Tag Archives: Nechayevshchina Ed.

(es) Guerra oculta

Introducción a la Tendencia del Terrorismo Nihilista, texto publicado en la Revista Regresión número 7, y traducido del original en italiano, escrito por Nechayevshchina.

Traducción a cargo del jefe editor de la Revista Regresión, Xale.

¡Terroristas nihilistas y eco-extremistas, una hermandad por el Abismo Caótico!


“El lobo se come toda la carne y lame la suya”

El título de “Guerra Oculta”, no se refiere específicamente a un único texto, es la especificación de un camino (o de un no-camino), a través del laberinto de un (o del propio) proyecto de Terrorismo Nihilista. Este texto por lo tanto es una parte única y fragmentada de un “discurso” más amplio, que va a escavar a fondo, en la Tendencia de lo que escribo, que aporta varias precisiones, útiles, tanto para aclarar ciertos aspectos, quizás a veces mal entendidos, y como contribución para aquellos que quieran “adherirse” a esta Tendencia, y la “necesidad” de aclarar ciertas cosas sobre esta ley.

Esto porque es muy complejo, y a veces cuesta comprender los textos y los atentados, que se desarrollan en la destrucción de la moral cristiana-platónica, y occidental.

EGO-ARCA: TERRORISMO NIHILISTA

En “Trizas”, había descrito el término Ego-arca con referencia a la Mafia, como método de ataque y aniquilamiento del propio enemigo o enemigos.

Bueno, ahora es momento de ir a fondo, y declamar en manera Amoral, la similitud o afinidad, y la comprensión, entre el Terrorismo Nihilista y la Idea Ego-arca.

Esto, volviendo a decir, incluso si hubiera vivido en una era, en la que alguna idea o Tendencia, se posara en el ser de Mi Nihilismo, sería especifico, ahora, en la era de la “generalización”, debo ser preciso y definir.

Por lo que este texto, que es un fragmento de una compleja “Guerra Oculta”, hablará de la unión de términos e ideas, que se mezclan entre sí.

En mi folleto llamado “Secta”, había desenterrado el contexto en el que, la afinidad de un Proyecto Ilegal, debería de moverse en una perspectiva independiente, pero dentro de la Secta Nihilista. El comportamiento y el modo de vivir, fueron las cosas que se enfrentaron, en manera apropiada en el uso de la acción Terrorista, en el ocultamiento de su “vero nome” [NdT: nombre real], de la destrucción de la adicción de un cierto tipo de dinámica social, del desarraigo de la idea de la igualdad, del debate amoral entre afines que consista en llevar a cabo su propio Ser Dominante, y formar una unión de Egoístas, libres de elegir su propio disfrute, fuera de una Secta, pero bajo la estricta observancia de las reglas peculiares del mismo grupo.

¿Por qué esto?

Porque la unión de Egoístas, que he propuesto, es la unión de Seres libres (literalmente) de aquello que quieran hacer y/o como lo quieran hacer, como a continuación:

1° Si se confunde el término en el texto, andaré explicando la idea de la igualdad;

2° Un sujeto con ganas de formar una Secta, no podrá formarla, en cuanto reproduzca la misma idea anárquica del concepto de respeto mutuo;

En el término “Afinidad”, hay muchos, muchos aspectos, que se reproducen, con el debate amoral en su interior, y predeterminarla escribiendo que “todo el mundo hace lo que quiere”, expira en una idea meramente utópica, porque entonces un grupo que se define genuinamente como anárquico, tendría en su interior, aquellos que ellos mismos llaman “individuo autorizado”, que reproduce el mismo término de “autoridad”.

Por eso es que el folleto “Secta”, debía de escribirlo, y tenía que ser, expuesto después de haber vivido una acción individual, acompañado de otro individuo, para formar lo que sería una Secta Nihilista Terrorista con Dirección Egoarca.

La formación de una Secta, que en su interior comenzaría a crecer, a través de las bases impuestas, con un sello distintivo, de lo que uno de los individuos, como puerta primordial de clasificación y la unión de elementos, conduzcan al reforzamiento, a la experiencia de la experiencia, en un mundo especifico en el que las cosas se vean.

Atención, aquí no hablo o escribo, de un papel, que está establecido a priori, (al menos que el individuo promueva, que ha formado una Secta, no especifica el fin del inicio), de una asignación o de una tarea asignada, a cada individuo dentro del grupo, pero –a través del debate amoral– la aparición de una figura prominente, es fundamental para el desarrollo del proyecto Ilegalista, por la pena, la caída o la destrucción de todo.

La Secta Nihilista de la Libre Muerte, por ejemplo, impone a los que podrían ser los “Siete Afines”, la no-unión (aunque ahora los recientes grupos de Terroristas Nihilistas surgidos, han desplazado el foco de esta idea, sin dejar de ser un complejo debate amoral), para señalar que, una cosa es la idea del Ataque y el Atentado Amoral, y otra cosa es ser parte de una federación, negando extremadamente, la proliferación de células, núcleos, etc. [*]

Este es un ejemplo claro de la característica peculiar de la “palabra” de imposición, de una opción clara, y que se pone en contacto directamente con la idea Ego-Arca.

Siempre hablamos de una elección específica, expresamente única, y por lo tanto de un mismo grupo, pero también se extiende a otros Siete, que puede o no, importarles este tipo de enfoque.

Esta elección, de una Secta, no significa, la referencia a la supuesta “libertad” (que solamente existe en aquellos que no ven más allá de su nariz), a guerrear con la propia sangre, y también define, un cierto tipo de Tendencia, también llegando a un enfrentamiento entre ellos, y si no se obtiene una posición, que se comprometan de otro modo, se puede decir, en manera “Stirneriana”.

La afirmación Stirneriana, de compromiso, viaja a través de la consecución de un objetivo específico, canalizando en un camino, de aceptación informal (y no informal) de los que quieren llegar a un punto egoisticamente “afín”, sin perder las características “originales” de cada Secta o Grupo.

Compromiso por llegar a golpear un objetivo “común”, entre los Siete, pero no, para aceptar en su totalidad aquello que la imposición que ha tirado la piedra (teniendo bien la mano extendida en el lanzamiento y no retirándola).

¿Por qué he usado el término “imposición”?

Primero, para destruir con esto el término con su énfasis negativo (y moral), y continuar perturbando el sueño de los buenos y de los justos, que anhelan los mitos del “cuidado”.

En segundo, porque el término tiene un significado específico, que sí va a cortar con un cuchillo afilado, sacará sangre a presión, la prominencia de un Ego, respecto a otro, la emoción de una batalla, también “verbal”. La emergencia de la fibrilación y tensión afirmativa, la anulación de la paz social impuesta desde la humanización de los conceptos y valores, regresando el uso y el consumo de los que viven en soso y en el aburrimiento.

Debe quedar claro, para el lector, que el término “Ego-arca” se asocia en manera similar a la Tendencia “Terrorista Nihilista”, por un cierto tipo de especificidad, determinante, para no tener miedo a decir y hacer, distinguiendo un cierto tipo de ideas extremistas.

Esto, porque, la sangre que corre en mis venas, me acerca a la vida, aquella de la “realidad”, podría experimentar, afrontar, ver, robar y hacerlo mío, Mi idea, que solo podría ser atacada, pero no canalizaría en algo que no tiene que ver con aquello que he expresado Ahora en estas líneas.

Así de que podríamos continuar con la afirmación, de que el Terrorismo Nihilista, es Ego-arca, porque se acerca en manera fundamental, con la imposición de una idea, ¿quién debe querer robar el secreto oculto, y convertirlo en maleza?, cosas para los adoradores blandos de las utopías modernas.

Además aunque el término “oculto”, se refiera a un específico “idioma”, no es comprensible a la multitud, sino también para aquellos que no quieren entrar en un Estado Abismal, y afrontar la vida y la muerte, divorciados de las reglas comunes y humanas.

Leamos el vocabulario de la sociedad moral y las cosas que escribe al respecto:

“El Ego-arca, con egoísmo y presunción, pretende imponer su propia autoridad y su propia moral”

Pongo esto para que tenga sentido para el lector, que a veces los términos se combinan con la estupidez de esta sociedad, que, sí, quiere imponer su propia moral, pero luego escribe que aquellos que tienen una visión Única de lo que viven, son personas presuntuosas, y egoístas.

Por eso es que cada término tiene que ver con el “Nihilismo”, entonces también debe especificarse con el “Egoísmo”.

Egoísmo, que podría ser para mí, aquel que te dice que “¡eres egoísta!” jaja!

Partiendo de esta pequeña nota irreverente, vamos ahora, a leer, el vocabulario, de las cosas distintivas:

El Terrorismo Nihilista, la Secta, es para Mí, un acto amoral, que dentro de sí mismo, tiene características peculiares de Poder y de dominio autoritario, porque niega completamente el enfoque “falso”, de la visión de la igualdad, y porque con características de esta índole, conduce a la emergencia de la particularidad, que esta puta sociedad, con sus valores vulgares, quiere imponer.

Además, como ya se ha indicado, el Terrorismo Nihilista, se dirige a la confrontación, incluso dentro de la misma Secta, ya que debe de llevarse a cabo, lo que es, la supervivencia de un grupo, su fuerza, a través de la elección de un capo (líder), figura decisiva, con características distintivas, que puede continuar con el Proyecto Ilegalista, sin que caiga en el olvido.

Y si se extiende a los otros Siete, a través de un texto, un comunicado, un atentado, el enfoque impuesto para llegar a despojar al verbo “ético” de cualquier profundidad, y llevar a la fortaleza de su propia Idea Terroristica, un fundamento básico para atacar con uñas y dientes a los enemigos sociales y de la “realidad”.

¿Porque no debería ser así?

Debido a que es una idea específica y original surgida de una Secta, para seguir siendo específica, debe tener su propio fundamento, continuar ejerciendo su propio Poder de dominio, por otro lado, debido a la derivación de esta Idea Original, no podría ser específico sin ser impositivo.

Esto, no significa que Yo, no pueda abordar otra idea, que me pueda influenciar, pero siempre bajo una perspectiva de “compromiso Stirneriano”.

Una vez más, ¿por qué esto?

Porque si me considero Único, únicamente debo permanecer “original”, y no sucumbir a una idea, que pueda llevarme a perder.

Todo esto se combina con la idea de mí supervivencia como mi yo animal-humano, respecto a la otra supervivencia, naturalmente, convirtiéndose, más tarde, en algo complejo y articulado, vital, y prominente, subterráneo y extremista, que crece y crece de nuevo, y golpea a fondo.

En este misma posición de una específica denominación de la “idea” (en este caso de los Siete Terroristas Nihilistas), emerge, una especie de concatenación, en cuanto se refiere a la supervivencia de una Tendencia o de un específico grupo “original”: la medida de todo aquello que puede ser en la acción, como una especie de agrupación de individuos que parecen tener una afinidad peculiar intrínseca entre ellos, y que es el Individualismo. Individualistas, pero que tienen dos visiones específicas: El Individualista Egoísta, y el Individualista igual-céntrico, o para decirlo de manera normal “el igualitarista”.

Debemos especificar bien este aspecto, ya que, da un significado de peso y de potencia, a la dominación de un grupo Egoarca, respecto a todo aquello que gira entorno a ello, y que podría confundir a los interesados en el Terrorismo Nihilista.

Especificamos que el individualista igual-céntrico es siempre un Ser egoísta, pero que pretende serlo, a través de una utópica visión de una elección individual que equivale a un conjunto totalizador. Esto es lo que “lo afirma”, pues debe caer en la colectivización forzada, aquella que es su elección final.

Así, con esto, sin dejar de ser utopía, la elección del Individuo, presionado por tener éxito, en un ataque instintivo, se rinde dócil y suavemente, todo dentro de su tramo que debe que posponer y avanzar a la formalización colectiva.

La peculiar y específica elección, a través del dominio Egoico de una idea afirmativa (que recordemos, no por eso permanece inmutable), se distingue ampliamente de aquella colectiva, donde para ser colocado, debe tener una convergencia paralela entre las “animas” que la forman, reduciéndolo de este modo, a un mero apéndice, el poder del individuo que se pone en su Ser como lo más fuerte, decisivo, fundamental, para avanzar en un mundo “realmente real”.

Así que volvamos a escribir y a profundizar, que el Terrorismo Nihilista, es Egoarca, porque niega completamente, y con toda su fuerza, la acción niveladora hacia la preminencia de la imposición de la idea impuesta, que se reivindica como la mayoría, no solo exclusivamente fuerte, sino también más decisiva, específica, selectiva, particular, etc.

Debemos especificar también, que el Terrorismo Nihilista, es profundamente Misantrópico, hecho exclusivamente de Individuos, que actúan a través de la Voluntad Egoica, para distinguirse del “resto”, que se separan consecuentemente, en opciones precisas, las cuales no son rechazadas por la multitud, de hecho, vuelcan el concepto ético de la sociedad, se colocan encima de cada posición colectiva, o forzosamente no Egoica.

Sin ninguna conclusión final de este fragmento, en una más completa y amplia “Guerra Oculta”, termino con una cita del 4° libro de la “Voluntad de Potencia” llamado “Disciplina y Selección”, cito con varias preguntas, que, usted lector, puede reflejar el disgusto con la línea de arriba, o levantarse, romper y fragmentar la moral dentro de ti, y comenzar a atacar y golpear en manera Nihilisticamete Terrorista los valores del “mundo real”.

“Las típicas formas para configurarse a sí mismos. A saber: las ocho cuestiones fundamentales.”

1) ¿Quieres ser más complicado o más sencillo?

2) ¿Quieres ser más feliz o indiferente a la felicidad y a la infelicidad?

3) ¿Quieres llegar a estar más contento o ser más exigente e implacable?

4) ¿Quieres llegar a ser más suave, más flexible, más humano o más “inhumano”?

5) ¿Quieres llegar ser experto o carecer de consideraciones?

6) ¿Quieres alcanzar un objetivo o esquivar todo con propósito?

7) ¿Quisieras convertirte en el más respetado o en el más temido? ¿O tal vez, en el más despreciado?

8) ¿Deseas convertirte en tirano, en engañador, en un pastor o en un animal de la manada?

