Tag Archives: Via Negazionis

(es-pt-it-en) Entrevista a Individualistas Tendiendo a lo Salvaje

Entrevista hecha a ITS-México el 01 de Julio 2016, por parte del medio periodístico “Radio Fórmula”. Quien cuestiona es el periodista Ciro Gómez Leyva. Todo esto a raíz del atentado homicidiario de la “Mafia Eco-extremista/Nihilista” de ITS, contra el jefe de la facultad de  química de la UNAM.

http://www.radioformula.com.mx/notas.asp?Idn=606512&idFC=2016&sURL=

Seguimiento de los actos de ITS aquí:

https://mega.nz/#!pk8UlTpB!tVANbcThPxekw_ElOsBRVMv0HNKILwINsYOzjiQK2Ig


-¿A qué se refieren con los ataques del 25 y el 8 de abril?
Aquí hay que aclarar una cosa, ITS NO fue responsable del ataque del 8 de Abril en C.U., fue otro grupo que comparte la misma tendencia del eco-extremismo, lo mencionamos en nuestro último comunicado para evidenciar que las autoridades universitarias acallaron dichos ataques.

Por otra parte, el ataque del 25 de Abril en C.U., fue parte de una coordinación entre grupos de ITS en México, Chile y Argentina.

Todo el mes de Abril lo dedicamos a esa coordinación de ataques, los cuales fueron:

– El 6 de Abril la “Horda Mística del Bosque”, abandonó un artefacto incendiario dentro de la Facultad de Ciencias Físicas y Matemáticas de la Universidad de Chile en Santiago, aunque el artefacto lo encontraron antes de activarse generó gran conmoción en la comunidad universitaria del país de los terremotos.

– El 12 de Abril el grupo “Ouroboros Silvestre”, detonó un explosivo frente a la Universidad de Ecatepec, en el Estado de México, este a escasos metros del palacio municipal ubicado en pleno centro San Cristóbal, en este caso el artefacto explotó exitosamente sin que se conocieran más detalles.

– Ese mismo día el mismo grupo abandonó un artefacto explosivo de activación electromecánica en la Comunidad Educativa Hispanoamericana en el mismo municipio. El artefacto le detonó a uno de los guardias de la institución al momento que lo levantó provocándole heridas, cosa que acallaron las autoridades educativas y los medios de comunicación locales, los cuales dijeron que el artefacto había detonado sin dejar heridos y solo daños materiales.

– EL 19 de Abril el “Grupo Oculto Furia de Lince” detonaron un artefacto explosivo casero en una de las entradas del Tec de Monterrey Campus Ciudad de México en Tlalpan, sin que se conocieran más detalles.

– El 21 de Abril el grupo “Constelaciones salvajes” abandonó un paquete-bomba dentro de la Universidad Tecnológica Nacional en Buenos Aires, Argentina, sin que supiera mayor detalle dado que las autoridades silenciaron el atentado.

– El 25 de Abril el “Grupo Oculto Furia de Lince”, abandonó un artefacto explosivo de activación electromecánica similar al que detonó en la Comunidad Educativa Hispanoamericana en Ecatepec, pero ahora en la Facultad de Arquitectura en C.U., sin que se conocieran más detalles.

– El mismo día, el mismo grupo abandonó otro artefacto explosivo con un mecanismo similar al otro pero en la Facultad de Ingeniería, específicamente en el edificio A, sin que se conocieran más detalles del mismo.

Todos estos actos los llevaron a cabo los grupos que se mencionaron y que están adheridos a ITS, y que los reivindicamos en nuestro séptimo comunicado el 9 de mayo pasado.

¿Contra quién atentaron?

Los ataques del 25 de Abril en C.U. en específico, fueron simbólica y materialmente contra la UNAM y contra cualquier universitario que se cruzara con los explosivos abandonados, es falsa la información que han desplegado algunos medios de comunicación en donde dicen que los ataques del 25 fueron específicamente en contra el jefe de servicios químicos, mentira.

-¿Cuantos objetivos más tienen?

Nuestro objetivo en concreto es la civilización en su totalidad, las universidades y empresas que generan esclavos para que este sistema siga creciendo, los centros comerciales e instituciones que llenan de basura las mentes de los borregos ciegos directo al matadero (con esto no estamos posicionándonos a favor de las sociedad, de la masa, la cual también contribuye a la destrucción de la Tierra con su simple existencia), atacamos los símbolos de la modernidad, de la religión, de la tecnología y del progreso, atentamos directamente contra los responsables de que esta mancha urbana siga creciendo y devorando los entornos silvestres que aún quedan.

En resumidas cuentas, nosotros, los eco-extremistas estamos en contra del progreso humano, el cual corrompe y degrada todo lo bello que hay en este mundo, el progreso todo lo vuelve artificial, mecánico, gris, triste, nosotros no soportamos eso, por eso es que le hemos declarado la guerra a esta civilización y a su asqueroso progreso desde hace unos años atrás.

-¿Nunca han detenido a un compañero suyo?
En 2011 después de “volar” a los dos catedráticos del Tec de Monterrey campus Atizapán, dijimos que la PGR y demás instituciones de seguridad eran una BURLA y lo seguimos diciendo, no hay, ni ha habido alguno de los nuestros detenido hasta ahora…

-¿Por qué matar?
¿Y porque no?, ¿es pecado?, ¿es un delito?, ¿está mal?, seguro que más de uno dijo que “Sí” en alguna de estas preguntas. Respondemos, para ser claros nosotros matamos porque esto es una GUERRA, por eso, porque no reconocemos más autoridad que la autoridad de nuestras deidades paganas relacionadas a la naturaleza y contrarias al catolicismo y al dios judaico, deidades personales que nos empujan a la confrontación. Matamos porque no reconocemos otra ley que no sean las leyes naturales que lo rigen TODO en este mundo muerto. Matamos porque rechazamos cualquier moral que nos quieran imponer, porque no lo consideramos ni “malo” ni “bueno”, sino como una respuesta desde nuestra individualidad a toda la destrucción que genera el progreso humano.

Dentro del espectro del terrorismo, matar puede ser una estrategia, un llamado, una advertencia para lo que quizás siga…

Pasando al tema central, asesinamos al jefe de servicios químicos de la UNAM para recordarles que podemos atacar en cualquier momento a quien sea dentro de la universidad, para demostrarles que nuestros objetivos se han ampliado, en 2011 nos dedicamos a atacar a los científicos e investigadores, ahora todos los que integran la comunidad universitaria pueden y son un objetivo en potencia, ¿porque?, por el simple hecho de formar parte de la comunidad estudiantil y progresista de la máxima casa de estudios.

Advertimos meses pasados a las autoridades de la UNAM, advertimos que si nuestros ataques seguían siendo silenciados que se atuvieran a las consecuencias, el resultado fue el escandaloso muerto dentro de Ciudad Universitaria como escarmiento.

Nos da igual que haya sido un trabajador, el mismo escandalo hubiera acontecido si el muerto hubiera sido un estudiante o un maestro, o en el mejor de los casos un investigador de renombre, el objetivo, la UNAM, fue golpeado de nueva cuenta, las autoridades desmoralizadas y nosotros con otra muerte en nuestra historia.

-¿Cómo comprueban que fueron ustedes?
Las pruebas están en los hechos, el cuerpo tenía sus pertenencias no fue un robo, el cuerpo fue localizado en un lugar en donde no hay cámaras, eso indica un ataque directo y no otra cosa, ya sabemos que las autoridades capitalinas están preparando sus “investigaciones” tan torpes y faltas de argumentación (como siempre), para indicar que nosotros no fuimos para no alarmar más a la comunidad universitaria.

Teníamos pensado arrancarle el cuero cabelludo como prueba pero no nos fue posible, como escribimos en el comunicado, será para el siguiente.

Usted y todos pueden pensar lo que quieran, que fue un robo, una venganza personal por personas de su barrio, que fue accidental, etc., pero nuestro historial no miente, no somos un grupo nuevo que sale de la nada, y ya ha sido evidenciado con esto y con otros actos que no nos andamos con bromas.

-Si no creen en un mejor mañana, ni son revolucionarios, ¿Qué piden? ¿Cuál es la finalidad de su lucha?
Nosotros no pedimos nada, no tenemos exigencias o “pliegos petitorios”, ¿se puede negociar la perdida de nuestras raíces como humanos naturales que se resisten a la artificialidad de la civilización? Claro que no, no hay negociación ni mesas de dialogo, ni nada de nada.

Nosotros no creemos en las revoluciones pues estás siempre van encaminadas a la “solución de problemas”, a construir algo nuevo y “mejor”, déjenos decirles que la era de las “revoluciones” y de los “revolucionarios” ha terminado, no existe “revolución” alguna que pueda cambiar una cosa negativa por una positiva porque hoy todo está corrompido, porque todo está a la venta, porque lo que rige el mundo en la actualidad no es el poder político sino el económico. Las revoluciones son cosas del pasado y lo hemos entendido muy bien.

Nosotros no queremos solucionar nada, ni proponemos nada a nadie, no queremos cambiar al mundo, ni queremos que se nos una la masa, basta ya de las utopías de secundaria, basta ya de tener en la cabeza que puede haber un mundo nuevo, mira a tu alrededor, el presente está plagado de horrores causados por la misma civilización, por la alienante realidad tecnológica (redes sociales, teléfonos), respira el espeso aire de esta sucia ciudad, mira las vías repletas de automóviles, observa la masa apretujándose en los camiones, en el metro, ve sus caras hartas de lo mismo, el poder económico lo tienen unos pocos, viven con lujos, se revuelcan en billetes y comodidades, los medios de comunicación están vendidos al mejor postor, y surgen los inconformes, y los desaparecen y los asesinan, la tensión social se agrava, y cuando parece que todo va a estallar, todo regresa a la normalidad, o a una normalidad alternativa, por eso nosotros dejamos de creer en un “mejor mañana” porque este presente decadente es lo único que tenemos, y en este presente solo vemos el progreso que avanza sin freno hacia el abismo civilizado.

La civilización está podrida, se corroe cada vez más pero sigue avanzando, que más quisiéramos nosotros que con nuestras propias manos hacerla colapsar, pero esa sería otra finalidad infantil.

Nosotros no apostamos por la caída de la civilización, ni tenemos como finalidad la destrucción de esta, que quede claro.

En el aspecto filosófico somos pesimistas, porque hemos visto que todo lo hermoso para nosotros, que es la naturaleza, se ha perdido, la han destruido y la siguen empujando a la extinción. No nos queda nada porque luchar, excepto por nuestras propias individualidades, nosotros seguimos siendo humanos antes que robots, somos la Naturaleza Salvaje que queda, lo último de lo último, nosotros nos seguimos considerando parte de la naturaleza y no los dueños, los eco-extremistas rescatamos nuestras raíces primitivas, y entre muchas otras cosas está la confrontación, el conflicto que nos ha identificado como gente de esta tierra, hijos del mezquite y del coyote, guerreando contra los que nos quieran domesticar, así como lo hicieron nuestros antepasados más salvajes al no permitir que se les sojuzgara por los europeos a su llegada a la Gran Chichimeca.

Los eco-extremistas somos animales domésticos con sus instintos aún vivos, para muchos seguro que es una “incoherencia” decir que estamos en contra de todo esto y seguir usando tecnología, respondemos que no dudamos en usarla para conseguir nuestros fines inmediatos, eso es un hecho, nos importa un comino caer en presuntas “incongruencias”, así como nos importa nada que nos consideren lo que sea.

Una de las finalidades de ITS y del eco-extremismo en si es el ataque, es devolver los golpes que le han dado a la naturaleza salvaje sin ser galardonados como “revolucionarios”, desinteresadamente guiados por un impulso egoísta.

Los eco-extremistas son como las abejas, las cuales entierran su aguijón para herir a su oponente  (la civilización) dando pelea sabiendo que morirán en el intento, ya que está claro que en esta guerra no saldremos victoriosos.

Esto te parecerá enfermos mentales o desequilibrados, pero mira, el eco-extremismo nihilista es una tendencia que prácticamente “nació” en México, y que algunos individualistas la han tomado como suya en Chile, Argentina y Europa, está claro que no somos los únicos locos…

Quizás hay más preguntas que respuestas, eso es lo único que diremos por ahora.

Lo hecho echo está.

¡Por la internacionalización mafia eco-extremista!

¡Por la defensa extrema de la naturaleza salvaje!

-Individualistas Tendiendo a lo Salvaje-México


Entrevista a Individualistas Tendendo ao Selvagem

O que vocês querem dizer com os ataques de 25 e de 8 de abril?

É preciso esclarecer uma coisa aqui, ITS NÃO foi responsável pelo ataque em 8 de abril na C.U., foi outro grupo que compartilha a mesma tendência do eco-extremismo, mencionamos ele em nosso último comunicado para evidenciar que as autoridades universitárias acalmaram ditos ataques.

Por outro lado, o ataque de 25 de abril na C.U., foi parte de uma coordenação entre grupos de ITS no México, Chile e Argentina.

Dedicamos todo o mês de abril a essa coordenação de ataques, os quais foram:

– Em 6 de abril a “Horda Mística do Bosque”, abandonou um artefato incendiário dentro da Faculdade de Ciências Físicas e Matemáticas da Universidade do Chile, em Santiago. Embora o artefato tenha sido encontrado antes de ser ativado, uma grande comoção foi gerada na comunidade universitária do país dos terremotos.

– Em 12 de abril o grupo “Ouroboros Silvestre”, detonou um explosivo em frente a Universidade de Ecatepec, no Estado do México, esta a poucos metros da Câmara Municipal localizada em pleno centro de San Cristóbal. Neste caso o artefato explodiu com sucesso sem que se soubessem mais detalhes.

– No mesmo dia o mesmo grupo abandonou um artefato explosivo de ativação eletromecânica na Comunidade Educativa Hispano-americana no mesmo município. O artefato detonou em um dos guardas da instituição no momento em que ele o ergueu e provocou-lhe ferimentos, acontecimento que as autoridades educativas e os meios de comunicação local acobertaram, os quais disseram que o artefato havia detonado sem deixar feridos e apenas danos materiais.

– Em 19 de abril o “Grupo Oculto Fúria de Lince” detonou um artefato explosivo caseiro em uma das entradas da Tec de Monterrey – Campus Cidade do México, em Tlalpan, sem que mais detalhes fossem conhecidos.

– Em 21 de abril o grupo “Constelações Selvagens” abandonou um pacote-bomba dentro da Universidade Tecnológica Nacional em Buenos Aireis, Argentina, sem que se soubessem maiores detalhes, pois as autoridades silenciaram o atentado.

– Em 25 de abril o “Grupo Oculto Fúria de Lince”, abandonou um artefato explosivo de ativação eletromecânica similar ao que detonou na Comunidade Educativa Hispano-americana em Ecatepec, mas dessa vez na Faculdade de Arquitetura na C.U., sem maiores detalhes.

– No mesmo dia, o mesmo grupo abandonou outro artefato explosivo com um mecanismo similar ao outro, mas, na faculdade de Engenharia, especificamente no edifício A, sem que mais detalhes fossem conhecidos.

Todos estes atos foram realizados pelos grupos mencionados e que estão associados a ITS, e que foram reivindicados em nosso Sétimo Comunicado em 9 de maio passado.

Contra quem atentaram?

Os ataques de 25 de abril na C.U., em particular, foram simbólicos e materiais contra a UNAM e contra qualquer universitário que cruzasse com os explosivos abandonados. É falsa a informação que propagaram alguns meios de comunicação onde dizem que os ataques de 25 foram especificamente contra o chefe de serviços químicos, é mentira.

Quantos mais objetivos vocês tem?

Nosso objetivo em específico é a civilização como um todo, as universidades e empresas que geram escravos para que este sistema continue a crescer, os shoppings e instituições que enchem de lixo as mentes das ovelhas cegas que rumam direto ao abate (com isso não estamos nos posicionando a favor da sociedade de massas, a qual também contribui com a destruição da Terra com a sua simples existência), atacamos os símbolos da modernidade, da religião, da tecnologia e do progresso, atentamos diretamente contra os responsáveis por esta mancha urbana que segue se expandindo e devorando os entornos silvestres que ainda restam. Em suma, nós, os eco-extremistas, estamos contra o progresso humano, o qual corrompe e destrói toda a beleza que há neste mundo, o progresso converte tudo em artificial, mecânico, cinzento, triste. Nós não suportamos isso e esse é o motivo pela qual declaramos guerra a esta civilização e seu asqueroso progresso já há alguns anos.

Nunca prenderam um companheiro de vocês?

Em 2011 depois de “mandar pelos ares” a dois professores da Tec de Monterrey – Campus Atizapán, dissemos que a PGR e demais instituições de segurança eram uma PIADA e ainda seguimos dizendo. Nenhum dos nossos foi detido até agora…

Por que matar?

E por que não? É pecado? É um crime? É errado? Com certeza mais de uma pessoa disse “sim” em alguma destas perguntas. Respondemos. Para ser claros, nós matamos porque isso é uma GUERRA, pelo motivo de não reconhecermos mais autoridade que a autoridade de nossas deidades pagãs relacionadas à natureza e contrárias ao catolicismo e ao deus judaico, deidades pessoais que nos empurram para o confronto. Matamos porque não reconhecemos outra lei a não ser as leis naturais que regem TUDO neste mundo morto. Matamos porque rechaçamos qualquer moral que nos queiram impor, porque não consideramos nem “mal” nem “bom”, mas sim uma resposta de nossa individualidade a toda a destruição que gera o progresso humano.

Dentro do espectro do terrorismo, matar pode ser uma estratégia, um chamado, uma advertência para o que talvez possa ocorrer…

Voltando ao tema central, assassinamos o chefe de serviços químicos da UNAM para lembrá-los que podemos atacar a qualquer momento a quem quer seja dentro da universidade, para mostrar que nossos objetivos foram ampliados. Em 2011 nos dedicamos a atacar os cientistas e investigadores, agora todos os que integram a comunidade universitária podem e são um objetivo potencial. Por quê? Pelo simples fato de serem parte da comunidade estudantil e progressista do mais alto local de estudos.

Advertimos meses atrás às autoridades da UNAM, advertimos que se nossos ataques permanecessem sendo silenciados teriam de enfrentar as consequências. O resultado foi a escandalosa morte dentro da Cidade Universitária como um aviso. Tanto faz para nós que tenha sido um trabalhador, o mesmo escândalo houvesse ocorrido se o morto fosse um estudante ou um professor, ou na melhor das hipóteses, um investigador renomado. O objetivo, a UNAM, foi atingido mais uma vez. As autoridades desmoralizadas e nós com mais uma morte em nossa história.

Como podem provar que foram vocês?

As provas estão nos fatos, o corpo tinha seus pertences, não foi um roubo. O corpo foi localizado em um lugar onde não há câmeras, isso indica um ataque direto e não outra coisa. Já sabemos que as autoridades da cidade estão preparando suas “investigações” torpes e com faltas de argumentação (como sempre) para indicar que não foi nós para não assustar ainda mais a comunidade universitária. Havíamos pensado em arrancar o couro cabeludo dele como prova, mas não foi possível. Como escrevemos no comunicado, fica para a próxima. Você e todos podem pensar o que quiserem, que foi um roubo, uma vingança pessoal por pessoas de seu bairro, que foi acidental, etc., mas a nossa história não mente, não somos um grupo novo que vem do nada, e já foi evidenciado com esse e com outros atos que não estamos de brincadeira.

Se não acreditam em um amanhã melhor nem são revolucionários, o que pedem? Qual é a finalidade de sua luta?

Nós não pedimos nada, não temos exigências ou “folhas de petição”. Se pode negociar a perda de nossas raízes como seres humanos naturais que estão resistindo à artificialidade da civilização? Claro que não, não há negociação nem mesas de diálogo ou qualquer outra coisa.

Nós não acreditamos nas revoluções, afinal sempre visam a “solução de problemas”, a construir algo novo e “melhor”. Deixe-nos dizer, a era das “revoluções” e dos “revolucionários” acabou, não existe “revolução” alguma que possa mudar uma coisa negativa por uma positiva porque hoje tudo está corrompido, porque tudo está à venda, porque o que rege o mundo na atualidade não é o poder político, mas o econômico. As revoluções são coisas do passado e nós entendemos isso muito bem.

Nós não queremos resolver nada, nem propomos nada a ninguém, não queremos mudar o mundo, nem queremos nos unir à massa. Chega das utopias secundárias, chega de ter em mente que possa haver um mundo novo. Olha ao seu redor, o presente está repleto de horrores causados pela mesma civilização, pela alienante realidade tecnológica (redes sociais, celulares, etc.), respira o espesso ar desta suja cidade, olha as pistas repletas de carros, observa a massa se espremendo nos ônibus, nos metrôs, veja suas caras cansadas da mesmice. O poder econômico poucos o tem, vivem no luxo, se afundam em notas e comodidades, os meios de comunicação estão vendidos à melhor oferta, e surgem os não-conformistas, e desaparecem com eles e os assassinam, a tensão social se agrava, e quando tudo parece que irá explodir, a normalidade retorna, ou tudo se vai a uma normalidade alternativa. Por isso nós deixamos de acreditar em um “amanhã melhor”, porque este presente decadente é o único que temos, e neste presente apenas vemos o progresso que avança sem freio em direção ao abismo civilizado.

A civilização está podre, cada vez mais se corrói, porém segue avançando. O que mais iríamos querer senão fazê-la colapsar com nossas próprias mãos? Mas isso seria outro propósito infantil.

Nós não apostamos na queda da civilização, nem temos como finalidade a destruição desta, que fique claro.

