belleza de lo Indómito manifestándose de nueva cuenta. Varios pueblos aledaños al volcán fueron desalojados, la ceniza volcánica cubrió las pretenciosas ciudades que fueron levantadas sin importarles que muy cerca hay un coloso que en cualquier momento puede cubrir con su gloria caótica todo resquicio civilizatorio.

¡Porque la Naturaleza Salvaje es nuestra autoridad!

¡Que vivan las manifestaciones de lo Desconocido llevando tragedias a los humanos modernos!

(México) Terremoto homicida

Desde Nomen Nescio algunos recordatorios sobre la sabiduría de lo Salvaje manifestándose en México.


A casi dos semanas de haber sido azotados por un terremoto de 8.2 y como una broma cruel de lo Desconocido para con la civilización, ahora son testigos nuevamente los humanos de la fuerza arrolladora de la Tierra.

Es la tarde del día martes 19 de septiembre y las céntricas Tierras de México retumban violentamente. El majestuoso terremoto deja ver toda la furia de la Naturaleza Salvaje, el movimiento de la Tierra calculado en 7.1 grados Richter dejó una huella de caos, destrucción, muertes y terror.

Este último remezón de la Tierra no hace sino dejar en evidencia la vulnerabilidad de las infraestructuras civilizadas y de la humanidad en general, pues la cantidad de destrucción material es basta, así como la cantidad de muertos. Se calcula en una treintena de edificaciones derrumbadas, como a la destrucción de puentes y carreteas, universidades dañadas y escuelas colapsadas, el daño de una treintena de iglesias e incluso explosiones. En cuanto a la cantidad de muertes, el registro dice que van más de 300 personas que perdieron la vida, las que en su mayoría quedaron enterradas bajo los escombros; ancianos, jóvenes y niños muertos sin discriminación alguna.

A los días siguientes del terremoto la lluvia se dejó sentir por sobre los escombros de hueso y concreto de una de las ciudades más pobladas del mundo, haciendo más pesada la labor de rescate de los humanistas filántropos, lo Desconocido no dio tregua a una humanidad recientemente golpeada por la Fuerza de lo Salvaje, tanto así que el día 23 por la mañana, otros temblores se volvieron a sentir tanto en el norte (Coahuila) como en en el sur del país (Oaxaca), las edificaciones de por sí ya dañadas se cayeron, el terror volvió a la mente colectiva de los ciudadanos asustados, hubo al menos otras dos muertes en la Ciudad de México por paro cardiaco de ancianos que se aterrorizaron por la situación.

Por nuestro lado nos alegramos de todas la muertes, de TODAS, nuestro regocijo es absoluto y porque ver todos esos edificios arrancados de cuajo, todos esos puentes cortados, todas esas iglesias de cristo destruidas, todos esos muertos humanos, todo ese pánico colectivo, todo ese Caos, en fin, toda la desgracia civilizada no hace más que alegrarnos el alma. Todos eso que se conmueven por la desgracia no son más que unos necios, nos alejamos de los llamados sentimentalistas de la humanidad filantrópica, de sus campañas de ayuda y demás basura moderna.

Porque lo Salvaje ha sido, es y será siempre nuestra única Autoridad, perecer bajo una de sus manifestaciones será para nosotros el mayor regalo de lo Desconocido.

¡Con la Naturaleza Salvaje de nuestro lado siempre hermanos!

¡Que siga el regocijo con cada cataclismo de la Tierra!

¡Que continúe la desgracia en la humanidad!

 

(AMÉRICA) LO SALVAJE SE MANIFIESTA CON VIOLENCIA INDISCRIMINADA

Tomado de Nomen Nescio, sumándonos a la celebración por el Caos reinante ante las manifestaciones de lo Salvaje.


Diferentes zonas de América se ha visto sacudidas violentamente por gigantescos huracanes durante las últimas semanas, tanto las islas del Caribe como varios estados de Estados Unidos y México han sido golpeadas por estos fenómenos naturales que han dejado una hermosa desolación, pérdidas millonarias y lo más importante, muertos y desaparecidos.

Los gobiernos ahora tienen una amenaza mucho mayor que sus pleitos trasfronterizos, la Naturaleza Salvaje se ha manifestado indiscriminadamente y ha demostrado la fragilidad de la pútrida civilización.

Los multitudinarios cortes de luz, las enormes inundaciones, las carreteras colapsadas, aeropuertos cerrados, en sí, la infraestructura en general de las urbes y fuera de ellas han sufrido graves golpes ante la fuerza de estos huracanes.

Como si no fuera suficiente el pasado 7 de septiembre, un terremoto de 8.4 grados richter se ha manifestado a media noche en México y Guatemala. El salvaje movimiento telúrico tumbó edificios y casas, la tierra se abrió inesperadamente, se presentaron explosiones de condensadores de energía, el terror se apoderó de las mentes de los híper-civilizados que corrían y se refugiaban mientras sus edificaciones caían sobre sus cabezas, se registraron más de 70 muertos durante los pocos minutos que lo Salvaje se dejó sentir violentamente sobre la civilización.

Algo que causó sorpresa durante el terremoto fueron las luces que se apreciaron en el cielo, luces que ya algunos le han dado explicación científica, para nosotros, aquellas bellas luces son la representación del Caos, la presencia de lo Desconocido azotando con su violencia a aquellos que no escuchan ni ven el llamado de lo Salvaje.

Para aquellos que piensan que la humanidad es el centro del universo, lo Desconocido les está haciendo recordar que no son nada, que con un simple soplo de destrucción, la Naturaleza Salvaje les puede arrebatar fácilmente sus miserables vidas.

¡Hermanos y hermanas, alegrémonos y festejemos los embates del Cataclismo Salvaje!

Textos: Pensamientos de un eco-extremista

Con tremendo orgullo propagandístico publicamos el trabajo editorial de Jeremías Torres, mejor conocido como Huehuecoyotl, escritor eco-extremista, defensor acérrimo del inhumanismo y de la amoralidad nihilística.

El trabajo lleva de contenido los siguientes textos:

-Una nueva fraseología revolucionaria

-Apuntes sobre la violencia extincionista

-Carta a un optimista

No nos queda más que animar a todos los proyectos antiguos y recientes de propaganda anti-humanística a seguir adelante con palabras, palabras que minan la mente de los inquietos e inquietas y que se transforman en terribles actos sufridos por los miserables híper-civilizados.

¡Adelante con la difusión!