¡Afinidad de sangre con los Siete y con el Clan Terrorista Nihilista!

¡Afinidad de sangre con el Terrorismo Eco-Extremista!

Yo Nechayevshchina!

[*] Extraído de “Nomen Omen”-Secta Nihilistica de la Libre Muerte

En los puntos anteriores ya habíamos especificado que negábamos cualquier pacto federativo o de asociación con cualquier forma “externa”, que forme parte de la esfera del “compartir”, aun de forma fundamentalmente egoica.
Vamos a precisar los puntos anteriores, para delinear la actitud de la Secta Nihilista De La Libre Muerte. Estamos contra cualquier pacto federativo porque excluimos de nuestra unión secreta, lo siguiente:

CÉLULA: una célula es un ente “orgánico” dentro de un elemento más complejo, constituido de una estructura coordinada llamada federación.
Una célula que actúa en base a un acuerdo conspirativo y federativo, debe reconstruirse y unirse con otras células en armonía siguiendo un programa, si bien es informal, formaliza el acuerdo a través de una base, que debe tener características similares para corresponder.

NUCLEO: el núcleo tiene características similares a la célula, en el que los individuos que lo forman, se unen, haciéndose parte de un pacto asociativo en torno al centro de un proyecto federativo, con fundamentos consensuales que deben ser perseguidos, incluso aunque se dividan en acciones diferentes, con el común denominador de la federación a la que pertenecen, incluso informalmente.

FRACCIÓN: la fracción es una parte divisoria de un “todo”, en este caso de un pacto federativo o asociativo, sobre unas bases de igualdad, siendo la elección y el ataque de una fracción, el común denominador para golpear y atacar.

REVISTA REGRESIÓN N° 7

Con inmenso orgullo publicamos la séptima entrega de la Revista Regresión, siendo esta la última revista que saldrá en un tiempo, pausando así el proyecto que comenzó hace 3 años gregorianos para regresar en algún momento, según sus editores.

¡Vida a los nuevos proyectos de difusión eco-extremista!


Revista Regresión N° 7

DESCARGA POR TOR (DISPONIBLE PARA UN MES SOLAMENTE)

http://z7zbg7sxhxfergpo.onion/apcpp75dd6guelc7hzg4-qfnbfmw6sg3sipv5

DESCARGA POR MEGA:

https://mega.nz/#!FE0TlYJa!pNCtsbyFR18gfybtBvBdKr3sg2H4-TuNlgt5-9klMNc

Contenido:

-Editorial. Por el Grupo Editorial

-Atassa: Lecciones de la Guerra Creek (1813-184). Traducido de Abe Cabrera

-Los seris, los eco-extremistas y el nahualismo. Por Hats Hax

-Selknam. Ceremonias secretas reservadas para los hombres. Tomado de Martín Gusinde

-El regreso del Guerrero. Traducido de Ramón Elani

-Cronología Maldita. Por el Grupo Archivístico Öme

-Para los “nihilistas pasivos del casos”. Por Xale

-Algunas reflexiones sobre el actuar del humano moderno desde una perspectiva eco-extremista. Por Ozomatli y Huehuecoyotl

-Reflexiones respecto a la libertad. Por Zúpay

-Guerra Oculta. Por Nechayevshchina

-Clan de Sangre. Por Orkelesh

-La Guerra de José Vigoa: Un breve discurso sobre el método eco-extremista. Traducido del blog de Atassa

-José VIgoa. Datos biográficos. Por Xale

-Asesinando a nuestro civilizado interno. Por Ghoul

-Números anteriores y donde encontrarlos

“FRANGERE II” SUL TERRORISMO INDISCRIMINATO

Publicado terroristicamente en Revista Regresión N° 6.


INTRO

La segunda parte de “Trizas” —sobre el Terrorismo Indiscriminado—, va a especificar y a centrarse en algunos puntos, que en la primera parte no fueron abordados, o que están ya escritos dentro de una situación más amplia.

Esto porque, no solo es mi Individual Goce egoistico de frente, sino también, como se había escrito, para mí no hay nada absoluto, finito e inamovible que dure en el tiempo o “por siempre”.

Cada texto terminado y cerrado, se adelanta, hay muchas ideas por escribir y proseguir con Pasión y sin ningún propósito didáctico, con lo cual el material siempre vive, como el Ataque Indiscriminado, el Terrorismo Selectivo de Grupos o Individuos Únicos, el Extremismo Antipolítico Nihilista y eco-extremista, la amoralidad, la Pasión Orgásmica por el Atentado Explosivo y el Homicidio Feral!

POTENCIA EGOARCA

Con el término especifico de Potencia Egoarca, respecto al Atentado de la Secta del Nihilistico Memento Mori, me refiero de manera directa al Goce Narcisistico en el Atentado.

Especifico esto, porque en esta segunda parte si exponemos exclusivamente el tema del Terrorismo Indiscriminado, y no el amplio y profundo tema del Potencial Egoico del Individuo contra la mierda sociedad de iguales, tema que si nos llevaría a varias páginas de análisis y que escribiré -aunque no de manera general- en el texto en cuestión.

En el Atentar, el grupo Terroristico Nihilista, tiene un avance, una selección y un método, que no previene ningún uso del equilibrio del factor humano en una visión ética.

La Potencia Egoarca del Nihilista golpea una de las estructuras de la sociedad igualitaria y tecno-moral —incorporado, conectado y unido a las leyes del respeto a la vida y del valor “verdadero” — es perjudicial y hiere la conexión orgánica del cuerpo y a la combinación de elementos del esqueleto de la sociedad “rebaño”, haciendo que caiga en el vacío del Abismo sin “paredes de compensaciones”.

El Poder y la Voluntad del Individuo Terrorista Nihilista en una Secta —en este caso— mantienen el Factor Principal, respecto al externo y al entorno del valor general dado al “viviente”, que se conecta y se une en un aprieto similar afín a la Afinidad de faceta para la Secta Nihilista.

En un pasaje de “Secta” (Casa Editorial Nechayevshchina) que había escrito anteriormente:

“El propósito del Individuo de la Secta Nihilista y el Promovido Valor Único, no es codificado ni subordinado al Valor Único por el Único general, que a su vez se convierte en este modo –dando un modelo– Único por el “todo”, compatible en la eliminación especifica del Individuo de la Secta, en un Valor añadido y éticamente dirigido en común denominador.”

El valor dado por el Individuo Nihilista no caduca en el uso igual y general del Único para todos, y sigue siendo Propiedad exclusivamente del que solo se une con otro solitario —haciéndose parte de la Secta o del grupo— para golpear a la sociedad integra en su avance hacia una fosa común, como zombi autómata.
Uniéndose a otro Único para golpear a la sociedad integra, más factores Primarios entre ellos emergen, y golpean con ferocidad el objetivo establecido.

La sangre Egoica se une con más sangre Egoica, y provoca desestabilización, deconstrucción y cae en el vacío nihilista de los valores comunes.
“El Terrorismo Nihilista niega en su totalidad la adhesión a las normas que detienen el instinto depredador de Gozo Egoistico y Narcisistico.”
Golpear de manera A-valorizada (de acuerdo con los cánones morales del valor), el Terrorista Nihilista niega en su totalidad el pestillo impuesto- estúpida regla- de Gozo Egoista y Narcisista, cuando golpea un objetivo.

El efecto en cuestión (Egoísta Narcisista), que concede la selectividad distinta en un Atentado, que se funde con la específica personalidad Única del Nihilista Terrorista.
Golpear un objetivo en manera anti-política, se convierte en Disfrute de la Pasión física y mental, que circula en el torrente sanguíneo de Nihilista Egoico, y se ha de cumplir, no por una mera predisposición a un defecto hereditario o por una basura científica humanista, sino como elección selectiva del objetivo.

En este caso, los ataques de la Secta del Nihilistico Memento Mori, eligieron un objetivo “humano” (con todo el asunto “material”) y a su vida normal, para desestabilizar, para roza la paz social, y aniquilar la seguridad de la vida quieta.
Selectividad y especificidad combinan impredeciblemente para el relativo instinto Egoico el Nihilista Terrorista, que invita a sí mismo, y a su secta o grupo, a la fiesta en el cadáver de la humanidad, para ver satisfecho su propio instinto, sin siquiera ver el valor del grifo que esta sociedad o del grupo “político” dará.

NIHILISMO TERRORISTA-NO ANARCO NIHILISMO

Con el avance en los últimos años, los extremistas Nihilistas y Eco-extremistas, también se hacen avanzar como se especifica, en la repetición, en la profundidad, y en la experiencia de las pasiones, su paso específico y particular, el modus operandi, las bases de las cuales los más extremadamente atraídos pueden “unirse” en un proyecto electrónico, en papel, y en el ataque terrorista, y disfrutar egoístamente, sin ser sometidos servilmente a un conjunto de normas morales que han hecho brechas, con una implicación que va directamente a las iglesias cristianas, en una parte del medio anárquico “informal”.
Por eso en esta segunda parte de “Trizas”, voy a tocar las cuerdas sensibles del extremismo y su connotación Única en un contexto de Unicidad.

Y para no cumplir con las reglas morales, también me refiero a “no ser capaz o tener que” especificar las características en comparación con otro proyecto en particular, por miedo a romper una acumulación homogénea que con el tiempo se convierte en una fosa común, donde se muere de hambre y de pasividad.

*

Para ello voy a especificar y marcar —de manera directa— las diferencias entre el Nihilismo Terrorista y el Anarco Nihilismo que, en el último periodo, ha emergido de manera amplia. Esto “gracias” a los Proyectos que condujeron a las especificidades allí donde estamos y debería estar allí en el medio anarquista “informal”.
Esto sin dejar a un lado u ocultar, que algunas células anarco-nihilista, en algunos ataques específicos, ha tenido mi interés, por lo que el ego (y por lo tanto, esto es sólo para el disfrute de la destrucción y no por los fundamentos ideales expresados), donde el ataque fue indiscriminadamente (en muy pocos casos).
De todos modos —dada la presencia de grupos Terroristas Nihilistas— debemos señalar las distinciones.

La distinción especial entre el Nihilismo Terrorista y Anarco-nihilismo, no es específicamente – y sólo- en el término “nihilista” que es después- y por lo tanto se convierte en un sufijo- del “anárquico”, incluso si alguien me podría decir que los términos se pueden revertir. Por supuesto que no, pero en relación con aquellos que los utilizan, esto no es la parte principal.
Cuántas veces han especificado los Afines Eco-extremistas, en un pasado “muerto” que incluso los anarquistas (y hablamos prácticamente de la corriente individualista) eran extremistas e indiscriminados!?
La peculiar diferencia entre la corriente del anarco-nihilismo (oh “neo-nihilismo”) y el Terrorismo Nihilista es el uso de la “conciencia” en la acción, lo que resulta en una sucesión de normas éticas que impregnan la idea, el diseño, el principio y el final de un ataque.
He leído muchas veces sobre los grupos anarco-nihilistas que —o utilizan un alias por el apodo de “conciencia”, o demandan en el texto, — se utiliza el lema para especificar el “por qué” estaban actuando.

Mi intención no es de ninguna manera leer —por la fuerza— el término “conciencia” en su sentido filosófico, o más …
Esto no quiere decir que una palabra usada en una situación dada, no sea la intención de hacer una elección específica de adivinar lo que significa, por Atentado perpetrado por un grupo o por una célula.
Por tanto, el Terrorismo Nihilista no estorba y se niega a usar la “conciencia” como un postulado de una verdad o una realidad, dado que la “realidad” no existe.

La realidad dictada por los sistemas legales éticos en una sociedad tecno-moral, es “verdadera” sólo porque sirven para establecer una conexión ficticia entre las cosas y las personas.
Visto desde el sujeto, que él considero “objetivado”.
En el momento de su Atentado, el uso de “conciencia” se convierte en el uso de esta “realidad artificial”, creada para establecer los dictados y las normas comunes de todas.
Reglas comunes que —incluso si usted piensa que no es así— es innecesario al anarco-nihilista, que se pone en la cola de un sistema de descifra las propias peculiaridades.
Fabrica de una manera “clara” la forma en que funciona, es como una bicicleta emocional de la ética “real” con la que golpea.
Para el Terrorista Nihilista lo que existe específicamente es el Goce Individual y Narcisista, la unión con Afines de Sangre, que arranca y aniquila el terreno ético–jurídico de la sociedad tecno-moral.

Atentado –del aniquilamiento- amoral

Voy a precisar el uso que el Terrorismo Nihilista le da al término “amoral”, el que se conecta al Ego-arca, elegido como modus operandi impulsivo para Atentar.

Puesto que en el último tiempo –incluso (ni los Malatestianos creen pensar así) resulta que algunos grupos de la FAI-informal actúan según una moral en el atentar, mediante una doctrina de reglas éticas, no entendiendo -o sin querer decirlo- que no se puede determinar una acción a priori, tampoco si se va a golpear un área exenta de la presencia de algún humanoide.

El término “amoral” usado por los grupos Terroristas Nihilistas, sobrepasa el común entender del mismo, yendo a romper la pared de la compensación instintiva, de la animalidad predatoria, de la guerra a muerte contra el enemigo elegido.

La amoralidad escogida y especifica del Terrorismo Nihilista, combate y quiere destruir precisamente la fábula de una decisión “a-priori”, basada en la predeterminación de un ataque, imposición robótica a los músculos del cuerpo, y a la complejidad oscura de la mente, una decisión escogida “antes”, de un Atentado.

Atención: esto no significa que si Yo quiero matar a un humanoide, actúo exclusivamente con el impulso animal brutal —puesto que estoy obligado en algunos casos a padecer los rasgos de la maldita sociedad de iguales— sin ninguna estrategia, sino que la acción es relativa al contexto, que en ese momento estoy viviendo, y que me lleva a la acción (ejemplos se podrían hacer a decenas que viven en la metrópolis, pero por ahora dejemos de lado esto) con impulso y estrategia o estrategia sin impulso.

Vamos a leer una cosa que escribí en el “Progetto Illegalista” (Casa Editorial Necayevshchina):

“En la predeterminación reside el humanitarismo social que infecta y optimiza una Acción, o más precisamente un Atentado, convirtiéndolo en “igual.”