No aspecto filosófico somos pessimistas, porque vimos que todo o belo para nós, que é a natureza, se perdeu, a destruíram e seguem empurrando-a à extinção. Não nos resta nada pelo que lutar, exceto por nossas próprias individualidades. Nós seguimos sendo humanos ao invés de robôs, somos a Natureza Selvagem que resta, o último dos últimos, nós continuamos nos considerando parte da natureza e não os donos. Os eco-extremistas resgatamos nossas raízes primitivas, e entre muitas outras coisas está a confrontação, o conflito que nos identificou como pessoas desta terra, filhos da algaroba e do coiote, guerreando contra os que nos queiram domesticar, assim como fizeram nossos antepassados mais selvagens ao não permitir serem subjugados pelos europeus a sua chegada na Grande Chichimeca.

Os eco-extremistas somos animais domésticos com seus instintos ainda vivos. Para muitos é certeza que é uma “incoerência” dizer que estamos contra tudo isso e continuar usando tecnologia. Respondemos que não hesitamos em usá-la para conseguir nossos fins imediatos, isso é um fato, nós nos importamos com um caminho cair em supostas “inconsistências”, assim como não nos importamos com nada que nos considerem o que quer que seja.

Uma das finalidade de ITS e do eco-extremismo em si é o ataque, é devolver os golpes que deram à natureza selvagem sem ser homenageados como “revolucionários”, desinteressadamente guiados por um impulso egoísta.

Os eco-extremistas são como as abelhas, as quais fincam seu ferrão para ferir a seu oponente (a civilização), lutando sabendo que morrerão tentando, já que está claro que nesta guerra não sairemos vitoriosos.

Isso vai parecer que somos doentes mentais ou desequilibrados, mas olha, o eco-extremismo niilista é uma tendência que praticamente “nasceu” no México, e que alguns individualistas tomaram como sua no Chile, Argentina e Europa, está claro que não somos os únicos loucos…

Talvez há mais perguntas que respostas, isso é tudo que diremos por agora. O que está feito está feito.

Pela internalização da máfia eco-extremista!
Pela defesa extrema da natureza selvagem!

Individualistas Tendendo ao Selvagem – México


INTERVISTA CON LE ITS

-A che cosa vi riferite con gli attacchi del 25 e 8 aprile?

Chiariamo subito che ITS non è responsabile dell’attacco dell’8 Aprile nella Città Universitaria, è stato un altro gruppo che condivide la stessa Tendenza dell’Eco-Estremismo. Questo lo abbiamo menzionato nel nostro ultimo comunicato per evidenziare che le autorità universitarie hanno censurato gli attacchi.

D’altra parte, l’attacco del 25 Aprile nella Città Universitaria, è stato parte di una coordinazione tra gruppi di ITS in Messico, Cile e Argentina.

Tutto il mese di Aprile lo abbiamo dedicato alla coordinazione degli attacchi, che sono stati:

– il 6 Aprile l”Orda Mistica del Bosco”, ha abbandonato un artefatto incendiario-trovato prima di attivarsi- dentro la Facoltà di Scienza Fisica e Matematica dell’Università del cile a Santiago,e che ha generato gran confusione nella comunità universitaria del paese dei terremoti.

– Il 12 Aprile il gruppo “Uroboro Silvestre”, ha detonato un ordigno esplosivo di fronte all’Università di Ecatepec, nello Stato del Messico, questo a pochi metri dal palazzo municipale ubicato in pieno centro di San Cristobal. In questo caso l’artefatto è esploso con successo, senza per altro conoscerne i dettagli.

– Sempre quel giorno lo stesso gruppo ha abbandonato un artefatto esplosivo di attivazione elettromeccanica nella Comunità Educativa Ispano-americana nel medesimo municipio. L’artefatto è esploso quando una guardia dell’istituzione l’ha alzato, provocandogli ferite. Le autorità educative e i mezzi di comunicazione locali hanno censurato tutto questo, affermando che l’artefatto è esploso producendo solo danni materiali, ma senza fare feriti.

– Il 19 Aprile il “Gruppo Occulto Furia di Lince” ha detonato un artefatto esplosivo “casero” in una delle entrate del Tec del Campus di Monterrey -Città del Messico -Tlalpan, senza per altro conoscerne i dettagli.

– Il 21 Aprile il gruppo “Costellazioni selvagge” ha abbandonato un pacchetto-bomba dentro l’Università Tecnologica Nazionale a Buenos Aires, Argentina, senza che si possano sapere maggiori dettagli dato che le autorità hanno censurato l’Attentato.

– Il 25 Aprile il “Gruppo Occulto Furia di Lince”, ha abbandonato un artefatto esplosivo di attivazione elettromeccanica simile a quello esploso nella Comunità Educativa Ispano-americana in Ecatepec, ma nella Facoltà di Architettura nella Città Universitaria, senza che si possa conoscerne i dettagli.

– Nel medesimo giorno, lo stesso gruppo ha abbandonato un altro artefatto esplosivo con un meccanismo simile all’altro ma nella Facoltà di Ingegneria, specificamente nell’edificio A, senza che si possa conoscerne i dettagli.

Nel settimo comunicato del 9maggio, sono stati rivendicati tutti questi atti, portati a termine dai gruppi sopra menzionati e che hanno aderito alle ITS.

Contro chi avete Attentato?

Gli attacchi del 25 Aprile nella Città Universitaria -in specifico- furono simbolici e materialmente contro l’UNAM e contro qualunque universitario avesse incrociato gli esplosivi abbandonati. È falsa l’informazione data da alcuni mezzi di comunicazione dove affermano che gli attacchi del 25 furono specificamente contro il capo degli “uffici” chimici.

-Quanti obiettivi avete?

Il nostro obiettivo in concreto è la civilizzazione nella sua totalità, le università e imprese che generano schiavi affinché questo sistema continui a crescere, i centri commerciali e le istituzioni che riempiono di spazzatura le menti degli agnellini ciechi diretti al mattatoio ( con questo non ci stiamo ponendo a beneficio delle società, della massa, dato che anch’essa contribuisce alla distruzione della Terra con la sua semplice esistenza). Attacchiamo i simboli della modernità, della religione, della tecnologia e del progresso. Attentiamo direttamente i responsabili di questa macchia urbana che continua a crescere, e che divora gli ambienti silvestri che ancora resistono.

A conti fatti, noi Eco-Estremisti siamo contro il progresso umano, il quale corrompe e degrada tutta il bello che c’è in questo mondo. Siamo contro tutto il progresso che diviene artificiale, meccanico, grigio, triste. Noi non sopportiamo questo, ed è per questo motivo – da alcuni anni- che abbiamo dichiarato guerra alla civilizzazione e il suo schifoso progresso.

 -Non hanno mai arrestato un vostro compagno?

Nel 2011 dopo aver fatto “saltare“ due professori universitari del Tec di Monterrey nel campus di Atizapán, abbiamo affermato che la PGR ed altre istituzioni di sicurezza sono uno Scherzo, e continuiamo a dirlo. Non c’è, né è stato arrestato nessuno dei Nostri fino ad ora..

-Perché ammazzare?

E perché no? È peccato? È un delitto? È il male? Di Sicuro c’è più di un “Sì” in alcune di queste domande. Rispondiamo, per essere chiari, che ammazziamo perché questa è una GUERRA, per questo, perché non riconosciamo nessuna autorità, al di fuori dell’autorità delle nostre divinità pagane relazionate alla natura e contrarie al cattolicesimo e al dio giudaico, divinità personali che ci spingono all’affronto.

Ammazziamo perché non riconosciamo un’altra legge che non siano le leggi naturali, è che disciplinano TUTTO in questo mondo morto. Ammazziamo perché respingiamo qualunque morale imposta, perché non  consideriamo ammazzare né “brutto” né “buono”, bensì una risposta delle nostre individualità a tutta la distruzione che genera il progresso umano.

Dentro la vasta gamma del Terrorismo, ammazzare può essere una strategia, una chiamata, un’avvertenza per quello che magari succederà..

Passando al tema centrale, assassiniamo il capo degli “uffici” chimici dell’UNAM per ricordare loro che possiamo attaccare in qualunque momento chi è dentro l’università, per dimostrare loro che i nostri obiettivi si sono ampliati: Nel 2011 ci eravamo dedicati ad attaccare gli scienziati e i ricercatori. Ora-tutti quelli che integrano la comunità universitaria possono e sono un obiettivo in potenza. Perché? Per il semplice fatto di essere parte della comunità studentesca e progressista, provenienti dallo stesso principio istitutivo.

Abbiamo avvertito nei mesi passati le autorità dell’UNAM, e abbiamo notato che i nostri attacchi continuavano a essere censurati. Ora- che si conformassero alle conseguenze, dato che il risultato è stato -come monito – l’oltraggioso morto dentro la Città Universitaria.
Per noi non cambia nulla, se il morto è stato un lavoratore, lo stesso oltraggio sarebbe accaduto se il morto fosse stato uno studente o un maestro, o al meglio un ricercatore famoso. L’obiettivo- l’UNAM- è stato colpito ancora con un’altra morte nella nostra storia, e le autorità sono rimaste fottute di nuovo.

-Come fanno a comprovare che siete stati voi?

Le prove sono dentro i fatti. Il corpo, aveva adosso i suoi effetti personali, non è stato un furto. Il “morto” è stato localizzato in un luogo, dove non ci sono camere. Questo indica un attacco diretto e non qualcos’altro. Sappiamo già che le autorità capitoline stanno preparando le loro “investigazioni” tanto rozze e mancanti di argomentazione (come sempre), per indicare che non siamo stati noi ad aver agitato,e questo per non allarmare di più la comunità universitaria.

Come scritto nel comunicato, la nostra idea era quella di strappargli il cuoio capelluto come prova, ma non è stato possibile, sarà per la prossima volta.

Te e tutti gli altri, potete pensare quello che volete: che è stato un furto, una vendetta personale da parte di alcuni abitanti del suo quartiere, che è stato accidentale, etc… ma il nostro curriculum non mente, non siamo un gruppo nuovo che esce dal niente, è evidente che con questo omicidio e gli altri attentati, non scherziamo.

-Se non credete in un domani migliore, né siete rivoluzionari. Che cosa chiedete? Qual’è la finalità della vostra lotta?

Non chiediamo niente, non abbiamo esigenze o “petizioni”. Può essere negoziabile la perdita delle nostre radici come umani naturali che resistono all’artificialità della civilizzazione? Chiaramente no, non ci sono negoziazioni né tavoli di dialogo, né niente di niente.

Noi non crediamo nelle rivoluzioni , che si avviano sempre verso la “soluzione dei problemi”, per costruire qualcosa di nuovo e o di “meglio”. Lasciaci dire che l’era delle “rivoluzioni” e dei “rivoluzionari” è finita. Non esiste “rivoluzione” alcuna che possa cambiare il negativo con il positivo, perché oggi tutto è corrotto, perché tutto è in vendita, perché il mondo Ora è diretto non dal potere politico ma da quello economico. Le rivoluzioni sono il “passato” e noi l’abbiamo capito molto bene.

Noi non vogliamo risolvere niente, né proponiamo niente a nessuno, non vogliamo cambiare il mondo, né vogliamo che si unisca a noi la massa. Basta “vedere” attraverso le utopie, basta credere o pensare che ci possa essere un mondo nuovo. Guarda intorno a te, il presente è piagato dagli orrori causati dalla stessa civilizzazione, dall’alienante realtà tecnologica (reti sociali – telefoni), mentre si respira la spessa aria di una sporca città, mentre si guardano le vie strapiene di automobili, si osserva la massa pressata dentro gli autobus, nella metro, e i loro visi annoiati. Il potere economico è per pochi,che vivono nel lusso, hanno in mano soldi e comodità. I mezzi di comunicazione sono venduti al migliore offerente. Quando escono i disaccordi, la tensione si aggrava, arrivano gli assassini e le sparizioni, e quando sembra tutto esplodere, tutto torna normale, o a una normalità alternativa. Per questo motivo abbiamo smesso di credere in un “migliore domani”, perché il presente decadente, è l’unico che abbiamo,e per questo al presente, vediamo solo come il progresso avanza senza freni verso l’abisso civilizzato.

La civilizzazione è putrefatta, si corrode sempre di più ma continua ad avanzare. Per questo pensare di farla collassare con le nostre mani, è un’infantile finalità.

Che sia chiaro,noi non facciamo scommesse sulla caduta della civilizzazione, né abbiamo come finalità la distruzione della stessa.

Dal punto di vista filosofico siamo pessimisti, perché abbiamo visto che tutto il bello, che per noi è la natura, si è perso, è stato distrutto ed è spinto verso l’estinzione.

Eccetto che per noi come individualità,non ci resta che lottare. Siamo prima esseri umani che robot, siamo la Natura Selvaggia che rimane, gli ultimi dell’ultimo. Noi ci consideriamo parte della natura e non i padroni. Gli Eco-Estremisti riscattano le loro radici primitive, con il conflitto, e questo ci identifica come gente di questa terra, figli del mezquite e del coyote. In guerra contro quelli che ci vogliano addomesticare, come lo fecero i nostri antenati più selvaggi non permettendo di essere soggiogati dagli europei al loro arrivo nella Gran Chichimeca

Gli Eco- Estremisti sono animali domestici con i loro istinti ancora vivi. Per molti sicuramente è “incoerenza” affermare che siamo contro di tutto questo, se continuiamo a usare la tecnologia. Rispondiamo che non abbiamo dubbi nell’usarla per ottenere i nostri fini immediati, e questo è un fatto. Non ci importa un cazzo di cadere in presunte “incongruenze”, l’importante è essere considerati per quello che siamo.

Una delle finalità in sé delle ITS e dell’Eco-Estremismo è l’Attacco, per restituire i colpi che la Natura Selvaggia subisce. Siamo specificatamente guidati dai nostri impulsi Egoisti, e disinteressati al ruolo di “rivoluzionari”.

Gli Eco-estremisti sono come le api: seppelliscono il loro pungiglione per ferire il loro rivale (la civilizzazione) andando allo scontro, sapendo di morire nel tentativo. Poiché è chiaro che in questa guerra non usciremo vittoriosi.

Ti sembrerà un discorso da malati mentali o squilibrati, ma vedi, l’Eco-Estremismo Nichilista è una tendenza che è “nata”- in pratica- in Messico, ed è stata presa in maniera propria dagli Individualisti in Cile, Argentina ed Europa. Chiaramente non siamo gli unici matti…

Ci sono magari più domande che risposte, ma questo è tutto.
Ciò che fatto è fatto. (vedere done)

Per l’internazionalizzazione della Mafia-Eco Estremista!
Per la difesa estrema della Natura Selvaggia!

Individualisti Tendenti al Selvaggio-Messico


Mexican Press Interviews ITS

Interview of the In the Morning (Por La Mañana – EPM) Team with the group, “Individualists Tending Toward the Wild” after its taking responsibility for the murder of José Jaime Barrera Moreno, Head of Services in the Department of Chemistry of the UNAM (National Autonomous University of Mexico)

Found on the Facebook page of Ciro Gómez Leyva, a Mexican journalist

July 1st , 2016

EPM: Why kill?

ITS: Why not? Is it a sin? A crime? Is it bad? Someone certainly said, “yes” to one of those questions.
We respond to be clear that we kill because this is WAR. We do not recognize any other authority but the authority of our pagan deities tied to nature and who against Catholicism and the Judeo-Christian god. These gods push us toward confrontation.
We kill because we do not recognize any other law but the natural laws that govern the whole of this dead world. We kill because we reject all morality that they seek to impose on us. We kill because we consider it neither “good” nor evil” but rather it is a response from our individuality to all of the destruction that human progress generates. Within the specter of terrorism, killing can be a strategy, a call, or a warning for what will follow…

Getting to the main point, we killed the head of Chemical Services of the UNAM to remind people that we can attack anyone at anytime within this university. It is to show that our objectives have widened since 2011. At that time, we targeted the scientists and investigators. Today the entire university community can be and are the target. Why? For the mere reason that they form part of the student community of this institution of higher education devoted to progress.

We warned the UNAM authorities in past months that if our actions continued to be silenced, there would be consequences. The result was this scandalous death within the University City that serves as a lesson. It doesn’t matter to us that it was just a worker. It would have been the same to us if it had been a student, or a teacher, or best case scenario, a renowned scientist. The real target, the UNAM, was struck again, the authorities are demoralized by it, and we have another death to our name.

EPM: How can you prove that this was done by your group?

ITS: The proof is in the facts of the case. There was nothing missing off of his person. It wasn’t a robbery. The body was found in a place where there were no cameras. This indicates a direct assault and that’s it. We know that the Mexico City police is already preparing its incompetent and idiotic “investigation” (like always) to indicate that it wasn’t us in order to not cause alarm among the university community.

We thought of scalping him as proof but that wasn’t possible at the time. As we wrote in our communiqué, that’ll be for next time. You and everyone else can’t think what you like, that it was a common mugging, a personal vendetta by people from his neighborhood, that it was a mistake, etc. But our record doesn’t lie. This isn’t our first time doing this, we have a reputation. We have demonstrated with this and other actions that we aren’t playing around.

EPM: How many targets do you have?

ITS: Our concrete target is all of civilization, the universities and companies that train slaves so that this system keeps growing, as well as malls and institutions that fill minds with garbage and make sheep that go directly to the slaughter. (By that statement we aren’t supporting “mass society,” which by its very existence threatens the Earth with destruction.) We attack the symbols of modernity, religion, technology, and progress. We attack directly those who are responsible for the spread of the urban stain that swallows up the last surviving wild places.

In summary, we, the eco-extremists, are against human progress that corrupts and degrades all that is beautiful in this world: that progress that makes everything artificial, mechanical, gray, and sad. We don’t tolerate it, so we have been at war with this civilization and disgusting progress for some years now.

EPM: They’ve never arrested anyone from your group?

ITS: In 2011, after blowing up two investigators from the Tec of Monterrey Atizapán Campus, we said that the PGR (The Office of the Attorney General) and the other security institutions were a JOKE, and we’ll keep saying it. Up until now, no one from our group has ever been arrested.

EPM: To what are you referring when you mention the attacks of April 25th and 8th?

ITS: We have to clarify here that ITS was NOT responsible for the attack on April 8th at the University City. This was the work of another eco-extremist group from our tendency, and we mentioned it in our last communiqué to show that the university authorities silenced these attacks. On the other hand, the April 25th attack was part of a coordinated operation of ITS groups in Mexico, Chile, and Argentina, namely:

-April 6th: The “Mystical Horde of the Forest” abandoned an explosive device in the Department of Physical Sciences and Mathematics at the University of Chile in Santiago, although they found the device before it exploded. This generated a great deal of commotion among the university community in the country of earthquakes.

-April 12th: The group, “Ouroboros Silvestre” detonated an explosive in front of the University of Ecatepec in Mexico State, only a few meters from the Municipal Palace in downtown San Cristóbal. The device exploded but no further details are known.
The same day the same group abandoned a timed explosive device in the Comunidad Educativa Hispanoamericana in the same municipality. The device exploded and wounded one of the security guards at the institution when he picked it up. This act was silenced by the media and the authorities of the municipality, who stated that the device exploded without any causalities and only resulted in material damages.

-April 19th: The Group “Fury of the Lynx” detonated a homemade explosive device at one of the entrances of the Tec de Monterrey Mexico City Campus in Tlalpan, without more details being known.

-April 21st: The Group, “Wild Constellations” abandoned a package bomb within the National Technological University in Buenos Aires, Argentina. No further details are known due to the silencing of the action by the authorities.

-April 25th: The “Hidden Fury of the Lynx” group abandoned a timed explosive device also at the Comunidad Educativa Hispanoamericana in Ecatepec, but this time in the Architecture Department, which detonated but no further details are known.
The same day, the same group abandoned an explosive device of similar mak in the Engineering Department, specifically in A Building, but further details are not known. All of these attacks were carried out by groups affiliated with ITS and responsibility was taken for them in our seventh communiqué.

EPM: Who were you attacking?

The April 25th attacks in the University City in particular were symbolically and materially against the UNAM and any person in that university who happened to be in the vicinity when the explosives detonated. It’s false what the media is reporting, namely, that the April 25th attacks were against the Chief of Chemical Services in particular. That’s a lie.

EPM: If you don’t believe in a better tomorrow, and are not revolutionaries, what are you asking for? What is the goal of your struggle?

We’re not asking for anything. We don’t have demands and we aren’t petitioning for anything. Can we negotiate concerning the loss of our natural human roots that resists the artificiality of civilization? Of course not. There’s no negotiation here or roundtable talks, none of that. We don’t believe in revolutions because these are always directed to “solving problems, to constructing something “newer and better”. Let’s just say that the era of “revolutions” and “revolutionaries” is over. There is no “revolution” that can change a negative thing into a positive one since all today is corrupted. Everything’s for sale, because what drives the world today is not political but economic power. Revolutions are a thing of the past, and we’ve understood this quite well. We don’t want to solve any problems here, we aren’t proposing anything to anyone. We aren’t trying to change the world, and we don’t want the masses to join us. Enough with the bargain basement utopias! Enough with the thinking that we can have a better world! Look around you, we are surrounded by the horrors created by this civilization, by an alienating technological reality (social media, telephones). We breathe the thick air of this dirty city. The roads full of cars; see the masses pressed up against each other on buses and on the metro. You can see on their faces that they’ve had it up to here with more of the same. Economic power is had by the few; they live in luxury and are surrounded by money and comfort. The media is sold to the highest bidder. If people protest, they are disappeared and killed. Social tensions heighten, and when it seems like things are finally going to explode, it all returns to normal, or another kind of “normal” at the most. That’s why we’ve stopped believing in a better tomorrow, because the decadent present is all we have, and in the present, all that we see is progress without brakes leading us over the civilized cliff.

Civilization is rotten and it keeps corroding but advancing at the same time. We would love it if we could make it collapse with our own hands, but that would be another childish desire. We’re not betting on the collapse of civilization, nor is its destruction one of our goals. Let that be clear.