Textos-Pensamientos de un ecoextremista

(it) Abbiamo tardato: Reazione Selvaggia in risposta a “Distruggi le prigioni”

Traducción al italiano de uno de los textos de Reacción Salvaje (RS) respondiendo a unos humanistas anti-carcelarios en el año 2015.

Texto original en español disponible en el proyecto cuncluido El Tlatol.

Traducción a cargo de Algol.


Coahuila, 26 Febbraio del 2015.

Leggendo un’intervista fatta dall’anarchico venezuelano Rodolfo Montes de Oca alla rivista di diffusione anarchica- anti-carceraria insurrezionalista “Distruggi le Prigioni” (DP), il gruppo Reazione Selvaggia darà alcune risposte, commenti e osservazioni, con questo non volendo cominciare un dibattito lungo e noioso sulle forme nelle quali ognuno sviluppa i propri progetti violenti contro il sistema. È solo una veloce risposta a quello che ci è sembrato importante, e (ritornando) a ricordarlo, poiché è evidente che dopo tanti comunicati e tanti contributi rispetto alla nostra tendenza terroristica contro il sistema tecno-industriale e la civilizzazione, ancora ci sono persone che non la comprendono del tutto o fraintendono le nostre posizioni individuali.

Detto questo, “diamo volo al filo”:

A. Nuova tappa

Dal primo comunicato di Reazione Selvaggia (RS) abbiamo espresso che la configurazione dei vari gruppi in uno solo era una nuova fase. Velocemente, nuovo in che cosa?

D.P. dà per fatto provato che il nuovo modo di agire- cosa che noi non menzioniamo mai- è la nuova tappa nella nostra lotta contro il sistema tecno-industriale, la civilizzazione ed il progresso, accentrandoci ora nell’agire: nella riappropriazione del sabotaggio come forma di attacco, mantenendo il modus operandi terroristico delle Individualità tendenti al selvaggio (Its).

Questa tappa vissuta in RS, è anche accompagnata (come esattamente ha detto DP) dal modo del discorso, volendo lasciare dietro il passato “kaczinskyano”, e sforzandoci fino ad ora di concretizzare una tendenza distinta, che siamo riusciti a potenziare,è che unica nel suo tipo tanto in Messico come nel mondo.

Vale la pena menzionare che questa tappa si divide in sub-fasi: elencando la prima sarebbe quella della propaganda-minaccia, la quale ha funzionato bene dopo aver emesso il primo comunicato (SI, con tutti gli offensivi mitra!), accaparrando l’attenzione della stampa e il governo federale.

La seconda è stata quando siamo tornati a utilizzare il butano, i tubi esplosivi, l’allarme bomba, il fuoco e le masse per generare destabilizzazione. Siamo tornati alle nostre vecchie, caceras e armi veloci per dimostrare pubblicamente la multi – operatività dei gruppuscoli di RS, cosa che ha funzionato.
La terza è questa, dove entriamo in pieno per dimostrare nella teoria le marcate differenziazioni tra “i kaczynskistas” e gli anarchici insurrezionalisti.

Ci sono altre sotto- facce progettate, che non menzioneremo logicamente per non rovinare la sorpresa.
Cosicché lasciatecelo dire signori di DP, le nuove fasi di un gruppo come RS non è stato come speravate, o non è tanto evidente quanto alcune organizzazioni armate nella storia, alla quale ci hanno abituati.

B. Del Selvaggio

Essendo un pò più chiari, RS divide quello che è Selvaggio in tre parti:

  1. Reale: In termini semplici, il Selvaggio è quello che è lontano, resiste e si mantiene inerte rispetto a tutto quello che è artificiale. Non solo sono la flora e la fauna silvestri, lo sono anche gli ambienti naturali, i deserti, boschi, selve, coste, pianure, etc., gli avamposti di questi, come le grotte, le gole, i mari, i fiumi, le cascate, i pendii, etc. Le manifestazioni e processi di auto-bio-organizzazione nella natura. Anche tutto quello che si trova fuori dalla Terra, rappresenta il Selvaggio, pianeti, buchi neri, galassie, stelle, super nove, satelliti, meteoriti, etc. Gli istinti radicati profondamente negli umani, che resistono all’adozione di certe abitudini iper-civilizzate, sono anch’esso il Selvaggio.
  2. Concetto: In termini più teorici, il Selvaggio come concetto è quello che usiamo nei comunicati, dipinti, messaggi intimidatori verso il nemico, etc., sono il comprendere quello che è stato perso, è quello che si rivendica per non cadere nello stesso gioco di lotte di sempre. E benché il Selvaggio come concetto è già utilizzato da molte persone provenienti da marcate ideologie estranee alla nostra tendenza, per i membri di RS è di vitale importanza mantenere questo termine in maniera fondamentalmente in alto.
  3. Animismo pagano: Anche il Selvaggio è nelle credenze dei membri di RS. Consideriamo l’umano credente di natura, perché dagli inizi di questo lungo viaggio dell’uomo e la donna sulla terra, gli antichi avevano l’essenziale bisogno di crearsi divinità provenienti della natura stessa, cosi come i gruppuscoli di RS mantengono una credenza molto marcata e personale respingendo ad ogni costo il cristianesimo, come lo fecero i nostri antenati.

Cosicché quando i gruppuscoli di RS si pongono dalla parte del Selvaggio, ci stiamo riferendo a tutto quello che è implicato nei tre punti, difendendo la Natura Selvaggia come tale, rivendicando il termine e allargando le nostre credenze pagane attorno alla spiritualità guerriera della natura. Logicamente non siamo selvaggi nello stretto attaccamento alla parola. Quando noi auto affermiamo il nostro essere “selvaggio” o “incivilizzato” facciamo riferimento al Selvaggio solo come concetto. Chiunque abbia raziocinio, sa che i selvaggi non si metterebbero a scrivere lunghi comunicati difendendo le loro posizioni rispetto alla guerra contro questo sistema.