La predeterminación es retroceder un paso, después de que el accionar ha alcanzado “su ritmo”, Destruyendo el momento de quietud y aniquilado el regreso de la conciencia”.

Actuando y estableciendo que un Atentado debe seguir una línea moral, en este sentido la predeterminación ata los pies y el instinto predatorio de los ejecutores, y lo bloquea, lo frena, impone un diseño que ya no es más estratégico, sino una inducción general a la racionalidad, y a la cientificidad de la acción.

Todo se vuelve de este modo aséptico y claro, absoluto y definido, una cláusula coercitiva, la acción se desvanece bajo el efecto de la razón a priori impuesta.

El Nihilista Terrorista —y quién de manera Extremista y Pasional está golpeando las estructuras de la sociedad de iguales y tecno-moral— alborota y molesta, distorsionando el doble sentido dado a la acción lógica, esa, conformada de reglas íntegras en su diseño prospectivo (que caen cuando algún “inocente” es golpeado “por casualidad”).

Deformando el reflejo de la sociedad (bien-mal) aniquilándola con la explosión de un artefacto, el disparo de pistola, o una “alarma de bomba”—precisamente de manera indiscriminada.

Ahora la seguridad expresa de la realidad “verdadera”, viene de manera instantánea desarticulada, el bien y el mal se encuentran en el fondo de un abismo sin ninguna base de apoyo, y ésta inyecta adrenalina pura, que se convierte en miedo y angustia para el humanoide común, provocando desconfianza y deformando la lente del prisma de la sociedad, no habiendo más seguridad en el  margen del mal.

La amoralidad del Terrorista Nihilista ataca y destruye, con su complejo y articulado modus operandi, es el nexo entre realidad “verdadera” y el orden ético del mundo, derribando los pilares construidos sobre el humanitarismo, aniquilando ferozmente la coacción del respeto al prójimo —”prójimo a mí”—, y es por esto que no reconoce la complejidad de elementos estructurales que forman y configuran la vida civil, planteándose como Individuo Amoral (y no inmoral).

METODO MAFIOSO NIHILISTA

Acabo este fragmento mencionando algo que en el último tiempo ha aparecido orgullosamente en el atentado homicidiario perpetrado por ITS-Mafia Eco-Extremista/Nihilista.

Esto porque los Afines Amorales al Terrorismo Indiscriminado y Selectivo, no tienen miedo de usar términos como “Mafia” o “Criminal” (y mucho menos “Terrorista”).

¿Por qué someterse al deseo de quién ve en tales términos algo negativo?

¿Por qué en primer lugar, negar ser Criminales e Ilegalistas?

En “Inferno Personale” (de la casa Editorial Nechayevshchina) escribo:

“El imperativo es la infracción de cada código que conduce la sociedad, subordinándola a la conciencia del remordimiento, el victimismo y del sentimentalismo piadoso. Quebrantar tiene un significado de Aniquilamiento de la lábil y dúctil, compleja y normativa conciencia humana.”

Quebrantar la conciencia definiéndose “mafioso o delincuente”, conduce a romper el muro que prevalece sobre la idea de la redención, en el lugar del salvador, del héroe, del bueno que suprime el mal.

Un término como “Mafia”, usado en ciertos lugares y acercado a la instancia penal, a la ley, esto no puedo entenderlo, puesto que se usa una total generalización.

El uso Afirmativo y Orgulloso de Mafioso o Criminal, es usado —exclusivamente— con orgullo por el Terrorismo Nihilista y el Eco-extremismo, sin implicaciones en formalidades sociales y éticas/utópicas.

De este modo ha emergido, no sólo el uso del término que se vuelve “pleno” (razón de la otra parte, dando al uso de una palabra “vacía” su significado, podrían decirme por el Nihilismo Egoarchico y luego saludar con “alegría” las insurrecciones sociales…), también la utilización de los mismos métodos mafiosos o delictivos.

Hablando por mí y mi visión Nihilistica Criminal, apoyo y afirmo que el método mafioso para golpear al enemigo, es el más eficaz y feroz, porque va a destruir la ética consecuente usada por algunos grupos de acción “moralistas” que se paran a pensar si una cosa “se puede hacer o no.”

“Si se puede hacer o no”, no es una decisión ética, sino estratégica, para continuar un Proyecto Ilegalista y Terrorista, sin ser detenidos o arrestados o incluso asesinados. Es una valoración relativa al momento, a la capacidad, a la experiencia, a las condiciones del lugar o los lugares donde se atacará.

El método mafioso (y criminal) rechaza la comparación, la igualdad de opinión, un límite establecido por reglas comunes, golpea, yendo a fondo, siendo indiscriminado (cualquier persona que se encuentre en medio y se meta en medio, debe ser frenada sin piedad, dejándolos heridos o incluso asesinándolos), saliendo exitosos.

En el golpear un Objetivo Egoico, debes ser vencedor o —mientras piensas en reglas establecidas por la sociedad de iguales y tecno-moral— perderás, incluso la vida.

Stirner escribió, “Vencer o sucumbir.”

Por esto —y por otros motivos— vuelve el pleno uso del término y del significado de “Egoarca”, uniéndose al término “Mafioso” o “Criminal.”

Golpear con el “método mafioso”, es destruir estratégicamente al adversario, pero también mandar al “resto” de los enemigos, la sensación del miedo, el Terror en sus cuerpos y en sus mentes, y el sometimiento al grupo que ha atacado.

¡Golpear con este método específico es experimentación y fuerza, crece y avanza, triunfando, sirve para seguir golpeando con más violencia y crueldad en este mundo “muerto y moribundo!”

¡Afinidad Nihilistica y Terrorista al nuevo grupo “Clan Terrorista Nihilista “Cenaze” y los artefactos explosivos e indiscriminados puestos en contra de la sociedad civil!

¡Afinidad Nihilistica y Terrorista al atentado homicidiario perpetrado por los Individualistas Tendiendo a lo Salvaje/Mafia Eco-extremista/Nihilista!

¡YO NECHAYEVSHCHINA!

Nihilistic Funeral: The Annihilation of Life

In Regresión Magazine n° 5:

https://mega.nz/#!E0NADBbZ!WuZopvePbUHLvnFLH3qne9bAGu4GohrOUTKa6yXI8Io


“The only God I believe in is a loaded pistol with a hair trigger.”

—Richard Kuklinski

Desire, the exaltation and orgy of death and murder, the target to hit, annihilating the border that restricts the identifying model of the flow of life.

To strike and annihilate – to become oneself one’s own god, killing the continuous circle of life that hopes to live and prosper. To try the odor of blood that gushes out of a wound.

The experience that elevates an individual, action that resides in fear of the periphery of consciousness, where remains that static plan becoming an obstacle and imprisoning the touch of egoistic joy.

One’s own joy, in order to be possessed by the shaking of limbs, the unknown existential bottom, the body and mind, diluting the fragment of radical immoral destruction.

Transcending the imperfect and total completion, the execution of the desire to kill, to annihilate the the death of thought, collapsing the libido and the personal hell, tasting and enjoying a life that turns, dying for the exaltation of a God without God.

I possess, I move myself, I feel, I transmit, and I inject the image that transforms itself in front of me, showing the final departure and verifying by the lived life.

Domination and control of my emotions in a dark abyss, lucid I enter down the road of “not listening.”

I push forward, with a broken rhythm, the explanation of action, the spastic tremor, deriving the injected bloodline of the next one close to death. The one who wishes and desires it, overcoming the obstacle of a drawn and desperate face.

To feel the sense of death, having it before you, wanting it, without hope, the choice of an imprisoned body.

Pleasure, passion that divides and separates at an instant. The pure blow to life that flows at the margin of “living”. I am the criminal nihilist who denies obsolete humanity, transcending the moral-mortal human, existence in an identifying and categorical representation in equal evaluations.

I am the bad passion that inhabits the nihilistic abyss, for the destruction that annihilates the multiple protean forms of equality.

My jaws spew forth venomous saliva from the abyss, they look for a warm body. In the cold that breaks the exhaling of breath.

I breath and breath to break the breath, and the blowing of hope, thinking of the illusion of the future, the weak and unchangeable smile, in a stable perpetuation of the logical path that was taken.

The ghost of Kirilov (1), the demon who dwells in me.

I love in the world that dies, in the instant in which I live and breath the fragment of the dying thought, the posthumous exhalation of the penetrating breath, with my insides, the essence of my unicity.

Experimenting, acting like it changes the lived moment, is life, existence is between a logic that categorizes and places on it the seal of truth.

We experience nihilistically – we enter abysmally – savoring the fear of the search for death (and the dead in a succession of real objectives and the normal context of creating perspective.

The miserable fable of the real world exists in the context of life in the society of equals poisoned by my egocentric ambition, annihilating the margin of respect for life.

The fragment that pretends and wishes to break the rule of equalizing compromise with humanist gratitude, of life in the context of the living.

*

We go on to realize – advancing, in order not to back in the absolute – the absolute that accumulates and imprints the mark of generalization of the dynamic of action, the product of the act, that established the rule to strike at the target, my only objective.

The choice, the dynamic, the intended target, searching through the daily wear, imprinting and tracing, marking the exterior sign of the dualistic representation of society. The margin of the limit that is found and possible, make concrete as an event and an axiom. An report categorizing, the typology of the date of publication deducing the adhesion of the method that the moment follows as well as the planned act.

The logical representation of the sign that turns off the circuit of events, living the way at the margin and hanging on, deducing the conclusion of the reordered affect, the communicative success of the arrangement of the elaboration of the effect-conclusion.

The effect given to the determined disposition, establishing the conclusion that requires and reclaims, making effective the arrangement of the definition of the limit. The one I circumscribe, the specific conclusion of a blocking of hegemonic equality.

Hegemonic equality of the harsh struggle of the egoistic act of the unique objective. It stimulates the side, the opposite of trying to merge with the consequent opposition.

The limit that circumscribes and encloses in itself the border of consciousness [*]

The radical struggle of the unique that looks for its target. It completes the presumption of the absolute planting of hegemonic equality. Predisposing itself in the so-called “society” (so much that – in effect- it is criticized by them). Thus they try to obligate and submit definitively the unique love of an egoistic power.

The fable that invokes predisposing the logic of the event, it converts itself into the effective rule in the concrete and tangible named consciousness; the presumption that pretends to predict the effect from a given act, in a feedback clarifying the truth of the good with the falsehood of evil.

Filth is washed in lucid consciousness of those humanist persons. It is the representation of the limit of the tangible, that breaks and annihilates not only the transfer of the truth, in respect to my only truth. I annihilate the base and the margin of the moral-mortal life.

To strike and the attack are synonyms where I break the “passage of equality” that tries to coagulate and contain the egocentric enjoyment of destruction.

Why the egocentric target?

The egocentric target as negation of order of the structure of the hypothesis and verified truth, the connection between the movement of action and the finalized ethical behavior, among a series of coordinated nouns of the direction (with two sides) in which my destruction should explode. My destruction does not run in any deciphering or deciphered system and is incomprehensible by the protean multitude of versatile behavior. By an imposed clause with the others, the human, that stepped on the other foot to try to be aware and disposed to the anemic avid smile of equality.

The destruction, the annihilation of my target, is the egoist rupture. The hegemonic proposition of the suppositions and the inventories in the profundities of consciousness. To seek enjoyment that becomes the purulent laws of legal ethics in persons – ethical behavior – political ethics (anarchist or not). The reverberant refraction, in the nexus of order and genus in order to an egalitarian division. The grade is typology, in the catalogue of the reparation of the action that is the product of destruction.

The production of destruction, makes that an act- the sleepiness that makes of an authentic movement within a demarcating rule – the only accessible logic to the esoteric multitud for the human race.

I elevate Egoist Unicity against the barrier of of compensation, it is sunk in the Abyss of Nihilism, to strike like terrorist against expired humanity. The reason why it says “no”. Consciousness that reclaims its submission and fault of one’s neighbor, to attack and annihilate in a selective manner.

Annihilating the margin and seduction of fear in the judgment of the moral morta human – and striking and nailing the Nihilist dagger in the weak belly of the conforming reformist.

The retrospective begins, killed and germinating resentment, striking without a system of identification and evaluation of behavior.

Should I value the target – through the valuing of the possible? [**]

I experience the annulment of the advance of the Nihilist Destruction against the world declared to death.

I don’t want “only” the death of the world, as a social system, but also want the death of my target, annihilating logical alteration – a systemization – owing to the apparition of fear in the mouth of consciousness.

The target that I select as a preeminent action of my Joy, longing for the instant when my phallus is raised in the predominance of the next target.

I enjoy the death of my target, selecting it in an Egoistic moment, in which thought is sunk in the light of darkness, the “mortal” life with the dead death.

I am the Nihilist Terrorist and Criminal, who wants the Destruction of the impulsive – derivative system, to unclot the blood, in an infected and purulent wound . The disintegration of the seductive reprobation of ethics, in an optic of organic representation and of behavior, in a straight line that established the automatic automaton.

Annihilating, annihilating, eliminating my egoistic target, in a decomposition of the stream of good conscience, with the end of respect for life and the living, in the precise method of a variable organ of the absolute and the concept.

I negate and break the “neighbor” who comes and turns into my target, in the experiment I cross inverted parabola that indicates the route of the way of hope.

Hope, the horrible concept in the lived moment, in the apparition of bile in the mouth of conscience. [***]

I want the destruction of the utopian illusion of the future, in the ascendent destiny, like the elimination of a judge in the power of the individual.

I explore and advance, I am aspiring, I am in favor of the strategy of assertion, in the passage that annihilates the step taken, that has turned into putrefaction. I emerge and submerge, I impose the libido, and my phallus begins to ejaculate, which I enjoy the image of the death of my egocentric target.

I am the owner of my gun, the elevated narcissist in the breath of death, in the explosion that locates and takes out the bolt of existence, for the “Unique” instant, like the masturbation of my phallus, that has joy in exploding sperm for the end of life!

Stripping, with my Nihilistic-Terrorist gun, the cornerstone of equality, the foundation of truth, the principle of respect of the human essence.

The sensible human-essence, fingerprint of truth, bolt of reality in the vital arc of the end and death.

Nothing in nothingness, it is the design and inspiration that understands and includes the consequent consequence in order, that orders and disposes of the literal movement, the existential clue.