On the philosophical front we are pessimists since we have seen all that is beautiful to us, namely nature, be lost, and it is being pushed closer to extinction. There’s nothing for us to fight for, except for our own individualities. We continue to be human and not robots. We are the Wild Nature that is left, the last of the last. We continue to consider ourselves part of nature and not its owner. We eco-extremists are rescuing our primitive roots. Among these is confrontation, the struggle that has identified us as the people of this land, sons of the mesquite and the coyote. We are at war with those who seek to domesticate us, just as our wildest ancestors were, who did not allow themselves to be subjugated by the Europeans who invaded the Gran Chichimeca.

Eco-extremists are domesticated animals who still retain their instincts. For most this will surely be “incoherent” as we say all this yet still use technology. We state that we don’t hesitate to use it to achieve our immediate goals. This is a fact, it doesn’t matter to us one bit if we fall into “inconsistencies” here. We don’t care what anyone thinks, really. One of ITS and eco-extremism’s goals is attack, it’s to return the blows that Wild Nature has received without fashioning ourselves as “revolutionaries”. We do this disinterestedly guided by our egoist impulses. Eco-extremists are like the bees that sting leaving the stinger in the victim, knowing that they will die in the process. In this case, the victim is civilization, and we know that we aren’t going to come out of this war victorious.

This will seem to you like we are “mentally disturbed or unbalanced”, but look, nihilist eco-extremism is a tendency that was practically born in Mexico. It has since been taken up by individualists in Chile, Argentina, and Europe. So we’re not the only crazy ones here at least.

Perhaps this leaves more questions than answers at this point, but one thing is clear: what’s done is done.

For the internationalization of the Eco-extremist Mafia! For the extreme defense of Wild Nature! Death to the hyper-civilized!

-Individualists Tending Toward the Wild – Mexico

(es-it-en-pt-tü-ch) REIVINDICACIÓN DEL ASESINATO DE TRABAJADOR DE LA UNAM: DECIMO COMUNICADO DE INDIVIDUALISTAS TENDIENDO A LO SALVAJE

Comunicado publicado el 29 de junio 2016.

Imagenes acá: https://mega.nz/#!pk8UlTpB!tVANbcThPxekw_ElOsBRVMv0HNKILwINsYOzjiQK2Ig

Comunicado de ITS-México haciéndose responsable del asesinato de un trabajador de la UNAM ocurrido ayer por la noche.

Fotos aca:

https://mega.nz/#!pk8UlTpB!tVANbcThPxekw_ElOsBRVMv0HNKILwINsYOzjiQK2Ig

¡Muerte a los hiper-civilizados!

¡Complicidad con la Mafia Eco-extremista/Nihilista!


Anduvimos de caza, la noche de ayer nos convertimos en lobos, nuestra sed de sangre se sació por unos momentos, mientras los demonios de nuestros antepasados se apoderaban de nuestras mentes y de nuestros cuerpos.

Merodeamos Ciudad Universitaria, una de las cunas del progreso humano, lugar donde se forjan las engreídas  mentes profesionales que se han propuesto la vil finalidad de construir un “mejor mañana”, ese “mejor mañana” que está manchado por la destrucción de la Tierra, por la desaparición de los instintos del individuo y por la domesticación de especies.

Nosotros NO creemos en un “mejor mañana”, no somos “revolucionarios” ni nos identificamos con sus ideologías recicladas, somos individualistas-terroristas con objetivos egóicos, políticamente incorrectos, amorales e indiscriminados.

Ciudad Universitaria, lugar en donde últimamente el “Grupo Oculto Furia de Lince” de ITS, y el grupo “Guerra Eco-extremista Guamera” habían atentado, (el 25 y el 8 de Abril de este año respectivamente),  y que las autoridades acallaron sus ataques. Ahora no van a poder acallar esto…

Apuñalamos ayer al jefe de servicios químicos de la Facultad de Química de UNAM,  nuestro cuchillo perforó su carne, músculos y venas, desangrándolo y dejándolo sin vida. Es una pena que no le pudiéramos arrancar el cuero cabelludo como victoria (así como lo hacían nuestros antepasados en guerra), será para el siguiente…

Ya lo habíamos dicho en nuestro primer comunicado en enero de este año, “los heridos y muertos que causemos serán una ofrenda de sangre para la Naturaleza Salvaje”, y no bromeábamos. Ejecutamos a este hombre para demostrar que NO sentimos respeto por la vida de los híper-civilizados universitarios ni de ningún otro, que DESPRESIAMOS sus rutinas, sus normas y su moral, que RECHAZAMOS la igualdad, el progreso humano, la tolerancia, la ciencia, el colectivismo, el cristianismo, el pacifismo, la modernidad y demás cagadas que huelan a domesticación civilizada.

Nadie, ninguna persona dentro de esta pútrida civilización merece consideración, y menos los apestosos progresistas y humanistas que se esconden en las facultades de esta universidad y de otras.

Esta civilización con sus valores y principios que pasan por encima del individuo, con sus trabajos y sus estudios, con sus leyes y sus creencias religiosas, con sus monótonas reglas y su hipocresía, nos ha querido arrancar nuestros instintos más salvajes (en este caso, haciendo que el asesinato sea catalogado como “malo”, siendo este, una consecuencia de una guerra sin moral), pero no lo han logrado y la prueba está en el “homicidio doloso” que hemos ejecutado sin problema alguno.

A cuidarse mejor, estudiantes, docentes, investigadores de la UNAM y otras universidades, que no dudaremos en atacar mortalmente de nuevo…

Continuando con el “Funeral Nihilista” comenzado por “Individualidades tendiendo a lo salvaje” (Its) en 2011, cuando asesinaron de un balazo al biotecnólogo Ernesto Méndez Salinas en Cuernavaca, continuando con la aniquilación de la vida perpetrada por el “Grupúsculo Indiscriminado” en Marzo de este año cuando asesinaron a un estudiante de informática del IPN en Iztacalco.

Que el Eco-extremismo y el Terrorismo Nihilista sigan creciendo en México, Chile, Argentina, Italia y otros lugares.

¡Con la Naturaleza Salvaje de nuestro lado!

Individualistas Tendiendo a lo Salvaje-Ciudad de México

-Mafia Eco-extremista/Nihilista


(MESSICO) DECIMO COMUNICATO DEGLI INDIVIDUALISTI TENDENTI AL SELVAGGIO-MAFIA ECO-ESTREMISTA/NICHILISTA: RIVENDICAZIONE DELL’ASSASSINIO DI UN LAVORATORE DELL’UNAM

Avanziamo, per cacciare. Ieri notte ci siamo trasformati in lupi, la nostra sete di sangue si è saziata per alcuni momenti, mentre i demoni dei nostri antenati si impadronivano delle nostre menti e dei nostri corpi.

Ci aggiriamo furtivamente nella Città Universitaria, una delle culle del progresso umano, un posto, dove le presuntuose menti professionali propongono la vile finalità di costruire un “domani migliore”, quel “migliore domani” che minaccia la distruzione della Terra, la scomparsa degli istinti dell’individuo e l’addomesticamento delle specie.

Noi NON crediamo in un “domani migliore”, non siamo “rivoluzionari” né ci identifichiamo con queste ideologie riciclate, siamo Individualisti-Terroristi con Obiettivo Egoici, politicamente Scorretti, Amorali e Indiscriminati.

Il “Gruppo Occulto Furia di Lince” delle ITS, e il gruppo “Guerra Eco-Estremista Guamera”avevano già Attentato, (il 25 e l’8 di Aprile di quest’anno rispettivamente), nella Città Universitaria. Le autorità avevano nascosto questi attacchi. Ora non possono nascondere questo…

Ieri abbiamo pugnalato il capo dei servizi della Facoltà di Chimica dell’UNAM, il nostro coltello ha perforato la sua carne, i muscoli e le vene, dissanguandolo e lasciandolo senza vita. È per noi un dispiacere non aver potuto strappargli il cuoio capelluto come vittoria, come lo facevano i nostri antenati in guerra, sarà per la prossima volta..

L’avevamo già affermato, e non scherzavamo, nel nostro primo comunicato nel gennaio di quest’anno “i feriti e morti che causiamo sono un’offerta di sangue per la Natura Selvaggia”. Abbiamo ammazzato quest’uomo per dimostrare che non abbiamo rispetto per la vita degli iper-civilizzati universitari né di nessun altro, e DISPREZZIAMO la loro routine, le norme e la loro morale, RESPINGIAMO l’uguaglianza, il progresso umano, la tolleranza, la scienza, il collettivismo, il cristianesimo, il pacifismo, la modernità e altre cagate che odorano di addomesticamento civilizzato.

Nessuno e nessuna persona dentro questa putrida civiltà merita considerazione, e meno i pestilenziali progressisti e umanisti che si nascondono nelle facoltà in questa e altre università.

La civilizzazione con i suoi valori e principi passa sopra l’individuo, con i lavori e i suoi studi, con le leggi e le credenze religiose, con le sue monotone regole e l’ipocrisia, volendoci strappare ai nostri istinti più selvaggi (in questo caso, facendo percepire che l’assassinio è catalogato come “brutto”, poiché questa è la conseguenza di una guerra senza morale), ma non ci riescono e la prova sta nell’”omicidio delittuoso” che abbiamo eseguito senza problema alcuno.

Riguardatevi, lo diciamo a voi, studenti, docenti, investigatori dell’UNAM e delle altre università. Non abbiamo nessun problema nell’attentare mortalmente di nuovo.

Il “Funerale Nichilista” avanza. Nato dalle “Individualità tendendo al selvaggio” (Its) che nel 2011 assassinarono con un colpo al cervello il biotecnologo Ernesto Méndez Salinas a Cuernavaca, e che è proseguito con l’annichilimento e l’assassinio di uno studente di Informatica dell’IPN in Iztacalco, perpetrato dal “Grupúsculo Indiscriminato”, nel Marzo di quest’anno.

Che l’Eco-Estremismo e il Terrorismo Nichilista avanzi nel crescere in Messico, Cile, Argentina, Italia e altri posti.

Con la Natura Selvaggia al nostro fianco!

Individualisti Tendenti al Selvaggio- Città del Messico

-Mafia Eco-Estremista/Nichilista


(MEXICO) ACCEPTING RESPONSIBILITY FOR THE ASSASSINATION OF AN UNAM WORKER: TENTH COMMUNIQUÉ OF THE INDIVIDUALISTS TENDING TOWARD THE WILD

We were on the hunt, and last night we turned into wolves. Our thirst for blood was satisfied for a moment, while the demons of our ancestors took possession of our minds and bodies.

We lurked about the University City, one of the cradles of human progress. This is a place that forms smug professional minds who are devoted to the disgusting purpose of “building a better tomorrow.” This “better tomorrow” is stained by the destruction of the Earth, by the destruction of the instincts of the individual and by the domestication of the species.

We don’t believe in a “better tomorrow”. We aren’t “revolutionaries” nor do we identify with their recycled ideologies. We are individualist-terrorists with egoist purpose. We are politically incorrect, immoral, and indiscriminate.

The University City is the place where most recently the “Fury of the Lynx Clandestine Group” and the “Guamera Eco-Extremist Group” have attacked (April 25th and April 8th, respectively). The authorities silenced these attacks and pretended they didn’t happen. Well, you’re not going to be able to keep this one quiet.

Yesterday we stabbed the Chief of Chemical Services in the Department of Chemistry at the UNAM. Our knife pierced his flesh, his muscles, and veins, bleeding him and leaving him for dead. It’s a pity we couldn’t scalp him (as was the practice of our ancestors in war), but that’ll be for next time…

6cuph01_32878899

We already said in our first communiqué in January of this year that, “the wounded and dead that we inflict will be as a blood offering to Wild Nature,” and we weren’t joking. We executed this man to show that we don’t have any respect for the lives of the hyper-civilized of the university or anywhere else. We despise their routines, their norms and morality. We reject equality, human progress, tolerance, science, collectivism, Christianity, pacifism, modernity, and all of the other shit that reeks of civilized domestication.

No one within this putrid civilization deserves any consideration, least of all the disgusting progressivists and humanists who hide behind the walls of this and other universities.

This civilization wants to eliminate our most wild instincts to impose on us its values that run roughshod over the individual; its work and study; its law and religious beliefs; and its monotonous rules and hypocrisy. In this case, it wants us to consider this murder “evil”, even though it is a result of a war without morality. But they haven’t succeeded, and the proof is in this “painful homicide” that we were able to pull off without a hitch.

Be more careful, students, instructors, and researchers of the UNAM and other universities, since we won’t hesitate to mortally attack again.In continuity with the “Nihilist Funeral” started by the Individualities Tending Toward the Wild (ITS) in 2011, when they shot dead the biotechnologist Ernesto Mendez Salinas in Cuernavaca; and in continuity with the annihilation of the life of a computer science student of the IPN carried out by the Indiscriminate Faction in Iztacalco in March of this year.

May Eco-extremism and Terrorist Nihilism increase in Mexico, Chile, Argentina, Italy, and other places.

With Wild Nature on our side!

Individualists Tending Toward the Wild – Mexico City

Eco-Extremist / Nihilist Mafia


(México) Reivindicação do Assassinato de um Trabalhador da UNAM: Décimo Comunicado de Individualistas Tendendo ao Selvagem (ITS)

Andamos à caça, na noite de ontem nos convertemos em lobos, nossa sede de sangue se saciou por uns momentos, enquanto os demônios de nossos antepassados se apoderavam de nossas mentes e nossos corpos.

Perambulamos pela Cidade Universitária, um dos berços do progresso humano, lugar onde se forjam as presunçosas mentes profissionais que propuseram a desprezível finalidade de construir um “amanhã melhor”, esse “amanhã melhor” que está manchado pela destruição da Terra, pela desaparição dos instintos do indivíduo e pela domesticação das espécies.

Nós NÃO acreditamos em um “amanhã melhor”, não somos “revolucionários” nem nos identificamos com suas ideologias recicladas, somos individualistas terroristas com objetivos egoicos, politicamente incorretos, amorais e indiscriminados.

Cidade Universitária, lugar onde ultimamente o “Grupo Oculto Fúria de Lince” do ITS, e o grupo “Guerra Eco-extremista Guamera” haviam atentado, (em 25 e 8 de abril deste ano respectivamente), e que as autoridades silenciaram seus ataques. Agora não serão capazes de silenciar isto…

Apunhalamos ontem o chefe de serviços químicos da Faculdade de Química da UNAM, nossa faca perfurou sua carne, músculos e veias, fazendo ele sangrar até a morte e o deixando sem vida. É uma pena que não pudemos arrancar o coro cabeludo como vitória (assim como faziam nossos antepassados em guerra), fica para a próxima…

Já havíamos dito em nosso primeiro comunicado em janeiro deste ano, “os feridos e mortos que causaremos serão uma oferenda de sangue para a Natureza Selvagem”, e não estamos de brincadeira. Executamos este homem para demonstrar que NÃO sentimos respeito pela vida dos hiper-civilizados universitários nem de nenhum outro, que DESPREZAMOS suas rotinas, suas normas e sua moral, que RECHAÇAMOS a igualdade, o progresso humano, a tolerância, a ciência, o coletivismo, o cristianismo, o pacifismo, a modernidade e outros dejetos que cheiram à domesticação civilizada.

Ninguém, nenhuma pessoa dentro desta pútrida civilização merece consideração, e muito menos os fedidos progressistas e humanistas que se escondem nas faculdades desta universidade e de outras.

Esta civilização com seus valores e princípios que passam por cima do indivíduo, com seus trabalhos e seus estudos, com suas leis e suas crenças religiosas, com suas monótonas regras e sua hipocrisia, quer arrancar nossos instintos mais selvagens (neste caso, fazendo com que o assassinato seja marcado como “mau”, sendo este, uma consequência de uma guerra sem moral), mas fracassaram e a prova está no “homicídio doloso” que cometemos sem problema algum.

Tenham mais cuidado estudantes, docentes, investigadores da UNAM e outras universidades, que não exitaremos em atacar mortalmente de novo…

Continuando com o “Funeral Niilista” começado por “Individualidades Tendendo ao Selvagem” (its) em 2011, quando assassinaram com um tiro o biotecnólogo Ernesto Méndez Salinas em Cuernavaca, continuando com a aniquilação da vida perpetrada pelo “Grupúsculo Indiscriminado” em Março deste ano quando assassinaram a um estudante de informática do IPN em Iztacalco.

Que o Eco-extremismo e o Terrorismo Niilista sigam crescendo no México, Chile, Argentina, Itália e outros lugares.

Com a Natureza Selvagem do nosso lado!

 Individualistas Tendendo ao Selvagem – Cidade do México

– Máfia Eco-extremista/Niilista


Meksika: Bir UNAM Çalışanı Suikastinin Sorumululuğunun Üstlenilmesi: Yabana Meyleden Bireyciler’in Onuncu Bildirisi

Biz avdaydık, ve dün gece kurda dönüştük. Atalarımızın şeytani zihinleri ve bedenlerinin sahipliğini alarak, kan için susuzluğumuz bir an için memnun oldu.

Biz insanlığın ilerlemesinin beşiği olan, Üniversite Şehri etrafında pusudaydık.  Bu “daha iyi bir yarın inşa” amacıyla adamış olan kendini beğenmiş profesyonel zihinleri oluşturan bir yerdir. Bu “daha iyi bir yarın” bireyin içgüdülerinin yıkımından ve türlerin evcilleştirilmesinden, Yeryüzünün yıkımına dek lekelidir.

Biz “daha iyi bir yarına” inanmıyoruz. Biz ne “devrimciler”‘iz ne de onların geri dönüşümlü ideolojilerini tespit edeceğiz. Biz egoist amaç ile bireyci-teröristiz. Biz politika olarak yanlış, ahlaksız ve gelişigüzeliz.

Üniversite Şehri en son “Vaşak Gizli’nin Öfkesi Grubu” ve  “Guamera Eko-Aşırı Grubu”nun saldırdığı yerdir. Yetkililer bu saldırıları susturdu ve olmamış gibi davrandı.  Eh, bu sessizliği devam ettirecek değiliz.

Dün UNAM Kimya Anabilim Dalı Kimya Hizmetleri Şefini bıçakladık. Bıçağımız onun vücudunu, kaslarını ve damarlarını parçalar, kanlar içinde ve ölü bırakır. Onun kafa derisini(savaşta atalarımızın uyguladığı gibi) yüzmememiz üzücü, fakat bir dahaki sefere olacak…

Zaten “Vahşi Doğaya bir kan adağı olarak sunacağımız yaralama ve ölüyü”, ve şaka yapmadığımızı, bu yılın Ocak ayındaki ilk bildiride söyledik. Üniversite ya da başka bir yerin aşırı-uygar yaşamlarında herhangi bir saygının olmadığını göstermek için bu adamı infaz ettik. Onların rutinlerini, normlarını ve ahlaklarını küçümsüyoruz. Biz eşitliği, insan ilermesini, hoşgörüyü, bilimi, kolektivizmi, dini, pasifizmi, moderni ve uygar evcilleşmenin kokan diğer tüm pisliklerini reddederiz.

Bu kokuşmuş medeniyet içindeki kimse bu ve diğer üniversite duvarları arkasına gizlenen tüm iğrenç ilericiler ve humanistler en azından, hiçbir saygıyı hak etmiyor.

Bu uygarlık bizi birey üzerinde; onların çalışma ve eğitim; hukuk ve dini inançlar; ve monoton kuralları ve ikiyüzlülüğünü kayarlı çalışan kendi değerlerini empoze etmek için en vahşi içgüdülerimizi ortadan kaldırmak istiyor. Bu durumda, ahlak olmaksızın bir savaşın sonucu olmasına rağmen, bu cinayeti “kötü” kabul etmemizi istiyor. Fakat başarılı olamadık, ve kanıt biz sorunsuzca geri çekilmeyi başararak “acı cinayet” oldu.

Öğrenciler, öğretim elemanları ve UNAM ve diğer üniversitelerin araçtırma görevlileri daha dikkatli olun, çünkü biz ölümcül bir saldırı için bir an bile tereddüt etmeyeceğiz. Cuernavaca’da biyoteknolojik Ernesto Mendez Salinas’ı vurmasından, 2011’de Yabana Meyleden Bireyler(ITS) tarafından başlatılan “Nihilist Cenaze” ile süreklilik; ve bu yılın Mart ayında Iztacalco’nun Gelişigüzel Fraksiyon tarafından yürütülen IPN’nin bir bilgisayar öğrencisinin yaşamını yok etme ile devamlılık içinde.

Eko-aşırılık ve terörist nihilizm Meksika, Şili, Arjantin, İtalya ve diğer yerlerde büyümeye devam ediyor. 

Vahşi Doğa ile bizim tarafımızda!

Yabana Meyleden Bireyciler – Meksika Şehri

-Eko-Aşırı / Nihilist Mafya


ZODPOVĚDNOST ZA POPRAVU ZAMĚSTNANCE UNAM/DESÁTÉ KOMUNIKÉ INDIVIDUALISTŮ INKLINUJÍCÍCH K DIVOKOSTI (ITS)

Byli jsme na lovu,minulou noc jsme se proměnili ve vlky. Naše žízeň po krvi byla na okamžik ukojena, zatímco démoni našich předků obsadili naše duše a těla.

Číhali jsme kolem Univerzitního Města, jednoho z kolébek lidského pokroku. Místo, které tvoří samolibé profesionální mínění a které se věnuje nechutnému účelu “budování lepších zítřků.” Tyto “lepší zítřky” jsou potřísněny zničením Země, zničením instinktů jednotlivce a domestikací druhů.

Nevěříme v “lepší zítřky”. Nejsme “revolucionáři” ani se neztotožňujeme s jejich recyklovanými ideologiemi. Jsme individualističtí teroristé s egoistickými záměry. Politicky nekorektní, amorální, a bezohlední.

Univerzitní Město je místo, které v poslední době napadli “Utajená Grupa Běsnícího Rysa” a “Guamera Eko-Extremistická Grupa”(25 dubna a 8. dubna v uvedeném pořadí). Orgány umlčeli tyto útoky a předstírali, že se nic nestalo. No,tohle nebudete schopni umlčet.