DP dice che i nostri attacchi si sono incentrati nelle città, ma abbiamo reso possibili anche gli attacchi all’urbanizzazione nei boschi, facciamo un computo rapido di alcuni dei nostri atti:

  1. Una cellula del “Fronte di Liberazione della Terra”( la quale è già parte di RS) nell’anno 2010, attaccò con successo la costruzione che deviava l’acqua del fiume Bosque de los Dinamos verso l’urbe, nella Delegación Magdalena Contreras del Distretto Federale. Fino a quel momento gli eco anarchici, fecero scritte minacciose sui macchinari e nel materiale utilizzato, distrussero i pozzi in costruzione e ridussero a cenere tre macchine; i danni furono grossi, e in una delle macchine scrissero “Fuori la civilizzazione dagli ambienti selvaggi.”
  2. Nel 2009, il gruppo “Luddisti Contro l’Addomesticamento della Natura Selvaggia”, (oggi parte di RS) incendiò completamente quattro macchine all’interno delle pianure del municipio di Nextlalpan nello Stato del Messico. I macchinari erano utilizzati allora, per la costruzione della super strada che collega vari stati col DF, chiamato Circuito Esterno Mexiquense, un mega progetto che questo gruppo affrontò in varie occasioni: dal 2009 al 2010 si registrarono più di dieci attacchi, in maggioranza incendiari contro il macchinario, proprietà dell’impresa Carso, leader di detto progetto.
  3. In quello stesso anno, un gruppo d’individui che utilizzarono la stessa sigla riportata sopra (che fanno parte di RS) incendiò e lasciò inservibile una torre di telefonia mobile (proprietà di Telmex) nell’oscurità, nelle colline confinanti il municipio di Atizapán nello Stato del Messico.
  4. Nelle calde montagne alla periferia di Aguascalientes, il gruppo “Circolo Informale di Antagonisti Individualisti” (membri di RS) liberò vari cavalli selvaggi da una fattoria industriale, incominciando così una campagna di attacchi contro i siti turistici e insediamenti urbanistici che minacciavano il Cerro del Muerto. Atti che per varie ragioni non furono mai rivendicati, è che brevemente esponiamo qua.
  5. Nel 2010 un’altra cellula del Fronte di Liberazione della Terra (ora anche RS), appiccò il fuoco a vari macchinari e realizzò una serie di attacchi contro vari obiettivi nel municipio di Coacalco nello Stato del Messico, questo per risposta alla costruzione di abitazioni che invasero il Cerro de Guadalupe, l’ultimo dei posti semi selvaggi di quella zona.

Questi sono soli alcuni esempi rapidi del nostro agire nei boschi, le pianure, montagne e colline. È vero che i nostri attacchi sono stati fatti con più frequenza nelle città, questo evidenzia la misura delle nostre possibilità. La lotta contro il sistema tecno industriale e in difesa della natura è tanto nelle città come negli ambienti naturali, non si incentra solo nella seconda come dice DP.

Riconosciamo la resistenza che hanno i Purépechas nel difendere e morire per i boschi di Michoacán, ammiriamo i ribelli Huicholes che si oppongono con tutti i mezzi, allo sviluppo delle miniere in San Luis Potosí, appoggiamo i Chichimecas che negano la cristianizzazione delle loro native credenze in Guanajuato, appoggiamo ai Mixtecos che respingono ad ogni costo le medicine delle città e preferiscono continuarsi a curare con le piante che raccolgono nella catena montuosa di Oaxaca davanti al rischio di essere segnalati come stregoni, rispettiamo la decisione dei Kiliwa di preferire l’estinzione prima che la loro cultura sia assorbita dalla vita occidentale, esaltiamo la resistenza che distingue alcuni Raramuris nell’essere lontani dalla civilizzazione e mantenere una vita semi nomade nei deserti di Chihuahua. Alla fine, di tutto questo, la lotta contro il progresso e in difesa della terra comprende tanto le etnie originarie che resistono a tutto questo, nei loro ambienti, come a quelli civilizzati che abitano nelle città, è che intraprendono azioni di sabotaggio e terrorismo contro lo stesso progresso. Perché la lotta per la natura non è una sola, variano le strategie, i contesti, le situazioni, i rischi.

Ripetiamo, gli attacchi al sistema e la resistenza davanti a tutto questo sono tanto negli ambienti naturali come nelle città, è un complemento, la resistenza è in entrambi i contesti.

Perché RS non attacca allora la diga alla quale si oppone la comunità di Temacapulín in Jalisco (per esempio)? Attaccare una miniera o qualche progetto urbanistico che ha già storicamente una resistenza comunale, sarebbe grave, perché intervenire in un processo di lotta per la terra e spingere la polizia all’assalto contro queste persone, è di per sé già molto “povero”, rispetto alle bastonate delle autorità. E questo non lo diciamo in un tono morale, bensì piuttosto in maniera strategica e prudente. Per questo motivo i gruppuscoli di RS scelgono bene i loro obiettivi, nella misura delle nostre possibilità attacchiamo il progresso tecno industriale negli ambienti naturali e nelle città.

Faremmo alleanze con paesi e comunità se avessimo l’opportunità di difendere la terra? Certo, essendo cauti e non rivendicandoli naturalmente. Lavorare con la gente delle montagne, non ci crea nessun problema, non lo vediamo come una cosa di sinistra, come già detto erroneamente, un’altra volta, da DP. Difendiamo la nostra individualità ma sappiamo vivere in comunità. Con gli anni, della gente che vive sulle colline, abbiamo imparato l’umiltà e la semplicità, è per questo motivo che RS è ora un po’ più rispettoso di quello che erano prima le Its, sempre se qualcuno l’ha notato.

C. Romanticismo alla RS

DP, attraverso il suo parere, considera romantica la nostra posizione rispetto al Selvaggio, non ci stupisce, poiché questo arriva da persone anarchiche che sanno che le loro utopie sono perfino più romantiche di quello che criticano; un atteggiamento preso dai sentimenti civilizzati di questa società con valori occidentali, togliendo, come sempre, rilevanza ed importanza, quando si rivendicano a favore del Selvaggio e la natura, tacciando “l’antico”, di romantico.

Ricordando: Chi furono quelli che categorizzarono di romantiche le credenze e gli stili di vita nella natura dei nostri antenati selvaggi e nomadi? Sì, i maledetti conquistatori, gli idioti francescani! Non fu uno degli ingredienti per umiliare i nativi? Catalogando di pagano quello che suonava di “romantico” con la natura?
Magari è stato un nostro errore dire che siamo “selvaggi” o “incivilizzati” senza prima menzionare che facciamo riferimento ai nostri indomiti istinti e l’eredità guerriera che portiamo nel sangue; qualcosa che non sottrae credibilità ai nostri atti, ma che senza dubbio suppone una critica verso questi termini venendo da persone come noi, civilizzate.