The reality in the present of no-variability, the immovable continuity – repetitive in a circle that given persistence and form, defines the use of the result, recomposes a series of plugs and articulations, where life can continue in death, a life that is already dead, that blocks its own slope, disposing regularly of the life of the utopian illusion.

I penetrate the groove between me and the death of my Egoist target and I savor the moment when the present is stepped underfoot and the destruction of the past is made into simply the past, to express within my Unicity the existence of the breath of a life, that exists and disappears, loses consistency and contracts, expanding the blood, leaving consciousness in pieces, transforming Arbitrary Power, the veins that become the spectre without vital flow.

I raise my Egoist Gun, a song of death, that bursts nothingness into flames toward nothingness, radical and extreme, exalting Terror, without asking of possible infections in the absolute in a dying world. I arm my Power penetrated by the negation of my target, through the exhalation of his breath, steps backward in the illness called, “humanity.”

Spasmodic investigation, eyes turned back into the margin of life, stench of the egalitarian society, the vision projected outward, in the implicit alteration of the same project and the formation of the clot of representations that determine the ordinary occurrence of common emotions.

The will of Death, the Unique that blocks the ethical juridical ground of the rotten community of humans, choosing Free Will, the attack against the delicate “heart” of the human subject, losses in a tenuous life like a fragile branch of a fallen tree.

I want to break one of those branches, reducing it to nothing, to identify the worth of the true world, killing the common emotion that the mortal moral consciousness erects.

For the Nihilistic Annihilating Funeral of a Life

I NECHAEVSHCHINA!

[*] The consciousness – postulate of the ethical comportmental truth – the dwelling of the submissive – not as the Egoistic Individual – but rather as a subject “subject” who redeems his passions, that flow step by step in a metaphoric periphery, far from the Egoist and Destructive joy of “certainties”.

[**] The “Possible”, geometric and schematic action, reduces Egocentric Power to the flow that reflux determines, the sequential movement of hegemonic egalitarian egoism, evading the annihilation of the true values imposing – the doctrine of respect of the parts, acting in order to secure Nihilistic joy and the schematic action, in a series of rules that make possible an action within the limits that cannot and should not be transcended.

[***] The common metaphor of the “mouth of conscience” is the link between the act of the individual to impose dualistic morals that are part of the conscience. This expresses by the mouth, imposing deduction, resolution, within the limit that cannot be transcended, since the truth is not an ethical way of acting, within the agent of representation of the good in respect to Terroristic evil.

  1. [NB: a character from Fydor Dostoyevsky’s novel, The Demons.]

“FRANGERE”-SUL TERRORISMO INDISCRIMINATO

Filoso trabajo de la Casa Editorial Nechayevshchina sobre el Terrorismo Indiscriminado, una mirada nihilisticamente profunda sobre las lógicas fundamentales de las recientes expresiones de los grupos nihilistas y eco-extremistas en diferentes partes del mundo.

¡Por al ataque indiscriminado y selectivo!

¡Muerte a la moral del ataque!

FRANGERE


INTRO

Il Presente testo prende in maniera affermativa l’impulso dagli Attentati Terroristici e specificatamente Selettivi della Setta del Nichilistico Memento Mori. E si appropria delle parole taglienti come rasoi del gruppo Terroristico Nichilista, per continuare il Dibattito Amorale sull’Indiscriminato, che sta facendo sobillare alcuni “muti” anarcoidi, che ora accodandosi a un testo, seguono la catena di un’opinione( amorale contro morale anarchica) che ridiviene la copia della precedente idea espressa. Il testo affonda nell’Abisso dei Nichilismi, e va a specificare le distinzioni del Terrorismo, in un morente passato primariamente visto sempre sotto una luce univoca, e Ora Affermato nell’esaltazione del proprio Specifico e Selettivo modus operandi.

Terrorismo che diviene da parola “vuota”(anche se ridondante di malessere e malumore,paura che dalla pancia sale fino al cervello) a pieno significato particolare e distinto per il gruppo o l’Individuo Singolo- che ne fa uso, attaccando i gangli vitali della società etico comportamentale e tecno morale. Fanculo agli eroi.

ANTIPOLITICO-NO APOLITICO

“Io non ho mai potuto capire come sia possibile amare il prossimo.”

Con questa citazione, in cui è mantenuto segreto l’autore della frase, inizia il Ferale e Nichilistico testo dell’Attentato emanato dalle viscere Abissali, per risalire attraverso il Vuoto, fino al corpo e alla testa della società: l’eguaglianza attraverso i valori etici giuridici della società tecno morale. L’Attentato Terroristico effuso, come una macchia di sangue per terra, nelle strade lucide e sporche delle metropoli, spicca per un’esplicativa Affermazione verso chi legge: “Rivendichiamo Anti politicamente” In questa forma e con un metodo specifico la Setta del Nichilistico Memento Mori, dipana la sua Rivendicazione,andando a precisare, che si tratta di un Attentato con un indicazione Egoica, nel momento in cui è stato messo a segno: L’Anti politicità di un evento, che con l’esplosione, è inghiottito dal Vuoto dell’Abisso, dove perde consistenza e peso specifico nel valore datogli (“l’evento”), è atterra senza una caratteristica valoriale e l’oggettività comprovata nelle trame del filo consequenziale delle universali leggi. Il lettore, anche l’attento lettore di rivendicazioni non intuisce subito la consistenza, che fa perdere peso specifico al valore morale, dalla parola “Antipolitico”.

Con questo, naturalmente, non c’è una sorta di giustificazione verso chicchessia, ma la MIA specifica visione della parola “piena” di significato “Anti-politico” rispetto al comprensibile “apolitico”. Voglio specificatamente mettere in luce (chiaro oscura), che qua non sto scrivendo di cazzate e leggerezze che come ornamenti troppo perfetti, imbandiscono la vita di alcuni gruppi anarcoidi, che vedono l’utopia futura come il nirvana del vivere il presente. Qua si sta parlando di Parole Piene che divengono Atti Distruttivi e Annientanti, e che annullano – anche per l’attimo Esplosivo- l’armonia della base della vita vissuta, che se ne fottono di dire “no” , nel fatto che qualcuno subisca maggiormente, quello che un altro avrebbe dovuto subire. È l’annientamento Nichilistico avviene stritolando il dualistico oggettivo della soggezione soggettiva all’universalità del valore. “Qualcuno e altro “ si annullano a vicenda. È un sibilo deflagrante che frastorna, stordisce, e fa perdere equilibrio. Equilibrio che cade, a ogni detonazione, e che da stabile bilanciato, come la vita comune, diviene l’eccesso di uno scompenso dissonante. Andiamo a specificare l’uso del termine generico “apolitico” rispetto allo specifico “Antipolitico”. Il termine “apolitico” è il generali stico uso di chi basicamente, esterna il proprio rifiuto di seguire, per la propria vita personale, un partito politico istituzionale, un movimento che è tra le legalità e l’illegalità ( per certe pratiche nascoste come agguati ad avversari del fronte opposto), e cosi via. È anche un termine molte volte usato da queste pecore, mangia merda, per non esternare il proprio “povero” pensiero, rispetto a chi potrebbe controbattergli qualche riprovazione, per un’idea espressa.

È un misto tra il dire qualcosa senza saperla affermare, e confermare qualcosa cui non si sa dare una spiegazione. È anche usato in alcuni ambienti anarchici (in maniera maggiore quelli Informali) per distinguersi dalle pratiche para-ideologiche di chi si identifica nell’anarchismo (e non nell’anarchia). Per questo ho portato allo scoperto la disuguaglianza tra il generico “apolitico”,e lo specifico e Affermativo “Anti-politico”. Passiamo alla parte degli Attentati perpetrati, nella diseguaglianza tra l’Atto Ideale – politico e quello specificatamente Terroristico Nichilista. Il caratteristico suono di una deflagrazione verso un muro di cinta, una banca, un ufficio di polizia, una chiesa, porta subito a pensare- facoltà edotta da sapienti menti- che l’Attentato sia prodotto da un Individuo o un gruppo di Individui, che vuole/vogliono colpire il simbolo di un “qualcosa” che rappresenta il male della società (capitalista, patriarcale, repressiva, razzista, classista,ecc..). Perciò, facendo una deduzione, tanto semplice quanto efficace (per la sapienti menti naturalmente), se viene distrutto l’oggetto dell’oppressione, e questo esiste come materia eretta a simbolo del male, tant’è, l’Attentato -ridotto a volte ad Azione perpetrata da Attivisti( mi vengono i brividi a leggere tale termine) – deve essere “politico”. E se fottutamente un Individuo o un gruppo di Individui affini tra loro, non avessero voluto colpire -tali basi materiali- per un’idea politica (anche detto “ideale”), delle loro scelte? Con questo, so che i critici, direbbero che le differenze sono tra il rivendicare ( e quindi dare una connotazione politica) e il non rivendicarlo (e per alcune di queste brillanti menti, un semplice azione “senza coscienza”, o per meri fini “borghesi” monetari). E con questo?
Una rivendicazione – come termine proprio – non conduce automaticamente a un azione idealistica – politica.

Per questo, e per dare una connotazione peculiare, che stravolge il nirvana degli utopisti, la Setta del Nichilistico Memento Mori, orgogliosamente Afferma l’Anti-politicità dell’Attentato! Anti politico -che diviene un modus operandi, senza che la legge della compensazione, possa dire o stabilire, che un limite espresso, è una sorta di identificazione in quello che si può fare e quello che NON si deve fare. Senza che la “coscienza” – come annidamento di valore- azione- valore- possa agire rispetto all’incoscienza del Godimento Egoistico. Anti politico perché va direttamente nell’Annientare il dualistico modo di porsi oggettivamente basico nella composizione di un’azione che produce un risultato finalistico dell’azione. Il finalistico di un Azione è rendere oggetto dell’esplosione, l’universalità morale per quale si è agito. Finalistico poiché l’azione idealistica colpisce qualcosa che in un futuro utopico, non ci sarà più come simbolo di oppressione. L’Attentato Anti politico della Setta del Nichilistico Memento Mori, si incunea dentro il reticolato delle leggi etiche della società, e stritola l’ipotesi “politica-ideale”, dell’Agire, penetrando nel substrato della coscienza, di chi ne viene colpito, stimolando e pungolando, la gravitazione verso l’avversione per quello che sente dentro di se. Il cuore recepisce il muto assenso del cervello, e raccoglie “pezzi” di coscienza, iniettati dal livido insinuarsi di paura,rassegnazione, ansia,timore,agitazione: Impulso a scappare via e lontano dall’Attimo che è ha prodotto Terrore. L’Attentato Anti politico colpisce i sistemi di decifrazione del sentimento umano, dei segnali giuridici nelle metropoli, dell’eguaglianza delle opinioni, del buono e del giusto, attraverso un sistema di valori codificati a norma di rispetto:

E li Annienta!

Per questo se un Attentato colpisce solo la materia (e questo come scritto dal gruppo Terroristico in questione, non era una scelta specifica data “l’avversità”) , non significa che sia un Azione espressa per non colpire i presunti innocenti che deambulano come automi sulla terra,anzi, è attuata in un istante, per annullare il componimento armonico del pensare attraverso l’azione stimolata dai simboli legiferati dalla società tecno-morale. L’Attentato che colpisce specificatamente i segnali della società tecno-morale, e fa cadere in un istante le sicurezze acquisite attraverso l’assoggettamento ai valori universali, è un Atto Terroristico Anti-politico, perché nega l’idea che un’azione debba essere prodotta attraverso il dualistico apporsi di valutazioni su quello che si deve colpire – perché -come esempio – fa parte dello “stato-capitale”. L’Attentato Terroristico e Antipolitico, colpisce il fondamento della verità “vera”(da qualunque soggetto provenga) e la bocca della morale, previene la malattia del rispetto del prossimo, e Annienta quello che gli si oppone, senza distinguere il buono dal malvagio, quello che è giusto da quello che è sbagliato.

SELETTIVO

Gli Attentati -in un passato morto- delle ITS, quelle del Presente e presenti in varie zone di questo mondo morto,denominate Ora- Individualisti Tendenti al Selvaggio, il Grupùsculo Indiscriminato,il gruppo Malavitoso Terrorista- Guerra Eco Estremista Guamera, L’Uroboro Nichilista e Silvestre,il Circolo Eco-Estremista di Terrorismo e Sabotaggio,la Setta Pagana della Montagna,presenti, oltre e naturalmente agli Affini della Setta del Nichilistico Memento Mori e la Setta Nichilista della Libera Morte,questi gruppi sono quelli che hanno dato un specificazione Selettiva al Terrorismo,attraverso Attentati e Comunicati. E qua vado a specificare che cito tal gruppi perché Egoicamente (che riconduce alla Selettività) a me Affini!

Comunicati ricchi di approfondimenti, che hanno sviscerato la parte “sana” di questa società decadent, per ridurla a brandelli, e per Combattere una guerra all’ultimo sangue contro la malattia chiamata eguaglianza, progresso, umanismo, vita sociale, rispetto del prossimo, artificialità imposta, ecc.. L’ho già scritto e Affermato, e lo ripeto, è finita l’era dei buoni sentimenti, il gioco a chi si riduce ad assertore dell’eroismo fine o non fine a se stesso, il valore morale dato all’oggetto-Azione, la specifica dialettica -tramite chiamate alla polizia o ai piscia inchiostro e analisi logiche su a che ora della notte (esclusivamente) si può colpire questa società decadent – impartita con il vituperato “stato”. Per questo, è emersa la Selettività degli Attentati, dei gruppi Terroristici (Eco-Estremisti e Nichilisti), in un “colpo di coda”, che ha Annientato l’omogeneità espressa e -questo ridicolo- imposta come etica di base, da alcuni gruppi anarcoidi, per imporre il predominio su gruppi Estremisti che si distinguono non solo nelle idee sublimi espresse rispetto ai soliti “copia e incolla”, ma anche nella Passione Rivendicativa, che rifulge Egoicamente e oscura i risentimenti e i lamenti del vittimismo strisciante di alcuni. Andiamo, in questo caso a specificare il modus operandi degli Affini della Setta del Nichilistico Memento Mori.