Včera jsme pobodali Vedoucího Chemické Služby na Katedře Chemie UNAM. Náš nůž probodl jeho tělo, jeho svaly a žíly a krvácejícího ho nechal zemřít. Je škoda, že jsme ho nemohli skalpovat (jak tomu bylo ve válečné praxi našich předků), ale to nechme pro příště…

Jak už jsme řekli v našem prvním komuniké v lednu tohoto roku, že “postižení zraněním nebo mrtví poslouží jako krvavá oběť Divoké Přírody” nedělali jsme si srandu. Popravením tohoto muže jsme ukázali že nemáme žádnou úctu k životům na hyper-civilizované univerzitě nebo kdekoli jinde. Pohrdáme jejich rutinou,normami a morálku. Odmítáme rovnost, lidský pokrok, toleranci, vědu, kolektivismus, křesťanství, pacifismus, modernost a všechny ostatní sračky, které zavání civilizovanou domestikací.

Nikdo v této prohnilé civilizaci si nezaslouží žádný ohled,nejméně všichni odporní progresivisté a humanisté, kteří se skrývají za zdmi této i jiné z vysokých škol.

Tato civilizace chce zcela odstranit naše divoké instinkty a vnutit nám své hodnoty, které svojí tyranií staví nad jednotlivce,svou práci a studium, své zákony a náboženské přesvědčení a svá monotónní pravidla a pokrytectví. V tomto případě chce abychom tuto vraždu vnímali jako “zlo”, přestože je to výsledek války bez morálky. Ale bez úspěchu,důkazem je toto “bolestivé zabití”, které jsme byli schopni bez problémů provést.

Buďte více opatrní, studenti, učitelé a vědci z UNAM a jiných vysokých škol, protože nebudeme váhat smrtelně zaútočit znovu. V souvislosti s “Nihilistickým Pohřbem” započatým ze strany Individualistů Inklinujících k Divokosti (ITS) v roce 2011, kdy byl zastřelen biotechnolog Ernesto Mendez Salinas ve městě Cuernavaca a v návaznosti na ukončení života studenta počítačové vědy IPN Bezohlednou Frakcí v Iztacalco v březnu tohoto roku.

Nechť Eko-extremismus a Teroristický Nihilismus vzrůstá v Mexiku, Chile, Argentině, Itálii, a ostatních místech.

S Divokou Přírodou na naší straně!

Individualisté Inklinující k Divokosti – Mexiko

Eko-Extremistická / Nihilistická Mafie

Anhangá quem fala com DPR.

(es-en-it) Noveno comunicado de Individualistas Tendiendo a lo Salvaje-Chile

Comunicado publicado el 22 de junio 2016.

Imagenes acá:

https://mega.nz/#!pk8UlTpB!tVANbcThPxekw_ElOsBRVMv0HNKILwINsYOzjiQK2Ig

Comunicado del grupo “Sureños Incivilizados”, grupo de ITS en Chile reivindicando incendio que afectó el Mall Vivo del Cento de Santiago el 24 de mayo pasado, acto que llamó la atención de la prensa:

http://www.t13.cl/noticia/nacional/bomberos-trabaja-incendio-mall-del-centro

Fotos aca:

https://mega.nz/#!pk8UlTpB!tVANbcThPxekw_ElOsBRVMv0HNKILwINsYOzjiQK2Ig

¡Por la conspiración internacional contra la civilización!

¡Adelante con la guerra grupos eco-extremistas y terroristas nihilistas!


La masa hiper-civilizada junto a sus estructuras de vida social se merecen el fuego y los explosivos. No estamos ni a un paso con el clasismo hediondo y  escupimos en las precauciones humanistas de algunos para con la ciudadanía. Esa misma que no dudará un instante en hacerle la pega a la policía (véase las “detenciones ciudadanas”), por supuesto recibirán nuestro Fuego incivilizado.

Somos individuos desideologizados, por ende  orinamos en todas las ideologías. Nuestras motivaciones para el ataque son los Ríos, los Volcanes, el Océano, los Bosques, el Puma, la Loica y todo lo Salvaje.

Hemos como grupúsculo, constatado en los hechos que con mínimos recursos es posible el atentar contra la civilización. Llevando a ella el Caos, la desestabilización y porque no, el Terror.

Despreciamos la vida civilizada, sus ritos y procesos, sus valores y su progreso, por consecuente sus lugares de “esparcimiento” son y serán un blanco para los Eco-extremistas. Los centros comerciales, cines, clubes, restaurantes, etc., son la civilización misma por eso son objetivo.

Es por eso y mucho mas, que atentamos y nos hacemos completamente responsables del incendio que afectó a los patios de comida y la azotea del Mall del centro en plena capital, el pasado 24 de mayo. Para todos hasta ahora el siniestro era un accidente mas, ¡PUES YA NO!

Sepan que se trató de un  incendio intencional, Egoísta y Salvaje. Con  estas palabras declaramos que los autores de este atentado fuimos nosotros, Individualistas Tendiendo a lo Salvaje (ITS). Los que una vez mas nos desenvolvimos a gusto por su asquerosa cuidad, al acecho como el Puma Patagónico.

La mochila esconde el material, rodeados de ciudadanos descendemos de la micro para plantar paso firme hacia el lugar elegido, es en estos instantes cuando tu corazón le dice a tu mente que no hay vuelta atrás, sin dudar por un instante del camino escogido. En cada paso vamos con los espíritus de los aborígenes del pasado, con las estrellas y el viento. Llegamos y solo resta dirigirse al lugar acordado, nuestro “disfraz” nos da la capacidad de llegar donde otros no pueden, con el corazón a mil y las manos temblorosas nos disponemos a abandonar la carga incendiaria escondida experimentalmente dentro de una caja de leche. La huida es el doble de tensa, pero una vez afuera reímos de placer (y no en silencio), nos miran con caras de, ¿y estos qué? Y desaparecemos……….

Escondidos y lejos, hoy a casi un mes ¡es el momento nuestro!

Por las heladas tierras Sureñas todavía quedamos unos cuantos que nos resistimos a todo lo artificial. Resistencia que no es pasiva, sino violenta y Salvaje. Resistencia que no teme a las consecuencias de los actos, dando cara al tecno-sistema. Nuestro Fuego-Terror proviene desde nuestros más primitivos instintos, esos que la artificialidad no ha podido erradicar de nosotros.

¡Saludos cómplices a todos los ITS en el Norte, a los eco-extremistas de todos lados, a la Secta italiana y a la Horda Mística del Bosque!

¡Sepan que acá andamos en guerra!

Individualistas Tendiendo a lo Salvaje-Chile

-Sureños incivilizados


(CHILE) NINTH COMMUNIQUÉ OF THE INDIVIDUALISTS TENDING TOWARD THE WILD

The hyper-civilized along with their structures of social life deserve fire and explosives. We are not sympathetic at all with disgusting “class struggle” and we spit on humanist precautions of some for the common citizenry. Those masses would not hesitate to snitch to the police (refer to the “citizen’s arrest”), so that’s why they will only get Uncivilized Fire.

We are un-ideological individuals. We thus piss on all ideologies. Our motivations for attack are the Rivers, Volcanoes, the Ocean, the Forests, the Puma, the Meadowlark, and all that is Wild.

We have shown as a faction that attack against civilization is possible with minimum resources. We have brought to it Chaos, destabilization, and why not, Terror.

We detest civilized life, its rights and processes, its values and progress. Thus, its recreational areas are and will be targets for eco-extremists. Malls, movie theaters, clubs, restaurants, etc. are civilization itself and thus are targets.

It’s for that reason and many more that we attacked and take responsibility for the fire in the food court and rooftop of the Mall in the center of the capital this past May 24th. For all until now the act was an accident. Well, not anymore!

Let it be known that this was arson, an Egoist and Savage Fire. With these words we, the Individualists Tending Toward the Wild, declare that we were the authors of this attack; we who again lurked about your disgusting city like a content Patagonian Puma.

The backpack hid the material and, surrounded by citizens, we got off the bus and headed to the chosen spot. In those moments, your heart tells your mind that there’s no turning back, that you have no doubts on this chosen path. With each step we walked with the spirits of the native peoples of the past, with the stars and the wind. We got there and it was only a matter of getting to the agreed upon place. Our “disguise” gave us the capability of getting into places where others can’t. With our hearts racing and our hands trembling we abandoned our explosive device hidden experimentally within a carton of milk. The escape was doubly tense, but once outside we laughed with pleasure (and not silently). People looked at us like, “What’s wrong with these guys?” And we disappeared….

In hiding and far away, today almost a month later, this is our moment!

In the frozen Southern lands, we remain among those who resist all that is artificial. This resistance is not passive, but violent and Wild. It does not fear the consequences of these acts, facing off against the techno-system. Our Fiery Terror comes from our most primitive instincts, those which artificiality has not been able to eradicate within us.

Accomplice greetings to ITS in the North, to eco-extremists everywhere, to the Italian Sect and the Mystical Horde of the Forest!

Let it be known that there is War in the South!

Individualists Tending Toward the Wild – Chile

– Uncivilized Southerners


(CILE) NONO COMUNICATO DEGLI INDIVIDUALISTI TENDENTI AL SELVAGGIO-INCIVILIZZATI DEL SUD

La massa iper-civilizzata che aderisce alle strutture della vita sociale merita il fuoco e gli esplosivi. Non siamo per nulla vicini al classismo fetido e sputiamo sulle precauzioni umaniste di alcuni verso la massa cittadina. La stessa massa non ha remore nell’infamarci alla polizia in un istante (vedere le “detenzioni cittadine”). Ovviamente riceverà il nostro Fuoco incivilizzato.

Siamo individui anti ideologici, quindi pisciamo su tutte le ideologie. Le nostre motivazioni per l’attacco sono i Fiumi, i Vulcani, l’oceano, i Boschi, il Puma, le allodole e tutto il Selvaggio.

Come grupúsculo, abbiamo costatato nei fatti che è possibile con minime risorse Attentare alla civilizzazione. Portando il Caos, la destabilizzazione e perché no, il Terrore.

Disprezziamo la vita civilizzata, i suoi riti e processi, i suoi valori e il suo progresso, e di conseguenza i suoi luoghi di “diffusione” sono e saranno un bersaglio per gli Eco-Estremisti. I centri commerciali, cinema, club, ristoranti, etc., sono la civiltà e per questo motivo sono obiettivi.

È per questo motivo che rivendichiamo l’Attentato e la responsabilità dell’incendio che ha colpito i ristoranti e la terrazza del Mall nel centro della capitale, il 24 maggio. Per tutti è stato un incidente, ORAMAI NON PIÙ!

Sappiate che si è trattato di un incendio intenzionale, Egoista e Selvaggio. Con queste parole affermiamo che gli autori di quest’attentato siamo noi, gli Individualisti Tendendo Selvaggio (ITS). Ci districhiamo con gusto nelle schifose città, come il Puma patagonico in agguato.

Lo zaino nasconde il materiale e circondati dalla moltitudine, discendiamo dal micro per dirigerci, con passo fermo verso l’obiettivo. È in questi istanti che il cuore dice alla mente che non si torna indietro, senza dubitare per un istante nella strada scelta. Ogni passo fatto è compiuto con gli spiriti degli aborigeni del passato, con le stelle e il vento. Arriviamo, resta solo da dirigersi verso il posto. Il nostro “travestimento” ci dà la capacità di arrivare dove altri non possono, col cuore a mille e le mani che tremano, ci disponiamo per “consegnare” la carica incendiaria, nascosta sperimentalmente dentro una scatola di latte. La fuga è di un intensità ancora maggiore, ma una volta fuori ridiamo di piacere (e non in silenzio). I passanti ci guardano con delle facce come dire, e questi che? E spariamo…

Nascosti e lontani, oggi a quasi un mese è il nostro momento!
Dalle gelate terre del sud rimangono ancora pochi che resistono all’artificiale. Resistenza che non è passiva, bensì violenta e Selvaggia. Resistenza che non teme le conseguenze degli atti, per rompere il culo al tecno-sistema. Il nostro Fuoco- Terrore proviene dai nostri più primitivi istinti, quelli che l’artificialità non ha potuto sradicare.

Saluti complici a tutte le ITS del Nord, gli Eco-Estremisti da ogni dove, la Setta italiana e l’Orda Mistica del Bosco!
Sappiano che stiamo avanziando in guerra!

Individualisti Tendendo al Selvaggio- Cile

-Incivilizzati del sud

(es-en-it) OCTAVO COMUNICADO DE INDIVIDUALISTAS TENDIENDO A LO SALVAJE-ARGENTINA

Comunicado publicado el 19 de junio 2016.

Imagenes acá: https://mega.nz/#!pk8UlTpB!tVANbcThPxekw_ElOsBRVMv0HNKILwINsYOzjiQK2Ig

Comunicado de ITS-Argentina reivindicando diferentes amenazas de bomba en varias escuelas y universidades, y un explosivo contra el presidente de subtes.

¡Con la Naturaleza Salvaje del lado de los eco-extremistas!

¡Adelante con la conspiración internacional contra la civilización y el progreso humano!


“Es mejor tener la boca cerrada y parecer estúpido que abrirla y disipar la duda”

M.

A los indudablemente estúpidos…

Mediante este breve mensaje ITS se hace responsable de:

– Las reiteradas amenazas de bombas realizadas a escuelas porteñas que generó denuncias, un “abrazo a la escuela” (?) y hasta una página en la red social Facebook. “Esta página la hemos creado para que se pare con las reiteradas amenazas de bombas que sufre nuestro querido establecimiento” (1)

– La amenaza de bomba realizada a la Universidad Nacional de Quilmes. (2)

– La amenaza de bomba en la estación Diagonal Norte de la línea C del Subte realizada el pasado 15/6. (3)

A la prensa le decimos: La amenaza de bomba en Diagonal Norte fue estratégicamente pensada y realizada, sabíamos del paro en la línea B y de los conflictos gremiales con las otras líneas, además de ser una estación donde se realizan combinaciones y por ende provocaría como efecto dominó retrasos en las otras líneas. Pero que quede claro que solo fue una mera estrategia, no nos interesan los conflictos sindicales, las luchas obreras, ni el despido de tal o cual trabajador. ITS puede ser un animal carroñero, ténganlo en cuenta…

La amenaza de bomba en Diagonal Norte fue un aviso y lo saben bien, luego que habilitaran nuevamente el servicio les enviamos un mensaje bien claro que al parecer no tuvieron en cuenta por eso el sábado por la tarde fuimos hasta allí, nos hicimos presentes y abandonamos un artefacto explosivo dirigido al presidente de subtes Juan Pablo Piccardo que lamentablemente no explotó, será la próxima.

Nuestras amenazas son el rayo que anuncia la tormenta, amenazamos al subte y luego fuimos por su presidente, mañana quién sabe…

Individualistas tendiendo a lo salvaje – Argentina

Constelaciones salvajes

 

Notas:

(1) http://larazon.com.ar/ciudad/Reiteradas-amenazas-bomba-escuelas-porteno_0_786000072.html 

http://telefenoticias.com.ar/actualidad/la-comunidad-educativa-se-une-en-un-abrazo-al-normal-1/

https://www.facebook.com/No-a-las-amenazas-de-bombas-del-Normal-n1-126057641134301/

(2) http://www.radiofmq.com/detalle.php?tipo=1&documento=71046&sistema=fmq

http://www.quilmespresente.com/quilmes/amenaza-de-bomba-en-la-unq-143526

(3) www.minutouno.com/notas/1492680-subte-falsa-amenaza-bomba-paralizo-el-servicio-la-linea-c

https://www.youtube.com/watch?v=a_VFVzCFn3g


(Argentina) Eighth Communiqué of the Individualists Tending Toward the Wild

“It’s better to keep your mouth shut and appear stupid than open it and remove all doubt.”

M.

To the undoubtedly stupid:

By this brief message ITS claims responsibility for:

-The repeated bomb threats on schools in Buenos Aires which have generated denunciations, “a hug for the school” (?), and even a page on Facebook. “We’ve made this page in order to stop the repeated bomb threats that our beloved establishment has suffered”. (1)

– The bomb threat against National Quilmes University. (2)

– The bomb threat against the Northern Diagonal C line of the Buenos Aires subway made this past June 15th. (3)

To the press we say: The bomb threat on the Northern Diagonal was strategically planned and carried out. We knew of the strike on the B line and of the union conflicts on other lines. Also we know that it is a station where transfers are made and thus a threat would cause delays on other lines. But let it be clear that this was a mere strategic move. We aren’t interested in union conflicts, working class struggle, nor the firing of any given worker. ITS can also be a scavenger animal, take that into account…

The bomb threat against the Northern Diagonal was a warning and they know it well. When they got everything running normally again we decided to follow up as they didn’t seem to get the message the first time. Thus, on Saturday evening we went over there and left an explosive device directed to the President of the Buenos Aires Subway, Juan Pablo Piccardo, which unfortunately didn’t explode. That will be for next time.

Our threats are the lightening strike that announces the storm. We threatened the subway and then we went for its president. Tomorrow, who knows…

Individualists Tending Toward the Wild – Argentina

Wild Constellations


OTTAVO COMUNICATO DEGLI INDIVIDUALISTI TENDENTI AL SELVAGGIO-CONSTELLAZIONI SELVAGGIE

“È meglio avere la bocca chiusa e sembrare stupido che aprirla e dissipare il dubbio”.

M.

Agli innegabili stupidi…

Mediante questo breve messaggio le ITS rivendicano:

-Allarmi bomba reiterati e realizzati nelle scuole elementari che hanno generato delle denunce, un “abbraccio” alla scuola (?) e per fino una pagina nella rete sociale di Facebook. “Questa pagina l’abbiamo creata affinché si fermino gli allarmi bomba reiterati che la nostra amata scuola sta sopportando “. (1)

-L’allarme bomba compiuto all’università nazionale di Quilmes. (2)

-L’allarme bomba nella stazione Diagonale Nord della linea C della metropolitana realizzato il 15/6. (3)

Alla stampa diciamo: L’allarme bomba nella stazione Diagonale Nord fu pensato e realizzato strategicamente, sapevamo della mancanza di lavoro nella linea B e dei conflitti corporativi con le altre linee, oltre ad essere una stazione dove si realizzano scambi e che avrebbe potuto provocare un effetto dominò e ritardi nelle altre linee. Che rimanga chiaro che fu solo per mera strategia, non c’interessano i conflitti sindacali, le lotte operaie, né il licenziamento di tale o quale lavoratore. ITS può essere un animale necrofago, tenetelo in conto.

L’allarme bomba nella stazione Diagonale Nord era un avviso e loro lo sanno bene, dato che dopo hanno abilitato nuovamente il servizio. Il messaggio inviato indubbiamente non è stato tenuto in conto poiché il sabato sera eravamo la, eravamo presenti e abbiamo abbandonato un artefatto esplosivo diretto al presidente della metropolitana Juan Pablo Piccardo, che avversità, non è esploso. Sarà per la prossima volta.

Le nostre minacce sono il lampo che annuncia la tempesta, minacciamo la metropolitana, dopo sarà per il presidente, e domani chi sa..

Individualisti tendendo al selvaggio- Argentina

Costellazioni selvagge

LA NOSTRA RISPOSTA È COME IL TERREMOTO… PRIMA O POI ARRIVA

Traducción al italiano de nuestra respuesta a las difamaciones de algunos anarquistas e intelectualoides de México y Argentina.

Traducción a cargo de “Via Negationis”.

http://abissonichilista.altervista.org/la-nostra-risposta-terremoto-arrivaprima-parte/

¡Muerte al anarquismo humanista y civil!

¡Vida a los grupos eco-extremistas y nihilistas terroristas!

*Trabajo PDF con este texto en inglés, español e italiano:

https://mega.nz/#!F11XzLiI!PJ00zI-u9kkMp0TInQm9kXhTcF_S_SL6BfrQU5F1_Bc


Nota preliminare: Questo testo è scritto con una forte dose di sarcasmo e ironia, la discrezione è consigliata.
Nota preliminare 2: Questo testo non è destinato a essere il tipico “invito a un dibattito”, né un “contributo con idee allo stesso”, di cui ultimamente sono state ammantante le critiche distruttive, questa è un risposta scorretta e un offesa nociva degli Eco-Estremisti che gestiscono questo blog, per quelli che gli gettano tanta merda.
Nota preliminare 3: Torna a leggere la “Nota preliminare 1”

Per gli atti e le parole degli Eco-Estremisti -fin dall’inizio-ci sono state critiche inconcludenti da differenti correnti di pensiero,e c’è da segnalare che molto poche di esse hanno come vero fine, proporre e migliorare, dal momento che la stragrande maggioranza sono “critiche giudizio”, le quali si dedicano ad attaccare o diffamare; in questo testo, andiamo a esporle e cercheremo di dare una risposta precisa, e dire che ci accingiamo nel “tentare” qualcosa di pretenzioso,dato che sembra che i testi degli Eco-Estremisti siano scritti in uno strano tipo di geroglifico, poiché è evidente che essi sono incapaci di capirlo, o che, forse sono affetti da qualche grave ritardo mentale, qualunque cosa sia,iniziamo…

“Quelli che ci prendono di mira, sono quelli che ci ammirano di più”
T.

A) Sul blog

Come abbiamo già detto in precedenza “Maldición Eco-extremista” non è un blog inoffensivo, non abbiamo la pretesa di essere un sito di informazioni che elude alla discussione e non ci interessa ripetere il seducente vizio di porre delle note preliminari in differenti testi esponendo il nostro “disaccordo” con tale o quale questione, se il contenuto di un testo non ci convince semplicemente non lo prendiamo in considerazione.

Non pubblichiamo critiche, analisi e rivendicazioni che odorano di “radicalismo” con la rispettiva “nota chiarificatrice”, solo per seguire l’idea-standard della maggioranza dei siti web di “controinformazione”, perché semplicemente non siamo un blog di “controinformazione.”