È stato per questo motivo che da un po’ di tempo (nei nostri comunicati) abbiamo detto e ripetuto che siamo esseri umani civilizzati attaccati al passato primitivo. Persone che con un processo civilizzato di apprendistato, hanno intravisto il problema alla radice e che ora per quella coscienza ottenuta dallo studio, la comprensione, le esperienze e le pratiche, dichiarano la guerra al sistema come lo fecero i nostri antenati selvaggi: continuare la loro guerra è fare che la fiamma del conflitto contro la civilizzazione non si estingua. Quando ci vediamo, attorno al fuoco in mezzo ai boschi, armati, è come tornare a vedere i visi degli spiriti guerrieri, da cui abbiamo ereditato certi aspetti fisiologici e intellettuali che ci vincolano fortemente al loro lascito.

D. Antropologia “dominatrice”

DP ha ragione, nel nostro processo di apprendistato abbiamo studiato alcuni teorici antropologi, più altre scienze, questo per dare peso alle nostre posizioni, ma da un po’ di tempo non si legge nessun riferimento bibliografico di qualcuno di questi libri nei nostri comunicati, perché? Perché ci siamo resi conto che possiamo imparare più dagli anziani di certe etnie o vivendo nella natura, che dai libri di studiosi e/o professori universitari che espongono teorizzazioni ripetitive e per niente pratiche.

E se DP considera l’antropologia come una malefica scienza sociale “dominatrice”, perché allora evidenziare che ha preso dei riferimenti storici da alcuni libri di antropologia, per dare una risposta alla domanda di Oca sul panorama del sistema carcerario in Messico? “Gruppi di Maya e Aztechi benché non avessero l’idea della conformazione della prigione, come sistema penitenziario, utilizzavano gabbie come mezzo di detenzione per l’applicazione di una punizione immediata, che nella maggioranza dei casi si trattava di pene corporali come la flagellazione o la mutilazione, oppure come offerta per le cerimonie religiose.”

Per caso l’hanno inventata?

Come no.

E. Un movimento senza volere?

Da quando abbiamo cominciato a diffondere le nostre idee e gli atti, la verità è che non avevamo in mente che un giorno tutto questo, potesse avanzare, arrivando a trasformarsi in riferimento per altri gruppi e individui. È stato una gradita sorpresa sapere che persone dell’altro lato del continente leggono e approfondiscono i nostri testi, sono inspirati dalle nostre azioni, tanto che si è creato tutto un lavoro irregolare di diffusione e traduzione di questo (grazie ai gruppi anarchici o no che simpatizzano con noi), senza che fosse nostra intenzione creare subito una tendenza fortemente più critica, nella resistenza a forma estremista al progresso del sistema tecno industriale e la nocività della civilizzazione. Non sappiamo se questo si trasformerà un giorno in un movimento come tale, ma non ci scommettiamo. Siamo vittime della causalità. Se un giorno si arriverà a consolidare questo, se saremo vivi, vorremmo che questo movimento fosse tanto distruttivo e minacciante che solo menzionandolo, i progressisti tremino di paura.

Fin dal principio abbiamo scelto di rivendicare i nostri atti per la possessione individualista e per il mero fatto che sono atti nostri. Non volevamo che altri se li aggiudicassero, o fossimo visti come uno “scherzo”, o essere relazionati con le gang o il narco; per cui abbiamo fatto pubbliche le nostre critiche e fino ad ora quello che abbiamo visto, è un grosso progredire, ed è qualcosa che ci riempie di orgoglio.

Ritornando al tema, DP scrive che se crediamo in un movimento, stiamo seguendo il gioco del sistema con idee che “portano lo stesso germe di questo”, ma noi non vogliamo creare nessun movimento, né ci preoccupiamo né c’interessa, allora, lasciamo questi problemi a quelli che vogliono crearlo, come i kaczynskistas o gli anarchici, per esempio.

DP scade nel patetico quando scrive (rispetto a patteggiare con il sistema) e domanda, Oh da dove escono i fogli dove s’imprimono le loro parole, i computer dove diffondono le loro azioni, le armi con le quali attaccano gli scienziati o il cibo col quale si nutrono?

Questo è equivalente a quello che noi potremmo chiedere agli anarchici (ad alcuni, no a tutti), con la stessa assurdità cui parla DP; Da dove tirano fuori le birre per ubriacarsi, se si suppone che sono anti-capitalisti? Utilizzano computer di marche statunitensi per guardare i loro blog di “controinformazione”, se si suppone che sono anti-imperialisti? Se sono contro tutte le prigioni, DP consuma prodotti di origine animale? Se si affermano ecologisti, DP separa la sua spazzatura? Sono ecologisti profondi, radicali, progressisti, etc.? Un anarchico di DP può portare la sua tessera di elettore? Per favore! Altre “ragioni” più banali non le potete dare? È evidente che gli editori di DP non hanno compreso la minima parte della nostra tendenza, oppure, non siamo stati abbastanza chiari: la prima è urgente mancanza di analisi, la seconda, è il loro capriccio.

F. Verità Assoluta

È vero, RS ha una verità assoluta ed è la Natura Selvaggia, per lei siamo qui, combattiamo e per lei moriremo.

Non vogliamo rinunciare a essa, anche essendo civilizzati, manteniamo una simbiosi con lei e con tutto il Selvaggio. A molti anarchici (non a tutti) del tipo DP, fa paura essere tanto taglienti e difendere le loro posizioni perché possono essere tacciati d’intolleranza e dogmatismo. Noi abbiamo perso la paura per questo, e abbiamo scelto di difendere con le unghie e i denti, le nostre convinzioni e i comportamenti lontani dai “normaloidi.” È per questo motivo che rivendichiamo la nostra verità assoluta, per questo motivo ci siamo guadagnati abbastanza nemici, perché siamo diretti totalmente e molto sinceri. È tipico, nella società (e nei gruppi di “ribelli”, come alcuni anarchici) abituarsi al buonismo, ad ascoltare solo quello che conviene loro, alla “sana convivenza”, alla bugia e l’ipocrisia. Noi non sopportiamo questi atteggiamenti, preferiamo essere tali e quali come siamo invece di nascondere le nostre vere opinioni e posizioni. Succeda quello che succeda.