Basta una veloce frase esemplificativa, per Dibattere sulla Selettività:

“Con questo escludiamo ogni sorta di identificazione con gli attacchi dei gruppi idealistici e ideologici e o religiosi.”

Quello che caratterizza il pieno termine “selettivo”, da parte Mia, è l’Egoica scelta portata avanti, attraverso un Progetto Illegalista, un gruppo Terrorista, un Individuo che vuole fare scempio di un umanoide,e cosi via..

Perché come scritto, per il Dibattito Amorale, sull’Attentato Perpetrato dal Grupùsculo Indiscriminato, senno l’Attentato Terrorista, diventerebbe, ogni qual volta avviene un’azione che supera la soglia del rispetto della vita, un indistinto accumularsi di un retrivo pensiero generico, accumulante solo quanti morti, ha prodotto. Perciò “terrorismo”- termine uso generico morale, e in specifico il solito “terrore” dello stato-capitale,bla bla…

NO!

Il gruppo Setta del Nichilistico Memento Mori, afferma, con l’Attentato, uno specifico modus operandi, andando a colpire- la società nella sua integrità morale e etico -giuridico. Attentato Terroristico che Seleziona con cura chi colpire, non per distinguere un presunto male dal bene (senno Ora l’In discriminazione andrebbe a farsi fottere),nell’atto, ma per specificare che non tutto quello che è chiamato “terrorismo”, deve per forza far parte del bagaglio Egoico del gruppo in questione. Questo per togliere la sicurezza a un certo tipo di persone, che andrebbero a puntare il dito, verso l’eguaglianza- addirittura!- dell’uso del terrore. Ora- il gruppo Terroristico in questione- nella citazione sopra presente-specifica un punto fermo e risoluto. Non abbiamo a che fare con gruppi che usano il terrore, per imporre la loro visione ideologica, ideale-politica, e religiosa. È una dichiarazione specifica, che non può portare nessuna confusione, se non in chi vuole generalizzare ogni evento Distruttivo, che superi la soglia regredente del rispetto del prossimo. Per questo la nota va diritta al punto, e questo perché: Il Nichilismo Antipolitico e Terrorista, nega ogni adesione e visuale verso la base umanoide dei valori etici – giuridici.

IDEOLOGICA

Una base espressamente ideologica come fascismo e neo-nazismo, comunismo, anarchismo,nazionalismo indipendentista, in questo caso di gruppi di guerriglia extraparlamentare, è negata a priori, sotto la totalità di ogni punto di vista, in quanto legiferazione populistica, e assertrice di una formale conquista del potere(negato in parte dall’anarchismo tradizionale ),dopo aver ammazzato e attaccato a colpi di atti di terrore, le fondamenta di un altro potere -in questo caso- ufficiale,atti che ritornano e ricalcano l’uso di valori specificatamente etico- giuridici, morali per le linee e le direttive di un direttivo, e riformiste, dopo la conquista (sempre che ci sia). Perché il Terrorismo Nichilista nega l’adesione a un valore come la “classe”, assertore di un valore comune e demagogico, permeato da una serie di regole portatrici il seme malato di un’identità eguale. Poiché il Terrorismo Nichilista nega l’aderenza a un valore come la “razza”, ed è per questo che non fa discriminazioni razziali nel colpire l’obiettivo-soggetto o il luogo eletto a valore da Annientare, giacché per l’Affine Nichilista non esiste la razza e non può esistere il “razzismo”, come vero valore riconducibile a un ideologia, e a un gruppo armato e o clandestino che attacca un obiettivo per motivi,comuni e valoriali come una“razza superiore”. Allo stesso modo chi Attacca i gruppi che si basano sulla predominanza di una razza, come i gruppi anarchici, e ne fa un uso populistico e o valorizzato, è rigettato dal Terrorista Nichilista, poiché riconducibile a una radice, che seppur differenziandosi dai gruppi razzisti e o ideologicamente nemici, ritorna a essere il decadente uso di principi sotto il stretto artigliare di eguaglianza e utopia, nella ricerca di una società anarchica. Oltre a perseguire un dualistico principio generico che scade nella generalizzazione del più debole (per il principio e la verità “fondativa” concettuale) da difendere rispetto al più forte, sotto il concetto di eguaglianza. Eguaglianza- concetto utopico – astratto.
Oltre ciò, il Terrorista e Affine Nichilista nega il concetto di “nazione”, che sia di destra, di sinistra, o regionalista e indipendentista.

Il concetto di territorio nazionale e rivendicativo, ricalca il populismo di base generico, ed è inserito in una situazione di limite a priori basato su valori comuni, etica linguistica e radici sepolte dal manto della differenziazione apportante, non l’Affinità tra singoli Individui che si uniscono per vivere in un legame di “sangue” extramoralmente, ma di adesione a una serie di regole morali-comuni, basate su concetti etici generalisti e populisti, che per la conquista del potere, prima armata e rivoluzionaria, e poi riformista (in caso di conquista), con la costituzione ( se non nella partenza di base) di movimenti dopo divenenti partiti alla guida di un nuovo governo di una qualunque regione conquistata. E non esistendo per l’Affine Nichilista il concetto di territorio, non esiste manco l’idea etica del concetto stesso di identità territoriale.

IDEALISTICA

L’idealismo si differenzia dall’ideologismo- poiché pratica non autoritaria- dai formali gruppi populistici – guerriglieri, espressamente fondata sulla negazione di una presa del potere, costruita sull’idea utopica di una vita libera da ogni potere, e in questo caso possiamo fare l’esempio di una certa prassi Informale dell’Attacco alle strutture della società, da parte di gruppi con specifici acronimi come di attacchi senza nessun a.k.a. , ma di nuovo, regredente sotto ogni punto di vista, verso atti finalistici( cioè l’anarchia come società libera- per esempio) e etici e o di eguaglianza(termine molto usato in questo secolo, quello di “polimorfismo”). Attacchi e Attentati rivendicati con testi basati sulla distruzione del “potere-stato”, e i vari sinonimi come autorità, patriarcato, fascismo, razzismo, religione, militarizzazione, controllo sociale,ecc.. Sinonimi morali e dal valore- a volte-comune.

RELIGIOSA

La negazione delle religioni come uso e strumento fon dativo, e accostabile in analogia a quello politico-ideologico, da parte del Terrorismo Nichilista, è la distruzione della metafisica come concetto assoluto, inserito in una situazione di valori morali e un’ottica populistica, come la costruzione di stati-religiosi, aderenti a un marchio di ordinamento metodologico comune, in un supporto totale e assoluto di una dottrina dell’universale. Per il Terrorista Nichilista non esiste nessun assoluto, vive il relativo, per momento e situazione, esito iniziale e finale di ogni azione, e rigetta in questo modo(anche) l’ateo materialista, e l’agnostico scettico ma attento a costruire una verità assoluta nella determinazione dell’essere oggetto-soggettivo.
I gruppi di guerriglia e o Terroristici che perseguono un fine e un obiettivo religioso, sono basati su una serie di regole morali che divengono effettive solo nella costruzione di una rivoluzione che possa portare alla fondazione di uno stato interamente religioso, ma dopo fondandosi con la razionale presa di potere, avanzano verso un riformismo, dettato dal massiccio potere esterno che circonda quello che sarebbe uno stato-islamico, cristiano,ebraico,ecc..per interessi di parte e economici. E la purezza delle idee-dottrine fa a farsi fottere. Il Terrorismo Nichilista in questo modo non può essere accostabile all’estremismo religioso, poiché negatore di ogni credo-valore, che vada a stabilire una verità assoluta e comune, e se posso definire una vicinanza degli Affini Nichilisti, e quella di un Anti-cristianesimo nietzchiano. Anti cristianesimo nietzschiano che respinge -appunto la metafisica dell’assoluto, i valori fondativi il comune intendere delle azioni umane (che diventano umanoidi), attraverso l’imposizione di un unico e universale modo di guardare il mondo,inserendolo in un limite deciso e stabilito dall’immutabilità dell’esistenza e delle azioni.

CONCLUSIONE- SENZA NESSUN FINALE

Il Terrorismo Nichilista è il pungolo che Attacca e Attenta il valore comune, l’ambiente atrofizzato e artificiale della società tecno-morale, l’etica nelle sue forme eguali, la metafisica, l’umanesimo sociale, la legge e la dottrina giuridica. Il Terrorismo Nichilista nega nella sua completezza l’adesione a regole che fermano l’istinto predatorio del Godimento Egoistico e Narcisistico. L’Attentato sotto varie forme, scelte con cura e selettive, ma mai prono all’assoluto del diritto alla vita, si distingue in maniera Singolare e Unica, per l’Anti-politicità dell’Atto Terroristico: Colpire per far cadere in un Istante il mondo degli idoli, degli eroi, delle valutazioni oggettive e soggettive, ammaestrate e incatenate allo schema sociale umano dell’universale pensiero.

Affinità Complice e Nichilisticamente Terroristica con la Setta del Nichilistico Memento Mori!

Affinità Complice e Terroristica con l’Attentato omicidario perpetrato dal Grupùsculo Indiscriminato!

Affinità Complice e Terroristica con i Gruppi Eco-Estremisti e il loro “non percorso” Indiscriminato!

EDITORIALE REVISTA REGRESIÓN N° 5

Traducción al italiano de la quinta filosa editorial de la Revista Regresión.

Traducción a cargo de “Via Negationis”.


“Che cosa è la vita? È lo scintillio di una lucciola nella notte. È l’alito di un bufalo in inverno. È l’ombra che corre sull’erba e si perde alla fine del giorno. “
Pie de Cuervo, prima di morire. Aprile del 1890

La Natura Selvaggia chiama, un richiamo speciale solo per pochi che la ascoltano, ci chiama nel difenderla, per resistere all’artificialità, alla modernità ed il progresso antropocentrico, il richiamo è disperato e agonizzante, scricchiola lentamente. Per gli iper-civilizzati è inaudibile e insignificante, ma per noi, gli Eco-Estremisti in specifico -è di vitale importanza accorrere a quella chiamata.
Sono un Eco-Estremista, e riconosco il valore che ha ora, in questa era moderna la società idiota e ubriaca di tecnologia ti indica come lunatico quando metti al di sopra dell’artificiale, la Natura, quando scegli di intavolare una conversazione faccia a faccia, invece di mandare un messaggio attraverso facebook, quando scegli di prendere rimedi naturali invece di drogare il tuo corpo con i farmaci, quando esalti la vita dei gruppi cacciatori-raccoglitori- nomadi invece di esaltare le deprecabili pratiche dei trans umanisti, etc.
Nella società industrializzata se ti opponi ai suoi valori morali, umanisti e progressisti, sei un reazionario o un intollerante, la massa ti segnala con le sue putride dita gridando contemporaneamente: Terrorista! Sono un Eco-Estremista, e riconosco il valore che ha ora, sono disposto a essere catalogato come il “peggiore”, pur di rivendicarmi sempre come un Individualista in Guerra contro il sistema tecnologico e la civiltà.


Sono un Eco-Estremista e sono in Guerra, ho confezionato esplosivi con schegge che ho diretto contro tecnologi che lavorano per rendere artificiale la Natura Selvaggia. I cavi positivi e negativi si incontrano, l’energia della pila scalda il bulbo dentro il tubo galvanizzato ripieno di dinamite, si genera la scintilla, l’esplosivo ha funzionato, li ho feriti, le schegge sono arrivate a penetrare i corpi, i gas della dinamite riarsa sono arrivati ai polmoni bruciandoli contemporaneamente. Il sangue versato è servito per ricordare loro che NON sono dei, benché giochino ad esserlo; non mi pento per niente delle ferite inferte, dello spavento, delle conseguenze, di quello che hanno passato, è solo una risposta della Natura Indomabile che ha parlato attraverso Me.

*

Sono stato nascosto in varie città per preparare Attentati, Cospirando con gli Affini, e ampliando le mie pratiche nel piano dell’attività delinquenziale. Ho incendiato indiscriminatamente automobili, di lusso e no, piccole o grandi, dato che sono disgustose macchine che producono la cappa di smog che si solidifica sulla mia testa, le ho viste ardere come un falò tra gli spessi boschi, ho visto la reazione dei padroni, non mi importa, la Natura mi ha dato la forza per uscire intatto da quelle situazioni.

*

Ho detonato armi contro grandi opere di infrastruttura e contro quelli che ci lavorano, nascosto nell’oscurità della notte insieme al mio branco di fieri guerrieri. La forza dell’arma sulla mia mano che ha rimbombato con il caratteristico suono del tuono, i bossoli saltare come rane, i miei piedi ben fermi come il tronco di un grande albero afferrato alla Terra, mentre i miei nemici si nascondono, e corrono a rifugiarsi, come se il fuoco cadesse dal cielo, come se stessero nell’occhio di un devastante uragano. Siamo usciti vittoriosi di nuovo, la Natura ci ha protetti.

*

Ho detonato bombe in istituzioni governative, università pubbliche o private, imprese, etc., l’esplosivo artigianale “rafforzato” pesa nel mio zaino, polvere da sparo nera dentro un recipiente metallico ben chiuso, gas butano per creare un’onda d’urto, benzina per generare-alcuni secondi dopo l’esplosione -un incendio, e napalm affinché il fuoco sia più duraturo. Di notte o di giorno, mi dirigo al mio obiettivo, con calma lo colloco in maniera dissimulata e mi ritiro, ascolto i miei passi prudenti e rapidi attraverso il maledetto e provocante concreto, il mio respiro, il cuore si ode come i tamburi della Danza della Guerra, qualche minuto dopo, si sente un forte boato, ha funzionato, i danni sono generati, se un passante l’ha impedito, non mi interessa, il mio obiettivo è stato colpito, se un curioso è stato ferito non mi importa,quello che è fatto è fatto.

*

Respingo la scolarizzazione imposta nelle istituzioni educative complici del sistema, preferisco studiare le cose che mi interessano e non le cose che a loro gradisce “insegnarmi”, le quali in molte occasioni sono inutili per la vita che vivo. Le aule educative sono una gabbia dentro la Grande Gabbia chiamata Civiltà, e per questo motivo non sono disposto a entrare in questa prigione di mia volontà. La conoscenza che voglio non si trova nelle facoltà, è nelle montagne o nei boschi, nei deserti o nella selva, a lato del coyote e del cervo, sotto il sole e la luna, tra radici e la pioggia, su sentieri non percorsi, sul fianco dei fiumi e delle lagune, insieme a miei Affini o Solo, accompagnato dagli spiriti dei miei antenati.