Affermiamo apertamente che l’attitudine dell’Eco-Estremismo ha un significato di illegalismo,e pisciamo con piacere sulle regole legali e giuridiche imposte dalla civilizzazione. Per questo che nelle nostre note acclaratorie incoraggiamo sempre pubblicamente gli Individualisti a saziare i loro istinti più oscuri scavallando la barriera della “legalità” e di quello che è “permesso.”

Chiaro, questo ha delle logiche conseguenze con i rappresentanti della legge, che già conosciamo ed è inutile ricordale, e come affermiamo, sono conseguenze, reazioni causate dalle nostre Azioni o di altri. Essere la”faccia pubblica” dell’Eco-Estremismo implica responsabilità e una di queste è rispondere a tanta merda che è buttata contro di quello che difendiamo. Non avremmo mai voluto combattere con la stupidità e i gossip, indirette e diffamazioni, ma come dice il titolo del testo “la Nostra risposta arriva sempre, come i terremoti.”

B) Critiche del Messico, Argentina, Cile e Gringolandia, UNITI!

Un buon numero di critiche,da parecchio tempo e nella gran maggioranza anarchiche,vengono pubblicate in differenti blog, riviste, etc.;molte di queste critiche non sono che interpretazioni incorrette e sentenze morali delle parole e gli atti degli Eco-Estremisti, testi cui vale la pena rispondere rapidamente, e per essere sinceri inizialmente quando li abbiamo letti, ci hanno fatto ridere molto:

-(Messico) “Contro l’Eco-Estremismo alla “messicana” scritta da Heliogeorgos Caro (HC), un presuntuoso erudito intellettualoide della Facoltà di Scienze Politiche e Sociali dell’UNAM, che pensa che le sue “conoscenze” universitarie oltrepassano quelle della media degli umanoidi. L’eunuco HC, per quelli che lo ricordano, fu preso a calci in culo varie volte con il testo-critica di Reazione Selvaggia(RS) intitolata, “Abbiamo ritardato: Breve contemplazioni sui commenti accademici di Heliogerogos Caro”, del 18 Marzo 2015.

L’”Hípster Cagón”, esige per il suo testo inutile,una “rivincita”(pffff!), nonostante le ferite inferte dalla risposta spaccaculi che gli diede RS. Povero..

Di questa critica non diremo granché, solo che è mal interpretata, i suoi supposti fondamenti sono inutili poiché non hanno a che vedere per nulla con l’essenza dell’Eco-Estremismo, è una critica fatta da un intellettuale pseudo – matematico che difende a ogni costo lo scientismo, e non c’è nulla di valido in esso.

-(Argentina) Un’altra critica-giudizio è quella esposta nella rivista argentina “Puñal Negro” nel numero 1 di questo anno, col testo “Obiettivi amorali(?)dell’attacco”. Questi anarchici c’ammirano tanto che ci hanno regalato il primo testo nella loro rivista! Wow!
Questi di “puñalnegro” sono un esempio, ma non si inorgogliscano, sono un esempio della brutta interpretazione dei testi degli Eco-Estremisti,nel confondere “Attacco Indiscriminato” con “attacco a caso”, errore molto comune tra le suore dell’anarchismo ed i decerebrati come loro.
Chiaramente gli obiettivi che scelgono gli Eco-Estremisti da colpire, sono OBIETTIVI CONCRETI, non sono a “caso”, come pensano i “pugnalatori”; esplichiamo che: questi gruppi non lasciano dispositivi incendiari nelle case di cartone dei vagabondi o lasciano mine anti uomo nei campi( anche se non è una idea malvagia!!) i gruppi Eco-Estremisti hanno Attentato e Attaccato obiettivi CONCRETI, dando il VALORE affermativo nel NON curarsi delle ferite dei civili che si trovano in mezzo all’Attentato, dell’Attacco. A questo si riferiscono con “Attacco Indiscriminato” e in realtà, è una tattica di attacco millenario, sicuramente i primitivi antenati di “puñalnegro” assassinarono e ferirono brutalmente indiscriminatamente membri di altre tribù durante alcuni conflitti, ma questo tipo di anarchici avvalora solo gli attacchi più “moderni”,quelli che fanno attenzione a non ferire nessun passante indifeso. Spazzatura!

Sappiamo che non sono le stesse condizioni che stiamo vivendo ora, le condizioni nelle quali si districavano i nostri antenati, ma la guerra continua a essere praticamente la stessa, è una Guerra contro l’artificiale, dentro la prospettiva Eco-Estremista. Cosicché incoraggiamo questi anarchici-tipologia a smettere di guardare solo quello che gli conviene, e che vedano oltre le loro narici e se non gli interessa, meglio che stiano zitti.

È comune l’ipocrisia in alcuni gruppi radicali(anarchici), nel riempirsi la bocca con parole in difesa della “vita”, “contro l’addomesticamento”, “contro lo sfruttamento”, in un lungo e noioso blablablá, ma quando un civile viene ferito in uno dei loro attacchi, quello che fanno è, stare in silenzio o scusarsi. La prima è vigliaccheria, la seconda è la prova che se continui ad attaccare in quel modo corri il rischio che un giorno, o in un altro attacco, che qualcuno esca allo stesso modo o ferito e o in fine morto. Cosicché se non vuoi che i rimorsi di coscienza ti uccidano, meglio che ti dedichi a far attraversare la strada a una anziana, o qualcosa di simile.

Gli Eco-Estremisti quando parlano di “Attacco Indiscriminato” affermano che, NON gli importa delle ferite o le morti che possano causare nei loro attacchi, a patto che l’obiettivo sia colpito. Cioè, perseguono un obiettivo CONCRETO. È Semplicemente questo.
Qualcosa di simile a quello che faceva Severino Di Giovanni e il suo gruppo, lo ricordano i “pugnali?” No? Gli rinfreschiamo la loro memoria idiota:

-7 Maggio 1928: Una potente esplosione distrugge parte importante del Consolato Italiano, a Buenos Aires, Argentina. L’obiettivo era il console generale dell’Italia (Puah!), il signor Capani, uno dei tanti uomini di Benito Mussolini. I due anarchici, Severino e Ramé, non potendo entrare fino all’ufficio di Capani, abbandonarono la valigetta con la bomba nelle scale della sede diplomatica. La bomba detonò violentemente, il saldo fu di 9 morti e 34 feriti, 7 dei morti furono fascisti, gli altri due e la maggioranza dei feriti furono CIVILI. Per quest’Attentato il gruppo di Severino fu segnalato e isolato dagli anarchici dell’epoca e etichettati come “banda di violenti squilibrati”. Non viviamo nell’epoca di Severino che lottò Terroristicamente contro il fascismo dell’epoca ma oggi la nuova forma del fascismo è la civiltà e l’addomesticamento, e gli Eco-Estremisti non hanno paura di attaccarla.

L’Attacco del gran Terrorista Di Giovanni è un esempio di “Attacco Indiscriminato”, affinché lo capiscano meglio gli idioti”pugnalatori”. Paragonino questo VERO anarchico con le bande fasciste, lo facciano per il suo agire Feroce e Indiscriminato nel passato, lo facciano e “regrediranno oltre” fino a quando tolse la vita all’anarchico López Arango che tanto gli tirava merda.
Poi i “pugnalatori” continuano affermando: “quello che realizziamo lo facciamo perché lo sentiamo così, non per un richiamo morale o del bosco sacro o nessuna stronzata mistica”
Gettiamo nella spazzatura la bibbia dell’anarchismo e la sua chiesa. Specificamente l’ordine di “senza Dio, né amo”, o “contro ogni Dio.” Senza dubbio sputiamo e pisciamo sul Dio cristiano e la sua religione, che non ci sia dubbio su questo! Noi apparteniamo all’animismo Pagano.
Il nostro Paganesimo crede nei cicli della terra, pertanto veneriamo ed esaltiamo tutto il Selvaggio e l’Ignoto; la Montagna, la Pioggia, il Tuono, il Sole, il Vento, la Luna, i Fiumi, il Condor, il Cervo, etc. Con il massimo orgoglio esaltiamo quello che SIAMO e in quello che crediamo, camminiamo con le nostre DIVINITÀ in ogni momento, come lo fecero i nostri antenati e lo fanno oggi giorno le ultime tribù selvagge che abitano la Terra, aggrappati ai loro Dei e alla loro misticità.
La verità è che in ogni attacco contro la civiltà, gli Eco-Estremisti agiscono posseduti dal richiamo del Bosco Selvaggio, richiamo che li incita all’azione violenta e radicale contro il progresso e la civiltà.

Il Paganesimo Eco-Estremista è Maledetto, Maledetti saranno i suoi attacchi…

Speriamo che con tutto questo, sia chiara ai “critici” la terminologia specifica di Attacco Indiscriminato, poiché se non è così, non è un nostro problema, è colpa del loro basso coefficiente intellettuale. Infine, se la nostra superbia li disturba, o il nostro paganesimo, o quello che siamo e facciamo, semplicemente smettano di leggere i comunicati degli Eco-Estremisti e smettano di visitare questo blog, smettano di essere “giudici senza martello”, smettano di dire che non cercano polemica alimentandola indirettamente, perché noi Eco-Estremisti non rimaniamo mai silenziosi.
-(Argentina, Pubblicazione anarchica “De la propaganda a los hechos” Maggio2016).
Sembra che l’anarchico che ha scritto il testo intitolato “Sulle ITS”, ha inteso in maniera migliore quello che vogliamo dire con la terminologia “Attacchi Indiscriminati”, senza dubbio questa è una prova che, è solo per stupidità e idiozia che alcuni non Hanno VOLUTO comprendere la terminologia e Non perché gli Eco-Estremisti non facciano capire bene quello che esprimono.
Anche se apparentemente quest’anarchico anonimo non ha compreso del tutto alcune cose che lo inquietano,leggiamo:
Per cominciare, è necessario specificare all’autore anonimo che gli attacchi degli Eco-Estremisti NON SONO POLITICI, poiché l’Eco-Estremismo non ricerca né reclama come sue delle posizioni politiche determinate, pertanto gli atti NON SONO POLITICI, allora, per pura logica,neanche i suoi fini lo sono. La maggioranza delle critiche che l’autore anonimo esprime nel suo testo e che hanno a che vedere con “simbolismi virtuali”, “scatenare azioni materiali che colpiscano realmente il progresso”, etc., cadono per il loro proprio peso.
Afferma: “Se si attacca solo per l’attacco in se stesso, non si riesce a sorpassare la linea tra il simbolismo virtuale e quello che scatena nelle azioni materiali il colpire realmente il progresso.”
Gli Eco-Estremisti, nella realtà, con i loro attacchi non protendono per la fine della civiltà, e questo, neanche uccidendo tutti gli scienziati del mondo, distruggendo tutti i posti di lavoro o abbattendo tutti i ponti dell’urbe, pensare l’incontrario è essere illusi. Nessuna azione, anche la più distruttiva ostacolerà l’avanzamento del tecno-sistema e il progresso. Su questo punto siamo estremamente realistici e non dibattiamo se realmente le nostre azioni colpiscono il progresso,è cosi, è la triste realtà e l’accettiamo.

Su questo punto, ci incuriosisce che l’autore del testo è giunto alla stessa conclusione, e afferma: “…le strutture operative della civilizzazione non si possono fermare un secondo per paura dei cittadini, vediamo che dopo questi attacchi i luoghi di sfruttamento rimangono in funzione, e se muore un dipendente, sarà sostituito da un altro il giorno dopo”, e lui ancora critica l’idea dell’attacco disinteressato o “l’attaccare per attaccare”.Sì, noi Eco-Estremisti siamo pessimisti e deplorevolmente ci siamo resi conto che la distruzione della civiltà è impossibile. L’unica capace di generare un danno SERIO alla civiltà e forse annientarla, è proprio la Natura Selvaggia, allora che cosa fare? Incrociare le braccia e sperare? Guardare la civiltà che si espande a destra e sinistra, annientando gli ambienti Selvaggi, senza fare niente? MAI!
Sì, gli Eco-Estremisti scelgono l’attacco disinteressato che non spera in NULLA, e diviene: l’attacco a nome della Natura Selvaggia e contro la civiltà, l’attacco in difesa di noi stessi e tutto quello che abbiamo perso. Ah, e che sia chiaro,è agito anche per il loro EGO, per il piacere inebriante dell’attacco, e non hanno problemi ad ammetterlo. Allo stesso modo firmano i loro attacchi e adottano sigle e nomi propri.

Che sia chiaro, l’Eco-Estremismo non pretende “distruggere la civiltà”, non vuole farla”finita” con il progresso, l’Eco-Estremismo vuole ALTERARE la civilizzazione, COLPIRE al PRESENTE il progresso e DESTABILIZZARE quello che si può destabilizzare, per questo l’Eco-Estremismo si avvale dell’Attacco Indiscriminato e Selettivo, del Terrorismo, del Sabotaggio, dell’Assassinio, delle Minacce, delle pratiche Criminali, etc.

L’autore anonimo scrive sull’ISIS, dice che gli attacchi di questi terroristi nella metro e nell’aeroporto, in Belgio non fermano il progresso: “Vediamo che davanti a questi attacchi, le persone non smettono di dirigersi verso il loro luogo di sfruttamento, né i macchinari smettono di lavorare, se muore un impiegato, sarà rimpiazzato da un altro il giorno dopo.” E ha ragione, il progresso non si ferma davanti a niente, e indubbiamente gruppi come l’ISIS vogliono distruggere la civiltà occidentale per imporre con la forza una civiltà islamica,ma questo che a che vedere con gli Eco-Estremisti?

L’autore continua: “Mentre il capitale avanza a passi enormi per mano degli sviluppi del progresso tecnologico, e la sovrappopolazione mondiale incrementa giorno per giorno, perché dovremmo pensare che attaccare un cittadino e servo ha un’incidenza nell’avanzamento civilizzatore?”
E questo quando è stato scritto nei comunicati degli Eco-Estremisti?
Non si è mai detto che attaccando un cittadino in più , l’avanzamento civilizzato si ferma, perché dire questo, è dire un’idiozia!

In realtà, questa domanda potremmo farla anche noi contro gli anarchici: per quale motivo detonare bombe nelle banche se il giorno dopo l’assicurazione paga i danni e la banca va avanti ? Per quale motivo allora detonare bombe nei commissariati, se gli arruolamenti non si fermano? Per quale motivo allora appoggiare gli anarchici prigionieri se la solidarietà non diminuisce la condanna per ottenere la loro “liberazione?” Per quale motivo allora pubblicare critiche in formato PDF con nomi pomposi, se la maggioranza del discorso cade per l’ignoranza dei suoi autori anonimi? Per quale motivo allora “lottare”, e “tensionar?” Per quale motivo allora l’anarchia?

L’autore anonimo continua con le sue domande idiote affermando: “Perché ricorrere al simbolismo del terrore contro di quelli che pensano solo di vegetare e deambulare, quando potremmo pensare ai biotecnologi, e alle grandi strutture che danno energia alla città?”

L’idiota in questione pensa che la civilizzazione e il progresso, siano solo le centrali elettriche e gli scienziati, OVVIAMENTE No, la civiltà è perfino il magazzino del quartiere. Certo non è il bersaglio degli Eco-Estremisti (per il momento).

Caro Signore anonimo,approfondisca prima di scrivere, perché le sue presunte critiche sono essenzialmente povere di argomentazione; e osiamo affermare che le sue parole non sono che “critiche” vestite da “buone intenzioni” per radicalizzare il discorso da portare avanti,con l’uso di un linguaggio tecnico “specializzato in anarchia”, ma che sono solo realisticamente critiche distruttive e diffamatorie. E benché non c’importi affrontare queste sterili critiche, lo diciamo senza sotterfugi.
L’autore anonimo fa una critica al significato della parola “asociale”, noi gli Eco-Estremisti affermiamo che SI, TUTTI SONO I NOSTRI NEMICI, tutti gli ipercivilizzati, TUTTA la massa, la cittadinanza complice, la civiltà nel suo insieme. Perché credi autore anonimo, che siamo ESTREMISTI? Perché non avanziamo con mezze misure, e se avessimo il potere distruttivo di assassinare 40 milioni di persone nel tuo territorio o in altri,distruggendo l’infrastruttura che mantiene la civilizzazione, lo faremmo senza pensarci due volte.
L’autore anonimo domanda anche “Allora asociale sarà qualunque azione che attenti contro un passante o un lavoratore? O solo le azioni che sono classificate sotto il titolo dell’essere “selvaggio”?
Rispondiamo, non necessariamente, un attacco meramente e realmente asociale risponde puntualmente a un atteggiamento di odio, vendetta, reazione, etc., contro i valori della società, contro i suoi simboli, e contro i suoi membri, e non necessariamente cadrebbe in un attacco misantropo.
Anche così sembra che l’autore ha un computer ma non un dizionario, poiché non sa qual è la definizione della parola “asociale”. Avendo un dizionario in mano l’aiuto affinché smetta di dire le sue tremende cazzate:

“Asociale: 1 – Che è contrario alla società o dannoso per essa. 2 – Che ha difficoltà con la vita in società o sente rifiuto verso essa.”

Ma se è tanto semplice da capire,oh!

Celebrando la sua “vittoria”- auto ingannandosi-come quello che ha i “numeri” con le sue critiche di merda, l’autore sembra che tenga “Il toro per le corna”,e etichetta la nostra tendenza come moralista, perché a lui sovviene che le ITS usavano il lemma “ La Natura è il bene,la Civiltà è il male”.Ricordiamo di nuovo a quest’anarchico che il lemma in questione non è stato più usato dalle ITS nella loro nuova fase (2016).Quest’argomento non è più applicabile, e la smetta se vuole criticare il materiale di 5 anni fa.
Le ITS non hanno mai più usato né quel lemma, né il termine “libertà individuale”, né le “x” per designare generi,né nessuna di quelle brutte abitudini al principio dei loro primi comunicati.Raccomandiamo all’autore anonimo di leggere di nuovo i comunicati delle ITS, stando dietro all’evoluzione tanto dell’Eco-Estremismo, come delle ITS e degli altri gruppi, per non tornare a sputare cazzate che ingannano e confondono i suoi lettori.
Questo ignorante continua a domandare, “o affermiamo che nella natura selvaggia esiste la misantropia, lo odio, la ribellione o la guerra?”
Rispondiamo NO nella natura selvaggia non esiste né la misantropia, né l’odio, né la ribellione ma LA GUERRA E LA VENDETTA SI, e raccomandiamo di nuovo all’autore anonimo che passi più tempo lontano della città, e più tempo in contatto con la natura, senno non capirà quello che abbiamo scritto.
In più, non volendo naturalmente essere ripetitivi, gli raccomandiamo che impari a distinguere tra “chiamate di avviso” e “minacce”, prima di dire che le ITS si sono contraddette anche in questo.

Con questo terminiamo la prima parte di risposte come redattori di questo blog, nella seconda parte attaccheremo le reazioni in Cile e in Gringolandia
Alla prossima…

Continuiamo!:

-(Cile) Non c’è alcun dubbio che l’Eco-Estremismo, dopo l’avvento nel sud dell’America,è diventato un fastidio, tanto che “alcune” cellule anarchiche hanno eretto un dramma “esigendo”(in maniera indiretta e diretta) dagli altri anarchici che fossimo scomunicati dalle loro chiese per blasfemia. Queste suore incendiarie hanno vari nomi, ma è quasi evidente che sono sempre gli stessi paraculi. Nel loro paracularsi, abilmente all’interno delle sigle della Federazione Anarchica Informale (FAI), emettono comunicati pubblicati da vari blog di una certa importanza dentro i circoli anarchici. Voi sapete di che blog parliamo, pezzenti, non vi salvate dalle nostre critiche! Continuate a leggere allora.
Il Primo di Febbraio (qualche settimana dopo il feroce Attacco Incendiario che colpì un “Transantiago” con tutti i passeggeri dentro, in piena luce del giorno e che fu rivendicato dalle ITS nel loro Terzo Comunicato, esponendo ed espandendo il proprio progetto internazionale) la “Célula Revolucionaria Paulino Scarfo (FAI/FRI)”,che aveva realizzato un attacco incendiario contro una banca(tipico bersaglio anarchico), emise un comunicato composto dal solito “copia e incolla” con i seguenti requisiti: i dati del loro attacco, le “ragioni rivoluzionarie” che sono intoccabili come il manto di Cristo, e in specifico due cose che ci hanno lasciato sorpresi;

Uno fu quello scritto nel seguente modo:

“(Blablablá…) “Nella prospettiva rivoluzionaria di concepire il confronto con il Potere e l’Autorità, ci allontaniamo da qualsiasi discorso che cerchi di promuovere l’Attacco Indiscriminato e la visualizzazione di una persona qualunque come un obiettivo da attaccare e uccidere. Come base illimitata delle nostre azioni, cerchiamo di evitare danni a terze persone che circolano per caso vicino al bersaglio del nostro attacco, fermo restando che tutta la pianificazione- oggi -è coerente con la destinazione di un obiettivo materiale. L’attacco ha la sua morale e non è indiscriminato, abbracciamo l’azione incendiaria, ma non condividiamo il discorso nella sua propaganda”.
Per quelli che non parlano l’idioma “rivoluzionario anarchico”, la traduzione è questa:

“Non capiamo un cazzo di quello che gli Eco-Estremisti affermano sul “Attacco Indiscriminato”, ma dato che è una cosa”cattiva”, cosicché non lo condividiamo, perché non rientra nell’assioma del rivoluzionario, né da guerra sociale, né per la solidarietà ai carcerati, né per l’ insurrezionalismo, né per la FAI, né “contro tutte le autorità.” Il nostro attacco incendiario contro la banca Santander fu un attacco esemplare, così come si deve fare un attacco! Noi predichiamo con l’esempio! Noi siamo moralmente superiori, perché abbiamo una morale non come gli Eco-Estremisti, ma non li menzioniamo direttamente perché siamo codardi. Se nei nostri attacchi, venissero ferite persone innocenti,ci dispereremo,non è che vogliamo essere giudici ma giudichiamo il discorso emesso dalle ITS-Cile che si sono responsabilizzate per l’incendio contro il Transantiago con delle persone dentro.”
Che patetici…

La seconda cosa per la quale, siamo rimasti sorpresi è che, questi anarchici non hanno vergogna, (benché ammirano chi ha un atteggiamento “sfacciato”), nel battezzare la loro “cellula” col nome di Paulino Scarfó!!
Ci siamo fatti una grande risata quando abbiamo letto questo, apparentemente queste suore “anarco- tira merda”, con le loro allusioni e il loro gran senso dell’umorismo, non sanno quello che fece l’anarchico Paulino Scarfó-membro della feroce banda Indiscriminata e degli anarco-banditi di Di Giovanni-a suo tempo. A questi anarchici necessita leggere e “bagnarsi” nella storia degli atti Terroristici dei VERI anarchici del tempo. È certo che Scarfó si sta rivoltando nella tomba nell’apprendere che il suo nome è stato usato da alcuni anarco- ben pensanti che hanno cura per i cittadini-modello e che lanciano allusioni contro i Terroristi a cui non importa ferire gente pur di centrare il loro obiettivo.