G. Il personale

Sembra che DP voglia che parliamo delle nostre vite personali, poiché sempre, (o nella totalità dei nostri comunicati), ci riferiamo solo all’attacco, e lasciamo da parte il modus vivendi. Quello che DP non capisce è che tutte le persone che si oppongono al progresso e la civilizzazione, sanno cosa vogliono, creano stili di vita, abitudini e progetti entro le loro possibilità per rifiutare totalmente l’estraneo, chiaro, sempre rimanendo in contraddizione con alcune delle nostre posizioni ma assumendole con fermezza. Queste persone non restano speranzose che altri gli dicano come bisogna vivere la loro vita, a differenza di alcuni anarchici (non tutti) che sono abituati a basarsi su zine, libri, e blog, affinché prendano come riferimento quegli stili di vita presenti e storici, e comincino a crearsi i propri.

Sarebbe stato meglio che DP ci domandasse direttamente un po’ di più sulle nostre vite personali, ma buono, faremo riferimento su una serie di domande che rilasciamo al volo, per esporre un po’ di quello cui vogliamo parlare: alcune risposte non saranno complete per mera discrezionalità pratica.

“Per un anticivilizzatore”. Per incominciare DP fa le domande ai “anticivilizzatori”, ma ricordiamo che ci sono varie correnti che si oppongono alla civilizzazione, dagli eco fascisti, passando per gli eco anarchici, i primitivisti, gli auto-nativi, etc., RS è considerato da molti un gruppo “anticivilizzazione”, e benché questo termine non ci aggrada, anche così risponderemo alle seguenti domande.

In che misura e in che momenti è bene fare uso della conoscenza e del materiale che hanno lasciato secoli di civilizzazione?

Nella misura e nel momento in cui abbiamo rinforzato e sperimentato le conoscenze nella pratica; da quel preciso momento possiamo prescindere dal materiale preso dai libri e gli studi per cominciare ad auto-inculcarci la nostra identità come individui appartenenti a un certo gruppo sociale determinato. Per esempio, ci raccontano la storia, che molte volte è basata in maniera, amplia e su dati non veridici ma questi dati possono essere smentiti o verificati dai nativi. Durante la Guerra Chichimeca intorno al 1550, nell’unica strada che collegava le miniere di Zacatecas (prima parte della Nuova Galizia) col DF (prima chiamato Nuova Spagna) gli aborigeni in guerra intercettavano i carri che erano difesi da vari fantini ben armati, e i chichimecas tendevano imboscate e ammazzavano tutti gli spagnoli, i loro schiavi, e rubavano la merce, questo dato storico è stato raccolto da un membro di RS in una parte di un libro. Tempo dopo conversando con un abitante nelle strade di Zacatecas, lui disse di avere ascoltato che il trisnonno di suo nonno raccontava che in quella strada indios nudi rubavano le merci dei ricchi spagnoli e li seppellivano sulle colline affinché non potessero trovarli. In questo caso, il dato che prima si era letto su un libro, fu corroborato dal membro analfabeta di una comunità dentro i territori di quello che sono stati conosciuti come la Gran Chichimeca: in queste strade, le persone continuano a trovare argento, punte di freccia di ossidiana come altri oggetti utilizzati in quel conflitto bellico- degno da ricordare, e rivendicare come una delle più grandi e serie guerre contro la civilizzazione occidentale in questi territori.

L’anticivilizzatore si lascerà morire la prima volta che contrae una malattia che l’organismo non può combattere? Potrà fare uso di antibiotici farmaceutici e della medicina occidentale?

I membri di RS non si lascerebbero morire da quella “malattia” cui il loro corpo non resiste, e a dire il vero, crediamo che nessuno lo farebbe nella sua capacità di giudizio. E senza dubbio potremmo mettere da una parte gli antibiotici farmaceutici, perché tutti i membri di RS si curano con i rimedi della terra e respingono totalmente la medicina allopatica. È impossibile vivere senza aspirine, ranitidina, paracetamolo, etc, per quelli che hanno adottato la cultura nociva della medicina moderna,ma nella realtà non sono necessari gli antibiotici con gli additivi chimici, esistono antibiotici naturali molto efficaci come il propoli. Per chi ha conoscenza di erbe curative, non c’è nessun problema nell’alleviare o curare delle malattie delle città con infusioni, cataplasma, vaporizzazioni, estratti, etc.

Se un’anticivilizzatrice prende un tè alla cannella per alleviare una colica mestruale o diminuire un raffreddore, entrerà in contraddizione che sia una pianta nativa dell’India?

Per una domanda tonta si risponde con un’altra domanda tonta: entrerà in contraddizione l’anarchico di DP, utilizzando vestiti confezionati da bambini schiavizzati e sfruttati a Taiwan?

RS non ha nessun problema nell’utilizzare piante che non sono originarie di questi territori, e anche se c’è lo proponessero, potremo vivere solo di piante native, poiché in molti territori naturali c’è una gran varietà di piante medicinali ed alimenti ancestrali autoctoni.

Un anticivilizzatore messicano vedrà coerente prendere latte o mangiare carne di vacca benché questi siano originariamente animali euroasiatici?

RS non ha e vede con questo nessun problema, benché alcuni di noi cerchino di evitare nel bere latte o mangiare frequentemente carne, non perché vogliamo essere “coerenti”, bensì per le malattie che implica mangiare questo tipo di alimenti industrializzati nelle città infette.

Quanto è compatibile l’orto con la selvatichezza anticivilizzatrice?

Per molti di noi è di vitale importanza avere un orto organico da dove potere prendere il cibo in tempi di scarsità o la medicina in tempi di malattia. Non cadiamo in contraddizione, la cosa importante è sviluppare stili di vita che si allontanino più che si può dalla dipendenza artificiale del sistema.

Benché alcuni membri di RS siano più attratti dalla vita di raccoglitori e cacciatori, non disistimano la scelta degli orti.

Si attaccherà la tecnologia e fino a che punto si userà la tecnologia per combattere il sistema tecnologico?
Si usa la tecnologia solo per diffondere l’attacco al sistema, sappiamo che siamo legati alle condizioni imposte e l’unica cosa che possiamo fare davanti a questo è affrontare le nostre contraddizioni. Gli aspetti non necessari della tecnologia sono gettati in mare. L’uso minimo della tecnologia è quello stabilito dai membri di RS.

Come si educa un figlio in maniera anticivilizzatrice?

Non c’è un modello da seguire nell’educazione dei figli tipo- “anticivilizzatori”, perché ognuno degli oppositori al sistema saprà creare i metodi d’insegnamento, pertinenti perché i suoi piccoli possano crescere felici e consapevoli.