Rifiuto il lavoro salariato che mi sottomette a essere schiavo moderno nelle città o nei campi, e benché sia necessario il denaro in queste urbi che puzzano di spazzatura e profumo, mi sforzo per ottenerlo in un’altra forma, sempre nell’illegalità.

*

La mia “9 millimetri” mi accompagna quando voglio ottenere denaro per arrivare a qualunque fine o qualunque mezzo. Ho rapinato negozi, banche, etc., non sono un uomo “onesto e lavoratore”, sono tutto il contrario, sono un Delinquente e un Terrorista, uno sfruttatore e un opportunista, e non mi vergogno di dirlo perché è quello che sono, io sono l’antitesi di questo sistema, cosciente di quello che faccio, cosciente che quello che realizzo è catalogato come “cattivo” per la società, e quando lo faccio Godo, e Godo, non ho rimorso di coscienza perché so a cosa sto giocando, conosco le conseguenze e mi addentro tra le tenebre senza lamenti,né mi lamento.
Vvisualizzo, osservo molto bene il mio obiettivo da assaltare, studio la zona e le vie di fuga, mi preparo per il peggio. Prima di uscire, sereno ma nervoso elevo una preghiera all’Ignoto, chiedendo che curi le mie azioni e che a dispetto di quello che succeda possa uscire vittorioso, converso con la Natura, affermandolo ogni volta a Lei, perché sa che le mie intenzioni sono reali e sincere, che quelli che hanno osato recargli danno devono pagare. Termino e ripeto un versetto rubato da brandelli delle vecchie scritture apocalittiche, in maniera pagana:

“E si adirarono le nazioni, la tua ira è venuta, e tempo di distruggere quelli che distruggono la Terra”.

Impugno la mia pistola, carico e metto la sicura, esco dirigendomi verso la mia preda, una piccola istituzione bancaria, vista e studiata, il mio gruppo sa molto bene che sono disposto a sparare a qualunque persona cerchi di far fallire il furto (polizia, eroe civile, etc.), allo stesso modo sono sicuro che se qualcuno tenta di fermarmi, loro risponderanno allo stesso modo.
Ci si schiera strategicamente. Mi dirigo alla banca con la pistola nella tasca, col dito indice nel grilletto e il mio pollice nella sicura, pronto a tutto. Mi metto in fila nella banca, fingendo di essere un cliente comune, il mio complice mi guarda la schiena ad alcuni metri.
Mentre passano ordinatamente gli agnellini alle casse, osservo il cartello, dove si evidenziano i profili dei rapinatori di banche più ricercati, il cartello ha una legenda che dice: “Se li riconosci, denunciali”, sorrido divertito, il tempo passa lento e le ansie mi percorrono il corpo, senza che siano evidenti davanti agli altri, per non destare sospetti. Mi tocca passare, la cassiera mi dice gentilmente, “passi”, percorro alcuni passi e mi trovo di fronte a lei, gli sorrido cinicamente e gli dico: “Faccio un ritiro”,allo stesso tempo metto i gomiti sulla cassa, in una delle mie mani sta la mia pistola che punto al petto della cassiera e con l’altra mano gli segnalo che mi consegni tutto il denaro, la cassiera rimane scioccata, lentamente abbasso la sicura della mia arma, senza nessun contrattempo, osservo intensamente gli occhi della cassiera, avvertendola di non far nulla per cui dopo pentirsi.
Fuori, l’andirivieni è uguale, la gente cammina fuori dalla banca, entra o esce, una donna è alla fermata del bus dopo aver preso a scuola i suoi figli, un uomo cammina sul marciapiede e discute al cellulare, un anziana attende un negozio ambulante di dolci all’angolo della strada, tutto con normalità e in apparente calma, nessuno sa che in quello momento è in corso una rapina.
Il mio gruppo è all’erta completamente e vigila, le pistole e una mitra sono pronte per sputare piombo nel caso arrivino poliziotti. Mi vedono uscire dalla banca e dietro di me, il mio complice mi copre le spalle. Andiamo via, e mentre passiamo per una delle nostre vie di fuga, allontanandoci dal luogo, vediamo un camion pieno di poliziotti che a tutta velocità sta andando verso la direzione dove si trova la banca, ci vedono di striscio, e noi ci perdiamo nella periferia urbana.

*

Questa volta la rapina non ha avuto scontri a fuoco, ma in altre occasioni il “lavoro” non è uscito tanto “pulito”, mi è toccato essere in una situazione in cui puntai la pistola a un cassiere che si rifiutò di darmi il denaro -rimanendo scioccato-e per questo gli sparai senza ripensamento. Il colpo dell’arma si sentì in tutta la banca, un ronzio del mio udito, il bossolo rimbalzò per il piano, il vetro blindato non riuscì a contenere il calibro e la pallottola lo penetrò, ficcando, la pallottola che sparai, nel petto dell’uomo, che cadde ferito. Dentro di me dicevo:”cassiere di merda, se sei disposto a proteggere il denaro dei fottuti banchieri con la tua vita, allora non avrai problema a morire per essi!”.In quel momento capii che tutto era andato “male”, ma poteva andare peggio e rapidamente mi diressi all’uscita della banca, di sbieco osservai che il direttore era al telefono, senza dubbio stava cercando di chiamare la polizia, per questo rapidamente mirai e sparai di nuovo, ferendo anche il bastardo. Uscii dalla banca correndo, senza denaro, dietro di me avevo lasciato due feriti gravi, quel giorno, il sangue degli iper-civilizzati era un’offerta alla Natura Selvaggia. L’allarme era partito dopo il primo sparo, corsi per perdermi tra le strade,in lontananza si udivano le sirene, mi cercavano,la mia bocca secca,la mia arma calda,la mia mano con odore di polvere da sparo, il mio camminare nervoso, ma la mia smorfia sorridente e gioiosa era quella di aver colpito quei due imbecilli che avevano rischiato la loro vita per proteggere i loro impieghi di merda. Rivendicandomi come un Individualista Estremista, senza nessun dispiacere e imparando dei miei errori. Ci sarebbe stata un’altra opportunità di commettere un’altra rapina, senza fretta.

*

Quello che ho esposto non è sfoggio, è realtà -e per la verità, è solo una parte importante del comportamento di un Eco-Estremista come me, il comportamento è quello di essere sempre un guerriero nelle varie situazioni, sia quando confezioni un esplosivo, come quando ti dirigi a lasciarlo, quando lo detoni, quando causi ferite, quando rapini una banca o quando consegni la vita del tuo obiettivo alla morte. L’altra parte importante dell’eco-estremismo è quella che ha a che vedere con lo sviluppo Individuale o Collettivo nella Natura, quello che si apprende, le conoscenze che acquisisci mediante la pratica in un ambiente naturale, tutte le situazioni speciali che nutrono il paganesimo e l’attaccamento al Naturale e all’Ignoto.

Sono un Eco-Estremista, e riconosco il valore che ha oggi, amo la Natura Selvaggia, la rispetto e la valorizzo, da Lei ho appreso molte cose.

Ricordo grandi pianure che mi piaceva visitare quando era piccolo, c’erano molte varietà di alberi, c’erano talpe, conigli, molti insetti, vari uccelli, etc., mio padre mi portava a giocare perché era l’unico posto Naturale che rimaneva in quel paese consumato dall’urbanità, correndo liberamente arrivavamo fino a un fiume che osservavamo per ore, il vento sui nostri visi, i sorrisi, l’erba pungeva la pelle, la calma inondava il nostro essere, realmente Godevamo.
Gli anni passarono e le grandi imprese di infrastruttura arrivarono al paese con macchinari pesanti per la costruzione di una grande autostrada,spianarono la Terra, coprirono le tane delle talpe e dei conigli,i quali morirono soffocati, alcuni vollero fuggire ma morirono nel tentativo, i nidi degli uccelli furono coperti, insieme agli alberi che furono strappati dalla radice, il bel fiume fu convertito in un gran canale di acque nere che scaricava la spazzatura e i rifiuti tossici, seppellirono la Terra ,fecero di quel bel luogo, una merda, un’opera per proteggere gli interessi dalla maledetta civiltà, affinché questa fosse meglio interconnessa,con tutto il fottuto progresso umano!
Il mio cuore si ruppe e piansi di dolore guardando la devastazione quando arrivai al luogo che tanto stimavo da piccolo e vedendolo trasformato ora in una triste autostrada. Le mie mani tremavano, sudavo, infuriato, decisi di vendicare quello che avevano distrutto, varie macchine subirono danni per incendio che io causai settimane dopo settimane, tentando disperatamente di fermare quello che stavano facendo, ma non riuscii a fermare nulla, ero giovane, e avevo una certa speranza perché un giorno una “rivoluzione” trionfasse su questo sporco sistema, ma mi resi conto che tutto questo era molto idealistico, respinsi allora il sonno della “rivoluzione”, e decisi di non avere nessuna speranza, non mantenere fede nel futuro “collasso”, e affrontare il presente decadente e pessimista nei quali mi trovo vivendo, accettando che quello che il progresso non impedisce Ora e Qui.

*

Questa è una delle tante ragioni per le quali odio la civiltà, il progresso e il sistema tecnologico, e per il quale lo voglio vedere ardere completamente. È una delle ragioni per le quali sto dalla parte della Natura; non solo modifica gli ambienti naturali per il suo capriccio, non solo stermina specie, ma li vuole addomesticare, non solo soggioga il carattere dell’essere umano, ma lo vuole controllare completamente, vuole seppellire gli istinti come le tane di quelle talpe, vuole che Io dimentichi che vengo dalla Natura, vuole che sia un ubriaco che cade per le nuove innovazioni tecnologiche come tutti gli altri. Io non permetterò questo.

È necessario per l’eco-estremista mantenere la parte guerriera che ci caratterizza, ma anche, allo stesso modo, mantenere un vincolo simbiotico con la Natura, rispettandola e venerandola.

Ho camminato lentamente per sentieri sconosciuti seguendo solo il fiume fino a arrivare al luogo dove nasce, imparando che molte volte la strada è difficile ma quando arrivi alla fine del percorso la ricompensa è enorme. Ho ascoltato gli ululati dei coyote che mi circondavano di sera nelle montagne, mentre guardavo il cielo stellato avendo al mio lato un falò, ansioso che la Natura mi desse visione. Mi “sono perso” nei monti, e per opera della causalità in quel percorso mi sono trovato con grandi pietre somiglianti a dei visi umani, avendo un incontro intimamente spirituale con loro.
Ho dormito in grotte che sembravano cadermi addosso, con un tecolote bianco che sorvegliava il mio sonno e l’aroma delle piante silvestri dandomi la tranquillità del momento. Mi sono alimentato di germogli di salvia e di crescione, di mezquite e di pomodoro silvestre, mi sono curato alcune ferite con sangue di grado e sábila, ho fatto rifugi con palma e tronchi di pino, ho praticato il fuoco per frizione con base di sotol e trapano di gordolobo, ho mangiato carne di serpente e pelli di roditori conciate. Mi sono sentito osservato da “qualcosa” nei boschi per le notti, ma non ho avuto paura.
Ho sentito di essere parte di qualcosa di più grande. Mi sono avventurato nel percorrere grotte anguste dove la mia mano non vedeva l’oscurità, mi preoccupai per i pipistrelli che sembravano volessero volare verso me, e nel fondo trovai alcune piume di rapace, le quali considerai un regalo della Natura per avere osato penetrare quella grotta. Ho sentito la pioggia bagnare la mia schiena nel dorso, udendo ed essendo trasportato insieme al volo agli uccelli. Mi sono immerso in occhi di acqua, con pesci tra i miei piedi. Ho visto in lontananza un cervo che mi guardava intensamente, proiettandomi sicurezza e tranquillità. Ho osservato la civiltà tra i monti, preferendo addentrarmi ancora di più, invece di arrivare a calpestare di nuovo il concreto. Ho sentito sollievo finendo di fare un rifugio, e stanco, godendo della raccolta vespertina. Sono stato circondato da lucciole senza aver il dubbio di essere un animale in più su questa Terra. Ho camminato sui sentieri, dove camminava l’antico teochichimecas. Ho trovato punte di ossidiana nelle strade percorse. Una punta di ossidiana che forse era stata dentro il corpo di un invasore ferendolo o uccidendolo, e che senza dubbio fu lanciata da uno dei miei antenati, e che per pura opera della causalità arrivò fino a me. Il fatto mi fece sentire come un “eletto” onorandone la memoria, e continuare con quell’istinto guerriero, come ho fatto.
Questo sono le mie esperienze personali le quali hanno fatto di me un Eco-Estremista, ogni Individualista che voglia rivendicarsi come tale avrà proprie esperienze e ragioni, queste sono le mie.
Questo editoriale è niente di più che una esperienza personale, i lettori intelligenti sapranno comprenderlo, quelli che no- è perché no.
Se Tu, lettore di Revista Regresión, indipendentemente che ti consideri un Eco-Estremista o no, senti realmente questo richiamo, Percorrilo…

“Le colline sono molto più belle degli edifici di pietra. Vivere in una città è condurre un’esistenza artificiale. Molte persone non sentono mai i loro piedi in basso sulla Terra, vedono solo le piante crescere in vasi da fiori, e non si muovono mai quanto basta per vedere, oltre le luci della città, l’incantesimo della notte stellata. Quando la gente vive tanto lontano dalle creazioni del Gran Spirito, dimenticano facilmente le loro leggi”
Tatanga Maní.

Per la dedizione alle attività delinquenziali che sazino gli istinti degli individualisti!


Ascoltiamo il richiamo del Selvaggio per ricordare da dove proveniamo!


Fuoco, pallottole ed esplosivi contro il sistema tecnologico e contro la civiltà!


La Natura Selvaggia (anche) siamo ognuno di noi, defendiamola da tutto quello che è Alieno!

Axkan kema, tehuatl nehuatl!