Molti furono gli attentati che eseguì Scarfó, ma in specifico ne menzioniamo solo uno:

-20 gennaio 1931: Tre potenti esplosioni detonano in tre stazioni differenti dei sotterranei a Buenos Aires, Argentina. Paulino Scarfó abbandonò una delle bombe nella stazione dei sotterranei di Plaza Once.Mario Cortucci mise un altra carica esplosiva nella stazione Maldonado della Ferrovia Centrale Argentina. E Márquez, abbandonò l’ultimo esplosivo nella stazione “Constitución” I danni furono gravi, e ci furono quattro morti e venti feriti, TUTTI CIVILI. (Severino Di Giovani el ideólogo de la violencia. Osvaldo Bayer. “Sombraysén Editores” / PDF. Página 272.)

È certo che più di un anarchico si stia facendo il segno della croce davanti a questa informazione,negando chiaramente che Scarfó fu uno dei responsabili di quell’Atto Terroristico tanto “spregevole”, “vile”, ” somigliante agli atti dello “Stato Islamico”(come blaterano gli anarchici moderni)etc (molto simile,in realtà, all’attentato fallito del “Grupúsculo Indiscriminato” nella metro di Città del Messico nell’Ottobre del 2015, e che per il quale molti anarchici si spaventarono). Nel mentre che camminano, leggano il libro di Osvaldo Bayer ed investighino,e vedano con i loro occhi che Scarfó fu un Terrorista, un Indiscriminato, un vero ANARCHICO. Speriamo che con questo, si accorgano delle loro parole e ipocrite precauzioni con la popolazione, dato che i loro atti come “anarchici” sono pura spazzatura umanista.

-In Marzo (qualche giorno dopo che i gruppi delle ITS pubblicarono il loro “Quinto Comunicato” dove appariva pubblicamente la loro espansione dal Messico al Cile e Argentina) la “Célula de Individualistas y Nihilistas Anarquicos por la Insurrección Antitutoritaria (FAI/FRI)”, fecero detonare una bomba di acido in una concessionaria delle autostrade, e apparve il loro testo di merda, questo ancora più divertente dell’altro.
Scrissero:

“La storia, il passato e il presente ci mostrano che il germe e l’esercizio dell’autorità si sono sviluppate anche nelle comunità che sono esistite prima della vita civilizzata ed anche si è manifestato e manifesta in gruppi che si sono mantenuti fuori o contro la civiltà. La nostra lotta è per questo motivo essenzialmente ANTIAUTORITARIA. Questo ci obbliga a segnare un’importante distanza con l’auto- denominata “Tendenza Eco-Estremista” che ha difeso l’Attacco Indiscriminato, smarcandosi dall’idea nell’essere “contro ogni autorità” e rinnega la solidarietà internazionale con compagni prigionieri affini nella parola e l’ azione con l’anarchia insurrezionale.”

Per cominciare domandiamo CHE? Chi scrive questo? Questi anarchici -non-anarchici, assomigliano piuttosto a un gruppo di curati che cercano di mascherare la vergine María col manto nero dall’anarchia!
Andiamo a smembrare queste parole in cui essi affermano:
“Questo ci obbliga a segnare un’importante distanza con l’auto- denominata “Tendenza Eco-Estremista” che ha difeso l’Attacco Indiscriminato, smarcandosi dall’idea nell’essere “contro ogni autorità” e rinnega la solidarietà internazionale con compagni prigionieri affini nella parola e l’ azione con l’anarchia insurrezionale.”
La traduzione per questa frase è:

“Questo ci obbliga a noi puristi a non mescolarci con i peccaminosi Eco-Estremisti, quelli che difendono la bestemmia, che si smarcano dall’idea della salvazione eterna, e rinnegano la solidarietà filantropica dell’appoggio al prossimo.”

Non c’è dubbio che questi anarchici sono tanto puritani che sorpassano il limite dell’assurdo.
Dopo avere vuotato la loro merda, dicono:
“Non c’interessa sollevare polemiche virtuali con loro, preferiamo dialogare con i nostri compagni attraverso l’azione.”
Che ridere, tirano la pietra e nascondono la mano, invece di buttare la pietra e confrontarsi. È evidente, questi anarchici moderni non somigliano per niente ai feroci anarchici di due secoli fa. E questo fa male..

Nella frase iniziale scrivono:
“La storia, il passato ed il presente ci mostrano che il germe ed esercizio dell’autorità si è sviluppato anche in comunità che sono esistite prima della vita civilizzata ed anche (sic) si è manifestato e manifesta in gruppi che si sono mantenuti fuori o contro la civiltà. La nostra lotta è per quel motivo essenzialmente ANTIAUTORITARIA.”
Non possiamo provare a fargli comprendere, su questo, che non tutte le forme di autorità sono dannose, perché ovviamente NON LO CAPISCONO. Dovrebbero pensare più a fondo e non fermarsi al vecchio discorso caduco della critica sociale che difendono. Indubbiamente “l’autorità” è esistita in gruppi etnici molto antichi prima di qualunque civiltà, ma sarebbe da chiedersi, per caso è dannosa l’autorità che esercita un leader in una tribù di bosquimanos (per esempio) che insegna e porta cibo ai suoi? Per caso è dannosa l’autorità di uno shaman taromenane (per esempio), che con il suo sapere spirituale e le erboristerie, cura ed allevia qualunque dolore al suo branco di umano selvaggi? Per caso era dannosa l’autorità dei grandi guerrieri teochichimecas, (per esempio), che riuscirono a vendicarsi degli spagnoli sul momento? Se dicono di Si, non c’è rimedio..
Voi siete tanto puri che sicuramente se notate in qualsiasi circolo sociale una sola macchia di peccato, perdono, chiamata “autorità”, la respingete, come i vostri rivali neonazisti, che sono tanto puri (alcuni) che se notano una qualsiasi macchia di peccato, o ancora perdono, chiamato”multiculturalismo”, lo respingono con lo stesso accanimento. L’unica differenza tra voi e gli altri è il “bando” che difendono, e non qualcosa di più profondo.

-L’ultima “cellula” diffamatoria che emise il suo veleno fu la tal dei tali “Jauría Saboteadora Heriberto Salazar (FAI-FRI)” in Maggio. E quando abbiamo pensato che questa e le altre due “cellule” fossero le stesse, ci siamo fermati per analizzare questo comunicato, per paragonare e pensare profondamente su quello che stava succedendo.Cosicché siamo giunti a due conclusioni:

1. I PRESUNTI ANARCHICI SONO REALMENTE POLIZIOTTI:

Su questo comunicato non diremo niente(a parte farci dolere lo stomaco a furia di risate, soprattutto nella parte dove c’è il richiamo a boicottarci come blog, ahahah!), dato che ha generato molti dubbi per la sua origine e le sue pretese. Per lo meno le altre due “cellule” rivendicavano un’azione, questa no. Pensiamo direttamente che possano essere SBIRRI O GIORNALISTI, di questo siamo al 98.99 percento sicuri.
Non lo diciamo per un nostro capriccio, qualunque lettore con un po’ di cervello noterebbe che si è davanti a qualcosa di raro. Leggendo solo le parole che usano, come mescolano termini a destra e sinistra, questo basta per preoccuparci.

*Sui blog che hanno compiuto il lavoro di propagare il veleno poliziesco.

Il comunicato-veleno può leggersi ancora in “Contrainformate blog”, “Voz como arma”, “Instinto Salvaje”, “Croce Nera Anarchica Italiana” (tradotto in italiano), “325” (tradotto in inglese), (per quelli che lo vogliono leggere), e allo stesso modo si può leggere nel super-blog “CONTRAINFO”,che dopo essersi resi conto di aver commesso un errore lo hanno cancellato,errore che ha dato riflesso pubblico al comunicato-veleno, perché altri blog, come agnellini che negano di essere, lo hanno pubblicato (dato che le cose che riporta il blog “Contrainfo” sono “fidate”, pffff!), tale e quale come dice la “nota preliminare” del blog spagnolo “Voz como arma”:

“Raccolgo da Contro Info questo comunicato firmato “Jauría Saboteadora Heriberto Salazar – FAI/FRI” e che espone da qualche posto del Cile una critica alla denominata “Tendenza Eco-Estremista”, in concreto per le questioni che girano intorno all’attacco indiscriminato, ed ai distinti insulti, minacce e spropositi lanciati da questi grupúsculos contro l’ampio ambiente anarchico.”

Sembra che questi agnellini snob travestiti da lupo feroce, si sono divorati interamente le parole del “Branco” dei poliziotti, e necessitavano solamente un pretesto per porsi contro l’Eco-Estremismo, perché tempo addietro questi osarono pubblicare le rivendicazioni di Reazione Selvaggia (RS), e dicevano, mediante le loro noiose “note preliminari”, che non erano d’accordo col discorso ma con gli attacchi si. Allora ci domandiamo, per quale motivo erano pubblicate le rivendicazioni di RS se non eravate d’accordo? Questo riflette solamente il “buonismo” negligente, la loro attitudine arrendevole e promiscua, la mancanza di analisi e l’attitudine provocatoria e inconcludente. Ci siamo accorti di questo, da quelli che si fanno chiamare “Voz como arma”, poiché il loro discorso è pestilente e può essere brandito come un’arma, in maniera fetida chiaramente.

Il fatto che Contrainfo abbia cancellato il suddetto comunicato, ci conferma che i dubbi in quanto all’origine del testo non sono solo le nostre invenzioni.
Ferisce che questi blog tanto”importanti” dentro i circoli anarchici virtuali, che fanno apporti “importanti” per la “teoria e prassi libertaria”, non abbiano filtri e si prestino a pubblicare qualunque merda che sia simulata e firmata come FAI/FRI benché sia di SBIRRI O GIORNALISTI, e ferisce che non sappiano differenziare tra “apporti per la critica “ e veleno come questo.

Sono tanto compiacenti con i poliziotti che si fanno passare per i loro compagni?

Ma NON sono ugualmente compiacenti con gli Eco-Estremisti, perché quelli di “Contrainfo” non hanno pubblicato né il “Settimo comunicato delle ITS”, né la rivendicazione dell’assassinio di uno studente di informatica dell’IPN perpetrato dal “Grupúsculo Indiscriminato”, né la presentazione dell’estinto blog “Tierra Maldita”, (che fu inviata più di una volta, dobbiamo dirlo), e per ovvie ragioni sappiamo che neanche questo testo lo pubblicheranno,assomandosi ad altri testi nella loro casella mail,non solo di “Contrainfo”, bensì dei menzionati blog(occhio). Abbiamo compreso tutto, (e questo è il perché non sono stati pubblicati gli ultimi testi Eco-Estremisti), leggendo le “Condizioni di pubblicazione”, una di queste clausole dice che: “- [non sarà pubblicato quello che] oltrepassa i limiti della decenza e del rispetto della dignita’ umana, dei dati sensibili personali, dell’uguaglianza del sesso e dell’uguaglianza per tutti.”
No, definitivamente gli Eco-Estremisti non sono decenti né rispettano i valori umanistI nel riflesso di tale condizione, e sputano sull’uguaglianza dei sessi, cioè gli Eco-Estremisti per “Contrainfo” sono “SCOMUNICATI!”Con questo non stiamo dicendo che devono pubblicare le parole e gli atti scomodi degli Eco-Estremisti solo perché arrivano alla mail o che debbano farlo a forza, No,porca puttana! Ma perché tutto quello che ha la sigla FAI/FRI è pubblicato senza che venga letto? Che pena tutto questo, allora quello vuole dire che, qualunque imbecille che voglia buttare merda a destra e sinistra in un comunicato, avrà un “spazio” nel blog di “controinformazione” solo perché si firma come FAI/FRI?

Tremendi coglioni con la figa!

Che pena promuovere tali sigle, tanto importanti per molti anarchici, e che sono manovrate a destra e sinistra da gente che cerca solo di avvelenare certi circoli.
Chiaro, chiunque può sbagliarsi quando pubblica idiozie come quelle del “Branco”, ma la domanda è che se accettano questa merda come se niente fosse, come minimo,si deve sperare, che allo stesso modo devono accettare l’errore. No?

*Questo tipo di anarchici non ha memoria?

Una storia simile si era presentata già alcuni mesi fa, qualcosa di molto simile, solo con minime caratteristiche.
Il tal testo di supposta “critica”-alcuni lo ricorderanno, alcuni no, gli rinfreschiamo la memoria- era firmato dall’intero “Collettivo Libero Osservatore” (CLO). Appena finita la campagna del “Dicembre Nero”, il CLO emise un comunicato diffamatorio intitolato “Critica al Dicembre Grigio”, in tale comunicato il CLO si attaccò alla campagna anarchica per seminare dubbi e sfiducia dentro gli ambienti anarchici, riassumendo,metteva in “dubbio” ed inoltre osava invitare i “compagni” ad esaminare l’agire dei vari gruppi di azione, tra essi il “Gruppo Kapibara”– un feroce gruppo eco-anarchico per i quali proviamo simpatia per i loro atti e le loro parole- segnalandoli come un gruppo di”poliziotti.”
Nella “scena”, entrano di nuovo gli anarco-concilianti che amministrano il blog “Instinto Salvaje” e “Contrainformate blog”, i quali con la stessa idiozia che li caratterizza e la mancanza di analisi in quello che leggono o arriva loro, pubblicano il testo del CLO, atto che apre tutta una serie di critiche, richiami, e polemiche dentro ambienti anarchici, in qualcosa di simile con quello che è successo con il “Branco”.
Per criticare le stronzate scritte dal CLO, un gruppo chiamato “Incivilizzati del Sud” emisero una tagliente risposta con un testo intitolato:”Contro le Calunnie dell’Anarchismo Civile”, che terminava con queste frasi:

“Consideriamo che la diffamazione contro questo gruppo tocchi anche gli individui che abbracciano, le pratiche Eco-Estremiste, contrarie alla civiltà ed il progresso. Che nelle terre del sud stanno avendo un’importante rilevanza. Con la fioritura di diverse individualità contrarie alla tecnologia. Le idiote parole del “collettivo libero pensatore” non fanno che riaffermare la paura che si ha dell’acutizzazione del conflitto, incaricandosi di diffamare tutto quello che non è nel recinto e in accordo con i principi anarchici. Tacciando di terrorista tutti quelli alieni al loro ideale (Terrorista che in tutte le sue forme per noi è un adulazione)Che sappiano che la guerra contro la civiltà e suoi lacchè non claudicherà, tutto il contrario, c’incaricheremo che le nostre azioni inorridiscano chiunque segua imperterrito nel difendere gli ideali di giustizia ed uguaglianza sociale, così come quelli che difendono l’anarchismo- e qui facciamo la distinzione con anarchia.
Sobillando il conflitto nell’acuirsi ancora di più e in maniera più estremista a nome di tutto il selvaggio. C’incaricheremo che le idee e gli atti degli ecologisti radicali nelle terre del sud, si mantengano e fioriscano.
Che sorpresa fu per molti, quando questo stesso gruppo (Incivilizzati del Sud), si responsabilizzò dell’attentato contro il Transantiago, adottando la sigla ITS, nel progetto di internazionalizzazione dell’Eco-Estremismo nel Sud dell’America.

Altri anarchici che si sono posti contro il CLO, furono quelli di “Sin Banderas Ni Fronteras”, che emisero un testo intitolato “Sul Dicembre Nero e le tattiche poliziesche per avvelenarci con dubbi e sfiduce”, e che scrissero:

“Nessuno, in tutti questi mesi, ha diffuso le “riflessioni” che sono arrivate dalle caselle mail del CLO, tuttavia, “Instinto Salvaje” e la pagina di Facebook di“Contrainformate” hanno pubblicato il testo “Critica al dicembre Grigio” e spalancato la porta per avallare le infamie e le calunnie menzionate che vengono inviate. Instinto Salvaje ha tolto il testo dal suo blog, probabilmente per i richiami, le osservazioni e le critiche che alcuni progetti di controinformazione, gli hanno fatto avere, tra cui noi che scriviamo.”

Cosicché quando scriviamo, che “essi” (“Instinto Salvaje” y “Contrainformate blog”), con la stessa idiozia che li caratterizza e la loro mancanza di analisi in quello che leggono o arriva loro,hanno pubblicato il testo”, non ci sbagliamo, perché nella loro storia non c’è mai stata la volontà di analizzare i testi che gli arrivano, permettendo che il veleno si diffondesse dentro i loro circoli o no.

In questo caso,è successo con lo stesso modo-metodo con il “Branco” che si è “attaccato” alla “causa” tra anarchici e Eco-Estremisti e ha cercato di propagare il suo messaggio diffamatorio, approfittando della brutta interpretazione ed ignoranza(della quale molti anarchici sono orgogliosi)dei testi Eco-Estremisti, e facendo si che più di uno si ingoiasse le infamie,sentendosi perfino “affine” alla merda che emise tale “Branco”, come si può leggere in “Voz como arma”.

I “Sin Banderas Ni Fronteras”, affermarono nel loro comunicato quanto segue:

“Già nel 2012 l’ex capo dell’Agenzia Nazionale di Intelligenza (ANI in Cile) Gonzalo Youseff, annunciava l’avvio della strategia di “intoxicaciòn” davanti alle difficoltà di infiltrazione delle cellule anarchiche affermando:
“Le tecniche del dipartimento per inibire la violenza politica in collaborazione con la polizia; la repressione giudiziaria (…) e l’avvelenamento interno attraverso l’informazione distorta fornita alle cellule anarchiche, per esempio, fanno perdere la fiducia tra i loro membri. “(Gonzalo Youssef in un’intervista al quotidiano” La Segunda “, dicembre 2012)”
Bisogna ricordare che gli sbirri mettono i gruppi “radicali” tutti dentro lo stesso calderone, anarchici, femministi, occupanti, Eco-EstremistI, etc. Per essi siamo TUTTI la stessa cosa, e si avvalgono di questo tipo di strategie per beccare i responsabili che destabilizzano l’ordine, qualunque sia l’orientazione ideologica. Peccato che questo non possano analizzarlo i negligenti “addetti” e diffusori degli atti nei blog anarchici, che si prestano a pubblicare e a diffondere il forte avvelenamento del quale parla l’autore del testo citato. Peccato che la “cellula” che lanciò il suo discorso contro gli Eco-Estremisti (quelli dell’attacco alla banca di La Cisterna) -offre quest’avvelenamento- nel comunicato velenoso dei poliziotti del “Branco.”
Per concludere con questo punto, leggiamo l’ultimo paragrafo del testo sopra menzionato:

“Per terminare, bisogna avere chiaro,che non è che la polizia, o la gente stupida che inventa indirizzi mail per tentare di confonderci. Oggi possono essere “Libero Osservatore” e “Rodrigo Opazo” ma domani potrà essere qualunque altro indirizzo mail con le stesse intenzioni.

2. IL “BRANCO” SONO ANARCHICI DEI PIÙ “RADICALI”:

Bene, se sono anarchici (anche se sembrano sbirri e o giornalisti), quelli che hanno scritto il comunicato, allora siamo noi i paranoici diffidenti. I Vari blog anarchici hanno mantenuto fino a oggi il comunicato pubblico, e senza dubbio sappiamo che non sono molto lontani dall’approccio soprastante, per cui ne convalidano le parole.

*Analisi:
Passiamo a rileggere il comunicato dei tal dei tali “Branco”, che scrivono:

“(Blablablá) Sono i cosiddetti Eco-Estremisti che gridano in maniera fredda “morte all’anarchia”, e rinnegano le proprie origini e formazione, l’idea dalla quale si sono nutriti dal contatto affine con i combattenti della guerriglia urbana di oggi e del passato, per poi passare ad accentuare certi aspetti che non sono mai stati al di fuori dell’ambito dell’anarchia e della sua lotta per la liberazione umana, dei nostri fratelli animali e della terra.”

Per incominciare gli Eco-Estremisti non hanno MAI detto o hanno dato a intendere che ci identifichiamo con l’infamante affermazione di “morte all’anarchia”(morte all’anarchismo civile SI) probabile che i membri dei tal dei tali “Branco” erano drogati o ubriachi quando hanno letto qualcosa sull’Eco-Estremismo, e si sono convinti che la loro teoria fosse la più convincente.