Come abbiamo detto sopra, non c’è in anticipo, un modello di vita imposta, ogni critico della civilizzazione, (che sia di RS o no) saprà portare alla pratica e nella sua vita giornaliera le proprie parole, molte volte cadendo in contraddizioni ma molte altre volte sentendosi soddisfatti per le piccole vittorie che ci dà la semplicità e la natura. Con questo non si tenta di mantenere la “purezza” come dice DP, bensì di sviluppare unicità.

H. Ritornando ai termini

Nel comunicato intitolato “Reazione Selvaggia e gli anarchici”, abbiamo messo nelle note un comunicato delle Its sulla differenza tra noi e gli anarchici. Quello che leggerete sotto, risponde ad alcune critiche fatte da DP nella sua intervista, le quali non saranno trattate in maniera profonda perché si tratta di argomenti esposti in precedenza e dei quali, raccomandiamo a DP di dare una ripassata.

Il termine di autorità e quello di potere, ha un significato di sfida per gli anarchici, e benché siano intrinsecamente attaccati a noi come specie, questi tentano sempre di trovare il problema. Un lemma molto ricorrente e conosciuto tra gli anarchici dagli inizi, e come posizione è stata “contro ogni autorità”, frase che lascia molto a desiderare rispetto al suo potere analitico, derivato da questo errore di sintesi tra le distinte correnti che l’hanno interpretato di varie forme, dagli anarco-punk fino agli anarchici insurrezionalisti (i quali sono stati un po’ più analitici dei primi), ma è anche diventato un grosso problema perché ognuno si è fermato a spiegarlo “alla bell’e meglio”. La spiegazione che dà DP alla sua posizione rispetto all’autorità e il potere, è un po’ più dettagliata e ci sembra interessante, ma abbiamo un problema quando scrivono: “(…) l’osservazione dello sviluppo del mondo e la nostra storia di dominazione, ci dà modelli per riconsiderare le forme in cui portiamo le nostre vite e scegliere la negazione delle relazioni di potere, tanto delle forme di potere più brutali che si generano dentro il mondo civilizzato come di quelle che si generano in maniera “primitiva”, questo lo diciamo perché RS ha espresso il suo punto a favore quando le relazioni di potere sorgono in comunità primitiva.”

Rispetto a questo commento RS afferma: se DP si sente conoscitore delle comunità, speriamo che sappia che la gente delle colline in Messico è abituata da centinaia di anni a forme di vita che sono viste male dai cittadini malati di cultura occidentale; certe forme di vita che sono catalogate come “brutali”, e come esempio, scambiare una donna con una vacca o alcuni maiali, per i nativi è comune, è parte delle loro abitudini, del modus vivendi ed è qualcosa di normale, mentre per i moralisti occidentali (compresi alcuni anarchici) è qualcosa d’indegno. Si spaventano e attaccano e gridano al cielo quando sentono parlare di questo: generalmente le anarchiche femministe sono quelle che, più si scandalizzano davanti a questo. RS non lo vede come qualcosa di brutto, RS rispetta lo sviluppo e le abitudini della gente delle campagne, per questo motivo c’esprimiamo a beneficio delle relazioni di potere in quel tipo di comunità, perché non ci riguarda il tentare di cambiarli. Specifichiamo, che non siamo “maschilisti” ma sinceramente non ci mettiamo contro questo tipo di atteggiamenti dei nativi. Anche se agli anarchici alla fine irrita quello che diciamo, questo è quello che pensiamo.

Anche gli spagnoli al loro arrivo in Mesoamérica si sorprendevano oltremodo, vedendo il modo di vita degli aztechi civilizzati e inorridirono molto vedendo i rituali dei chichimecas selvaggi, tentarono di cambiare la loro vita con punizioni e morte perché secondo essi, quello che facevano non era “buono”; così succede con gli anarchici, stile DP, che mette una barriera di negazione in quello che puzza di relazione di potere civilizzato o primitivo. Gli anarchici quando gli dicono che non possono prendere alcool in un posto dove non si può, rispondono o pensano (non tutti): “Se non stiamo in chiesa”, “non ci potete imporre niente”, “Noi possiamo decidere liberamente”.

Una risposta molto contestatrice e ribelle, che senza dubbio genera tensione!

Siamo d’accordo con DP che non esiste una società assoluta, ogni gruppo umano sulla terra ha sviluppato modelli di vita in accordo con la loro condizione, gli ambienti e i caratteri. Quello cui ci riferiamo, è che le società primitive per la loro mancanza di complessità nelle relazioni sociali, erano molto più sane delle società moderne. DP si è sbaglia, un’altra volta, quando afferma che i membri di RS considerano la società primitiva come assoluta. E certo infine che DP ha un serio problema di stato di conflitto con l’assoluto.

Recentemente alcuni gruppuscoli di RS hanno emesso un comunicato diretto ai nascenti gruppi che avanzano e fanno la loro critica contro la civilizzazione e la tecnologia moderna, specificando chiaramente nel suddetto comunicato che non era una questione di solidarietà bensì piuttosto di complicità. Detto chiaramente, RS continua a considerare come un problema grave, la solidarietà indiscriminata, la quale come abbiamo detto in reiterate occasioni, è quell’aiuto filantropico- diffuso in maniera massiccia dai mezzi di comunicazione- con la quale qualunque settore vulnerabile della società, fa si che le disuguaglianze rimangano nascoste e la convivenza civilizzata e in ordine possa rimanere duratura, servendosi dell’auto-perpetuazione dallo stesso sistema. Noi preferiamo la solidarietà tra il circolo sociale affine, e la complicità, con i pochi gruppi che condividono posizioni rispetto a questa guerra contro il sistema.

Anche la solidarietà indiscriminata è usata in certi settori anarchici stile DP, che vuole generare conflitto attraverso l’unione di distinte correnti per lo svolgimento della loro tensione anarchica, ma loro stessi devono essere intelligenti e strategici non mettendo nelle loro file tutti quello che si dicono “ribelli”: per non fare si che così ci sia il pericolo dell’infiltrazione e dell’incarceramento dei loro “compagni.” Troppo tardi! Poiché è ben conosciuto da molti il lavoro d’infiltrazione che la polizia investigativa del DF, il governo federale, come del Cisen stanno sviluppando negli ambienti anarchici da alcuni anni. Questo è il motivo del perché c’è una cattiva organizzazione nella cultura di sicurezza di questi. Noi preferiamo la solidarietà reale e la complicità selettiva per evitare sfortunati inconvenienti, e indubbiamente questo non ci farà più “selvaggi” come dice DP, ma almeno ci manterremo fuori dal raggio degli sbirri il tempo a noi necessario.