Chimallitzli

Abril 2016

(it-es) INNO EGOISTA AL TERRORISTA INDISCRIMINATO!

Carne sanguinante.
Ricerca dell’obiettivo-umano.
Sospiro e passo contratto dell’umile uomo.
Sguardo assente nella notte delle periferie.
Esplosione che sgorga ferite nella coscienza!

Oh Uomo mortale- crepa, misero e squallido vivere di rappresentazione.
Moltitudine propensa a mangiare la merda.
Ammazzare per rovinare l’essenza della felicità!
Egoico Obiettivo Scelto per l’Egotista Unicità!
Frammento della Radicale Distruzione Immoralistica.
Obiettivo che è colpito e Distrutto:
Annientato nella sua espressione e struttura sintattica.
Idealista dove sei?
Fatti Avanti e lancia il tuo messaggio morale?
Avanti,avanti a Te, c’è Lui, il Terrorista Indiscriminato.
Colpirà il tuo lato sensibile, quello del rispetto del prossimo!
Colpirà, come un Clan Terroristico Mafioso,la tua vena di eticità,e i tuoi principi morali.
È Avanti, è dietro, e accanto, e Oltre, Il Terrorista Indiscriminato, con la sua arma di morte:
Pacco bomba che esplode accanto a un caffè freddo di passione!
Ordigno Esplosivo che deflagra in una strada illuminata dalla beata sicurezza!
Una Glock in mano, per sfracellare con una sequela di proiettili, una faccia appassita di speranza!
Incendio che Distrugge il buon pranzo della pace tra gli umanoidi!
È lui, e dietro e davanti, entro e dentro, spezza e inietta Orrore..
È il Terrorista Indiscriminato!
La Passione del Terrore e della Morte!
L’Annientamento del sentimento umano chiamato “eguaglianza”!

 

http://abissonichilista.altervista.org/inno-egoista-al-terrorista-indiscriminato/


Himno Egoísta al Terrorista Indiscriminado

Carne sangrando.
En búsqueda del objetivo humano.
Suspira y traspasa el contrato del hombre humilde.
Mirada ausente en la noche de la periferia.
¡Explosión que causa heridas en la conciencia!

Oh, hombre mortal-muerto, miserable y sórdido viviendo de la representación.
Multitud propensa a comer mierda.
¡Matar para arruinar la esencia de la felicidad!
¡Egoico objetivo elegido por la Egoista Unicidad!
Fragmento de la radical destrucción inmoralistica.
Objetivo que es golpeado y destruido:
Aniquilando su expresión y estructura sintáctica.
Idealista ¿Dónde estas?
Presentándose y ¿lanzando tu mensaje moral?
Adelante, adelante de ti, esta el, el Terrorista Indiscriminado.
¡Golpeando tu lado sensible, eso del respeto al prójimo!
Golpeando como un clan Terroristico mafioso tú vena ética, y tus principios morales.
Esta adelante, esta detrás, al lado y encima, el Terrorista Indiscriminado, con su arma de muerte:
¡Paquete-bomba que explota enfrente de un café, frio de pasión!
¡Artefacto explosivo que deflagra en una calle iluminada por la santa seguridad!
¡Incendio que destruye el bien estar de la paz de los humanoides!
Es el, atrás y adelante, aquí y acá, destrozando e inyectando Horror..
¡Es el Terrorista Indiscriminado!
¡La pasión del Terror y de la Muerte!
¡El aniquilamiento del sentimiento humano llamado “igualdad”!

ATTACCO INDISCRIMINATO? CHE CAZZO C’È CHE NON VA!

Traducción al italiano del texto de la “Revista Regresión” sobre la temática de los ataques indiscriminados que defienden los grupos e individuos eco-extremistas, temática dentro del “Debate Amoral”.

http://abissonichilista.altervista.org/ataques-indiscriminado-pero-que-chingados-les-pasa/

Traducción a cargo de la Casa Editorial Nechayevshchina.


“Così, poiché sei tiepido,ne freddo né caldo, ti vomiterò dalla mia bocca”

A.

INTRODUZIONE

Da un pò di tempo si scrive sulla posizione riguardante gli Attacchi Indiscriminati da parte dei gruppi Eco-Estremisti, che si sono estesi dal nord dell’America verso il sud, e che hanno causato tanto fastidio in settori anarchici radicali e che dire, nei circoli della sinistra moderna.

Il discorso scomodo di questi gruppi ha la sua origine nei comunicati del progetto cominciato dalle ITS nel 2011 dove si pronunciarono a favore della Violenza Terroristica contro quelli che tendono al progresso tecno-industriale, senza nessun interesse nel caso dovessero rimanere feriti “terzi”.

Questo fu chiaro nel primo Attentato del gruppo, dove un lavoratore dell’UPVM non consegnò all’obiettivo,decidendo di aprirlo,il pacchetto-bomba abbandonato nel campus,e le sue ferite furono il principio di una storia di Attacchi che prevale fino ad oggi.

Dal principio, ITS -senza nessun dubbio fu un gruppo sui generis, che arrivò con forza -abbattendo, con le sue critiche, le posizioni vittimiste, civilizzate, progressiste, umaniste, etc., gestiti nei vari circoli (eco) anarchici di quegli anni.

UN PÓ DI STORIA

In Messico più di uno si è scomodato e si è scandalizzato per le parole e atti del gruppo in questione, collettivi, organizzazioni e individui che si inalberano in ideologizzazioni tradizionali antagonistiche con lo stato, istituzioni, partiti politici, etc., e che non comprendevano,(e sembra che non lo capiscano ancora).

Che cosa era tutta quell’ondata di Comunicati e Attentati contro gli scienziati nel 2011? Alcuni eunuchi vociferavano che ITS era opera di un piano macabro per giustificare la repressione contro i movimenti sociali e o gli anarchici di quegli anni.

Da dove uscì un gruppo tanto scorretto nel momento dell’Attacco? Che cosa significano quelle rivendicazioni a beneficio della Natura Selvaggia? Il Messico non era “terra” di zapatisti, rossi e anarchici “cagones” che sono fermi con discorsi autonomisti-populisti? Sono per caso, una nuova scissione di qualche gruppo armato comunista? Sono realmente ecologisti radicali come dicono essere, o sono una strategia militare per imprigionare gli urlatori di sempre che chiedono giustizia? Per caso sono punk giocosi in uno scherzo di cattivo gusto?

No, ITS è un gruppo di individualisti provenienti dell’eco-anarchismo, che si allontanarono da queste idee utopiche ed irreali, che criticarono e si auto-criticarono, che avanzarono tra le ombre, ponendosi nell’attacco del Qui e Ora.

ITS grugnisce fieramente dicendo che: non c’è NIENTE da cambiare nella società, non c’è NEANCHE un “paradiso primitivista” per il quale lottare, la “rivoluzione” NON esiste, non siamo anarchici, comunisti, femministi, punks, né nessun altro stereotipo “radicale”, siamo in Guerra contro la civiltà, contro il sistema tecnologico, contro la scienza e contro tutto quello che voglia addomesticare la Natura Selvaggia e ci voglia artificializzare come umani aggrappati alle nostre radici più profonde. Non neghiamo le NOSTRE contraddizioni, in più, poco ci importa vederci “incoerenti” davanti a quelli che ci criticano stupidamente dicendo: se si oppongono alla tecnologia perché usano internet! Davanti alle critiche vaghe e senza basi, sputiamo sui loro patetici visi.

I feriti si ripeterono con RS, nel luglio del 2015, un funzionario pubblico appartenente alla Commissione di Diritti umani fu ustionato, dopo aver aperto un pacchetto portato dal suo guardia spalla nel suo edificio-sede nello Stato del Messico. Il 14 Agosto una segretaria del Grupo Cuevas (ingegneri legati ad ICA), risultò ferita allo stesso modo dopo aver aperto un pacchetto abbandonato nei suoi uffici nello stesso stato.

Dopo la morte di RS, i gruppi Eco-Estremisti contano già nel loro curriculum, feriti dietro i loro attacchi, nell’Ottobre del 2015 nove bombe in uguale numero di autobus del Mexibús (Stato del Messico), furono detonate con sistemi di orologeria, e benché l’attacco fosse contro il trasporto pubblico, non lascio più che un ferito, ma nell’azione, il rischio era di lasciare più di una persona, con gravi danni fisici, e questo alla “Secta Pagana de la Montaña y Grupos Afines” non importò..

Nel Novembre di quell’anno una pacchetto-bomba, aperto dentro il Consiglio Nazionale Agropecuario in Città del Messico, ferì il vicepresidente dell’Alleanza Pro-transgenici, la sua segretaria e due civili che si trovavano vicino, il “Circulo Eco-extremista de Terrorismo y Sabotaje” si responsabilizzò dell’Attentato.

Due gruppi, provenienti della morte di RS, il “Grupúsculo Indiscriminado” e “Ouroboros Nihilista”, hanno cercato di detonare i loro esplosivi senza nessun interesse se fossero stati feriti “terzi”, e benché i loro attacchi siano falliti,l’intento prosegue.

Nel Gennaio dell’anno 2016,apparve pubblicamente ITS col suo primo comunicato, per un’altra tappa “de las de siempre” dentro questa Guerra,e si trasformò in sorpresa per molti. Quindici giorni dopo la pubblicazione del suo primo testo, ITS aveva realizzato sei attacchi con esplosivi in tre differenti stati del paese, la sua capacità operativa fece parlare molto, una settimana dopo il suo secondo comunicato, rivendicando quegli attacchi di Gennaio e Febbraio, un autobus Transantiago era ridotto a una scoria di ferro bruciata nella capitale cilena in piena luce del giorno,e il nome firmatario di chi si responsabilizzava dell’attacco era:

“Individualistas Tendiendo a lo Salvaje-Chile”.

Con il terzo comunicato del gruppo, si evidenziava l’internazionalizzazione dell’Eco-Estremismo Indiscriminato. Una settimana dopo l’incendio dell’autobus,venne pubblicato il quarto comunicato firmato da “Individualistas Tendiendo a lo Salvaje-Argentina” dove si responsabilizzavano di un artefatto esplosivo in una Fondazione di Nanotecnología, di vari messaggi di minaccia inviati contro scienziati e contro la stampa, in cui avrebbero lasciato anche un pacchetto con polvere da sparo nera con un messaggio in una stazione di autobus a Buenos Aires.

Benché ITS in Febbraio agisse in tre paesi distinti sotto i suoi modelli,sommando 10 atti differenti,in cui alcuni di essi furono alla piena luce del giorno, l’ondata di attentati lasciò solo due civili feriti.

Nel Marzo nel quinto comunicato di ITS-América (México, Chile y Argentina), difese e ricalco il posizionamento che aveva dal 2011: NON importa che ci siano civili feriti, questa è una Guerra, l’Attacco è Indiscriminato.ITS NON riconosce la morale nell’Attentare.

Attraverso queste parole scomode, escono le reazioni..

“DIBATTITI”, NOTE E INDIRETTE

In differenti blog di “controinformazione” anarchica,e attraverso la diffusione degli attacchi dei gruppi Eco-Estremisti in messico, molti di essi hanno espresso il loro disaccordo con note a piè di pagina pubblicando i comunicati, altri si sono limitati solo a pubblicarli senza nessuna considerazione né opinione, altri più semplicemente non pubblicano nulla rispetto alle nostre posizioni, ed è comprensibile, NON tutti i blog, riviste e altri progetti di tendenza anarchica, hanno l’obbligo di pubblicare quello che i gruppi Eco-Estremisti dicono o fanno, ci saranno sempre differenze, alcuni positive ed altre più negative. Quello che vuole rilevare il Gruppo Editoriale della Revista Regresión (che è parte di ITS-Messico), è quanto segue:

-NON vogliamo che gli altri accettino i nostri “termini” e le nostre “condizioni”, non cerchiamo di essere gradevoli o amichevoli con gli estranei, o che gruppi o individui “diventino” come noi, non ci interessa “convertire” nessuno dell’eco-anarchismo all’Eco-Estremismo. I pochi che decidono di adottare questa posizione, sono convinti che un progetto come questo debba essere difeso con unghie e denti, pensato, e pianificato per attuare colpi più abili.

-Alcuni anarchici hanno detto che siamo una “Mafia”,e noi utilizzeremo la parola di quelli che ci criticano e che continuano a diffamare il nostro progetto tanto in Messico come in altri paesi dove l’Eco-Estremismo ha già presenza.

Siamo una classe speciale di Crimine, Delinquenti che si sono Uniti in un gruppo per Attaccare in differenti posti tanto del Messico come del Cile, Argentina e altri paesi,e che quelli che ci criticano non ci pensino due volte a “insultarci” dicendo che siamo Terroristi o una nuova classe di Mafia, perché non ci insultano e perché lo Siamo!

-Tutti possono esprimere la loro rabbia leggendo le nostre parole,per menzionare un esempio, l’hanno fatto molti stranieri “anarco-zerzanianos”anonimi, nel sito “Anarchist News”, nel quale, per certo, si sono censurati i comunicati di ITS perché siamo considerati “reazionari”, e non lo diciamo con un atteggiamento stentato o da vittima, per nulla, lo diciamo affinché i blog che non sono d’accordo col nostro discorso, ci facciano un favore,e smettano di comportarsi tanto da pluralisti e se realmente gli causa fastidio la nostra Scorrettezza in termini Terroristici e Mafiosi,smettano di pubblicarci.

-Come abbiamo detto, tutti possono esprimere la loro incompatibilità con l’Eco-Estremismo Indiscriminato che difendiamo,lo hanno fatto anche le auto denominate “Célula Revolucionaria Paulino Scarfó” (CRPS),nel loro comunicato di febbraio di questo anno, nel quale fanno allusioni indirette all’attentato di ITS in Cile, ripetiamo, è salutare criticare ed esprimere disaccordi, ma lanciare allusioni NO, è da caproni! Sarebbe stato meglio firmarsi come “Célula Anarco-cristiana León Tolstoi”. Sembra che questi anarchici non hanno memoria storica, o che soffrono di un’amnesia pesante, dato che menzionano quello che fu il compagno del TERRORISTA Severino Di Giovanni, l’anarchico che violò il consolato italiano a Buenos Aires, ammazzando vari fascisti ma anche ferendo dei civili,e che assassinò un anarchico che lo accusava di essere “fascista”.