Loro dicono che rinneghiamo le nostre origini anarchiche. Una cosa falsa dato che citiamo e abbiamo citato anarchici con i quali ci identifichiamo ,anche se gli Eco-Estremisti hanno avuto quest’opportunità.. Abbiamo creato la nostra Tendenza, ma non abbiamo rinnegato mai i nostri principi come eco-anarchici, e in realtà ci riempie di orgoglio dire che proveniamo da esso.
Quello che fa questo “Branco” di drogati è volere avvelenare e farci scazzare con i pochi anarchici con i quali condividiamo ancora varie cose. Ma non ci riescono, poiché i VERI anarchici sanno quali sono le intenzioni del”Branco”. Intenzioni non positive e che sono solo un complotto in più per creare le condizioni per far arrestare noi o loro.

Continuano:

“Lontani dalla tensione costante che vogliamo mantenere noi che lottiamo perché viva l’anarchia, questo settore che si dichiara Eco-Estremista getta nella spazzatura l’ideale libertario che si manifesta attraverso la lotta insurrezionale.”

Se le idee generali che difendono il “Branco”, sono quelle di avvelenare, buttare merda e “nascondersi” sotto le sigle FAI/FRI, simbolizzando “l’ideologia libertaria”, che sia chiaro, gli tireremo merda, sputandogli e pisciandogli addosso.

Ancora:

“Un piccolo gruppo, legato a un certo immaginario di popolazioni “simboliche” e ad aree musicali- contro culturali e universitarie (rinnegano l’università, però la frequentano.. e studiano ciò che tanto odiano), disprezza l’animale umano e perciò vedono il nemico diffuso da per tutto.”

Che cazzo è questo? Per caso è un’accusa?

Questo paragrafo è l’irrefutabile prova che il “Branco” è opera della polizia, che tenta di trarre vantaggio da questa “causa” tra alcuni anarchici isolati e gli Eco-Estremisti, per arrestare i Terroristi o altri. Se questi anarco-poliziotti vogliono cercare gli Eco-Estremisti nelle università, cerchino, sicuro che stiamo studiando nanotecnología o scienze della comunicazione per lavorare in NatGeo Wild, non c’è dubbio.

Per segnalarlo a più gruppi, il “Branco”, scrive:

“A 7 anni dalla morte di Mauricio Morales, salutiamo affettuosamente la “Manada de Choque Anarquico Nihilista”, per la sua controllata ed intelligente azione insurrezionale durante le manifestazioni dello scorso 1 Maggio e 21 Aprile, dove hanno dato una ulteriore prova della bontà della coordinazione tra affini. Per essere chiari e smentire la pagina “Maldicion Ecoextremista” che ha cercato di far rientrare quei fatti in una guerriglia urbana irresponsabile, con lo scopo di appropriarsi della prassi libertaria!”

Che a che vedere il MCAN con tutto questo?

Per concludere dicono:

“Salutiamo i combattenti della Célula Revolucionaria Paulino Scarfó (FAI-FRI), che nella rivendicazione del loro attacco al Banco Santander di La Cisterna scrissero: “L’attacco ha una morale e non è indiscriminato; abbracciamo l’azione incendiaria, non condividiamo il discorso che si cerca di diffondere.”

Bisogna ricordare (di nuovo), che la CRPS-FAI-FRI, fu la prima “cellula” di questo blocco di tre “cellule” che direttamente ed indirettamente si posizionarono contro gli attacchi Eco-Estremisti. Li ringraziamo per aver messo gli occhi della sicurezza dello stato (che tanto odiano) su questa “causa”, nel quale, è evidente che la polizia ne trarrà beneficio.
La responsabilità di tutto questo, sono di entrambe le parti, responsabilità nostra che rispondiamo a queste cose e responsabilità di chi ha pubblicato le infamie del “Branco”. Ma quelli che hanno cominciato a “pungere la cresta al gallo” sono stati questi anarco- sbirri,e che sappiano ,che se fanno irritare il cane, con sicurezza questo li morderà.

Questa è la prima e ultima volta che come “Maldición Eco-extremista”, ci pronunciamo in maniera tanto prolungata su questa merda, non vogliamo continuare ad alimentare confronti né osservazioni con gli anarchici più puritani del sud del continente, o continuare a rispondere alle stronzate di poliziotti vestiti da anarchici. Per il quale è stato necessario rendere visibile che all’interno degli anarchici virtuali, sono molto pochi quelli REALMENTE analitici. E osiamo affermare che gli anarchici intelligenti-con il loro progetto di diffusione-che NON hanno pubblicato il comunicato del “Branco”, sapendo cosa rappresenteva, sono una “specie in pericolo di estinzione”.
Molti mezzi di “controinformazione” sono caduti nella trappola, compresi quelli “stranieri” (” 325″, “CNA-Italia”, etc.). Non sapendo che merda fosse questa situazione ancorché per ignoranza del tema, sono stati direttamente coinvolti, ma sono ugualmente irresponsabili come i siti di “controinformazione” ispanofona.

*

Come dato particolare vogliamo ricordare che tutto questo dramma aveva già un precedente, nel 2011 quando ITS cominciò a pubblicare i suoi comunicati ed incominciò a realizzare atti Terroristici in Messico. Molti anarchici della regione si preoccuparono per questi attentati, non potevano credere che esistesse un gruppo così, molti blog diedero la schiena alle ITS e uno in particolare chiamato “saboteamos.info”, anarco-zapatisti che pubblicarono un video dove esponevano le loro supposte conclusioni per dubitare del gruppo Eco-Estremista, e dissero che ITS era un “gruppo di facciata” creato dall’esercito messicano, che erano fascisti, che erano una strategia del PRI(partito governante), e della CIA per scatenare la repressione sui poveri “movimenti sociali”, dissero anche che ITS era un gruppo “anti-anarchico di sinistra”, ed un’infinità di assurdità da ridere.Nella loro esagerata verbosità e disperazione purché qualcuno gli credesse e facesse loro caso, quasi arrivarono a dire che ITS era un gruppo burattino di una cospirazione di rettili che governano la terra (?). Molte cose furono dette ma ITS rispose sempre con gli Attentati, a cui ha dato continuità -fino a ora- al suo progetto. Cosicché questa situazione,si ripete in tutte le sue varianti in Cile, Argentina e Stati Uniti,normale..
Cosicché, scompaginata ed esposta la supposta “critica” del “Branco” terminiamo questo punto domandando a questi anarco- sbirri, che cosa suppongono che generi il loro comunicato? Paura non c’è né fanno- una risata forse. Sperano che gli Eco-Estremisti si fermino nei loro attacchi? Sperano che ci “demoralizziamo” e “ripieghiamo?” Niente di tutto questo, sebbene, l’avvelenamento del quale parlava sopra l’ex capo dell’Agenzia Nazionale di Intelligenza del Cile è in corso, è una realtà, in parte perché gli stessi anarchici sono caduti in questo gioco e perché certi mezzi di “controinformazione” sono stati irresponsabili. Davanti a questa situazione si deve solo rimanere intelligenti, annusare molto bene e scoprire il nemico vestito da critico. Alcuni anarchici hanno dimostrato di essere imprudenti, emettendo giudizi prematuri, incapaci di accettare i loro errori e sicuramente questo li porta a rovistare nell’immondizia.
Siamo sicuri che alcuni degli “addetti” dei blog prima menzionati si metteranno a pensare profondamente su questa situazione, o semplicemente alcuni la lasceranno scivolare via e o continueranno ad alimentare stupidamente l’avvelenamento delle “sfere” del potere (parlando con il loro lessico affinché si capiscano).

-(Gringolandia) Concretamente parlando, possiamo dividere le critiche degli yankee in vari gruppi. La cosa più interessante di questo dibattere, è la risposta dell’anarco- primitivismo yankee che ha una forte influenza in molti circoli eco-radicali. Specificamente, John Zerzan ha tacciato l’Eco-Estremismo come “nichilista” e “posmodernista.”
Per il termine “nichilista”, non abbiamo nessun problema, poiché abbiamo affini Nichilisti, specificamente in Italia, e siamo orgogliosi della nostra relazione con essi. Ma affinché si consideri calunnia la supposta nomina, Zerzan scomunica l’Eco-Estremismo per la questione dell’Attacco Indiscriminato, e la sua mancanza di rispetto dei valori della sinistra, i quali hanno un posto speciale nel cuore dell’hippy anziano malgrado il suo auto-proclamarsi “post -sinistra.”
Il suo essere di sinistra non ha nulla di “post”. Secondo Zerzan, bisogna avere “speranza” che 700 milioni di persone si uniscano in accordo per smantellare il sistema economico- politico- sociale che li sostiene, agendo in maniera ordinata e pacifica (più o meno). (“Il futuro primitivo.”) È ovvio che attuare questo è impossibile, per cui ci guadagniamo la scomunica nell’essere considerati “nichilisti”(come se la parola “nichilista” fosse un’offesa per noi SI!), e per essere fuori dal gregge dell’anarchismo verde yankee, con tutte le sue risorse e “websites” professionali (ci (riferiamo a “Anarchist News”.)
Infine, Zerzan vuole schiacciare la civilizzazione nel mondo fisico senza distruggere i valori civilizzati per la quale è basata. Che significa che alla fine, non farà nient’altro che appoggiare le stesse marachelle dei bambini anarchici, e di una qualunque manifestazione di “resistenza” che possa essere solo “distruzione creativa”, tipica di ogni civiltà.
La civilizzazione distrugge la Natura Selvaggia, tuttavia si devono rispettare i concetti di innocenza e colpevolezza, di moralità e di solidarietà perché.. la verità non la sappiamo. Possiamo discutere il linguaggio e il “pensiero simbolico”(come blatera Zerzan ed i suoi figli), ma la morale è qualcosa di sacro.
E dopo, ci sono i nichilisti yankee flemmatici. Tipi che sono più di moda che altro, i ragazzi popolari della scuola che respingono a priori ogni azione poiché può fallire e essere moralista o qualcosa di simile.
Applaudiamo il loro egoismo, ma non sappiamo perché tal nichilismo finisce sempre nel fare niente, appoggiare niente, ma criticare tutto. C’è da menzionare che alcuni appoggiano l’Eco-Estremismo, con riserve, ovviamente. Forse alcuni passeranno alla nostra tendenza, poco a poco. Bisogna solo dire che per essere tanto nichilisti, hanno sempre la certezza della critica.

Se in realtà credono nel niente, perché non ci lasciano in pace? Oh in verità indossano il nichilismo come se fossero dei designer,per far si che ne emergano altri, ma questo non significa altro che produrre libri che non cambiano nulla,e si sentono bene nel farlo?

Alla fine, non so se stiamo scrivendo le cose in cinese o che, perché leggono solo quello che pensano che diciamo, e non quello che diciamo in realtà. È come se le “parole dure” colpiscono cosi tanto che non quadrano con la mente moderna e liberale. La verità è che noi Eco-Estremisti non cerchiamo ragioni per attaccare,non ne abbiamo bisogno, e se tu hai bisogno di esse, sei parte del problema e non della soluzione. Si chiama in maniera propria addomesticamento. Noi Eco-Estremisti sappiamo che tentare di convincere le masse è una perdita di tempo. Che gli anarchici si tormentano tanto nel tentare metodologicamente, di includere le masse in una strategia vincente, buono, a noi può causare solamente perplessità. Se la storia c’insegna una cosa, è che le masse non cambiano mai il mondo. Per questo motivo ti arrendi e rimani con le braccia incrociate? Speri fino a che le masse o la democrazia ti concedono il permesso per attaccare?
L’attacco viene dall’idea che, la società non esiste né può esistere, sempre che non sia quella che immaginano gli anarchici. In realtà la società è un insieme di animali confusi dominati da reti di potere che aumentano il potere umano in se stesso: gli animali domestici, umanoidi che sono solo”automi”. La società, come Chahta-Ima disse in uno dei suoi testi, è un’illusione. In più, tentare di “piantare” idee di “liberazione”, o qualunque altra stupidità nelle masse è tentare di abbattere la macchina con la logica della macchina, e in queste cose, la macchina vince sempre. La macchina ha il modo di trasformare qualunque progetto di “liberazione” in un mezzo per fortificare l’addomesticamento contro la Natura.

Alla fine agli Eco-Estremisti non importa niente della società, che venga distrutta da se stessa o dall’entropia.

Stiamo a fianco dell’entropia, la civiltà con le sue idee di uguaglianza e autodeterminazione non c’impressiona. Se uno non vuole usare il termine “Natura”, può usare “entropia” o “caos”, tutto rimane uguale. Qualunque ordine civilizzato attenta contro la Natura: è così, è stato sempre così, e sempre sarà. Dalla culla, siamo allenati per amare quello che non ci conviene, fare le cose che non ci piacciono, e pensare cose che sono aliene ai nostri interessi personali.
Noi applaudiamo qualunque comportamento che attenti contro la schiavitù, l’addomesticamento dell’animale, la pianta, il bosco, il fiume,non esistono per conto proprio e sono manipolati per servire l’Idea dalla Civiltà: per il controllo, la sicurezza, l’innovazione, il progresso, e perché no? La libertà, l’uguaglianza, e la fraternità. L’unica nostra considerazione,è l’amore dei luoghi selvaggi, con i quali alcuni hanno una relazione profonda, ma anche il selvaggio dentro di noi, il rifiuto completo dell’addomesticamento e la società,il resto non c’importa. In più, causa a noi la rabbia che conduce alla Guerra Indiscriminata.

La realtà è che l’Eco-Estremismo sta crescendo, da una Tendenza che aveva esistenza pubblica solo nel Nord dell’America, ora è arrivato all’America del Sud, i gruppi Nichilisti Terroristi Affini si moltiplicano anche in Europa.

Poiché l’Eco-Estremismo Nichilista non sono solo gli esplosivi e gli incendi delle ITS in Messico, Cile e Argentina, non sono solo le pallottole detonate contro il cranio del tecno- nerd come ha fatto il “Grupúsculo Indiscriminato”, non è solo l’atteggiamento strafottente e Terrorista del gruppo “Guerra Eco-Estremista Guamera”,non sono solo sono le ferali parole della Rivista Regresión e di Chahta-Ima, non sono solo gli Attacchi Indiscriminati della Setta del Nichilistico Memento Mori dell’Italia, non sono solo i lavori di traduzioni di “Místico e Maldito”, di “Nechayevshchina”, di “Palmer Amarant” e altri..

No, l’Eco-Estremismo è la resistenza armata delle tribù amazzoniche in guerra contro i commercianti di legname, le industrie petrolifere, i minatori; è la freccia lanciata agli elicotteri dagli aborigeni isolati in Africa, è la continuità delle credenze pagane che resistono alla cristianizzazione totale, è la resistenza individuale per mezzo delle attività Delinquenziali contro l’addomesticamento, è l’uragano, il terremoto, la crudeltà degli ultimi coyote, l’ostilità degli elefanti, è l’ape che inietta il suo pungiglione per poi morire. Eco-Estremismo è la violenta difesa della stessa Natura Selvaggia, le sue reazioni, le sue risposte e manifestazioni.

Potranno imprigionarci, segnalarci, diffamarci, o potranno ammazzare tutti gli Eco-Estremisti e tutti i Nichilisti Terroristi che si sono dichiarati nostri Affini, ma la guerra continuerà sempre con un nome differente o senza nome…

Terminiamo con le parole di un conosciuto e scomodo anarchico carcerato, menzionare il suo nome è un di più, perché quello che possediamo sono le sue ferali parole, dimostrazione irrefutabile che l’era dei “buoni” sentimenti è terminata, l’abbiamo ammazzata e che la Violenza Terroristica e Indiscriminata contro la civiltà è in marcia:

“A quelli che criticano- giudici senza martello- e giudicano, che vadano in chiesa,gli consegno il mio infinito odio, da qua e senza anonimato dico loro che li considero il mio nemico. Sono uguali ai giudici (se non la stessa cosa) quelli che giudicarono chi nell’anno 2011 pose un artefatto esplosivo(che deplorevolmente non detonò), in una casa nel comune di La Reina, minacciando di fare saltare anche una scuola; uguali giudici sono quelli che giudicarono un’azione in Macul con Grecia l’anno 2013, dove vennero lanciate bombe molotov contro un autobus del transantiago che passò sulla barricata, e per cui alcuni cittadini furono “afectados” ” da un vendicativo fuoco, e sono ugualmente idioti quelli che dicevano essere il “Cordón Macul”,argomentando che chi attaccò il bus non lo era,SI! Sicuramente erano dei critici delle misere università popolari; ugualmente sono giudici quelli che criticavano/criticano (da altri posti del mondo), la bomba nella Metro Scuola Militare nel 2014 dove risultarono feriti vari cittadini, per cui una “signora soffrì” l’amputazione delle sue dita, e che nei mesi successivi apparve in televisione sfilando con la sua mano mutilata; sono ugualmente giudici quelli che chiedevano con urla la morte per chi aveva incendiato una banca in una manifestazione in Grecia,dove il risultato fu la banca completamente incenerita,accompagnata dalla morte di tre lavoratori che si trovavano dentro; e si potrebbe continuare facendo mille esempi. Defeco e orino su tutti quelli che sono giudici senza martello.Spero esplodano infinite bombe per la cittadinanza, perché “l’immonda vita cittadina non si trova solo nei quartieri.” Sono contro la civiltà e l’umanesimo che considero l’obiettivo più civilizzato(me incluso) per quelli che sono aggrappati al progresso e si impegnano nel continuare a distruggere tutta l’indomito, tutto il selvaggio, per lo sporco e schifoso falso denaro.

Evviva l’individualità! Forza a chi cospira!”

Atentamente:

Maldición Eco-extremista
Grupo Archivistico Öme
Místico y Maldito
Chahta-Ima
Yoloxochitl

Grupúsculo Indiscriminato, rivendicazione della assassinio dello studante dell IPN

Traducción al italiano del reciente comunicado del Grupúsculo Indiscriminado. Ejemplo claro de lo que significa el Ataque Indiscriminado y el Ataque Selectivo, ambos armas de los grupos eco-extremistas y terroristas nihilistas.

Traducción a cargo de la Casa Editora Nechayevsichina “Via Negationis”.

__________________________
PASSIONE DEL TERRORE -ATTACCO INDISCRIMINATO E SELETTIVO!
TRADOTTO IN AFFINITÀ COMPLICE E EGOISTICAMENTE TERRORISTA DALL’AFFINE NICHILISTA “VIA NEGATIONIS”

http://abissonichilista.altervista.org/grupusculo-indiscriminatorivendicazione-dellassassinio-dello-studente-dellipn/


Mercoledì 18 Maggio arrivando alla sua fine, Ángel León de la Cruz, studente di informatica che apparteneva all’Unità Professionale Interdisciplinare di Ingegneria e Scienze Sociali ed Amministrative(UPIICS) dell’IPN, accolse nel suo corpo una pallottola per un “tentativo di assalto”.Vogliamo Affermare che l’informazione manipolata pubblicamente dai mezzi di comunicazione è falsa, poiché l’atto fu un Attentato diretto e fummo noi.

I mezzi mentono di nuovi emettendo la loro accozzaglia di falsità, dissimulate dalle autorità capitoline, come quando nell’ottobre dell’anno scorso, abbandonammo un artefatto esplosivo in un vagone della stazione Chilpancingo della linea 9 della metro, e che, le autorità dissero che lo sgombero delle centinaia di persone della stazione, si dovette per un supposto “difetto tecnico”.


*
L’apparente assalto di mercoledì scorso, fu solo un insignificante diversivo, perché il nerd del politecnico era il nostro obiettivo reale, che morì venerdì 20,per effetto della ferita da pallottola.
*
Abbiamo tolto la vita a un maledetto progressista, che con la sua semplice esistenza protendeva all’artificiale, che con sicurezza sarebbe stato nel futuro uno dei ingranaggi in più di questa decadente civiltà, e per questo motivo l’abbiamo assassinato..Se serve come “consolazione” ai suoi familiari,affermiamo che Ángel decise di affrontarci quando vide la rivoltella, non si lasciò ammazzare come un animale addomesticato ed indifeso, tirò fuori gli artigli, ma noi mantenemmo l’attitudine predominante dei cacciatori e la preda continuò a difendersi fino alla sua fine. Solo se serve da “consolazione”, se non è così, non c’è altra maniera.
*
In un territorio tanto conflittuale quanto lo è Iztacalco è facile passare inosservato come fa la delinquenza comune e perpetrare un Attentato contro i membri dei centri universitari importanti come quello che abbiamo perpetrato, anche, è eccessivamente facile ottenere una pistola per strade di Città del Messico, usarla e “spostarla”, col rischio che chi l’ha comprata sia fermato perché l’arma è “bruciata.”
Fu quello che successe ai 4 uomini arrestati nelle vie del territorio Cuauhtémoc,che la polizia vide riutilizzare il revolver usato per L’Attentato, e da questo li accusa di essere i responsabili dell’omicidio. Su questo, alle autorità capitoline (che si caratterizzano per fabbricare colpevoli a destra e sinistra), diciamo loro che non facciano i coglioni,perché sanno molto bene che gli uomini arrestati non sono i responsabili. È facile, il nerd muore il giorno 20 ed il 21 le autorità pubblicano che i responsabili sono stati arrestati, solo un idiota crede alla versione ufficiale che manipola la stampa “piscia inchiostro”.
Ugualmente, Noi Rivendichiamo l’Attentato in tutte le forme.
Spariamo oggi alla testa di uno studente in informatica, che muore, domani c’è ne sarà per qualche altro progressista…

Nessuno può fermarci, i gruppi Eco Estremisti e Nichilisti Terroristi sono in aumento, siamo una realtà, un pericolo, e questo vale più delle patetiche critiche che pubblicano certi blog anarchici contro noi, e contro quello che difendiamo. Che continuino a parlare gli umanisti, i Terroristi si mostreranno con Attentati e rivendicazioni.

Per l’Attacco Indiscriminato e Selettivo!

-Grupúsculo Indiscriminato

SETTIMO COMUNICATO DELLE INDIVIDUALISTAS TENDIENDO A LO SALVAJE (ITS)

Comunicado original en español publicado el o9 de mayo 2016.

Traducción al italiano del séptimo comunicado de ITS.

Traducción a cargo de “Via Negazionis”.