Terminiamo questo testo, sebbene, speriamo che le persone di DP non si prendano male o vedano la critica a titolo personale, rispettiamo il loro lavoro e i progetti di vita, ma poiché si sono riferiti a noi nella loro intervista, non abbiamo nessun disistima nel fare propaganda, e abbiamo sentito la necessità di emettere la nostra risposta.

Per il conflitto armato contro la civilizzazione e il progresso.

Reazione Selvaggia

Gruppuscoli:

“Spirito Uaxixil”

“Danza di Guerra”

“Ammazzare o Morire”

“Cacciatore Notturno”

“Pioggia di frecce”

(en) Clarification by Maldición Eco-extremista

Traducción de una nota aclaratoria sobre los atentados de ITS.


As we published a piece which touched on the veracity of ITS’ action in Mexico, here we gratefully publish a translation of their clarifying note to their translation of our piece. Hopefully this clears things up.

On this text we would like to comment on some things. ITS-Mexico has been involved in a long polemic in comparison with previous years, one in which its discourse as well as its acts have been questioned. This has been the case in particular concerning if it is truly responsible for the murders committed from 2011 onward. In some cases the evidence fabricated by authorities has centered on demonstrating that recent ITS acts were committed by others. This is understandable since in a place like Mexico City and similar area where ITS is present, authorities tend to cover up the truth of some truly remarkable criminal acts that have become a daily occurrence. For example, some weeks ago, the southern part of the city was struck with narco-blockades in different important roadways after the death of one of the leaders of the Tlahuac Cartel (an organization that the authorities have always denied exists). As a consequence, a wave of police response was unleashed, the army and Marines were called out to the scene, and there were street battles with cartel assassins with high caliber rifles. This is something that occurs in places like Sinaloa, Tamaulipas, Chihuahua, Guerrero, Michoacán, etc. Even the Head of Government (who has aspirations to be President of the Republic), in order to not lose popularity, continues until now to deny the influence and importance that the drug cartels have in Mexico City. The same could be said of ITS. The authorities deny that they are terrorists, they deny that there are terrorist groups operating in the capital, and they minimize those types of threats (like they minimized the Tlahuac Cartel) so that afterwards they have egg on their face. Another example from here is that the Capital prosecutor, Edmundo Garrido, told the media that the package-bomb that exploded on an elderly man in the northern Mexico City on July 14th of this year was not a terrorist attack. What would the same radio audience think if the media had reported on the ITS group’s act?

It is understandable that some believe that ITS is not responsible for the acts that it claims to carry out. But it should also be remembered that, focusing on the ITS murders, these have always occurred on specific dates as reliable proof that indicates that no one else could have carried them out, without ITS groups having to provide photos or videos or any other physical group that indicates the scene of the crime. Maybe they don’t do this out of strategy, maybe the ITS groups want others to think that they are not responsible for these murders so that afterwards they can then come up with another surprise and then silence the naysayers. Maybe they employ the method of the Zodiac killer who took responsibility for 37 murders but the U.S. authorities could only confirm that he was responsible for five. Only they know, in any event our complicity with them does not falter, but rather increases.

The points that we can make public that are evidence of ITS’ responsibility for the murders that it has claimed to commit are the following:

Víctim 1. Ernesto Méndez Salinas (expert in biotechnology), Morelos, 2011

On August 8th, 2011, ITS successfully detonated a package-bomb at Tec de Monterrey in Mexico State, where there were two prestigious researchers severely wounded. On exactly the 8th of November of the same year, a prestigious investigator in biotechnology was killed with a bullet to the head in Morelos. Was it circumstantial that the first murder occurred on the 8th, but in another month on the same day, they killed an investigator? It’s not possible, it was really ITS.

* (An aside) The wounded of Mutipak, Mexico City, 2011

In September 2011, in the fourth ITS communique it is mentioned that there would be a silence and no other taking responsibility for an attack until the appropriate moment. A month later in October, a package-bomb exploded at a courier company leaving three workers who were handling the package wounded. Was that just coincidence? ITS has always stated that it doesn’t take responsibility for every attack that it carries out. Maybe this is one of those instances, and for some reason it has stated nothing about it.

Victim 2. Ángel León de la Cruz (Computer Science student at the IPN), Mexico City, 2016

As in other cases today, after the murder that ITS carried out in Morelos in 2011, the authorities mentioned that they had caught the person responsible for the death of the researcher in 2012. At first he was only charged with vehicle theft and robbing public transport in Cuernavaca, Morelos, but then they found him with the gun that was the same one used against the biotechnologist. At the same time as well, ITS took responsibility for the attack in 2013. One month after taking responsibility for the attack, the accused man was set free due to lack of evidence, or his lawyer found out about the claim of responsibility from ITS and presented it as evidence in favor of his client, or maybe that was just coincidence? A similar situation occurred in 2016, when the Indiscriminate Faction (which at that time was not publicly part of ITS) took responsibility for the murder of an IPN student in May. The press reported that the police had caught people who in their possession a gun that coincided with the one used in the mentioned crime. Before this, one cannot state that they were responsible for the crime just for having the gun used in the crime on them. It should be remembered that in Mexico there is a large quantity of guns, most (if not all) of which are used in murders, attempted murders, shootouts, threats, all sorts of robberies, etc. It’s not unusual to be caught by police carrying a gun and then get charged with the crime committed with that gun, such as what happened in Morelos in 2012 or in Mexico City in 2016.

Victim 3. José Jaime Barrera Moreno (Worker at the Chemistry Department of the National Autonomous University of Mexico ), June 2016, Mexico City

After ITS’ murder of the UNAM worker in June 2016, which had significant media repercussions, ITS became an object of focus for authorities. For months, ITS groups had been leaving explosives around the University City campus while the authorities covered up the information on various occasions. For that reason, the group decided to kill again. ITS had not killed since 2011 and this time the impact was tremendous. The communique detailed the event quite well, giving information only the authorities knew about. They even recounted facts that the press didn’t know about at the time. The authorities ended up looking ridiculous, and, desperate to bury the whole thing, they made up that the man was killed by some of his coworkers, who apparently have never been caught or charged with any crime. If the police “knew” that his coworkers had supposedly killed him, why didn’t they lock them up and present them to the press as those responsible? We reply that it is because the authorities knew it was all a cover-up to divert attention and close the case of the ITS menace against the University City.