Scarfó si unì a Di Giovanni nella tappa più violenta della sua Guerra Individualista contro obiettivi movibili e simbolici, egli fu INDISCRIMINATO, in realtà fu condannato dagli stessi anarchici della sua epoca perché i suoi metodi di lotta furono considerati di “inappropriati.”

Le ITS e i gruppi Eco-Estremisti non sono rivoluzionari,questa è la verità-CRPS,non condividiamo il vostro discorso ripetitivo e noioso, solo che Noi a differenza vostra, siamo diretti e non avanziamo con fottute insinuazioni e giri di parole!

LE NOSTRE POSIZIONI PER “NIGRA TRUO” (NT)

Alcuni giorni fa un membro del blog “Por la Anarquía”, pubblicò un testo dove si può leggere la sua posizione a favore e contro l’eco-estremismo, fino ad ora è l’unica critica che si avvicina più alla sincerità, perché non si incentra solo nel criticare le nostre posizioni ma fa anche alcune critiche verso gli ambienti anarchici.

Su questo dobbiamo chiarire quanto segue:

-L’opinione di NT si è avuto “revorujado” l’informazione che ha delle ITS, e ha scritto che è una contraddizione dare impulso al Dibattito Amorale che proposero i Nichilisti della casa editoriale “Nechayevshchina” e contemporaneamente avere la regola morale di: “La natura è il bene, la civiltà è male” , a NT ricordiamo che ITS ha tappe differenti, sebbene, il gruppo difendeva questa locuzione “Naturien” dal 2011, ma le ITS di oggi sono differenti, da vari anni ITS non usa questa frase, per questo caro NT, affermo sarcasticamente che la critica relativa a questo punto, cade per il suo proprio peso, dato che ITS non difende oramai questa locuzione, perché la Natura Selvaggia è in un piano “extramorale.”

-Leggendo la critica di NT sembra che si stia confondendo su di noi e la difesa della tendenza dell’Eco-Estremismo,quello che intendiamo per Attacchi Indiscriminati,non è mettere una bomba nella casa di cartone di un vagabondo, non è incendiare un posto di un venditore ambulante, NO, quando ci riferiamo ad Attacchi Indiscriminati,è quando posizioniamo una bomba in posti specifici, imprese, università, case specifiche, automobili, istituzioni, etc., dove c’è il nostro obiettivo-umano da attaccare, senza che si dia importanza se l’esplosivo colpisce dei civili. L’Attacco Indiscriminato è incendiare luoghi simbolici senza che si dia importanza se ci sono di mezzo “persone innocenti”,nel colpire il Progresso Umano.L’Attacco Indiscriminato è quello che portato avanti dalle ITS dal 2011,nel mandare pacchetti-bomba senza che sia dia importanza se vengono colpiti“terzi”, e avendo come obiettivo Destabilizzare, Terrorizzare e porre il Caos in una società carente di pensieri propri,e che si è ricollega alla parte iniziale di questo testo.

-Continuiamo a festeggiare i “disastri naturali”, i quali possono vedersi come atti di vendetta o come reazioni violente della Natura Selvaggia, (provenendo dall’auto-cosmo visione Individualista che si allontana da quella che difende la cultura civilizzata), derivate della distruzione ambientale che a sua volta è propiziata per mano umana, tanto di gigantesche multinazionali come dei suoi servi proletari.

CONCLUSIONE

Rimane solo da dire,concludendo questo testo,che gli Attacchi dei gruppi Eco-Estremisti continuano il loro scomodo discorso. Ci saranno sempre punti in accordo-disaccordo, inviti a dibattiti, indirette, e merda versata delle bocche di alcuni, ma che mi sappia bene che finché esisteremo, ci sarà sempre una risposta da Noi, i Terroristi, gli Scorretti, quelli che non tacciono in quello che pensano, quelli che declamano, quelli della Mafia Eco-estremista!

Con la furia ignota della Natura Selvaggia!

Con Chahta-Ima, Nechayevshchina y Maldición Eco-extremista!

Con ITS-del México, Chile e Argentina!

Avanti con la Guerra!

Xale: Capo Editore della Revista Regresión

México, invierno 2016

La Mutilación de la palabra “inocente”

Traducción del italiano al castellano del filoso texto de la “Casa Editorial Nechayevshchina”, contestando la critica hecha por uno del blog “Por la Anarquía”, sobre los ataques indiscriminados dentro del Debate Amoral.

¡Por la dedicación y practica de las actividades delincuenciales!

¡Adelante con los ataques indiscriminados!

¡Adelante con la Mafia Eco-extremista!


Mi bostezo de sueño sobre el alma ética de la sociedad para los autores del miserable texto,  que es la voz de  aquellos que se reúnen el domingo por la mañana,  delante de las iglesias para dar y recibir caridad.

Un debate amoral necesita de una crítica radical y nihilisticamente afirmativa, contra las “colas de paja” que administran un inocente blog, que de radical ni siquiera tiene el nombre.

El sobre uso de una palabra, se vuelve repetitiva y ondulante cuando busca la “pro forma” de la basura que afirma, sin llegar a un punto Egoisticamente propio.

“yo no soy esto, yo no soy aquello, y no soy ni siquiera lo otro”

No solo “no son”, ni siquiera representan aquello que les gustaría ser.

En esencia son solo una borrosa  acumulación de nihilismo pasivo y progresivo, que va directo a la alcantarilla de la normalidad.

Estos humanos ético-céntricos, dan vueltas y vueltas alrededor del mismo término mono-temático, sin llegar a un punto, en el que  decidir si ahorcarse o ahorcar al enemigo.

Estos pobres ilusos de la mañana dominical predicando la caridad, ¿tienen el aspecto de un enemigo?

¡NO!

Persiguiendo una utopía corrompida, en la que todo es igual a “todo”, convirtiendo  a priori en  basura todo lo que vomitan, su pobre conciencia se sacude con cada terremoto indiscriminado, artefacto explosivo, paquete-bomba o el proyectil de una pistola.

Todo termino (con significado propio) hace sacudir su pueril trasero, soñando con no terminar en medio de algún atentado Nihilistico y Feral.

¿Cómo puede un blog publicar aquello que no le es afín?, esto no es misterio, sino un miserable intento de parecerse a un individuo con agallas, esos individuos que no tienen ningún miedo de afrontar el germen de la masa o del rebaño, de ciudadanos, analizadores sociales y políticos anarcos.

Individuos únicos con agallas que se elevan en cada ataque Terroristico y anti-jurídico, mandando a la mierda las consecuencias penales.

Individuos que exaltan el uso del crimen Terroristico de los atracos, del robo, del fraude, de la bomba con dispositivo de tiempo, del arma que percuta su silbante proyectil de muerte, del paquete-bomba o de la carta explosiva, de la burla sacrílega hacia la vida que llora,  haciendo lo que quieren y como quieren, con el orgullo de ser Únicos,  en medio de miles y miles de “nada”.

Acercándose al dicho: “quien nace redondo no pude morir cuadrado”, ese inocente blog, continúa publicando textos radicales eco-extremistas,  porque sus piernas y sus caras tiemblan de miedo, con actos contrarios a su estatuto humanista. Sus normas y términos usados, a los extremistas les importa un carajo,  ellos aprovecharán todos los medios para así exaltar su  propio Ego,  ¡cuando y donde quieran!

Siguen publicando para sentirse importantes, deseosos de masturbarse con el disfrute de un atentado, sin pensar que pueden estar cometiendo un pecado,  para después hacer una “disculpa publica” sobre su error, sintiéndose bien con su conciencia, que de estar limpia se ha “ensuciado”, por lo que han caído en desgracia al poner algo que para ellos no es afín (ni siquiera se le acerca).

Estos humanistas publican algo siempre con su hocico dirigido hacia el “nosotros” y nunca con el afirmativo y Egocentrico “YO”.

La afirmación de la palabra, los dinamita —a ustedes les digo— pobres ilusos, anteponiéndose en el atentado indiscriminado, cuyas  esquirlas hieren la conciencia ética jurisprudencial, de la moral que dice “no”, ¡al ataque Egoico que de forma terrorista ha elegido un objetivo!

El atentado del “Grupúsculo Indiscriminado” ha revelado la verdadera imagen de estos cuatro mendigos de espíritu y de conciencia,  sintiéndose  discriminados, y heridos en su limpia conciencia, debiendo recurrir al refugio, entendiendo que quizás, estaban equivocados al “existir”,  en un momento en el que el Terrorismo indiscriminado se esta expandiendo como una mancha de aceite.

Bastan dichas pocas pero afiladas líneas Nihilisticas, para hacer entender a un lector atento,  que ha terminado la era de los buenos sentimientos, y de la “mierda cambiada por oro”,  y a comenzado la era de los individuos que se enfrentan a la sociedad   en toda su integridad (de su particular y especifico objetivo), escogiendo un grupo o una individualidad, atacando sin hacer ninguna discriminación, sin importar si  mueren victimas de un objetivo, ¡por que toda la jodida sociedad ética-jurídica debe  y puede ser golpeada!

¡Por el Terrorismo indiscriminado!

¡Por el uso del Ilegalismo Egoico!

¡Por la Muerte de los “buenos sentimientos”!

LA MUTILAZIONE DELLA PAROLA “INNOCENTE”

Filoso texto de la “Editorial Nechayevshchina”, respondiendo a la crítica de uno del blog de “Por la Anarquía” sobre el “debate amoral”.

Muerte a la Moral del ataque!


 

Lo sbadiglio sognante dell’anima della società etica investe gli autori di miserrimi testi, che fanno da voce, a quelli che si accalcano la domenica mattina, davanti alle chiese, per dare e ricevere carità.
Un dibattito Amorale ha bisogno, di una critica radicale e Nichilisticamente Affermativa contro le “code di paglia”, che amministrano innocenti blog, che di radicale manco hanno il nome.
La ripetizione di una parola, diviene ripetitiva e ondulante quando ricerca la “pro forma”, delle stronzate che afferma, senza arrivare a un punto Egoisticamente proprio.

“Io non sono questo, io non sono quello, e non sono manco quell’altro.”

Non solo “non sono”, ma manco rappresentano quello che vorrebbero essere.
In sostanza sono solo un indistinto cumulo di nichilismo passivo e strisciante verso i bassifondi della normalità.
Codesti -Umano- etico centrici, girano e rigirano attorno allo stesso termine mono tematico, non arrivando a un nodo scorsoio, dove decidere se impiccarsi e o impiccare il nemico.
Questi poveri illusi della domenica mattina nel fare la carità, hanno le sembianze di un nemico?

NO!

Inseguono una marcescente utopia, che tutto possa essere uguale al “tutto”, diventando spazzatura da rigurgitare nell’apriori della loro povera coscienza che sobbalza ad ogni scossa tellurica non discriminante- anche chiamata ordigno esplosivo, pacco bomba, proiettile di una pistola.
Tutti termini (con pieno significato) che fanno sobbalzare il loro culo puerile, verso il sogno di non finirci in mezzo, a qualche Attentato Nichilistico e Ferale.
Come possa un blog mettere quello che non è affine, non è un mistero, ma un misero tentativo di assomigliare a Individui con le palle, che non hanno nessuna paura di Affrontare il germe della massa e delle pecore belanti che siano comuni cittadini o analizzatori sociali e politici anarcoidi.
Individui Unici non solo con uno scroto che si eleva a ogni Attacco Terroristico- ma anche Anti giuridicamente Integri e che se ne fottono delle conseguenze penali!

 

Individui che Esaltano l’uso del Crimine Terroristico- delle rapine, dei furti, delle truffe, delle bombe con congegno a tempo, dell’arma che esplode il suo sibilante proiettile di morte, del pacco bomba o della lettera esplosiva, della derisione sacrilega della vita che piange, nel fare quello che vogliono e come vogliono, con la Fierezza di Essere Unici, in mezzo a mille e mille “nulla”.

Accalcandosi al Detto “chi nasce tondo non può morire quadrato”, questi innocenti blog, continuano a pubblicare testi radicali ed Estremisti, per cui le loro gambe e i loro volti tremano di paura passiva, che sono contrari al loro statuto umanista, che detta regole e termini da usare, a chi non frega un cazzo, se non esaltare il Proprio Ego, quando e dove vuole!
Pubblicano per sentirsi importanti, desiderosi di masturbarsi nel godimento di un Attentato, non pensando che possano fare peccato, ma subito dopo facendo “pubblica ammenda”, del loro errore, per sentirsi a posto con la coscienza, che da pulita è diventata “sporca”, tanto si sono sputtanati nel mettere qualcosa che per loro non è affine ( e manco gli si avvicina).
Costoro umanisti-pubblicano pensando sempre con il loro muso rivolto verso il “noi”e mai con l’Affermativo e Egocentrico “IO”.

L’Affermazione della Parola -Dinamite- a voi dico poveri illusi- affonda dentro l’Attentato Indiscriminato- produce schegge che vanno a ferire le coscienze etico giurisprudenziali, della morale che dice “no”, nel Colpire Egoicamente e in maniera Terrorista un obiettivo scelto!

L’Attentato del “GRUPÙSCULO INDISCRIMINADO” ha messo in cattiva luce, questi quattro accattoni di spirito di coscienza, che sentendosi, loro discriminati, e feriti nella loro pulita coscienza, sono dovuti ricorrere ai ripari, capendo che forse, hanno sbagliato a “esistere”, in un periodo in cui il Terrorismo Indiscriminato- si sta espandendo a macchio d’olio.
Bastano queste poche ma taglienti righe Nichilistiche, per far capire a un lettore attento, che è finita l’era dei buoni sentimenti, e della “merda scambiata per oro”, che ci sono Individui che Affrontano la società in tutta la loro integrità (e del loro particolare e specifico obiettivo), scegliendo per gruppo specifico o individualmente ,di attaccare senza fare nessuna discriminazione, fottendosene se cadrà vittima un non -obiettivo, perché tutta la fottuta società etico giuridica è o può essere colpita!

PER IL TERRORISMO INDISCRIMINATO!

PER L’USO DELL’ILLEGALISMO EGOICO!

PER LA MORTE DEI “BUONI SENTIMENTI”!