I

Quando cacciamo, non è la nostra freccia quella che ammazza l’alce, per quanto forte sia l’arco; è la Natura quella che lo ammazza”.
Gran Trueno

Le università, i centri educativi, le istituzioni accademiche etc., sono luoghi, dove si preparano i progressisti del presente e del domani, e per questo, sono un obiettivo inamovibile dell’Attentare Eco-Estremista.
Le incubatrici del progresso (preparatorie, università, licei, etc.), sono il punto focale per lo sviluppo del sistema tecnologico, scientifico e industriale, accademie da dove si arruolano le menti dei giovani ciechi per la modernità, e complici della distruzione della Natura Selvaggia.
Oggigiorno viviamo in una società compiuta per la tecnologia, che riproduce i valori morali appropriati per il libero svolgimento del sistema; questa società educa e guida i suoi figli in una vita legata ai valori come “umanesimo”, “progressismo”, “solidarietà promiscua”, “collettivismo”, “uguaglianza”, etc.

I tutori dicono fino alla stanchezza, “studia, preparati per essere qualcuno nella vita”, e i figli lo realizzano. Alcuni arrivano a essere professionisti, personaggi prominenti dentro certi circoli sociali, cioè, progressisti per eccellenza; l’altra parte con un educazione interrotta, costituiscono la gran quantità di quell’esercito di salariati che pullula dappertutto, progressisti di tutte forme.

Le due parti in una o l’altra maniera mantengono il normale funzionamento della civilizzazione, alcuni essendo carnefici e altri essendo schiavi ma tutti messi nello stesso contenitore, non c’è dubbio.


La gran maggioranza degli universitari (non tutti) si sentono superiori per i loro titoli, per il loro grado di scolarizzazione o per le loro “conoscenze” accumulate dentro le aule, aspirano al progressismo, esempio chiaro sono quelli che studiano ingegneria (in sistemi, robotica, mecatrónica, informatica, etc.) nella quale si stanno innovando tecniche per la “cura della natura”, per “risparmiare acqua”, per “risolvere il cambiamento climatico”, per incrementare la produzione, etc. Studiano e mettono in pratica i metodi necessari che aiutano a superare la crisi che il sistema affronta.
Un altro esempio sono gli studenti di scienze, (fisica, biologia, chimica, biotecnologia, medicina, neurologia, matematica, etc.) i quali (non tutti) allo stesso modo, inventano metodi affinché il limite e confine della scienza si perfezioni e si posizioni come la verità assoluta schiacciando le conoscenze semplici ed ancestrali che ci lasciarono gli antenati, conoscenze che sono disistimate per tutte ed ognuna di quelle materie, poiché, propongono “brillanti” teorie che spiegano per mezzo della ragione, molti degli argomenti che ci circondano in questa era moderna.

*

Il complesso della conoscenza artificiale conviene al sistema per affermarsi come “credenza” in questo secolo, e NON con le credenze relazionate con le forze della natura, che ora si considerano irrazionali, primitive e con mancanza di credibilità.
Quello che queste scienze -e di che le studia (non tutti) -tentano di compiere, è dare spiegazione a qualunque processo, azione, etc., che si presenti o no, ad elevare la conoscenza umana a un piano più “alto”, alzando con questo la bandiera dell’arrogante antropocentrismo. Dimenticano che la conoscenza umana è NIENTE per la Gran Saggezza della Natura Selvaggia (o come si vuole chiamare).
Propongono possibilità per “aiutare” la natura, in cui il loro atteggiamento ipocrita nasconde che la preoccupazione principale, è di ottenere reputazione e fama tra i ricercatori, ingrandire le loro “conoscenze” che sono completamente aliene a “aiutare la natura” per cui dicono di lavorare.
L’ultimo esempio sono gli studenti di scienze sociali e umane (diritto, comunicazioni, filosofia, antropologia, psicologia, sociologia, arte, economia, letteratura, architettura, etc.) i quali fanno parte dell’ondata modaiola e progressista.

*

Più con conoscenze teoriche che pratiche, sono quelli che si pongono come la nuova era di giovani pieni di valori morali usati per la perpetuazione del sistema, come “femminismo”, “anti-classismo”, “comunismo”, “anarchismo civile”, “ecologismo”, “anti-razzismo”, “legalismo”, “umanesimo”, “anti-fascismo”, “pacifismo”, “primitivismo”, “marxismo”, “nichilismo passivo”, “veganismo”, e riassumendo PROGRESSISMO.

Chiarendo, che quando ci riferiamo a questi studenti non diciamo che TUTTI hanno radicati detti moralismi, ma la gran maggioranza, li HA.

In realtà, questo tipo di studenti si può incontrare nelle facoltà, nei ristoranti vegani, in caffè e bar, mentre parlano di Nietzsche, Bukowski o Dalí. Si incontrano nelle cooperative, in occupazioni e manifestazioni mentre lavorano per “un domani migliore”,o tentano di cambiare questa società in”meglio”, elargendosi come pensatori, “critici”,salvatori, in cui I loro “richiami” più radicali suonano, come mere proposte affinché questo sistema continui a svilupparsi.
Il motivo per cui vediamo le università come simbolo del nocivo progresso umano, è perché gli universitari seguono gli aspetti indicati nel percorso del progresso umano moderno come la massa maestro-alunno, e sono responsabili diretti della degradazione, addomesticamento e distruzione della Terra.

Come c’era da aspettarsi, gli Eco-Estremisti danno una faccia a tutto questo, negano di accettare questi valori e li sovvertono. Per questa ragione, ITS non ha contemplazione con nessuno di questi agnellini come si evidenzia negli atti che rivendichiamo:

12 Aprile.

Un estintore ripieno di dinamite fu abbandonato di fronte all’Università di Ecatepec, Stato del Messico. Detto vivaio si trova su Av. Insurgentes in pieno centro di San Cristobal, a due isolati dal Palazzo Municipale pieno di poliziotti, e a un isolato e mezzo da un comando della Commissione Statale di Sicurezza, e che noi deridiamo, senza avere avuto nessun problema.
L’artefatto era pensato affinché esplodesse all’arrivo degli studenti del turno mattutino di questa università semi-privata, ma si presentò un difetto nel sistema e detonò prima, una gran esplosione si sentì verso le 6 di mattina, senza che si registrassero feriti, ma con una gran mobilitazione poliziesca nel posto, come c’era da aspettarsi l’atto fu nascosto dalle demoralizzate autorità del municipio.
Gli studenti progressisti per ora si sono salvati, la prossima volta non falliremo..

-La stessa mattina, un artefatto esplosivo di attivazione elettromeccanica fu abbandonato davanti alla Comunidad Educativa Hispanoamericana, ubicata nello stesso municipio.
L’artefatto somigliante a una valigetta nera, si attivava tirando un impugnatura falsa, era composto da due tubi galvanizzati ripieni di dinamite.Secondo l’informazione della stampa, l’artefatto esplose senza lasciare feriti, senza dubbio questa è un informazione falsa, poiché l’artefatto non poteva esplodere senza che qualcuno tirasse il manico, e siamo sicuri che forse causò ferite a una guardia del vivaio, un alunno o qualche docente che lo alzò, poiché l’abbandonammo nell’entrata del centro educativo privato.

Le autorità dell’istituto diedero l’allarme alla polizia alle 7:30 di mattina, dopo che la “valigetta-bomba” esplose, per questo si generò un operativo poliziesco e militare nella zona, evitando che gli studenti entrassero al vivaio.

La stampa divulgò che erano stati due gli esplosivi, cosa falsa. L’ipotesi che abbiamo è che uno dei tubi esplose facendo volare l’altro fino all’uscita del vivaio (ad alcuni metri). Quando la polizia statale e i militari arrivarono al posto, trovarono i resti della valigetta in basso per l’esplosione di uno dei tubi nell’entrata e nell’uscita, trovarono l’altro tubo.

mass media2

19 Aprile:

-Nel pomeriggio un artefatto di manifattura casera dentro un recipiente di plastica ripiena di schegge, fu detonato in una delle entrate dell’Istituto Tecnologico di Studi Superiori di Monterrey (Tec di Monterrey) campus di Città del Messico, nella Delegazione Tlalpan. L’artefatto esplose con successo ma senza che ne potessimo verificare i danni. L’atto fu nascosto dalle autorità capitoline.

25 Aprile:

Un esplosivo di attivazione elettromeccanica fu abbandonato nel parcheggio della Facoltà di Architettura dell’UNAM nella Città Universitaria (CU), sopra Av.Insurgentes in Città del Messico-sud. L’artefatto abbandonato tra due auto era simile a quello che fu detonato nella Comunidad Educativa Hispanoamericanain in Ecatepec, tipo valigetta (Vedere l’immagine sotto), composto di uguale forma da due tubi galvanizzati che si attivavano tirando il manico falso. Benché non ne conosciamo gli effetti, siamo sicuri che l’esplosivo abbia funzionato, anche questa volta le autorità universitarie occultarono l’atto.

cu3

-Nello stesso giorno, un altro esplosivo fu abbandonato nell’entrata dell’Edificio A della Facoltà di Ingegneria della stessa università in CU. Questo esplosivo che sembrava una scatola di scarpe, aveva dentro il meccanismo, un artefatto che era pensato affinché quando la scatola fosse stata alzata, il polo negativo sottomesso a un palo battesse il cavo del polo positivo subordinato al piano della scatola e si generasse la detonazione. Anche le conseguenze di questo esplosivo furono taciute dalle autorità dell’UNAM.

II

Attentato fallito contro la FCFM, Santiago, Cile

“Preferisco prima una sella che un tram, il cielo stellato prima che un soffitto, il sentiero oscuro e difficile che conduce all’ignoto prima che una strada di asfalto, e la profonda pace della natura prima che lo scontento che alimentano le città.”
-E.

Ci addentriamo nella culla della scienza e il progresso in Cile. La Facoltà di Scienze Fisiche e Matematica dell’Università del Cile, FCFM, era l’obiettivo della nostra volontà fatto Attentato. La FCFM con la sua innovazione tecnologica e i suoi ultimi avanzamenti nella scienza, contribuisce giorno per giorno nella perpetuazione e perfezione del tecno-sistema.
Questi tecno-nerds applaudono a tutto quello che è tecnologia, scienza e progresso. Con i dipartimenti di scienze, fisiche e ingegnerie. Con i robot umanoidi costruiti per il laboratorio di robotica. Con il grande osservatorio costruito nella collina Calan.E per finire con le innovazioni nel settore minerario tanto negli studi come nel macchinario. Con tutto questo, questi consulenti legali e studiosi scientifici si mostrano come i salvatori del pianeta, davanti alla massa cittadina-studentesca che corre a iscriversi avallando e sostentando così, tutto quello che è progresso e scienza.
In modo che tutta la FCFM rappresenta inequivocabilmente progresso e civiltà nella sua più alta espressione. Da questo, il nostro regalo piromane abbandonato mercoledì 6 di Aprile, per il secondo gruppo delle Individualistas Tendiendo a lo Salvaje attivo in Chile. Mentre ci impegnavamo nell’indirizzare l’attenzione generando una distrazione, due dei nostri si addentrarono segretamente verso le undici della mattina nelle installazioni della facoltà, per lasciare e nascondere la carica incendiaria, che “aspettava” solo l’ora precisa.
Attacco fallito, che è stato occultato dai media. E qui risiede l’importanza di una rivendicazione. Sebbene quest’attentato sia fallito, questo non ci limita nel rivendicarlo e nel renderlo pubblico, perché altrimenti sarebbe caduto nell’oblio, cosa che non permetteremo perché è nostro, è del nostro EGO, è nel nome del SELVAGGIO e contro la civiltà.

*

La ragione per la quale l’attacco fallì, lo attribuiamo direttamente alla sua scoperta, perché il doppio sistema di orologeria era pensato per non fallire(Vedere immagine). Le strutture della FCFM appena inaugurate l’anno 2014, meritano di ardere fino alle ceneri. Il nostro Attentato non ha dato nessuna chiamata di avviso, né niente, volevamo che le fiamme bruciassero il recinto, così pure qualche dottore e/o alunno. Non abbiamo considerazioni per nessuno.

fcfm

Tanto i suoi riconosciuti professori con i magisteri all’estero, come i suoi poveri studenti sono parte del soggiogamento della natura selvaggia e meritano il peggio. Questo è solo un avviso che ci stiamo avvicinando, affinandondoci verso gli obiettivi. In questo ci impegneremo; Dr. Javier Ruiz del Casato, Dr. Paulo Araya, Dr. María Elena Lienqueo, Dr. Guido Garay, o la studentessa Luz Martínez. Conosciamo i vostri passi abitudinari, le vostre monotone vite. Che si adeguino alle conseguenze poiché osano continuare a rafforzare il progresso.

E quando arriverà la mia ora, troverò il posto più agreste, solitario e desolato che esista.”
E.

Il selvaggio non spera più, la civiltà si espande indiscriminatamente a costo di tutta la natura. Da parte nostra non rimarremo con le braccia conserte, guardando passivamente come l’umano moderno infrange la Terra alla ricerca dei suoi minerali, come la seppellisce con tonnellate di materiale, o come attraversa colline intere nella costruzione di tunnel. Siamo in guerra contro la civiltà e il progresso, quelli che lo perfezionano e chi lo avalla con la passività. E cosi sia!
III

L’Universo, con tutte le sue galassie, stelle e pianeti, con la sua immensità sconosciuta, fa parte anche della Natura Selvaggia.

Perché l’Universo è oltraggiato dall’uomo con i suoi razzi, i suoi satelliti e progetti di invasione ad altri pianeti quando questo collasserà.

Perché un satellite di una catena televisiva galleggiante nello spazio è la stessa cosa di una strada che attraversa il bosco.

Per questo che agiamo in maniera Violenta e Indiscriminata, in difesa del Selvaggio ed in difesa di noi stessi, perché ci vediamo assediati dalla Civiltà e il Progresso e troviamo soddisfazione nel movimento armonico delle stelle.

Da questo il nostro nome che è la nostra identità, quella che scegliamo, quello che veramente siamo e non quello che vogliono loro essere.
Con la Natura dalla nostra parte, il passato 22 di aprile, abbiamo abbandonato un pacchetto-bomba nell’Università Tecnologica Nazionale (UTN), nella sede in strada Medrano a Buenos Aires, Argentina. L’azione fu taciuta dalla stampa come tante altre, benché siamo quasi sicuri che il pacchetto fu visto, poiché fu abbandonato in un posto comune, a vista di tutti i tecno-nerds.
Sappiamo che non tollerano la presenza delle ITS in altre regioni fuori dal Messico e questo li altera. Fanno bene!: ITS non perdona, ma tacendo non fanno altro che aumentare le nostre ansie di vedere ardere il mondo.

IV

L’esperienza si guadagna col tempo, la conoscenza si ottiene nella teoria e nella pratica, sono questi i metodi che questa Guerra usa, succeda quello che succeda.

Il coordinamento internazionale dei gruppi di ITS contro obiettivi primordiali è, solo una prova del nostro livello di operatività, dei nostri desideri di vedere ardere e cadere,tutto quello che tende all’artificialità. Questi attacchi pensati per nuocere, alterare e Terrorizzare gli obiettivi universitari e i centri educativi, sono il principio di qualcosa di più grande, perché oggi sono università, domani chi sa quale bersaglio decideremo di colpire insieme.
Non importa che censurino e tacciano i nostri atti, proseguiremo. Alle autorità e agli obiettivi concreti dei tre paesi dove abbiamo presenza diciamo loro:

Astenetevi dalle conseguenze di tacere i nostri Attentati, sapete che il seme dell’Eco-Estremismo si è sviluppato come terra fertile, ed è germogliato!
Per Quelli che si impegnano, lavorano ed innovano nuove ed effettive forme per addomesticare e distruggere gli ultimi spiragli selvaggi che rimangono, diciamo loro:

“Confidate, state tranquilli, fate come se non esistiamo, ma quando vedete le nostre frecce dirigersi verso voi non lamentatevi.”

Per gli Attacchi Indiscriminati-Selettivi e l’Eco-Estremismo!

In difesa dell’Universo Selvaggio!

Che continuino a parlare i mistici e gli arroganti!

Né “rivoluzionari” ne illusi, né ottimisti né cauti, Indiscriminati!

Morte al Progressismo Umanista!

Per la continuazione della guerra ereditata dai nostri primitivi antenati!

Morte alla Morale dell’Attacco!

In complicità con i gruppi Affini Eco-Estremisti e Nichilisti Terroristi!

Che gli esplosivi seguino detonando, che la civilizzazione segua ardendo, che la resistenza violenta contro di tutto quello che è Artificiale,si propaghi!

Siamo pericolosi:

 

Individualistas tendiendo a lo salvaje (Argentina):

-Constelaciones salvajes

 

Individualistas Tendiendo a lo Salvaje (Chile):

-Horda mística del Bosque

 

Individualistas Tendiendo a lo Salvaje (México):

-Ouroboros Silvestre (Estado de México)

-Grupo Oculto “Furia de Lince” (Ciudad de México)

MESSAGGIO DELLE ITS-CONSTELACIONES SALVAJES PER GLI ANTISOCIALI (?) DI “PUÑAL NEGRO”

Comunicado original en español publicado el 03 de abril 2016.

Traducción al italiano del mensaje de ITS-Argentina, pisoteando la doble moral de los “anarco-pedorros” de la revista “Puñal negro”.

Traducción a cargo de “Via Negationis.


In che maniera manifestiamo il nostro odio? Si potrebbe pensare che non è attraverso la pietà verso quello che si odia. È opinione che alcuni pensano che sia così poiché quelli che odiano hanno pietà, e che la cosa appariscente qui è che l’odio non è cristiano mentre la pietà si. È il parere degli anarchici della pubblicazione “Puñal negro”, che dicono essere “asociali” perché odiano “questa società ed i suoi difensori, di qualunque ruolo” e d’altra parte credono “che le azioni a caso e per ammazzare il maggiore numero di passanti sono lontane dal differenziarsi dalle azioni che lo stesso Stato o i suoi lacchè realizzerebbero.”

Nel testo intitolato “Obiettivi Amorali (?) Dell’attacco” indicano che sono d’accordo con l’idea di poter “ammazzare più persone” solo se fossero “le forze dell’ordine-NON IMPORTA QUELLO CHE SUCCEDA, sono la stessa cosa” (le maiuscole sono nostre). Allora domandiamo loro, perché, se si dicono asociali, gli importa quello che succede alle persone che non sono necessariamente polizia ma sono i suoi difensori? Che relazione dovrebbe avere un asociale con un semplice passante, un lavoratore? NESSUNA!

Tenendo conto che queste cose non ci fermano, non capiamo come qualcuno può dire una cosa e allo stesso tempo dirne un altra, crediamo che l’idea di questo testo NON sia “dare apporto al dibattito sull’Attacco Indiscriminato” come scritto nella parte finale, bensì piuttosto continuare a guadagnare un posticino, sufficientemente comodo, dove un “domani” possano affermare “che non mi si consideri, non mi si persegui, ho detto sempre che ero in disaccordo col Terrorismo, qui sta la mia rivista, signore carceriere, questo è la prova irrefutabile, sono asociale ma rispetto la società.”

Lo abbiamo già detto “siamo contro la filantropia di alcuni, e la loro preoccupazione cristiana di non ferire ‘innocenti.’ Diciamo: ‘davanti a qualunque cittadino (QUALUNQUE), mille volte noi.’ (…) I possibili danni collaterali non saranno un “errore di calcolo”, saranno “una conseguenza di questa lotta”, saranno un’elezione, una conseguente e piacevole ELEZIONE.
Per finire chiariamo che non risponderemo né alla chicana “del bosco sacro” né alle accuse di superbi, fascisti o autoritari. Ci annoia un po’ questo tipo di dibattito. Lasceremo i nostri atti “parlare”.

Its: I Terroristi e veri nemici della società!

Individualistas tendiendo a lo salvaje-Argentina
Constelaciones salvajes

http://abissonichilista.altervista.org/messaggio-delle-its-constelaciones-salvajes-per-gli-antisociali-di-punal-negro/#more-6986

(ARGENTINA) QUARTO COMUNICATO DELLE INDIVIDUALISTAS TENDIENDO A LO SALVAJE-CONSTELACIONES SALVAJES

Comunicado original en español publicado el 25 de Febrero 2016.

Traducción al italiano del cuarto comunicado de ITS en Argentina.

Traducción a cargo de “Via Negazionis”.

http://abissonichilista.altervista.org/quarto-comunicato-delle-individualistas-tendiendo-a-lo-salvaje-constelaciones-salvajes/


“ITS sta in Argentina”, questo era parte del messaggio, che abbandonammo dentro una busta ripiena di polvere da sparo nera nel Terminal de micros de Retiro, lunedì 22 di Febbraio. Fatto che fu taciuto dalla stampa come tanti altri, in realtà, alcuni giorni fa abbiamo avvertito tanto la stampa come gli scientifici della presenza dell’eco-estremismo nella regione.

Vogliamo dire loro che per quanto tacciano, i nostri atti sono e saranno sempre più efficaci, contiamo sulle armi e gli esplosivi, oltre agli indirizzi, numeri di telefono, orari e posti di lavoro, tanto di voi come delle vostre famiglie..

Its non si piega di fronte alla morale corrente e sa che, o si sta con la Tecnologia , o si sta in Guerra contro essa. I primi muoiono e gli indecisi anche.

Siamo stelle selvagge ancora non scoperte, siamo:

Individualistas tendiendo a lo salvaje-Argentina
Constelaciones salvajes

Avanti, internazionalismo incivilizzato!

Notas:

(1) http://tn.com.ar/tnylagente/noticias/artefacto-explosivo-en-las-cercanias-de-la-fundacion-argentina-de-nanotecnologia_654946
http://tn.com.ar/tnylagente/internacional/este-es-un-mensaje-de-individualistas-tendiendo-lo-salvaje_65098