Víctim 4. Luis Arturo Torres García (Vice-Rector of the Tec de Monterrey), Chihuahua, February 2017

As is known now, in January 2017, the proud members of ITS in Chile carried out a well-planned attack against one of the chiefs of the ignominious mining company, Codelco. Signs of support for the hunted eco-extremists of the South didn’t take long to emerge from Mexico. A month later, ITS in Coahuila took responsibility for three attacks in Torreon, two against churches and one against a biotechnology company. From the groups in the center of the country there was only an incendiary attack on a bus that was put out by the passengers. But a new group emerged in Chihuahua at the end of February that executed the Vice-Rector of Tec de Monterrey in the same manner that the old ITS killed the investigator in Morelos in 2011: with a bullet to the head. And even though a claim of responsibility for the attack took place a short time afterwards which gave few details, the press did not report on it, and until today no one has been arrested for the crime. Through what we have seen in this international stage of ITS is that an act always takes place which has repercussions that imply a rigorous investigation of the responsible group. The other ITS groups respond with acts in support of their investigated brethren, and this case is no exception. It is not coincidence that ITS in Chihuahua would kill in order to give encouragement to the folks of ITS Chile or that ITS in Mexico City and Mexico State would kill again in April and May to give the same support to ITS Chile after its January attack. The same occurred when ITS in Brazil detonated a bomb at a mall in August 2016, and the groups of ITS in Chile welcomed their Amazonian brethren to the Mafia with their bomb threats and incendiary attacks. The same occurred with ITS in Argentina who poisoned dozens of bottles of Coca-Cola in two malls in Buenos Aires. At the same time, ITS in Mexico abandoned a suitcase-bomb at a suburban train station against a genomic expert. That is to say, you can’t just look at the taking of responsibility for that act without visualizing the context in which this war unfolds.

Victims 5 and 6. Two hikers, Mexico State, April 2017

The press only reported that a man and a woman were found dead on a trail near Mount Tlaloc in the municipality of Texcoco in Mexico State. Their names were never revealed but a photo was published by the press showing their lifeless bodies, products of gunshot wounds to the head, with all of their belongings lying at their sides. One of the groups of ITS, the Indiscriminate Group Tending Toward the Wild (GITS, before the Indiscriminate Faction), in its March communique had warned the following:

Our position now is to attack the human being, killing and mutilating, now that the human being is the principal culprit for the changes that Planet Earth has suffered.

The threat dates all the way back to December 2016 when the joint communique with ITS indicated:

It makes us sick to our stomach that more and more individuals are attracted in a superficial manner to this… They are the ones who like to hike in the woods, the desert, and the jungle. They feel like they’re shamans and pagans …. We’d like to state to all those people who attracted by “natural beauty” that you too are in our sights. Just like the list of scientists, the list of “forest lovers” who we will attack is quite long. Don’t be surprised if one day while you’re out camping the “Devil” shows up… you’ll just be fertilizer for the trees.

With these words there’s not much more to say. Whoever thinks that ITS was not responsible for these murders is an irredeemable idiot.

Victim 7. Lesvy Osorio (Drug addict university drop-out), May 2017.

There is no doubt that the case of the woman found dead in the University City that ITS took responsibility for has been a complete disaster. To begin, the case has appeared to be very turbulent from the get-go. The prosecutor’s office detailed the personal life of woman to show that she had hung herself with a cable from a telephone, and from the effects of the drugs, she could not react. This was a scandal, especially for the indignant feminists, who issued protests against the prosecutor’s office for issuing these demonizing facts about the woman.

Afterwards the boyfriend of this woman, with whom he had a rather sick relationship (according to the media) was accused of the death of the woman. While all of this was happening, ITS took responsibility for the attack while the prosecutor continued with the version that it has been a suicide. Then a group of women specializing in these types of cases offered to clear up the murder. These women complained that the prosecutor refused to hand over evidence like video recordings of the security cameras and the like. Now they say that there is a recording where the boyfriend strikes the victim, a typical act of aggression in a couple that likes to drink large quantities of beer and consume psychotropic pills. But then the video seems to indicate that the boyfriend leaves and the woman is left alone. Minutes later the woman appears dead and hung from a telephone. Now they accuse the boyfriend of negligent homicide, since the official version is that the boyfriend saw how she was hanging from the telephone and did not seem to care. Just as in the case of the stabbed UNAM worker in 2016 on the same campus, the prosecutor’s office gives a dumb version of things so that ITS is not once more the center of attention. It’s no coincidence that the murder took place only some days after the murder of the hiker couple in Texcoco, and only one day after the abandoning of an incendiary device in the Faculty of Science on the same campus. What is very much true is that GITS (formerly GI) sets itself apart by claiming responsibility for two or three acts carried out in the last two to three days. This shows that the demons had been on the loose, and no matter what the official versions state, these end up not being able to hold water. The Mexican authorities are really making an effort for ITS to not be noticed since they know that they are on the loose, that they are responsible for these attacks, and that they aren’t going to stop.

In any case, we don’t believe that ITS cares much if people say that the acts that they commit are done by others, or if people believe that any given bombing or murder was the work of the Mafia. As long as they can keep attacking and generating terror, whatever the authorities, the media, or shit-talkers say matters very little.

Forward with the criminal project!

[en] (Mexico) Thirty-Sixth Communique of the Individualists Tending Toward the Wild

Traducción en inglés del comunicado 36 de ITS haciendose cargo de un ataque incendiario indiscriminado que dejó en cenizas una repugnante máquina.

¡Por la conspiración contra el progreso humano!


The fire “spoke”, the mania to light vehicles has not left us, nor will it ever.

In the early morning of the first day of August, we lit a trailer on fire in the alternate avenue of the Via Lopez Portillo, around Fovissste, in Ecatepec, Mexico State.

Our device consumed the entire accursed machine. The flames were unleashed and expanded threatening the surrounding houses that also deserve to burn. It would not have mattered to us if the slumbering citizens came out hurt, intoxicated, or whatever, since all in this repugnant society deserves to lie in smoldering ashes.

With this first act we declare to the authorities that we’re back. We are going to unleash a wave of indiscriminate / selective arsons sooner or later. So don’t be surprised if this picks up…

Our devices are designed to burn and some minutes afterwards to detónate. So we recommend that heroic citizens should be aware of the consequences should they try to put out the Great Consumer.

Because we hate the loud, disruptive, and harmful machines, symbol of despicable human progress:

Fire and explosives against civilization

With the Wild at our side!

Courage to criminality!

-Individualists Tending Toward the Wild (Mexico State)

Pagan Sect of the Mountain